giole


Le mie gite su gulliver

sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: altro
Canale e ambiente superbi, buon innevamento sopratutto nel canale, il conoide meno ma cmq ben scibile nella parte dx (faccia a valle). Sci fino a 3/4 di conoide. La neve nel canale è varia, in gran parte crosta da vento generalmente portante, in alcuni brevi tratti morbida ma sempre piuttosto impegnativa da sciare (e pure da salire). Il conoide, molto lungo, ha belle lingue di farina che abbiamo seguito rigorosamente per aprire un pò il gas e soprattutto evitare croste infide. Nella parte media e bassa abbiamo forse trovato la neve migliore.
Nonostante la neve, non certo delle migliori, gita di gran soddisfazione.
Con i soliti due..
4-5 skialp in giro.
sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: polverosa
:: scialpinistica
Dopo la gita di ieri oggi volevamo un pò di pendenza e possibilmente un pò di polvere, e qui abbiamo trovato entrambe. 4 stelle è la media tra le 3 del pendio alto della Barsin e le 5 del resto della gita.
Partiti da Saretto su bella polvere già a fondo valle, saliamo fino a trovare un'ottima traccia, che arriva delle sorgenti del Maira e ci ha guidato rapidi fino ai piedi del Soubeyran, dove abbiamo salito l'ultimo ripido pendio che sale al colletto sotto la cima della Barsin. Qui neve ventata di tutti i tipi, anche un pò di polverella qua e là che rende la prima parte della discesa impegnativa ma comunque divertente. Il pendio è stupendo, con la neve giusta si prende il volo.. Torniamo nella conca alla base del Soubeyran e scendiamo ancora il ripido pendio che scende nel vallonasso alla base della Barsin, già tastato in salita e molto promettente. Infatti iniziamo a trovare farina, portata dal vento ma molto stabile, abbondante e super divertente. Al fondo del pendio, invece di tornare alle Grange sul persorso classico, saliamo sci in spalla alla croce che sovrasta le grange e dalla quale parte un bel canale NE (150m circa, 35° forse qualcosa in più in alto) che scende verso la strada per le sorgenti del Maira. Qui neve strepitosa, polvere costante, leggera e profonda, che continua ancora, spostandosi sotto Punta le Teste, su lunghi pendii non ripidi ma intonsi, che regalano ancora gran goduria fin praticamente alla macchina. In zona c'è farina in abbondanza, anche verso il colle Sautron, per chi si lamenta sempre della neve. Chi cerca trova, basta sgambettare un pò..
Oggi salita e discesa full gas con Reine.
Due dietro di noi sulla Barsin, che saluto, ed altri verso il colle Sautron, molto più assolato.



L'ultimo pendio visto dal colletto della Barsin

In vetta

assi e monti

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
attrezzatura :: scialpinistica
Gita polare, 5 stelle per l'ambiente, solo 3 alla neve poichè la farina va cercata a vista ed è discontinua.
Partiti da Campo Base con innevamento notevole e, battendo subito traccia, abbiamo percorso la strada che passa sotto le cascate di Stroppia, siamo quindi saliti alle grange e poi imboccato il vallone del Maurin sino al colle. Qui si svolta a sx e, sci in spalla, siamo saliti fino alla base dell'ultimo pendio, che pareva molto lavorato dal vento, quindi ci siamo fermati anche perchè piuttosto provati ed abbiamo iniziato la discesa sulle tracce di salita. Guardandoci intorno abbiamo trovato ampi fazzoletti di farina di riporto lungo tutta la discesa, ma bisogna andarla a cercare perchè il vento anche qui ha fatto il suo, lasciando in giro parecchia crosta più o meno portante.
Oggi bellissimo sole ma temperature antartiche soprattutto a causa del vento gelido che ci ha soffiato contro tutta la salita, rendendo più faticosa la salita, già lunga di suo. Il tutto ha reso l'ambiente davvero suggestivo e severo, regalandoci una gita di soddisfazione anche se la discesa non è stata al top.
Prima volta, per me, con gli sci nel Maurin, con i soliti Fabri e Reine.
Nessuno altro a Chiappera e, a quanto pare, ben pochi in generale in valle Maira.

Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: umida
attrezzatura :: scialpinistica
Non sapendo bene dove andare a cercare la farina rimasta e visto la bella polvere trovata ieri a est sul Bert, scegliamo questo pendio appartato, che ci ha sempre regalato belle curve. Anche questa volta non tradisce. Saliamo fino a 3/4 del pendio, poi la neve è molta e poco assestata e un buon woom ci fa spellare rapidi e giù le punte: polvere perfetta, quasi fino al ginocchio, fino al fondo del vallone e poi ancora gran bella neve sul pendio sotto punta le Teste, facilmente raggiungibile sfruttando la strada alta. Poi ravanaggio nell'ultima parte del bosco, cmq sci ai piedi fino alla macchina.
Oggi con Reine, Galfre e Pietro, giornata gelida, ma che figata.


salendo, dopo grange pausa

verso il nostro pendio

il pendio dall'alto
Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
attrezzatura :: scialpinistica
L'idea era fare qouta 2506 + canale nord del Bert ma il vento ci ha fatto cambiare rotta. Arrivati in vista di quota 2506 l'abbiamo scartata in quanto molto ventata e pietrosa, scegliendo un vago pendio-canale che sale sempre verso quota 2506 ma da nord e che da lontano sembrava in buone condizioni. Risalendolo la neve si rivela crostosa/dura/scarsa quindi ci fermiamo e scendiamo su alcune lingue di bella neve fino al lago Nero e poi ancora giù per pinete verso le pendici del Bert. Qui la neve è molto migliore per cui ripelliamo e saliamo al Bert su bellissimi pendii esposti a est ben carichi di neve, portata ma già ben assestata. In cima una bufera di vento che tirava da ovest/nord ci convince rapidamente a girare indietro e ridiscendere i pendii appena saliti. Ottima idea perchè si scia in polvere (qui 5 stelle) intonsa fino a metà discesa, poi umida ma sempre scorrevole e sciabile. Ne viene fuori un'ottima discesa che, visto i disastri fatti dal vento un pò ovunque, è tanta roba..
Con Reine, Fabri, Galfre, Oli e Pietro..gran team di freerider!

sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: pulite
quota neve m. :: 1400
Temendo di trovare croste varie a Nord, scegliamo questo canale così da scendere, nel caso, dal sud. E invece tanta roba. Si batte traccia da prato ciorliero su neve già bella. Ci siamo fermati nella prima parte del canale perchè sopra è di fatto una pietraia, ma da qui in giù, scegliendo la linea giusta, si trova farina leggera e asciutta, bellissima da sciare (molto meglio di sabato scorso sul vicino Oserot). Qualche pietra qua e là ma stando all'occhio si scende bene. 4 stelle e tutto intonso fino a prato ciorliero. Poi strada che, con qualche passaggio su asfalto vivo, porta ancora con gli sci a Chialvetta
Giro veloce con i soliti Reine e Fabri. Altri 3 sul Cobre dietro di noi e pochi altri verso la gardetta.
Giornata top per meteo e temperature, con pranzo ottimo alla Napoleonica.


verso il canale N

situazione canale

pendio da sballo

[visualizza gita completa]

sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: strada pulita
quota neve m. :: 1400
Niente male per essere a novembre! Neve continua da Chialvetta, abbiamo seguito una provvidenziale traccia che sale alla Gardettta, fino alla fine di Prato Ciorliero; svoltiamo e si batte traccia, in neve asciutta e a tratti ben profonda, non ventata, salendo bene sino alla comba Emanuel superiore, dove svoltiamo nel valloncello a sx, verso colle Oserot, per risalire il canale N. Da qui in poi paesaggio lunare e tormenta di vento, fin quasi in cima. Canale salito interamente sci ai piedi, fino a pochi metri sotto l'ingresso, causa rocce affioranti. Neve buona per quantità e qualità, un pò compressa dal vento e non facilissima, ma più si scende più migliora. Certo, ne servirebbe ancora un pò.. Forse il tratto migliore oggi era la discesa dalle combe a prato ciorliero, neve molto buona, belle pendenze e varie linee possibili.
Bel modo per iniziare la stagione, con Fabri e Reine.
Buone sciate a tutti!!

salendo verso comba emanuel

Verso colle Oserot.

Reine batte salendo il canale N

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Bellissima via in ambiente stupendo, roccia generalmente molto buona e compatta, anche se presenta punti molto fragili, da cui viene giù un pò di tutto; con un pò più di attenzione si evitano rischi. Chiodatura molto buona, vicina non vicinissima, che lascia libera la scalata e obbligati alcuni passi. Molto belli L1, L4 e L6 (6b solido a mio avviso, almeno in un paio di movimenti). Doppie rapidissime sulla via (anche qui occhio che le corde tirano giù parecchia roba). Da S2 con 60m si arriva a terra giusti giusti, quelle sopra si fanno tutte.
Circa l'avvicinamento: per chi come noi non ha la guida, l'attacco non è immediato da trovare. Il torrente si guada circa 20m sopra la cascata, il segno rosso è praticamente scomparso tra la vegetazione, ma ve ne sono 2 sulla riva opposta. Poi si scende circa 50 m oltrepassando la cascata, come descritto. L'attacco della via si trova sulla dx di una evidente sezione di roccia bianca posta a una cinquantina di metri da terra, che si vede perfettamente già dal sentiero di salita. Senza la foto di Andreino, che ringrazio, non l'avremmo mai trovata (non ci sono nomi, nè riferimenti ed a fianco, più a dx, vi sono le altre vie).
Super giornata finita da Bartolo, con Fabri e Kisu

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Via già fatta 2 anni fa, alle prime armi, quando avevo trovato i gradi piuttosto stretti. Oggi mi sono sembrati in generale più onesti, anche se alcuni passaggi in placca potrebbero essere 6a più che 5c. In ogni caso via bellissima, placcosa e tecnica nella prima parte, più verticale dopo il traverso di L7, dove la via trova passaggi su roccia eccezionale e blocchi di quarzo unici. Chiodatura a mio parere magistrale, certo non ascellare, a tratti ingaggiosa, ma anche dove si allunga un'eventuale caduta non sarebbe pericolosa. Non abbiamo mai integrato e non mi è comunque parso vi fossero molte possibilità di farlo, vista la roccia generalmente super compatta.
Questa volta siamo rientrati dopo L7, perchè siamo partiti tardi ed abbiamo fatto coda per attaccare la via, oltre al cielo che prometteva pioggia, poi arrivata. Da S7 effettivamente si può attraversare 20m verso sx (faccia a monte) con passaggi non difficili ma sprotetti (utilizzabile solo un pinetto, bello solido) raggiungendo così lo sperone su cui si trova la terza sosta di calata. Di qui con due doppie da 50m si arriva al sentiero, in parte protetto con cordoni, che riporta a piedi alla partenza.
Con Fabri, come al solito, più Riz e Giò, che si sono fatti valere alla grande sulla loro prima via lunga: bel battesimo per loro ad ailefriode!
Giudizio Complessivo :: ** / ***** stelle
Sinceramente non ci è piaciuta granchè. Abbiamo fatto molte delle altre vie in loco e questa è l'unica che non ripeteremo. Indubbiamente molto belli L4 e L5 (6a+ forse), che abbiamo concatenato, per il resto tiri piuttosto anonimi, ricoperti di tanto lichene bello friabile e soprattutto tanta roba, anche grossa, che muove un pò ovunque. La roccia spesso sembra molto fragile. Eravamo 3 ed a ciascuno si sono staccati appigli e appoggi su vari tiri, con preoccupante costanza. Trasferimenti lunghi, scomodi e relativamente esposti.
Chiodatura sicura come al solito sulle vie di Ciano, che ringraziamo per l'ennesima volta. Inutili protezioni veloci.
Con Fabri e Kisu, e grosse risate come al solito.
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Freid (Monte), cima Sud da Chialvetta per il Versante Sud (09/12/18)
    Cassorso (Monte), cima Ovest da Preit (08/12/18)
    Viraysse (Monte) da Saretto (01/12/18)
    Alp (Punta dell') da Chianale (24/11/18)
    Maledia (Cima della) da San Giacomo (23/06/18)
    Bianca (Rocca) Canale Nord-Est (16/06/18)
    Pan di Zucchero da Chianale per la dorsale dal colle Vecchio dell'Agnello (09/06/18)
    Lombarda (Cima della) Canale NO (02/06/18)
    Monviso Canale Coolidge Inferiore (24/05/18)
    Scolettas (Becco delle) Canale O (19/05/18)
    Gioffredo (Punta) Couloir a Z (12/05/18)
    Infernetto (Valle dell') quota 2852 m da Chiappera (28/04/18)
    Freide (Monte) da Chiappera per il versante NO (23/04/18)
    Bròcan (Colle di) da Pian della Casa (22/04/18)
    Paganini (Cima) da Pian della Casa del Re (21/04/18)
    Sautron (Colle) da Saretto (15/04/18)
    Vanclava (Monte) o Tète de Vauclave Canale NE (07/04/18)
    Pebrun (Monte) Canale NE (02/04/18)
    Michelis (Punta) Couloir dar Goulhoun (31/03/18)
    Cassin (Bric) Canale NO+variante canalino N (24/03/18)
    Aguya (Colle) da Saretto, anello per Passo della Cavalla, Lago Apzoi, Lago Visaisa (18/03/18)
    Viraysse (Monte) Canale E/NE (17/03/18)
    Cobre, cima Sud canale N (12/03/18)
    Lose (Bosco delle) quota 2431 m da Argentera (10/03/18)
    Peroni (Rocca) da Chialvetta per il Canale Nord (04/03/18)
    Bert (Monte) Canale N (03/03/18)
    Soleglio Bue (Cima del) o Beau Soleil da Chialvetta per il colletto SE del Ciabert (24/02/18)
    Pignal (Serriera del) da Strepeis (17/02/18)
    Vanclava (Monte) o Tète de Vauclave da Chialvetta (11/02/18)
    Panieris (Testa di) Canale NE (10/02/18)
    Chambeyron (Brec de) Couloir Boujon (03/02/18)
    Pebrun (Monte) Canale NO (28/01/18)
    Cassorso (Monte), cima Ovest da Chialvetta (27/01/18)
    Pebrun (Monte) Canale est (20/01/18)
    Barsin (Aiguille de) Canale N (13/01/18)
    Plate Longe (Tète de) da Larche (03/01/18)
    Aguya (Colle) da Saretto, anello per Passo della Cavalla, Lago Apzoi, Lago Visaisa (31/12/17)
    Vallonasso (Monte) Parete Canale E (24/12/17)
    Viso Mozzo Canale dei Campanili ramo sx (23/12/17)
    Barsin (Aiguille de) da Saretto per il versante Est (17/12/17)
    Ciaslaras (Monte) da Chiappera (16/12/17)
    Passetto (il) quota 2580 m da Saretto (09/12/17)
    Bert (Monte) da Preit (08/12/17)
    Cobre, cima Sud canale N (18/11/17)
    Oserot (Monte) canale N (11/11/17)
    Bersaio (Monte) Muro dell arcobaleno-via don Frank (19/08/17)
    Ailefroide - Palavar Riviere Kwai (16/08/17)
    Gias dei Laghi (Testa), anticima SO q. 2701 Eroi di cartone (14/08/17)
    San Bernolfo (Guglia di) I doi lilu (13/08/17)
    Chersogno (Monte) I Dalton (12/08/17)
    Ailefroide - Settore Fessura Snoopy Directe (03/08/17)
    Udine (Punta) Visto per il Perù (29/07/17)
    Pianard (Contrafforti di) Ombre...nel Buio! (22/07/17)
    Aimonin (Torre di) Pesce d'Aprile (19/07/17)
    Stella (Corno) Via Lupetti (15/07/17)
    Castello (Rocca) King Line (08/07/17)
    Gias dei Laghi (Testa), anticima SO q. 2701 Cinquantini smarmittati (02/07/17)
    Stella (Corno) Roby (01/07/17)
    Valcuca (Cima di) Bim bum bam (24/06/17)
    Maurin (Parete del) Aubry (17/06/17)
    Brocan (Cima di) da Pian della Casa del Re (02/06/17)
    Brocan (Cima di) Canale SE (27/05/17)
    Viso Mozzo Canale Nord di Rocca Trunè (13/05/17)
    Brocan (Cima di) da Pian della Casa del Re (05/05/17)
    Rossa (Testa) Canale Nord (29/04/17)
    Gelas (Cima dei) da San Giacomo per Forcella Roccati, Colletto Saint Robert e Canale E (22/04/17)
    Chambeyron (Brec de) Couloir Boujon (15/04/17)
    Freide (Monte) da Chiappera per il versante NO (09/04/17)
    Panieris (Testa di) Canale NE (08/04/17)
    Vallone (Testa del) da Pontebernardo (01/04/17)
    Blaves (Tete de) dal Colle della Maddalena (26/03/17)
    Tablasses (Testa di) da Terme di Valdieri, giro con discesa Canale NO (19/03/17)
    Valcuca (Cima di) quota 2579 m da Terme di Valdieri (18/03/17)
    Oronaye (Monte) Canale sud di Sinistra (Via Normale) (11/03/17)
    Freid (Monte) Canale E (26/02/17)
    Passetto (il) quota 2580 m da Saretto (25/02/17)
    Teste (Punta le) Canale Nord (18/02/17)
    Viraysse (Monte) da Saretto (12/02/17)
    Pè de Jun (Testa) da Grangie (04/02/17)
    Verde (Rocca) da Villaggio Primavera per il Passo Fonget (29/01/17)
    Lose (Bosco delle) quota 2431 m da Argentera (28/01/17)
    Passetto (il) quota 2580 m da Saretto (22/01/17)
    Sautron (Colle) da Saretto (15/01/17)
    Oronaye (Monte) Canale Sud di Destra (08/01/17)
    Pebrun (Monte) Canale est (06/01/17)
    Peiron (Monte) canale N (29/12/16)
    Giordano (Monte) da Preit (17/12/16)
    Barsin (Aiguille de) Canale N (03/12/16)
    Oserot (Monte) da Chialvetta (27/11/16)
    Gias dei Laghi (Testa), anticima SO q. 2701 Comma 22 (25/09/16)
    Scoglio del Lup Via Vento Nuovo (11/09/16)
    Meja (Rocca la) Finanzieri (10/09/16)
    Querzola (Torrione) L'uccello di fuoco (25/08/16)
    Stella (Corno) Via Lupetti (23/08/16)
    Narbona (Bassa di) da Macra, giro per il Vallone del Tibert (22/08/16)
    Serriera del Vignal Route 66 (21/08/16)
    Rocca Brancia (Passo) da Pietraporzio, giro Colle Salsas Blancias, Rifugio Gardetta, Grange Serre (16/08/16)
    Castello (Rocca) King Line (13/08/16)
    Castello (Rocca) Solo per Bruna (12/08/16)
    Stella (Corno) Barone Rampante (05/08/16)