jdomenico


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Con Doblò fino all'alpe di Ovarda
Bella punta, con madonnina dorata in cima. Unico pezzo ripido il primo tratto dal colle, conviene fare un tornante a destra salendo e poi a sinistra, dopo un ometto con cartello "divieto di caccia", per un breve canalino obliquo. Dopo poi tutto facile. Percorsa anche un po' di cresta per riuscire ad affacciarmi sul colle delle Puracere.
In compagnia della mogliettina, che mi ha pazientemente atteso al colle in compagnia di un libro. Ripetuti colpi di fucile (oasi protetta?) e un camoscio in fuga proprio sulla cima.

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Causa impegni, partito alle 13.00. Salito da grange della mussa all'alpe rossa e poi percorso il sentiero "balcone" verso il lago del ru: dopo aver attraversato il grosso canalone che scende dalla punta, si arriva su una zona pianeggiante: da lì si abbandona il sentiero e si sale sulla sinistra senza percorso obbligato. In discesa per i valloncelli che affiancano la cresta ovest, e poi tagliato per prati direttamente all'alpe rossa perchè si faceva tardi.
Vista una bella volpe mentre scendevo verso i 2700 m. poi, poco sopra l'alpe rossa, una bella colonia di stambecchi.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Dopo aver saputo dalla gentil gestora del rif. 3° Alpini che in valle stretta il cielo era sereno, increduli partiamo... fino a Oulx cielo nuvoloso, poi... il miracolo! Percorso completamente libero da neve, venticello fresco che in cima... scompare!
In compagnia di Alessandra, Stefania, Cecilia e Andrea. In cima con Cecilia e Andrea, alla sua prima vera punta!

Mitici Andrea e Cecilia con la vetta conquistata, notare... cielo sereno!
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
Partito dal posteggio alla sbarra (aperta, ma c'era molto fango sulla sterrata e non mi sono fidato) alle 14.30, trovato 4 dita di neve recente dal piano sotto al colle del Sabbione, che, insieme al nebbione, hanno rallentato un po' la salita. Dal colle ho calzato le racchete, cmq non indispensabili (ci si bagna un po' di più) e invece di seguire la cresta, ho percorso il sentiero per il passo di Malanotte fino ad attraversare un costone roccioso, dopodichè ho risalito l'ampio pendio abbastanza sostenuto che porta alla croce di vetta, vista proprio solo quando distava da me 10 metri! Ho trovato questo percorso migliore in caso di nebbia e poca neve scivolosa. In cima alle 18.20, poi giù di corsa. Arrivato all'auto... il cielo stava schiarendo! Cmq, è già tanto che non ho preso acqua!

Punta Pian Paris (quella bianca in fondo)
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: Pista da fondo ancora ben innevata.
quota neve m :: 1300
Partendo da Bagni è un bel mazzo (5h) ma ne vale la pena, oggi temperature fresche ma cielo sereno e niente vento, le nuvole erano tutte altrove! Primo tratto fino a Callieri, poi tratto di pista da fondo "nera" degli Abeti che si lascia quando comincia a scendere per andare a recuperare la strada che sale al rifugio. Neve sicura e portante, arrivato alla conca dei laghi di Collalunga, seguito tracce fresche di sciatori traversando tutto il lato sx e arrivando ad un colle dal quale per cresta in cima. Sceso percorrendo la cresta verso il colle della Seccia, poi... discesa meravigliosa per i dossi e le conche quasi immacolate dell'omonimo valloncello, con straticello di farina su neve dura. Arrivati al fondo, in vista della gorgia, prendere a sx per largo terrazzo con alberello, e da lì ancora a semicerchio leggermente a sx si raggiunge con stupenda discesa (le racchette scorrevano tipo telemark!) il fondo del vallone nella zona dove il sentiero estivo si biforca (Barbacana o Corborant) e, transitando appena sotto le baite di S.Bernolfo per la strada estiva (tagli) si chiude un anello perfetto al ponte di Callieri (no comment l'ultimo tratto di 3 Km fino a Bagni...).
Incontrati in cima vari sciatori, di cui una coppia da Milano con cui ho condiviso la discesa dalla Seccia, che saluto. Un grazie anche al gestore del rifugio per le preziose indicazioni.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
Neve un po' di tutti i tipi tagliando la strada fino alle grange chabaud, poi la strada è perfettamente fresata, nel canale di accesso al vallone è portante, poi... non bisogna uscire dalla pista battuta, e certe volte cedeva anche lì (ma faceva caldo e siam partiti tardi, alle 8.30). In discesa però permette una discesa abbastanza rapida.
Ottima compagnia di Davide e Mauro, con gli sci. Gita già fatta nel marzo 2003 con traversata al Viradantur e discesa dai pendii del Terranera (gitone!) ma sempre bella, giornata tersa e calda, venticello freddo in punta (meno male!).
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente umida/pesante
neve (parte inferiore gita) :: recente umida/pesante
In auto sono ancora riuscito a fare i tornanti dopo il parco montano. Da lì per strada prima ancora asfaltata, poi sterrata, al cornour (racchette calzate nella parte in ombra) e poi per la dorsale (si intuisce un sentiero) all'ultima baita. Fin qui neve non fonda. Dopo la baita la neve si fa via via più fonda e quindi pesante da battere (neve immacolata). Arrivato in cresta ho proseguito verso il M.te Cavallo, arrivando ad un rilievo intermedio, dopo il quale diventava obbligato passare a mezzacosta tra grossi massi tra neve non portante e bagnata... dopo 2 o 3 "sfondapiedi", mi sono arreso. Se si vuole andare sul M.Cavallo conviene tagliare a sinistra verso la Seglia, per poi guadagnare la depressione tra il rilevo intermedio e il M.Cavallo. Cmq bella gita e bel pannorama dalla cresta, col Frioland incombente. Tempo ottimo, con nebbie sulla pianura che si fermavano prima di Pinerolo.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Bella salita, abbastanza diretta. Dal colle basta seguire i numerosi ometti. Poca neve dura solo nella parte pianeggiante sotto la vetta, non serve ancora attrezzatura. Panorama molto interessante e particolare ad esempio sulle 3 cime della Leitosa. Velature e freschetto in cima, più mite al colle.
Quel che è rimasto del bosco di faggi è psichedelicamente lordato di striscie di vernice rossa.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Partenza dal "Parking Frejus" alle 7.45 - Colle del Frejus 9.15 - Punta Bagnà 13.20 (ritorno: dalle 13.40 alle 17.00). In salita, superata la prima cima della cote traversiere (3016) sono sceso sul lato francese in diagonale fino a residui di ghiacciaio (perso circa 100-150 m) per pietraia disagevole (terreno in ombra ancora duro) poi per pietrie più comode e meno inclinate mi sono portato sotto l'anticima dell bagnà da cui comodemente in vetta. Al ritorno sceso direttamente senza risalire l'anticima e ripreso traverso dell'andata, senza rimontare alla cote traversiere ho continuato a costeggiarla (si perde ancora qualche decina di metri) risalendo al colletto prima della punta del Frejus, da cui per sfasciumi sul lato italiano direttamente a recuperare il sentiero dell'andata in corrispondenza del pianoro precedente lo strappo finale della salita.
Giornata stupenda, qualche velatura si è diradata prima delle 11.00 - temperatura ottima, vento zero. Neve solo poche chiazze.

Dalla cima: primo piano in basso, a sx cote traversiere, a dx p.ua del frejus, sullo sfondo al centro Tabor - Pic du Tabor - Bissorte
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
Sono passato per le grange (sentiero), ma poi è un'alternanza di canaloni con neve con bordi senza neve (ciaspol's gavabuting), insomma si ravana fino ad una specie di falso colletto a partire dal quale il vallone si fa largo e regolare. Da lì in poi... goduria: fondo duro con strato di neve fresca venuta la sera prima (in basso ha piovuto) molto veloce da risalire. Tolte racchette a metà del triangolo finale (pietre coperte da straticello di neve fresca), in punta alle 9.20, iniziata discesa verso le 10.00 con neve ancora fin troppo dura per le racchette (ahia le dita dei piedi!) tranne nella parte finale (improvvisi tragici cedimenti) dove sono sceso un po' nella gola, ma poi ho preferito riattaraversare il torrente e passare per le grange).
Molti scialpinisti, un saluto a quelli con cui ho scambiato 2 parole. Grazie anche a chi ha consigliato la gita, per me che sono purtroppo sovente solo, è garanzia... di non essere proprio l'unico! Nella foto la punta di Almiane è quella più a sx, le tracce di salita a zigzag sono degli sciatori, quelle dritte... le mie! (racchette oblige).

Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Thabor (Monte) dalla Valle Stretta (19/04/19)
    Coin (Testa del) dal Ponte di Almiane (13/04/19)
    Dormillouse (Cima) da Thures (23/03/19)
    Meidassa (Monte) da Pian della Regina (16/03/19)
    Malamot (Monte) o Pointe Droset da Piano San Nicolao (23/02/19)
    Bertrand (Monte) da Upega, per la Colla Rossa e cresta SE (09/02/19)
    Aquila (Punta dell') dall'Alpe Colombino (02/02/19)
    Riba del Gias (Monte) da Meire Bigoire (27/01/19)
    Arzola (Monte) da Posio (12/01/19)
    Sea Bianca (Punta) da Pian della Regina (29/12/18)
    Bocon Damon o Punta Giasset da Mont Blanc, anello (15/12/18)
    Liste (Cima delle) o Punta Gardetta da Indiritti (01/12/18)
    Carabinieri (Poggio dei) da Bousson (25/11/18)
    Tre Chiosis (Punta) da Genzana per la Costa Savaresch (13/10/18)
    Rechasse (Pointe de la) da Bellecombe (29/09/18)
    Rochers Charniers (Pointe des) e Pointe de Chalance Ronde da Montgenèvre per il Passo dell'Asino (02/07/18)
    Bezin (Pointe Nord e Sud de) Pointe de la Met, Ouille de Tretetes da Pont de la Neige (26/06/18)
    Lombard (Pic) da les Fonds (18/06/18)
    Piatou (Pointes de la) da l'Ecot per il Refuge des Evettes (09/06/18)
    Almiane (Punta d') dal Ponte d'Almiane (26/05/18)
    Coin (Testa del) dal Ponte di Almiane (19/05/18)
    Giornalet (Monte) dalla Valle Argentera (12/05/18)
    Reou d'Arsine (Pointe de) da Le Casset (05/05/18)
    Galibier (Pic Blanc du) dal Col du Lautaret (28/04/18)
    Terra Nera (Monte) da Thures, traversata per la cime Dormillouse e Viradantour e Colletto Clausis (04/02/18)
    Fournier (Cima) da Bousson (13/01/18)
    Liste (Cima delle) o Punta Gardetta da Indiritti (23/12/17)
    Lusignetto (Punta) da Ala di Stura (16/12/17)
    Mondolè (Monte) da Artesina (11/11/17)
    Sommeiller (Punta) dal Rifugio Scarfiotti per la Cima dei Fourneaux (27/05/17)
    Civrari (Monte, Punta Imperatoria) da Niquidetto (23/05/17)
    Merciantaira (Punta) o Grand Glaiza da les Fonds (20/05/17)
    Aciano (Colle) da Travers a Mont, anello dei Rifugi Amprimo, Toesca, Val Gravio (16/05/17)
    Thabor (Monte) dalla Valle Stretta (29/04/17)
    Losetta (Monte) da Chianale per il Vallone di Soustra (22/04/17)
    Rossa (Rocca) - Pic Brusalana giro del Pic d'Asti per Breche Ruine e Sella d'Asti (14/04/17)
    Cervetto (Testa di) da Meire Bigorie (26/03/17)
    Challange (Montagne de) o Charoumu da Nevache per il versante Sud-Ovest (29/01/17)
    Becco (Costa del) da Rochemolles (21/01/17)
    Rossa di Sea (Punta) da Balme (03/01/17)
    Arp Vieille (Mont) da Bonne (29/12/16)
    Aquila (Punta dell') dall'Alpe Colombino (24/12/16)
    Lera (Monte) e Monte Rosselli da Valdellatorre per la Bassa delle Sette (13/12/16)
    Gran Costa (Monte) da Grand Puy (10/12/16)
    Dormillouse (Cima) da Thures (03/12/16)
    Barbeston (Monte) da Veulla per il Colle di Valmeriana (22/10/16)
    Chenaillet (le) da Montgenevre (15/10/16)
    Echaillon (Crete de l') da Nevache (07/04/16)
    Faraut (Monte) da Sant'Anna (24/03/16)
    Mulattiera (Punta della) da Melezet (19/03/16)
    Giassetto (Punta) da Fondo per il Piano di Candelle (10/12/15)
    Pers (Aiguille e Pointe) dal Col de l'Iseran (08/11/15)
    Ponton (Tour) dalla strada per Dondena (31/10/15)
    Liste (Cima delle) o Punta Gardetta da Indiritti (31/01/15)
    Thabor (Monte) dalla Valle Stretta (10/05/14)
    Sebolet (Cima) da Sant'Anna (26/04/14)
    Malacosta (Testa di) da Sant'Anna per il Vallone Baiso del Colle (18/04/14)
    Ciantiplagna (Cima) da Frais per il Colle delle Vallette (15/03/14)
    Sagnes Longues (Pointe des) dal Refuge d'Agnel per il Col de Chamoussiere (07/06/13)
    Gran Serin (Punta del) da Frais (24/05/13)
    Thabor (Monte) dalla Valle Stretta (11/05/13)
    Morefreddo (Monte) da Pattemouche (02/11/12)
    Glacier (Monte) e Tour Ponton giro dei Colli Fenetre, Pontonnet, Fenis, Foussi da Dondena (2/3 gg) (20/10/12)
    Merlo (Roc del) da Lanzo per la cresta di Monte Basso (06/05/12)
    Mirauda (Punta) da Pian delle Gorre per il Gias Fontana (05/05/12)
    Gardiole (la) da le Villard-Laté (01/05/12)
    Freidour (Monte) e Tre Denti di Cumiana da Bastianoni (17/04/12)
    Vallette (Cima delle) da Frais (10/03/12)
    Bellavarda (Uja di) e Punta Marsè da Lities (03/03/12)
    Pintas (Monte) dalla Fontana della Batteria (18/02/12)
    Ghilié (Cima) da Pian della Casa del Re per il Vallone di Balma Ghilié (21/05/11)
    Coin (Testa del) dal Ponte di Almiane (16/04/11)
    Lusignetto (Punta) da Ala di Stura (11/12/10)
    Frontera (Roccia) da Chiandusseglio (04/12/10)
    Sbaron (Punta) da Prato del Rio (27/11/10)
    Bataillères (Crête des) dalla Valle Stretta (06/11/10)
    Pierre Muret (Tète) dalle Grange Mouchecuite (18/04/10)
    Quinzeina o Quinseina (Punta Sud) da Santa Elisabetta (06/03/10)
    Birrone (Monte) da Giusiani (27/02/10)
    Aigle (Pitre de l') da Villardamond (23/01/10)
    Allégra (Ouille) da Bessans (28/11/09)
    Lausarot o Lausaret (Punta) da Cro di Sap (22/11/09)
    Envie (Cappello di) da Prali (14/11/09)
    Pelouse (Tete de) dal Pont Rouge per il Vallon de Lauzanier (25/07/09)
    Escreins (Pointe des) dal Refuge de Bassa Rua per il Col des Houerts (23/07/09)
    Mortice (la) dal Col de Vars per la Tete de Paneyron e il Col de Sarenne (20/07/09)
    Pelvo di Fenestrelle (Monte) dal Forte Serre Marie per il versante Sud (05/07/09)
    Mezzodì (Guglia del) e Cima della Sueur dal Colle della Scala (28/06/09)
    Gran Truc dal Colle Lazzarà (07/06/09)
    Carro (Cima del) da Chiapili di Sopra per il Vallone del Carro (02/06/09)
    Ferra (Monte) dal Rifugio Melezè (22/03/09)
    Rastcias (Monte) da Fracchie (14/03/09)
    Briccas o Trucchet da Brich (23/02/09)
    Crosiasse (Colle) da Chialamberto (06/12/08)
    Golai (Punta) dall'Alpe d'Ovarda (12/10/08)
    Rossa di Sea (Punta) da Grange della Mussa (05/10/08)
    Rossa (Guglia) o Aiguille Rouge dal Colle della Scala (14/06/08)
    Pian Paris (Punta) dal Rifugio Selleries (08/06/08)
    Collalunga (Cima di) da San Bernolfo per il Vallone di Collalunga (24/03/08)
    Dormillouse (Cima) da Thures (24/02/08)
    Maciarone (Monte) o Maceirun da Parco Montano (26/11/07)
    Doubia (Monte) da Ala di Stura (13/11/07)
    Bagnà (Punta) o Cime du Grand Vallon dal Vallone del Frejus per Punta del Frejus e Cote Traversiere (13/10/07)
    Almiane (Punta d') dal Ponte d'Almiane (22/04/07)
    Chalance Ronde (Pointe de) da Montgenèvre per il Passo dell'Asino (28/11/06)
    Clotesse (Punta) da Vazon o Pourachet per il Passo Desertes (11/06/06)
    San Chiaffedo (Passo di) da Meire Bigoire (19/04/06)
    Monti (I) dal vallone dei Duc (30/03/06)
    Cialma (la) o Punta Cia da Carello (04/02/06)
    Ciarm del Prete da Tornetti (12/12/05)
    Petit Rochebrune da les Fonds (21/05/05)
    Fiutrusa (Punta di) da Sant'Anna per il Vallone di Rui (07/02/05)
    Sommeiller (Punta) da Grange della Valle (05/06/04)
    Rossa (Rocca) - Pic Brusalana giro del Pic d'Asti per Breche Ruine e Sella d'Asti (08/05/04)
    Ostanetta (Punta) e Punta dal Razil o Rumelletta da Ostana, anello per Punta Selassa (02/05/04)
    Thabor (Monte) dalla Valle Stretta (04/04/04)
    Soglio (Monte) da Pian Audi (28/02/04)
    Liste (Cima delle) o Punta Gardetta da Indiritti (16/02/04)
    Garitta Nuova (Testa di) da Pian Munè (01/02/04)
    Tumolera (Monte) da Fontana (24/01/04)
    Valletta (Punta della) da Malciaussia per la Punta delle Lose Nere o Pointe des Loses Noires (20/09/03)
    Nera (Punta) da Grange della Rho (15/05/03)
    Rochers Charniers (Pointe des) da Montgenèvre (13/04/03)
    Barrouard (Monte) da Rivotti (19/03/03)
    Terra Nera (Monte) da Thures, traversata per la cime Dormillouse e Viradantour e Colletto Clausis (05/03/03)
    Tre Croci (Poggio) da Bardonecchia (18/02/03)
    Sourela (Punta) da Col San Giovanni (15/01/03)
    Bianca (Rocca) da Indiritti (04/01/03)
    Malamot (Monte) o Pointe Droset da Piano San Nicolao (19/12/02)