giovarav (guida alpina)


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Al di là delle aspettative. Linea majeur. Nella prima metà alcuni tiri che appaiono discontinui hanno comunque sezioni divertenti e "da stare sul pezzo" (al di là dei terzi). La roccia nei tiri sullo scudo (dall' 11 al 15) è superlativa (L11 duro, L12 di braccio ma non direi troppo soft). Solo in L17 e L18 diventa un po'più delicata, non si proteggono al metro ma se si ha un po'di fiuto si sale sempre sul facile, io li ho trovati divertentissimi :P. Allego foto di L17 dove sono andato ancora + a dx di dove indicato dalla relazione così la difficoltà non supera il 6a.
Per quanto riguarda l'ambiente pochi sassetti nei canali ai lati 0 sul pilastro, avvicinamento nevaio tutta da dx a sx così la terminale si passa bene nella rigola centrale.
Giornatona con quel solido di Mikimad, oggi mi è toccato correre! 5 ore e mezza per la via in bello stile, due ore per la discesa in doppia (bella lunga), era da un po' di tempo che non ne facevamo una bella insieme; alla prossima big!

La nostra scelta su L17, l'ultima descritta nella relazione
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Viaggione! al di la delle aspettative: via logica, continua e dall'isolamento garantito. sulle jorasses la coda qui nessuno! Per quanto riguarda le topo su internet spulciando si trova tutto (quasi da togliere l'a-vista ;) ). Abbiamo scelto la logistica dei nostri predecessori gulliveriani. Qualche dettaglio: canale attaccato 10m a destra della colata d'acqua e usciti proprio sulla cascatella umido ma con roccia più sana. Attacco evidente sulla piattaforma tra la conoide a dx e il fungo a sx (siamo passati sopra il fungo) poi salire verso dx a reperire il primo caminetto, niente da dire sulla via fino alle placche grigie: occhio che sono esposte alla caduta pietre, ora come ora la parete e secchissima e viene giù solo qualche sassolino ma non oso immaginare come sia quando c'è neve in fusione sulla cengia. Cengia: praticamente secca (abbiamo fatto acqua ma non durerà) abbastanza inclinata solo 2 posti semi comodi sulla sinistra (non di più!). Camino dopo la cengia: lo abbiamo fatto ma è meglio evitarlo credo era abbastanza verglassato (scarpette). Camini finali dell'uscita classica ben scalabili con neve e ghiaccio solo sul fondo. Discesa: siamo scesi in "parete" dall'ultima gobba della cresta prima della breche de coste rouge fino a reperire una doppia quindi altre 2 doppie, disarrampicata, 1 doppia, disarrampicata, 2 doppie e ghiacciaio. Ghiacciaio ben bucato e con placcone di ghiaccio per risalire alla VN dell'orientale abbiamo optato per traversare più bassi e risalire la costola rocciosa. Discesa ad Ailefroide: psichedelica. Tempi: avvicinamento 5 ore, 10 ore alla cengia, bivacco, 4 ore in uscita, 2 ore cresta e discesa tecnica, 6 ore discesa VN orientale, farla senza bivacco one push è possibile ma solo con cordate molto allenate e abituate a scalare i 5 in conserva. Due bellissimi e intensi giorni con Fede godendo della logicità visionaria del Fortissimo!
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Stupenda cavalcata, tecnicamente mai estrema ma che richiede concentrazione costante. Per quanto riguarda le condizioni: top! rochefort fino al canzio, percorso logico e con alcune tracce, tutta con i ramponi. Jorasses senza ramponi fino alla Croz a parte il canalino sulla Margherita, via normale non molto tracciata e con neve molto sfondosa meglio farla il mattino. Logistica: avevamo materassino e sacco a pelo e avevamo in previsione di dormire prima o poi, ci abbiamo provato a fare Benna-Boccalatte ma sui rocher Whimper ci siamo arresi al buio e alla stanchezza (bivacco), partiti alle 7 dal Helbronner 12 al canzio alle 19 e 30 alla Walker; sicuramente consigliabile bivaccare alla margherita (finchè c'è neve, ancora per poco) e scendere presto dalla normale. Con Fede un'altra bella gitona
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Una bella salita in un posto magico. Per quanto riguarda il grado tecnico e l'impegno io e i soci concordiamo con il Bac che ci ha anticipato, ma i gradi poco contano, una cosa è sicura la salita e il giro meritano. Il camino dell'ultimo tiro presenta solo due blocchi incastrati e sono più che utili se partono anche quelli il 5+ di roccia potrebbe lievitare. Per dare un'idea dei tempi con l'innevamento attuale: 3 ore avvicinamento, 4 la via, 3 tra convenevoli di vetta e discesa. Con l'innevamento attuale per gli amanti delle vie invernali di misto classico è il caso di approfittarne. Una menzione all'apritore: complimenti per la forza fisica e mentale e lo spirito alpinistico con cui ha affrontato la sua avventura!
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Anche noi su Santa Toppa! e domenica eravamo soli! primo tiro secco ma si scala bene con le mani, sul secondo il ghiaccio si riduce a vista d'occhio ma stando bene sulle punte dei ramponi e con un provvidenziale aggancio di becca sotto il tetto si riesce a traversare su roccia senza pendolare fino alla placca di ghiaccio, resto della goulotte con il ghiaccio dove serve, in generale molto poggiata e si salirebbe anche senza. 4 tiri divertenti per imparare a giocare con il misto! con franz
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
Salitone! Ambiente garantito! abbiamo trovato la parete in condizioni decisamente diverse dagli apritori: primo tiro con poca neve sul conoide ma primi 15m salibili su ghiaccio sotto la stalattite poi a dx sulla fessura come da descrizione (60m!), il secondo tiro in ghiaccio di cascata quindi ottimamente proteggibile e decisamente più gonfio dell'apertura. Invece la parte mediana e la parte alta si sono presentate molto più secca e povera di ghiaccio. alla prima strettoia dopo 200m di canale siamo andati a destra in una bellissima goulotte che alternava neve pressa a salti di roccia e neve farinosa, uno in particolare ci ha costretto a un tiro di roccia (abbastanza difficile ma ben proteggibile, direi sull'M5+++ abbondante) sulla sinistra di un fungo di neve. Nella parte alta non abbiamo trovato le placche di ghiaccio affrontate dagli apritori ma abbiamo aggirato la barra a dx con un canale e ci siamo ricongiunti a buffy gully più in basso evitando anche il tiro in traverso di M5, uscita più facile ma dettata dall'assenza totale di ghiaccio sulle placche. in uscita dopo la rampa ascendente di misto siamo usciti con altri due tiri di cresta/camino direttamente sulla croce stupendo! discesa in quadro dal canale della normale. Partenza dalla macchina ore 6.00 vetta 15.15 macchina 18.15, una bella zuppa! Sicuramente in primavera tutta la parete è più gonfia e si può trovare più ghiaccio (a patto che non vada fuori quadro il secondo tiro) ma la secchezza di questo inverno ci ha tentati e ne è uscita fuori una salita impegnativa per essere a inizio stagione. un grazie agli apritori e un saluto ai compagni di gita Carlo e Bac

condizioni all'apertura non odierne (foto degli apritori)
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Salitone! Concordo sui commenti precedenti al materiale. Il 4 lo si porta per l'ultimo tiro ma fa molto comodo averlo doppio. Ultimi tiri fantastici su granito rosso fessurato e knobs. I gradi sono all'antica non farsi ingannare.. e un salitone dove quasi ogni tiro richiede impegno. Globalmente l'ho trovato impegnativo come il pilier gervasutti togliendo le parti di misto. Per l'avvicinamento e il ritorno ancora buono salire tutta la morena lato sx idrografico del ghiacciaio e poi traversare per nevai sotto il rognon. Discesa in doppia complicata per eventuali incastri e recuperi. Con Andre e Fede
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
gran bel viaggione! ottime condizioni sia per la cresta che per la discesa. Il percorso è sempre abbastanza evidente, cerca sempre il facile, il punto più ostico è stato trovare il primo camino ghiacciato di 4 per aggirare il primo gendarme. nella parte finale per evitare la variante terray non aver paura di traversare tanto a destra, ci sonno almeno due breche da doppiare per arrivare a una zona di parete meno compatta che si sale facilmente fino a tornare in cresta per gli ultimi 150m (non farsi scoraggiare non sono così lunghi). I tirelli che passano il secondo torrione sono belli e ben proteggibili, al sole sono molto godibili, la traversata presenta qualche chiodo. La discesa presenta ancora molta neve ma adesso è ben tracciata (noi 2 cordate sulla tronchey 2 sulla pra sec e 2 sulla normale oggi). Noi ci abbiamo messo 9 ore e 30 dal bivacco alla vetta e 4 ore e 30 per la discesa fino alla macchina. Già divertente e non banale arrivare al bivacco il primo giorno. Comunque cercando un po' in internet, su vallot e buscaini si trovano tutte le info sia per il bivacco sia per la salita. un saluto ai compagni d'avventura!
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Ottime condizioni sulle goulotte del Requin. Ci siamo fermati a 30m dalla breche dove finisce il ghiaccio e ci sono solo più placche coperte da neve inconsistente, ci abbiamo provato ma siamo stati respinti avrebbe richiesto troppo tempo, in compenso "l'ultimo" tiro in diedro camino dopo il canale vale da solo tutta la giornata: tecnico psicologico e impegnativo. Una delle più belle che ho fatto, forse anche perchè è un po' che non ne facevo :P. Da non sottovalutare la lunghezza (10 o 11 doppie lunghe). I nostri orari: 9 partenza da helbronner 10 e 30 passavamo la terminale 16 inizio doppie 17 e 30 sci ai piedi 19 e 30 chamonix, si arriva a mezz'ora da chamonix con qualche metti e togli. Con Pietro
Giudizio Complessivo :: ** / ***** stelle
Le stelle si riferiscono alle condizioni non alla bellezza della gita che ne varrebbe 5. Pendio d'accesso in ghiaccio nero prevedere viti e due picozze a testa, noi ne avevamo 3 in due e abbiamo smadonnato per bene. Cresta molto secca con conseguenti spostamenti su lato brenva su sfasciumi orripilanti, zona androsace molto affilata fatta faccia a monte sulla punta dei ramponi, dopo misto ok, condizioni pessime sulla spalla tutta in ghiaccio vivo e della cresta tra la spalla e il maudit dove siamo stati accolti da un caos di crepi ricoperti da neve da riporto, siamo scesi al meglio tra i seracchi e ci siamo ricongiunti alla traccia dei 3monti. Un'idea dei tempi: partiti alle 4 dal torino usciti sulla spalla all'1 perso 1 ora tra attraversare la spalla e scendere sulla traccia dei 3monti arrivati alle 5 al Torino.
Gita decisamente non in condizioni e sconsigliabile in questi giorni. Un po' ce lo aspettavamo ma la voglia di andare a ravanare su di li era troppa. Con Mauri in un we stupendo dopo gli Svizzeri al Cap il sabato!
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • mostra tutte
  • Cervino - Pilier dei Fiori Padre Pio Prega per Tutti (04/09/19)
    Ailefroide Occidentale Gervasutti-Devies (02/08/19)
    Grandes Jorasses Cresta Ovest (05/07/19)
    Marguareis (Punta) Rose (17/01/19)
    Caprera (Triangolo della) Santa Toppa (13/01/19)
    Asta Sottana (Cima dell') Atterraggio Ulnare (10/01/19)
    Grand Charmoz + Grepon Pilier Cordier e traversata (12/08/18)
    Grandes Jorasses - punta Walker cresta Tronchey (26/06/18)
    Requin (Col du) Breche W goulotte Soreson Estman (15/04/18)
    Maudit (Mont) Cresta Kuffner (27/08/17)
    Tacul (Mont Blanc du) Traversata Aiguille du Diable (14/07/17)
    Tacul (Mont Blanc du) Pilier Gervasutti (07/07/16)
    Tacul (Mont Blanc du) Pinocchio (21/03/16)
    Domino (Pointe du) Petit Viking (17/03/16)
    Roccia Nera Goulotte Ice Fresser (02/12/15)
    Monviso Couloir NE (01/12/15)
    Camoscera (Bric) Couloir Coincè diretta (29/11/15)
    Ciamarella (Uja di) Parete Nord da Forno Alpi Graie (24/06/15)
    Roccia Viva Parete Nord (21/06/15)
    Midi (Aiguille du) Eugster direct (28/05/15)
    Maudit (Mont) A l'est rien de nouveau (10/05/15)
    Tacul (Mont Blanc du) Goulotte Gabarrou - Albinoni (09/05/15)
    Grande Rocheuse Late to say i'm sorry (10/04/15)
    Carrèe (Aiguille) Ravanel-Frendo (06/04/15)
    Rateau (le, cima Ovest) Couloir Allera-Pelatan (28/03/15)
    Sainte Marguerite (Tete de) La Compagnie des Glaces (+sortie directe) (11/03/15)
    Tacul (Mont Blanc du) Supercouloir (02/11/14)
    Tour Ronde Delafosse-Perroux (01/11/14)
    Tour Ronde, Quota 3648 Fantasie prosecche (01/11/14)
    Tacul (Mont Blanc du) Goulotte Lafaille (04/10/14)
    Roccia Nera - Breithorn Occidentale traversata dei Breithorn da Plateau Rosà (23/08/14)
    Gran Paradiso Parete Nord (20/08/14)
    Chardonnet (Aiguille du) Sperone Migot (18/08/14)
    Monviso Parete Nord Via Coolidge (13/07/14)
    Tour Ronde Parete Nord (20/06/14)
    Tacul (Mont Blanc du) Couloir Modica-Noury (21/05/14)