gianni.savoia


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Fatta con Bruna l'Arbengrat andata e ritorno.
Bella salita, molto lunga e di impegno, soprattutto fisico.
In salita il canale di accesso alla cresta, pur loffio, si sale abbastanza speditamente. Meglio evitare di trovarcisi al buio. Guadagnata la cresta, la si percorre abbastanza bene in conserva protetta, salvo un tiro su un torrione dopo il gran gendarme che richiede un po' di attenzione in più (presenti alcuni chiodi e uno spezzone di corda pendulo). Poi nessun problema sino in vetta.
Spettacolo : in più c'è il Cervino a pochi metri, bello da stancare.
In discesa opportuna attenzione, come sempre ci abbiamo messo di più che a salire. Qualche doppia è meglio farla (primo tratto, tiro più ripido, gran gendarme), poi in generale si disarrampica, magari con sicura al primo che scende.
Reperito l'intaglio, si ridiscende il canale, che in discesa risulta veramente molto marcio e repulsivo, una stella in meno... Si possono fare due doppie, ma è bene stare accuorti, più che altro, a non avere troppa gente sulla capa essendo pressoche impossibile non muovere nulla. Guadagnato il nevaio non c'è più storia, salvo il ricordo di una splendida vetta.

Note sul bivacco : bellissimo e dotato di tutto, compresa luce elettrica, radio di soccorso, tre gas con bruciatori, stoviglie pulite, coperte soffici, 18 posti comodi etc.
Inutile quindi scammellarsi materiale inutile (come noi abbiamo fatto...).

La ferrata di accesso presenta tratti rudi e faticosi, soprattutto l'ultimo. Con zaini carichi utile imbragarsi e predisporre una longe.
In discesa, il tratto più ripido (dove iniziano i gradini di ferro), si può evitare alla grande con una doppia da tranta metri sino alla neve sottostante.

Sentiero di accesso : da Zermatt non seguire subito per la Schönbielhütte, e soprattutto non prendere i bivi più a destra che comportano perdite di dislivello e di tempo. meglio attraversare tutto il paese sino in fondo e poi seguire il largo sentiero, poco segnalato, che, inizialmente stando in fondovalle, risale a Zmutt e poi procede senza mai perdere quota. I sentieri più a destra, che partono a metà paese, sono molto panoramici ma aggiungono almeno mezz'ora al percorso già lunghetto.

Un discorso a parte merita la toilette del bivacco, accessibile con ferrata e dotata di ogni confort, ivi compresi acqua corrente, ampia scorta di rotoli, accessori ROSA e, per dirla con le relazioni estere, molto ben posizionata: "...admiring the legendary sanitary facilities, world-renowned for the view they provide of the Matterhorn, at least for those users who elect to sit down for their visits...".

Salita al bivacco

Partenza

Si aggira il gran gendarme

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
Gran salita d'ambiente, completa sotto ogni punto di vista.
La lingua terminale del ghiacciaio che si risale al mattino si sta rapidamente degradando: per ora i ponti tengono ma il ghiaccio vivo fa capolino.
Abbastanza loffio il canalino dei canaponi (ora catenoni...). Le sezioni in roccia sono ovviamente pulite, salvo qualche raro accenno di verglas nella parte superiore. Nessun problema sul nevaio intermedio.
Panorama da urlo.
Nella parte alta gran dispiego di fittoni dalla forma inusitata e dalla dubbia utilità. Nella sezione di roccia inferiore, dove qualche riferimento in più, soprattutto in discesa, potrebbe non guastare, solo due chiodi nel traverso di fianco al gendarme. Questa è la parte, a mio parere, in cui stare più 'accuorti'. In salita si passa via veloci in conserva protetta, ma in discesa una sicura è consigliabile per via della forte esposizione e dei numerosi massi mobili.
Nella discesa dei catenoni abbiamo preferito, avendo una sola corda, evitare un recupero di doppia intermedio, per via dei numerosi detriti presenti, e siamo scesi a braccia, stando molto vicini. Con due corde, la doppia appare la soluzione più consigliabile.
Un pò di attenzione è ancora doveroso porla nella discesa finale della lingua del ghiacciaio, dove ci si destreggia fra ponti, detriti e ghiaccio vivo, poi lunga morena sino al rifugio. Orario: 6 ore per la salita, 6 e mezza per la discesa sino all'Aosta.
Saliti con le mtb per un chilometro circa oltre Prarayer. Soluzione consigliabile che ci ha permesso un rientro meno gravoso.
Buon trattamento al Rifugio.
Salita fatta con Bruna, veterana della Dent d'Herens.
Un saluto a Guglielmo e Paolo, incontrati al rifugio sabato, di ritorno anche loro dalla Dent.


Arrivo all'Aosta

Catene mattutine

Arrivo in vetta

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Con Bruna decidiamo di spendere il ferragosto su questa traversatona dal gusto di altri tempi. Arriviamo a Malciaussia trasformata in accampamento di berberi mentre i preparativi per molteplici braciolate infuriano. In fretta ci leviamo di mezzo e risaliamo agevolmente sino al bivio, prima di col Spiol. La traccia verso la Lera è ben segnata da numerosi ometti, mentre i bolli rossi di fanno, con gli anni, sempre più rari. Le nuvole non ci danno tregua e presto ci avvolgono nel tipico ambiente estivo 'lanzese-canavesano'. Giunti in vetta alla punta Orientale decidiamo di traversare; agevolmente percorriamo la divertente cresta che offre passaggini divertenti e a volte esposti, ma facili, soprattutto verso il termine. Con ritmo blando giungiamo così sino a Punta Sulè dalla quale divalliamo per la traccia ben marcata da ometti che riporta prima verso ovest e poi con anello verso sud sin nella parte bassa dell'itinerario della Lera. Da qui velocemente al bivio e poi finalmente al Lago dove le nebbie si diradano per lasciarci intravedere i rituali ferragostani ancora in corso.
Bel giro. Consigliabile.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Oh già! Proprio una soddisfazione correre su questi monti con un'organizzazione puntuale e collaudata. Questo trail è forse quello che più di ogni altro mi ricorda il "Tor", di cui percorre alcuni tratti, ma ha comunque un suo spirito autonomo caratterizzato da un percorso logico, a volte severo, sempre arioso e assai panoramico.
Dura la partenza sotto la pioggia, reduci da una notte in tenda sotto l'acqua. All'ingresso dalla valle di La Thuile era dura avere fiducia, ma poi tutto si è arrangiato. Al Deffeyes acqua ovunque, torrenti glaciali enormi, e sentiero reso tecnico dallo scolo della pioggia notturna. Bella la salita all'Arp con il Bianco a fare da sfondo di lusso, ma ancora più bello salire al tramonto a col Licony con tutto il Bianco carico di neve che ci accompagnava e mitigava la fatica del sentiero ripidissimo quando già nelle gambe c'erano più di 55 chilometri. Lunga fila di luci nella notte da Licony su per Planaval e con giro lunghissimo per tutta la conca su fino all'alpe Bonalè, al Tramail des Ors e infine sulla Fetita. Interminabile discesa a la Salle e poi gli ultimi chilometri di corsa sino a Morgex.
23 ore per me, ma i primi ce ne hanno messe fa le 12 e le 13!

Volontari spettacolari e all'altezza di tutto. Una certezza in questo tipo di gare dove, soprattutto di notte, è bene saper di poter contare su gente così. Gli svizzeri dell'Irontrail potrebbero venire a Courmayeur a fare qualche stage formativo... Eviterebbero molte brutte figure.

Il giorno dopo, non fosse bastato organizzare una
100 e una 57 Km., c'era pure la K2000, il doppio chilometro verticale da Morgex al Bivacco Pascal.
Complimenti a Bruna che, assai dubbiosa alla vigilia, è invece arrivata settima fra le femminucce e terza in categoria! 2 ore e 13 per lei : chapeau.

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
tipo bici :: front-suspended
Non ho fatto la traversata sulla valle Gesso, ma già così, salendo il versante Roaschia, quella che parrebbe una gitarella di ripiego per distanza e dislivello, in realtà risulta molto impegnativa e appagante.
Tanto l'asfalto iniziale che lo sterrato successivo hanno punte di pendenza e continuità inusuale e ciò fa si che sia inevitabile, prima o poi, fare qualche tratto bici al fianco. L'ultima rampa prima del colletto dove c'è il traliccio è veramente difficile, sia in salita che in discesa, per le pietre grandi. Dal colletto 1826, lasciato il cavallo, in 10-15 minuti si raggiunge a destra la puntina 1851, consigliabile per il panorama a picco sulla Valle Gesso: poche tracce e porre attenzione alle molte pietre instabili in alcuni tratti ripidi.
La discesa è molto appagante, soprattutto per chi ama il genere 'sterrato tecnico molto dritto'.
Partito da Cuneo, sono giunto in cima in tre ore.
Un'ora e dieci per la discesa a Cuneo dal colletto.

In salita, in caso di dubbio fra i numerosi tratturi, seguire segnavia rossi su alberi e rocce.
La gita è descritta sul volume MTB Piemonte e Liguria dal col di Nava al col di Tenda, al n. 31
La valutazione data, di ciclabilità al 98% in salita, mi pare molto ottimistica...
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
tipo itinerario :: molto faticoso
tipo clima :: corretto
Trail alla seconda edizione che sta già diventando un 'must' per gli appassionati. Percorso molto suggestivo, anche se ieri le nuvole ce lo hanno fatto solo intravedere al mattino. Poi, tutto si è chiuso e Giove pluvio ci ha deliziato per parecchie ore con pioggia battente, a volte intensa.
La lunghezza apparentemente non esagerata non deve ingannare. Il percorso è in realtà impegnativo per la qualità dei sentieri, spesso tecnici in discesa, e molti nutrono anche seri dubbi sul dislivello dichiarato che dovrebbe probabilmente essere ritoccato a 4.200 D+.
Molto belli e selvaggi i luoghi attraversati e numerose le risalite, a volte anche durette.
L'ultimo tratto prevede, quando ormai si pensa di essere al buono, la cinica risalita dal fondo della Val Sessera sino alla cresta e poi ancora un interminabile girovagare tra le innumerevoli bocchette e puntine che separano Bocchetta di Stavello da Bielmonte dove si arriva ben ben soddisfatti.

Più che buona l'organizzazione, ritoccabile solo nel pasta-party serale che andrebbe previsto magari un po' più 'grezzo' ma meno lungo nei tempi.
Pettorale 39.
Sciabilità :: *** / ***** stelle
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
Le stelle 'giuste' sarebbero 3 e mezza, a evidenziare i contrasti fra la temperatura molto alta con conseguente mancanza di rigelo alle basse quote, la necessità di un portage abbastanza cospicuo sin quasi alla base del canale della Cavalla Nera, una neve nel complesso compatta e remunerativa e una discesa tutto sommato soddisfacente.

Gli sci si portano sino all'imbocco del canale, ma poco cambia perchè comunque si continua sci in spalla per metà canale. Poi si possono mettere e, dopo le tre croci, il 'traverso sull'inghiottitoio' è in buone condizioni e si passa agevolmente sci ai piedi in salita e in discesa (rampanti consigliabili in questo tratto anche se non indispensabili).
Più in alto neve primaverile compatta con buon grip. Si può arrivare in vetta sci ai piedi, con rampant pressochè obbligatori, ovvero scegliere di mettere i ramponi proseguendo a piedi negli ultimi 200 metri.
Dalla vetta siamo scesi diretti per la pala ma poi, rispetto all'ultima volta, abbiamo giudicato che il canalino sottostante fosse troppo svalangato e la temperatura alta fosse foriera di distacchi di superficie, e abbiamo quindi deviato a sinistra su ottima neve primaverile riprendendo l'itinerario di salita.
Canale in buone condizioni, anche se in basso risente della stagione con neve lavorata e a volte sporca di terra e pietre. Dopo la base del canale si scende ancora sino a quota 2.100 salvo un gava-buta. Poi, portage sino a Malciaussia.
In definitiva una bella gita ormai al limite, buona forse ancora per pochissimi giorni con riserva di verificare le temeprature che, se dovessero salire ancora di notte, la renderanno in breve non più consigliabile.

Con la collaudata cumpa : Bruna, Guido, Giancarlo, Edoardo e Gianluca.
Grazie a Orfeo per la relazione su on-ice che ci ha stimolato le papille...
Nessuno in vetta dalla val di Susa, rifugio ancora semi-sommerso.


Compagnia in arrivo

Gucia drita

La cumpa soddisfatta

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Anche quest'anno tornato al Tms con gran soddisfazione.
Il tracciato è stato variato in meglio: abbandonati alcuni giri 'morti' sulle sterrate basse, è stato aggiunto un bel tratto 'montano' fra il Soglio e il Colle della Croce d'Intror. Se ne avvantaggia complessivamente la godibilità del percorso, anche se i tempi di percorrenza si allungano. Ora siamo a 63 Km e 3500 D+...
Organizzazione commovente con una moltitudine di volontari di ogni dove, disponibili ed efficienti.
Un bel 'giro' in tutti i sensi. Consigliabile.
11 ore e mezza per me e meno di sette ore per il 'solito primo'!!!
Pettorale 26.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Bellissima cavalcata in ambiente per me nuovo ma proprio per questo sorprendentemente bello. Ce la siamo proprio goduta ed esplorata la Val Borbera, più che per il dislivello ragguardevole (a voler essere pignoli dovrebbero essere 4.200 D+...) soprattutto per lo spostamento senza paragoni. Ottima l'organizzazione nonostante qualche pecca logistica migliorabile, evidenziata a causa delle temperature esageratamente alte che hanno provocato non pochi ritiri. Occorre, penso, rivedere orari di partenza e dislocazione dei rifornimenti idrici.
Del resto, salvo l'acqua, il trail è in auto-sufficienza stretta e 21 Km. senza nemmeno acqua paiono un po' tanti, in particolare se fa molto caldo.
Ottimo l'ambiente umano che continua a sorprendermi positivamente. Reincontrati amici del Tor, Roberto e Massimiliano, nonchè Guido, Gulliveriano e Ugetino della prima ora.
Da fare almeno una volta. Magari con un pò più di fresco.

13 ore e 19, per me. Ma che gran sudisfa !
Pettorale 290.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Bellissima gara di inizio stagione, punto di incontro tra podismo e trail con ampi sconfinamenti in quest'ultima specialità.
Oggi si correva, come sempre, una mezza maratona sino al Col del Lys, e la Maratona 42K che fa il giro completo della conca di Val della Torre, con 2600 Mt. D+.
Ho fatto la 42 ed è stato sorpredente, almeno per me, constatare quanta parte della gara sia corribile. Tratti tecnici e difficili si incontrano, ma già si sapeva, nel tratto dall'Arpone al Musinè, al punto che noi peones nelle retrovie ci chiedevamo come facciano i primi a passare a spron battuto in questi posti.

Giro molto largo nella discesa dal Musinè e poi salitine senza perdono sino all'ultimo per scavallare Truc Brione e tornare a Val della Torre.
Otto ore e un quarto per me, ma il primo ne impiega meno di cinque...

Oggi giornatone primaverile con scorci da cartolina e le montagne imbiancate sullo sfondo.
Per chi ci bada, grandi fioriture primaverili di specie montane, alcune niente affatto comuni.
Bellissimo.

Pettorale 48
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Bernauda (Rocca) dalla Valle Stretta per il Vallone Bernauda (09/02/20)
    Deserta (Punta) da Alboni (26/01/20)
    Bellagarda (Monte) anticima 2878 m da Alboni (25/01/20)
    Crocetta (Cima della) da Alboni per il Versante SE (18/01/20)
    Gran Bernardè (Monte) Canale Ovest o della Spalla (15/01/20)
    Rossa di Sea (Punta) Canale Sud diretto (Cumba Granda) (11/01/20)
    Marguareis (Punta) da Carnino Superiore (15/12/19)
    Gialin (Punta) Cresta ESE (22/07/19)
    Bessun (Monte) da Vonzo per il Colle della Terra d'Unghiasse (07/07/19)
    Collerin (Monte) da Pian della Mussa (16/06/19)
    Sommeiller (Punta) Canale Sud-Ovest (04/06/19)
    Francesetti (Punta) da l'Ecot per il Refuge des Evettes (01/06/19)
    Merciantaira (Punta) o Grand Glaiza da les Fonds (05/05/19)
    Lombard (Pic) da les Fonds per il Versante Nord (04/05/19)
    Ischiator (Becco alto d') da Pietraporzio (28/04/19)
    Longet (Tete de) da Saint Veran (27/04/19)
    Roisetta (Mont, Punta Sud) da Cheneil (22/04/19)
    Celse Niere (Pointe de), anticima Sud da Ailefroide per il Vallon de Clapouse (20/04/19)
    Charvie (Cime de la) cima NO da le Bourget per la Combe du Lasseron (14/04/19)
    Montbrison (Dome de) dalla Combe Brune (13/04/19)
    Gran Pinier (le) da Les Violins (30/03/19)
    Combeynot (Pic du Lac de) da le Casset per il versante SE (24/03/19)
    Grand Galibier (le) da le Pont de l'Alpe (23/03/19)
    Enchiausa, Feuillas, Boeuf (Colli) da Chialvetta, giro dell'Oronaye (17/03/19)
    Gias dei Laghi (Testa) dal Vallone di Rio Freddo (14/03/19)
    Malinvern (Monte) da Terme di Valdieri (10/03/19)
    Tablasses (Testa di) da Terme di Valdieri, per il colle di Tablasses e il colle di Prefouns (02/03/19)
    Carbonè (Monte) da Trinità (27/02/19)
    Rossa di Sea (Punta) anticima 2764 m da Balme (24/02/19)
    Freide (Monte) da Lausetto per la Val Fissela (17/02/19)
    Ormea (Pizzo d') da Quarzina (16/02/19)
    Pignal (Serriera di) da Strepeis, giro del Colletto dei Camosci (14/02/19)
    Binec (Punta del Vallone del) da Tetti Trocello (09/02/19)
    Vaccarezza (Monte) e Cima dell'Angiolino da Saccona (12/01/19)
    Serene (Punta delle) da Balme, traversata Nord-Sud (05/01/19)
    Franci (Punta) o quota 2803 m da Balme (03/01/19)
    Rossa di Sea (Punta) anticima 2764 m da Balme (01/01/19)
    Golai (Punta) dall'Alpe d'Ovarda (22/07/18)
    Agriates (Deserte des) Traversata per sentiero costiero (02/07/18)
    Arnas (Punta d') o Ouille d'Arbéron da Avèrole (23/06/18)
    Galisia (Punta) dalla Diga del Serrù, giro valli Orco, Rhemes e Isère (17/06/18)
    Sommeiller (Punta) da Grange della Valle (10/06/18)
    Ghicet di Sea da Pian della Mussa (09/06/18)
    Carro (Cima del) da Chiapili di Sopra per il Vallone del Carro (02/06/18)
    Rosse (Rocce) 3366 m, vetta sciistica di Punta Maria da Pian della Mussa (01/06/18)
    Almiane (Punta di) dal Ponte d'Almiane (27/05/18)
    Midì (Ouille du) da Bonneval sur l'Arc (20/05/18)
    Autour (Cima) da Cornetti (18/05/18)
    Negra (Rocca) da San Bernolfo (13/05/18)
    Pian Ballaur (Cima) da Madonna d'Ardua (30/04/18)
    Maniglia (Punto nodale del) da Sant'Anna (28/04/18)
    Mongioia (Monte) o Bric de Rubren da Chianale (26/04/18)
    Faraut (Monte) e Buc Faraut da Sant'Anna, anello (22/04/18)
    Filon (Tète du) da Glacier (20/04/18)
    Sautron (Monte) da Saretto, anello per il Colle Sautron e il Monte Viraysse (02/04/18)
    Gran Bernardé (Monte) da Vonzo (16/02/18)
    Maunero (Rocca) da Vonzo (26/11/17)
    Planaval, Crosatie, Passo Alto (Colli) da La Clusaz , giro del Monte Paramont (12/08/17)
    Giro dei Giganti Tappa 6: Valtournenche - Ollomont (05/08/17)
    Livournea (Colle di) da Oyace, giro della Becca di Luseney per i colli Terray, Chaleby, Vessonaz (15/07/17)
    Golai (Punta) da Cornetti (17/04/17)
    Ortetti (Cima) da Cornetti (16/04/17)
    Lesache (Aiguille de) o des Sasses da Saint Rhemy (09/04/17)
    Grand Creton, sella quota 2870 m E/NE da Mottes (04/04/17)
    Fourchon (Mont) da Saint Rhemy (03/04/17)
    Serena (Costa di) quota 2739 m da Mottes (01/04/17)
    Ciorneva (Monte) cima Ovest 2920 m da Mondrone per il Vallone Vallonetto o Casias (15/03/17)
    Golai (Punta) dal Vallone d'Ovarda per il Pendio Sud (11/03/17)
    Fallére (Mont) spalla 2973 m Canale NO (18/02/17)
    Corleans (Cresta di) forcella 2730 m e quota 2806 m da Mottes (29/01/17)
    Piure (Punta) Canale Nord (27/01/17)
    Serena (Costa di) quota 2785 m da Mottes (22/01/17)
    Vertosan (Mont) da Parcheggio Flassin (21/01/17)
    Champillon (Col) da Chatelair (15/01/17)
    Ipertrail della Bora (05/01/17)
    Vallette (Cima delle) da Frais (27/12/16)
    Roeses (Tète des) dalla Diga di Place Moulin (07/11/15)
    La 100 porte (15/05/15)
    Gran Guglia Canali NE e N (12/04/15)
    UTMB - Ultra Trail Mont Blanc (29/08/14)
    Turu (Il) Giro da Fiano per Passo della Croce e Ponte del Diavolo (17/08/14)
    Gay (Becca di) dalla Diga di Teleccio (26/04/14)
    Punt del diau (Gran Fondo Trail) (05/10/13)
    Bolis (Colletto) Traversata Frise – Castelmagno (25/07/13)
    Grifone (Punta di) da Sant'Antonio (15/03/13)
    Autour (Cima) da Cornetti (11/03/13)
    Panè (Truc) da Perinera (03/03/13)
    Marguareis (Punta) da Carnino Superiore (10/02/13)
    Sueur (Cima della) Canale Sud - Ravin de la Casse (09/02/13)
    Tsa (Mont de la) da Buthier (01/01/13)
    Meidassa (Monte) da Pian della Regina (30/12/12)
    Rossa di Sea (Punta) anticima 2764 m da Balme (29/12/12)
    Vallette (Cima delle) da Frais (15/12/12)
    Briccas o Trucchet da Brich (02/12/12)
    Lungin (Monte) da Pattemouche (25/11/12)
    Pelato (Monte) da Pattemouche (24/11/12)
    Casto (Monte) da Andorno Micca (28/10/12)
    Jacquette (Tète de) da Chateau Queyras, giro per Sommet Bucher, colli Prés de Fromage, Fromage, Estronques (21/10/12)
    Chentre Carlo - Bionaz Ettore (Bivacco) da La Ferrèra (07/10/12)
    Invergneux (Colle) da Cogne, giro valloni Urtier - Grauson (06/10/12)
    Tor des Geants (09/09/12)
    Obergabelhorn Arbengrat e traversata alla Rotornhutte (27/08/12)
    Herens (Dent d') Cresta Tiefenmatten (19/08/12)
    Lera (Monte) e Punta Sulè da Malciaussia, anello di cresta (15/08/12)
    Gran Trail Valdigne 20 - 50 - 100 Km (15/07/12)
    Van (Passo del) da Roaschia, traversata in Valle Gesso (08/07/12)
    Trail Oasi Zegna T.O.Z. (10/06/12)
    Rocciamelone da Malciaussia (02/06/12)
    Soglio (Monte) da Forno, Trail del Monte Soglio (16, 36, 71 km) (27/05/12)
    Le Porte di Pietra (12/05/12)
    Maratona alpina Val della Torre (22/04/12)
    Tos (Becca di) da Revers (09/04/12)
    Roccia Viva Canale Coolidge (01/04/12)
    Ondezana (Punta d') da Diga di Teleccio (31/03/12)
    Vallone (Testa del) da Pontebernardo (28/03/12)
    Piz (Becco Alto del) da Pontebernardo (28/03/12)
    Blanchen (Petit Becca) da Chamen (25/03/12)
    Vallone (Testa del) da Pontebernardo (19/03/12)
    Borgonio (Cima) da Pontebernardo (19/03/12)
    Borgonio (Cima) da Pontebernardo (18/03/12)
    Tenibres (Monte) da Pietraporzio (17/03/12)
    Cobre, cima Sud Canale Nord (11/03/12)
    Forciaz (Mont) da Valgrisenche (09/03/12)
    Grand Golliaz, anticima 3189 m da Mottes (04/03/12)
    Vertosan (Monte Rosso di) da Vetan, anello per Punta Leissè (29/02/12)
    Gelé (Mont) da Ruz (25/02/12)
    Grand Pays da Clemensod (05/02/12)
    Piure (Punta) Canale Nord (26/01/12)
    Pebrun (Monte) da Grange di Argentera (22/01/12)
    Noeud de la Rayette da Ruz (15/01/12)
    Chaleby (Col) quota 2695 m da Lignan (08/01/12)
    Sueur (Cima della) Canale Sud - Ravin de la Casse (28/12/11)
    Alpavin (Crete de l') da Saint-Martin-de-Queyrières (27/12/11)
    Gioffredo (Punta) da San Bernolfo (11/12/11)
    Carro (Cima del) da Chiapili di Sopra per il Vallone del Carro (26/11/11)
    Ramière (Punta) o Bric Froid diretta Versante Nord (25/11/11)
    Pianarella (Bric) Amicizia (31/10/11)
    Bellino (Monte) da Acceglio, giro per il Vallone Maurin (09/10/11)
    Chavannes (Col des) da Prè Saint Didier, discesa in Val Veny (01/10/11)
    Tor des Geants (11/09/11)
    Viraysse (Tete de) anello da Bersezio per i colli della Maddalena e de la Gipiere d'Oronaye (28/08/11)
    Rocca Brancia (Passo di) da Ponte Marmora, anello per i colli Preit, Margherina, Fauniera, Esischie (15/08/11)
    Soglio (Monte) da Forno, Trail del Monte Soglio (16, 36, 71 km) (29/05/11)
    Alphubel dalla Langfluehutte (08/05/11)
    Leone (Monte) dal Passo del Sempione (07/05/11)
    Grande Rousse, punte Nord e Sud da Surrier (25/04/11)
    Ormelune Ovest (Punta) dalla Valgrisenche (24/04/11)
    Autaret (Testa dell') da Strepeis (22/04/11)
    Ubac (Testa dell') da Pontebernardo (21/04/11)
    Scaletta (Monte) Canale NE (20/04/11)
    Cassorso (Monte), cima Ovest da Chialvetta (19/04/11)
    Galisia (Punta) da Chiapili di Sopra, anello per i colli d'Oin e Nivolettaz (16/04/11)
    Marchisa (Rocca la), Pic de Sagneres, Monte Chersogno da Chiazale, giro per il Colle di Vens (11/04/11)
    Maniglia (Monte) da Sant'Anna (10/04/11)
    Faraut (Monte) e Buc Faraut da Sant'Anna, anello (09/04/11)
    Sommeiller (Punta) da Grange della Valle (02/04/11)
    Français Pelouxe (Monte) da Balboutet (27/03/11)
    Civrari (Monte, Punta Imperatoria) da Niquidetto (26/03/11)
    Torretta (la) da Trovinasse (25/03/11)
    Grand Area Couloir N - Anello Buffere-Cristol (07/03/11)
    Rossa di Sea (Punta) Traversata da Balme a Pian della Mussa (26/09/10)
    Ailefroide - Tete de la Draye Pets de Rupricaprins (19/09/10)
    Velan (Mont) Via Normale da Ollomont (12/09/10)
    Chambeyron (Brec de) Via Normale da Chiappera (29/08/10)
    Ronce (Pointe de) - Pointe du Lamet traversata dal Col du Lou al Signal du Lac (22/08/10)
    Strahlhorn Via normale dalla Britanniahutte (18/07/10)
    Allalinhorn cresta E (Hohlaubgrat) (17/07/10)
    Breithorn Centrale da Cervinia (11/07/10)
    Albaron di Savoia Via Normale da Pian della Mussa (10/07/10)
    Terrarossa (Cresta di) Versante NE (05/06/10)
    Albaron di Savoia da Pian della Mussa (23/05/10)
    Sommeiller (Punta) da Grange della Valle (22/05/10)
    Sommeiller (Punta) dal Ponte d'Almiane e il vallone di Almiane (16/05/10)
    Ortetti (Cima) da Cornetti (25/04/10)
    Chalanche Ronde (Punta di) da Pra Claud (21/04/10)
    Jumelles Sud (les) da les Boussardes per il Vallon du Fontenil (17/04/10)
    Chaberton (Monte) Parete S (10/04/10)
    Maunero (Rocca) quota 2387 m N-NO da Porcili (08/04/10)
    Bégo (Monte) da les Mesches (01/04/10)
    Grand Area Couloir N - Anello Buffere-Cristol (14/03/10)
    Echaillon (Crète de l') da Nevache (13/03/10)
    Raisins (Tete des) da les Roberts (06/03/10)
    Rasciassa (Punta) da Foresto (27/02/10)
    Moussiére (Col de), la Platte da Villard (21/02/10)
    Gran Pelà da Frais (20/02/10)
    Chiavesso (Cima) da Cornetti (23/01/10)
    Combeynot (Pic Ouest du) da Col du Lautaret (15/11/09)
    Niblè (Monte) Via Normale da Grange della Valle, anello per il Rifugio Vaccarone (31/10/09)
    Udine (Punta) Cresta Est (16/08/09)
    Lyskamm Occidentale Via Normale dal Rifugio Quintino Sella (06/08/09)
    Agneaux (Montagne des) Via Normale da Pré de Madame Carle (26/07/09)
    Noire (Ouille) da Pont de l'Aiguilette/Pont de la Neige (23/06/09)
    Rocciamelone da Malciaussia (14/06/09)
    Ciamarella (Uja di) da Pian della Mussa (13/06/09)
    Perduto (Colle) da Ceresole Reale (01/06/09)
    Grande Aiguille Rousse Parete NE (31/05/09)
    Combeynot (Roc Noir du) Couloir NO, Orient Express (25/04/09)
    Combeynot (Pic Est du) versante E couloir banane (18/04/09)
    Corbassera o Combassera Canale NE (23/03/09)
    Porco (Canalone del) dal Pian della Regina (21/03/09)
    Frioland (Monte) Diretta Sud (19/03/09)
    Prete (Torretta del) Versante Sud e spallone Est (15/03/09)
    Alpet (Cugno dell') Versante SE (14/03/09)
    Verzel (Punta di) Versante sud, canale centrale (22/02/09)
    Civrari (Monte, Punta della Croce) Canale Sud (15/02/09)
    Doubia (Monte) da Chialamberto (14/02/09)
    Salancia (Monte) da Certosa di Montebenedetto (08/02/09)
    Moross (Rocca) da Monti (28/01/09)
    Gran Munt da ex impianti Palit (17/01/09)
    Roc Neir (Monte) da Ponte del Dazio (16/01/09)
    Colombano (Monte) dal Ponte del Dazio (11/01/09)
    Uja (Cima dell) o Uja di Corio da Pian Audi/Case Picat di Ritornato, (04/01/09)
    Grifone (Truc del) da Chiampetto (03/01/09)
    Sourela (Punta) da Mollar (21/12/08)
    Leretta (Punta) e quota 2051m da Pian Coumarial per il versante SO (08/12/08)
    Arpelin (Cime de l') da le Laus per il Col Perdù (27/11/08)
    Sbarua (Rocca) Sperone Rivero - Bon Ton (23/11/08)
    Uja (Costiera dell') da Chiapili di Sopra (16/11/08)
    Rognosa del Sestriere (Punta) Canale e Parete NO (15/11/08)
    Ailefroide - Tete de la Draye Face sud - Ein, Zwei, Draye (19/10/08)
    Ronce (Pointe de) - Pointe du Lamet traversata dal Col du Lou al Signal du Lac (28/09/08)
    Chaberton (Monte) da Claviere per la Batteria Alta (07/09/08)
    Monviso Cresta Est (30/08/08)
    Gran Vaudala (Punta Nord) Canale Est (22/06/08)
    Fourà (Punta) dal Lago Serrù (15/06/08)
    Ramière (Punta) o Bric Froid da Rhuilles (04/05/08)
    Rosse (Rocce) 3366 m, vetta sciistica di Punta Maria da Pian della Mussa (02/05/08)
    Baraccon des Chamois (Punta) dalla Piana di San Nicolao (26/04/08)
    Costabella del Piz (Testa della) da Pietraporzio (06/04/08)
    Enchastraye (Monte) da Grange (05/04/08)
    Cassorso (Monte), cima Ovest da Chialvetta (30/03/08)
    Vanclava (Monte) o Tète de Vauclave da Chialvetta (23/03/08)
    Auto Vallonasso da Chialvetta (22/03/08)
    Grande Rousse, punte Nord e Sud da Surrier (24/02/08)
    Buffére (Col de la) da Nevache (18/02/08)
    Gran Pelà da Frais (20/01/08)
    Soglio (Monte) da Pian Audi (19/01/08)
    Sourela (Punta) da Mollar (13/01/08)
    Garitta Nuova (Testa di) da Serre (06/01/08)
    Sueur (Cima della) Canale Sud - Ravin de la Casse (02/01/08)
    Galibier (Pic Blanc du) dalla strada del Col du Lautaret (28/12/07)
    Crosa (Cima di) da Meire Bigoire (26/12/07)
    Verde (Roccia) da Bardonecchia e le Grange Chaffaux (22/12/07)
    Rossa di Sea (Punta) anticima 2764 m da Balme (02/12/07)
    Neire (Roc) Coulour Sole d'Autunno (01/12/07)
    Parey (Rocca) Via dei Torrioni (04/11/07)
    Senghi (Rocca) Via Ferrata (21/10/07)
    Fauset (Bec del) Anello da Balme (09/09/07)
    Pelvo d'Elva dal Colle della Bicocca, anello per il Monte Camoscere (02/09/07)
    Aouille (Becca dell') Ferrata Bethaz-Bovard (17/06/07)
    Bianca (Rocca) Via Ferrata CHIUSA (12/05/07)
    Malamot (Monte) o Pointe Droset da Piano San Nicolao (11/04/07)
    Chateau des Dames dalla Valtournenche (17/03/07)
    Rutor (Testa del) da Bonne (11/03/07)
    Arp Vieille (Mont) da Bonne (10/03/07)
    Loit (Cima), Punta Arbella, Uja d'Ingria da Frachiamo (04/03/07)
    Verzel (Punta) dall'Alpe Frera (11/02/07)
    Turge de la Suffie da le Laus (10/02/07)
    Viradantour (Monte) da Cervieres (03/02/07)
    Ombière (Pic) da Fontcouverte (21/01/07)
    Trois Evechés (Pic des), colletto ovest 3050 m per il Vallon de Roche Noire (20/01/07)
    Galibier (Pic Blanc du) dalla strada del Col du Lautaret (14/01/07)
    Galibier (Pic Blanc du) dalla strada del Col du Lautaret (14/01/07)
    Baude (Crete de) da Nevache (13/01/07)
    Uja (Costiera dell') da Chiapili di Sopra (07/01/07)
    Giassiez (Monte) o Giassez da Thures (05/01/07)
    Lunella (Punta) da Andriera per la Cresta Nord da Cima Lusera (31/08/06)
    Gran Paradiso da Pravieux per il Rifugio Chabod (20/08/06)
    Ciamarella (Uja di) Via Normale da Pian della Mussa (15/08/06)
    Levanna Orientale Via Normale da Forno Alpi Graie (13/08/06)
    Carro (Cima del) da Chiapili di Sopra per il Vallone del Carro (01/05/06)
    Basei (Punta) dal Lago del Serrù (30/04/06)
    Forno (Colle del) da diga di Ceresole (17/04/06)
    Pelato (Monte) da Pattemouche (15/04/06)
    Autour (Cima) da Cornetti (02/04/06)
    Nel (Bocchetta di) quota 2980 m cresta NE della Levannetta da Chiapili di Sotto (26/03/06)
    Civrari (Monte, Punta Imperatoria) da Niquidetto (14/03/06)
    Quinzeina o Quinseina (Punta Sud) da Chiapinetto (12/03/06)
    Angiolino (Cima dell') da Brancot (11/03/06)
    Sourela (Punta) da Mollar (04/03/06)
    Cialma (la) o Punta Cia da Carello (26/02/06)
    Verzel (Punta di) da Cappella Visitazione (11/02/06)
    Ovarda (Truc d') da Inversigni (05/02/06)
    Maniglia (Monte) da Sant'Anna (03/07/05)