gianni.savoia


Le mie gite su gulliver

Sciabilità :: ***** / ***** stelle
attrezzatura :: scialpinistica
Ieri dalla Lesache non si potevano non vedere i numerosi skialper che salivano e scendevano la pala del Gran Golliaz. Con le condizioni che ci sono nella valle del San Bernardo, testimoniate da un affluenza di scialpinisti mai vista, non si poteva, oggi, che andare li.
Siamo saliti passando dal vallone di Merdeux-Artereva, scavallando il col Sauliè, raggiungendo quindi il colle di Angroniette e l'anticima, e scendendo dal vallone di Tula, mentre altri tre amici incontrati sul percorso hanno fatto il tutto in senso inverso. Ambedue i valloni sono in ottime condizioni. La discesa dal Tula richiede attenzione nella parte bassa in quanto il vallone principale, a un certo punto, risulta interrotto salvo un traverso da brivido su pendii ripidi che, all'ora della discesa, non appare molto invitante. Meglio allora reperire un canalino ripido ma plausibile che, davanti e poco dopo le due baite poste sullo spartiacque fra i due valloni, scende sui pianori sottostanti.
Buona la pala finale anche se la parte centrale è un po' rigolata dai numerosi passaggi rigelati dei giorni precedenti. Sulla destra scendendo si trova invece ottima neve ben grippante ma bisogna accettare un'esposizione maggiore. Ampi pendii e neve primaverile ovunque. Neve sino all'auto, abbastanza veloce anche nella parte finale poco pendente.
Nota : L'altimetro ci segnala circa 1600 metri di dislivello, passando dal col Sauliè con le risalite del caso, e ci dà per l'anticima una quota superiore ai 3.109 dichiarati che sfiora i 3.200 ...

Con la cumpa di fede imperturbabile, Bruna, Giancarlo, Guido e Diego.
...e di fede ce ne voleva stamattina a svegliarsi alle 3.45 sotto il diluvio e andar su vedendo piovere sino a Quincinetto. In alto, invece : magia. Buon rigelo e tempo ottimo, salvo la nuvoletta che ci insegue da due settimane e dal Gelè si è spostata sul Golliazzo...

Parte alta vista dall'Aiguille di Lesache il 3.3.2012

Versol l'Alpe Merdeux

Verso il col Sauliè

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
Bella traversata agevolata dall'ottimo meteo.
Siamo saliti al Vertosan da sinistra e abbiamo valutato che i pendii in pieno sud fossero meno belli di quelli esposti a ovest, meno riscaldati. Siamo quindi scesi per il versante di salita cerando le esposizioni sud-ovest. Per lo stesso motivo, nella successiva salita, non abbiamo seguito l'itinerario più diretto al Monte Rosso, dove c'è una traccia, ma abbiamo fatto il giro più largo dove, sulle esposizioni sud-ovest, la neve era più piacevole da risalire. Buona la discesa dal Rosso.
Temevamo poi, vista l'ora, di trovare nevaccia in discesa dal Leissè.
I primi 100 metri in realtà erano oggettivamente bruttini, ma poi spostandoci a destra, sia pure in pieno pomeriggio, abbiamo rintracciato un valloncello-canale con neve trasformata (quella grigio-rosa quasi estiva) che ci ha condotto parecchio in basso con allegri scondinzoli. Usciti a sinistra dal valloncello, per tornare verso Vetan, abbiamo scoperto che nei prati la neve era pappa ma grazie allo spessore ridotto permetteva una discesa agevole e divertente. Arrivati all'auto sci ai piedi, senza toccare pietre, soddisfattissimi del giro.
Con l'ottima e resiliente cumpa di Bruna, Giancarlo e Guido.

Una gatta bisognosa di coccole spadroneggia nel parcheggio e assalta gli sci-alpinisti. Porre opportuna attenzione e tenere da parte un po' di prosciutto...


Il Fallere appare in ottime cundi...

Rosso di Vertosan e Vertosan

Uscita in cresta

Arrivo in vetta al Rosso

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: visto cadere valanghe a pera
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
attrezzatura :: scialpinistica
Gita difficile da valutare per gli aspetti controversi. Non volevamo fare la traversata ma puntavamo a una salita in quota per sfuggire la prevedibile calura, ma già alla partenza c'era mancanza di rigelo e 7 gradi alle sette del mattino. Tuttavia si parte e si arriva sci ai piedi all'auto. In salita, come in discesa, la neve migliora a monte del Crete-Seche. Il pendio finale, complice una fastidiosa nuvolaglia fantozziana, l'abbiamo salito sci in spalla e ramponi ai piedi, ma poi era ottimo in discesa. In discesa alternanza di parte belle e di altre meno piacevoli. In particolare il canale che porta alla conca superiore sottostante il colle è stato molto lavorato dal vento ed è quindi molto irregolare, e il conoide sottostante va evitato a sinistra in discesa in quanto ha pochissima neve. Buono il resto, a volte molto bello, finchè poi si scende sotto il rifugio e si inizia a trovare neve sfondosissima e bagnata da trattare con attenzione per non lasciarci le gambe. In questa zona sono cadute anche ieri slavine di superficie imponenti che hanno interessato pendii all'apperenza sicuri fra gli alberi e in prossimità delle baite e lungo la stradina. Saranno anche lente quando scendono, ma meglio non trovarsi in zona... L'impressione è che i prati, prima ancora che i canali, non reggano il peso della neve bagnata, nonostante la stagione, e che si debbano cominciare a considerare distacchi di fondo. Nella parte alta, con temperature meno anomale e con meno neve, la situaìzione appare meno pericolosa.
Con Bruna, Giancarlo, Edoardo e Benedetto.
Sciabilità :: **** / ***** stelle
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti dal ponte 1615 su itinerario di sud-est. Neve abbastanza abbondante su tutto il percorso. Ottima traccia a iniziare 50 metri dopo il ponte. La prima parte è oggettivamente scomoda ma superato il primo gradino boscoso l'ambiente si apre e si fa molto piacevole. Nonostante i -17 alla partenza, l'esposizione solare ci ha premiato con temperature sopportabili. In discesa, fatta sull'itinerario di salita, salvo la primissima parte di cresta che abbiamo evitato verso ovest, abbiamo trovato neve abbondante e di buona qualità; quasi sempre polvere ben sciabile, vale a dire senza il fastidioso fondo gelato che caratterizza altre zone. Nella parte più bassa, quando comunque avevamo già goduto il giusto, abbiamo evitato di scendere lungo la traccia di salita e ci siamo invece spostati a destra (ovest) seguendo evidenti tracce su interpoderale in piano, per poi scendere su pendii più aperti e alla fine in un canalone che ci ha riportato alla strada circa un chilometro a monte dell'auto che abbiamo poi raggiunto a piedi in pochi minuti seguendo la strada in piano. Nel complesso bella gita, nuova per tutti noi, ottimo ambiente e neve di primo ordine.
Con Bruna, Carlo, Edoardo, Giancarlo e Guido. Terminato in gloria ad Arnad
-24-

Ambiente di salita

Variante di discesa dalla cresta superiore

Parte bassa da ululato...

[visualizza gita completa]

sciabilità :: **** / ***** stelle
Oggi il Piure si è meritato quattro stelle. Anche se la farina non è più tale da poterlo risalire con sci ai piedi, il canale è in buone condizioni. Purtroppo il ramo di sinistra è abbastanza magro da non risultare invitante, ma tutto il resto è in ordine.
Si sale sci ai piedi sin quasi a metà, poi a piedi su buona traccia. Si esce poco sopra il colletto a sinistra ( dislivello calcolato 1285) per imboccare in discesa il canale poco più a destra.
Parte alta in farina pressata, a volte dura ma sempre buona e con grip gagliardo. Su alcune contropendenze si trova ancora farina.
Quando la pendenza cala, in corrispondenza dei primi alberi, risulta consigliabilissimo scavallare il bordo del canale a sinistra e in breve raggiungere ottimi pendii carichi di farina 'doppio zero'. Puntando dritto in basso senza farsi fregare da tracce che vanno troppo a sinistra, si raggiunge la stradina poco sopra Mascognaz sempre in farina.
Da Mascognaz meglio seguire la larga e invitante stradina (breve risalita di una ventina di metri), ottimamente battuta, che con percorso veloce e divertente riporta all'auto.
Chi è sceso dritto nel bosco non ha riportato altrettanto buone impressioni.

In salita, dal parcheggio, seguire il sentiero ben battuto, a volte un po' gelato, che porta a Mascognaz più velocemente.
Con Bruna. All'auto incontrati Ermes, Carlo, Mario & Maria, reduci da altra gitona nel vallone, altrettanto soddisfacente come neve.
Alla partenza -8. Giornata abbastanza fredda ma bellissima.
-22-


Bruna in discesa
Sciabilità :: *** / ***** stelle
attrezzatura :: scialpinistica
Era in effetti insperabilmente bello il Pebrun.
Dopo una mattinata velata, abbiamo temporeggiato in vetta ad attendere il liberarsi del cielo.Siamo quindi scesi sul versante francese per un buon tratto, spostandoci verso nord.
Quindi abbiamo ripellato per raggiungere il colle e, per buona misura, il cucuzzoletto fra il colle stesso e la Tre Vescovi.
Di qui bellissima discesa al sole del tardo pomeriggio.
Anche se la gorgia è percorribile, migliori, secondo noi, le pendenze sulla destra orografica con neve che passava da abbastanza bella a bella sino in fondo, sempre rimanendo a destra fin quando possibile. La parte bassa è battuta tipo pista. Con gli sci si arriva al tornante di partenza.

In salita prevedere rampanti o ramponi per l'ultimo traverso sotto la vetta dove la neve è veramente dura.

Neve in generale di vari tipi, tendenzialmente trasformata o compressa da vento. Senza troppa difficoltà si individuano comunque facilmente 'vene' di neve grutuluta o moquettosa che si seguono con piacere. Pietre non se ne toccano.
Con il tempo singolare di questa stagione, è difficile scegliere dove andare... Temperature di ieri mattina ore 6: Ciriè -2, Venaria 3, Rivoli 15, Rivalta 7, Carignano 0...
La lotteria ci ha quindi spinti a sud, dove la neve è poca, ma quella poca è bella e il vento lascia un po' di tregua.

Terminato in gloria alla Meridiana di Sambuco...
-21-
Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Ma quanto è bella questa gita!
Per noi la più bella della stagione e forse la più bella dalla Val d'Aosta...
Si parte dall'auto sci ai piedi, la neve c'è ed è sicura, per buona parte della gità è trasformata e primaverile vera, e il resto è del tutto dignitosa.
La cosa importante, poi, è che tutta la gita, anche la parte più bassa, si svolge su terreni ideali, e ottimamente sciabili.
Verso la fine, si fanno a piedi cinquanta metri per guadagnare la cresta, e poi si raggiunge velocemente la croce di vetta. Non conviene portarsi gli sci, ma volendolo fare si riesce a scendere con gli assi nei piedi anche quei cinquanta metri.
La discesa è divertimento puro per uno sviluppo e un dislivello considerevoli (partire presto per non dover rinunciare all'ultimo...).
Si arriva benissimo sino a Ruz, ma a voler fare gli sborroni si potrebbe scendere fino al fondovalle.

Quindi quattro stelle (e mezza) ben guadagnate, anche per l'ambiente eccezionale.

A voler essere pistini, bisognerebbe far risaltare come NON sia normale che una gita del genere vada in condizioni il 15 di gennaio : viol dire che qualcosa veramente non va.
E del resto oggi han fatto anche il Gelè...

Con Bruna, Carlo e Edoardo.
Rampanti molto utili, piccozza utile per il tratto a piedi, ramponi non indispensabili, per ora.
-20-
Sciabilità :: *** / ***** stelle
attrezzatura :: scialpinistica
Lignan era passata attraverso nevicate, bufere di vento e black-out elettrici, ma non si aspettava l'ennesima piaga: Gulliver.
Sin dalle prime luci truppe gulliveriane, alcune delle quali reduci dall'occupazione della Valpelline e dalla sanguinosa battaglia del Paglietta del giorno precedente, prendevano possesso dei parcheggi e davano l'assalto alla vetta.
Nulla poteva nemmeno la bufera, peraltro abbastanza fastidiosa nell'ultimo tratto, e alcune decine di assaltatori prendevano possesso della quota che livioo aveva indicato come meta agli ardimentosi.
Gran tritamento di pendii durante la discesa, resa meno soddisfacente solo dalla scarsa visibilità a causa dalla bufera.
Discreta farina in generale, anche nei boschi, salvo negli ultimi due-trecento metri prima delle auto dove la temperature alte hanno molto appesantito il manto nevoso. Qui però si può contare sulle larghe tracce dei gatti che hanno ben preparato le piste di fondo.
In generale la zona presenta un buon innevamento, poco compromesso dal vento, o per meglio dire molto meno che in altre valli. Gita abbastanza sicura.
Qualcuno ha salito il pendio diretto sopra gli alpeggi, ma non saprei dire se abbiano o meno raggiunto il colle o si siano fermati all'anticima. Il grosso delle truppe, è passato dal col Salvè.
-19-
sciabilità :: *** / ***** stelle
quota neve m. :: 1500
Si parte da Plampinet su stradina ben innevata e battuta. Nessun problema nella risalita, ottima traccia sino in vetta.
Nessun problema di sicurezza, la neve non è molta ed è assestata. In discesa la neve migliore è sulla sinistra orografica. Neve marcetta-umida-pesante abbastanza ben sciabile, anche se l'esposizione fà si che convenga scendere presto. Molti bugnun di neve, più o meno duri, a volte però infastidiscono. La neve non è molta soprattutto nella parte bassa del canale dove si passa bene ma occorre fare attenzione alle numerose pietre affioranti. Qui è meglio stare nel bosco rado dove si è conservata un pò di farinella.
Casco raccomandabile anche in salita per qualche blocco di ghiaccio che cade dalle pareti della destra orografica e qualche pietruzza smossa rotolante.
In generale gita raccomandabile da effettuarsi in tempi brevi, se non nevicasse nuovamente. Oggi una ventina di persone sul pendio a ravanarlo per benino.
Panorama notevolissimo.
Condizioni abbastanza buone in generale, ma un po' più di neve non guasterebbe.

Nessuna traccia, invece, sulla Pointe de Pecè dirimpetto.
Con Bruna e Giancarlo. 2 ore e 45 per la vetta, dall'auto.
-14-
Sciabilità :: *** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Le Villaret - bivio interpoderale (sbarra)
quota neve m :: 1200
attrezzatura :: scialpinistica
I tre 'fortissimi' (?) ricambiano e aggiungono la segnalazione di scendere, giunti al colletto nei pressi di Roche Baron, direttamente per prati a sinistra. Si evitano così i tratti di strada e i tornanti più bassi e quindi più ghiacciati, e si ritrova la strada al primo tornante ormai nei pressi delle auto.
Bella salita che lascia anche spazio per immaginarne altre nei pressi, come la bellissima Peyre-Eyraute dallo stupendo pendio finale. Un salutone a lgally che l'ha salita il 26.11. Si vedevano ancora le pennellate...
Scorci bellissimi sugli Ecrins, paesaggio notevole.
-13-
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Bernauda (Rocca) dalla Valle Stretta per il Vallone Bernauda (09/02/20)
    Deserta (Punta) da Alboni (26/01/20)
    Bellagarda (Monte) anticima 2878 m da Alboni (25/01/20)
    Crocetta (Cima della) da Alboni per il Versante SE (18/01/20)
    Gran Bernardè (Monte) Canale Ovest o della Spalla (15/01/20)
    Rossa di Sea (Punta) Canale Sud diretto (Cumba Granda) (11/01/20)
    Marguareis (Punta) da Carnino Superiore (15/12/19)
    Gialin (Punta) Cresta ESE (22/07/19)
    Bessun (Monte) da Vonzo per il Colle della Terra d'Unghiasse (07/07/19)
    Collerin (Monte) da Pian della Mussa (16/06/19)
    Sommeiller (Punta) Canale Sud-Ovest (04/06/19)
    Francesetti (Punta) da l'Ecot per il Refuge des Evettes (01/06/19)
    Merciantaira (Punta) o Grand Glaiza da les Fonds (05/05/19)
    Lombard (Pic) da les Fonds per il Versante Nord (04/05/19)
    Ischiator (Becco alto d') da Pietraporzio (28/04/19)
    Longet (Tete de) da Saint Veran (27/04/19)
    Roisetta (Mont, Punta Sud) da Cheneil (22/04/19)
    Celse Niere (Pointe de), anticima Sud da Ailefroide per il Vallon de Clapouse (20/04/19)
    Charvie (Cime de la) cima NO da le Bourget per la Combe du Lasseron (14/04/19)
    Montbrison (Dome de) dalla Combe Brune (13/04/19)
    Gran Pinier (le) da Les Violins (30/03/19)
    Combeynot (Pic du Lac de) da le Casset per il versante SE (24/03/19)
    Grand Galibier (le) da le Pont de l'Alpe (23/03/19)
    Enchiausa, Feuillas, Boeuf (Colli) da Chialvetta, giro dell'Oronaye (17/03/19)
    Gias dei Laghi (Testa) dal Vallone di Rio Freddo (14/03/19)
    Malinvern (Monte) da Terme di Valdieri (10/03/19)
    Tablasses (Testa di) da Terme di Valdieri, per il colle di Tablasses e il colle di Prefouns (02/03/19)
    Carbonè (Monte) da Trinità (27/02/19)
    Rossa di Sea (Punta) anticima 2764 m da Balme (24/02/19)
    Freide (Monte) da Lausetto per la Val Fissela (17/02/19)
    Ormea (Pizzo d') da Quarzina (16/02/19)
    Pignal (Serriera di) da Strepeis, giro del Colletto dei Camosci (14/02/19)
    Binec (Punta del Vallone del) da Tetti Trocello (09/02/19)
    Vaccarezza (Monte) e Cima dell'Angiolino da Saccona (12/01/19)
    Serene (Punta delle) da Balme, traversata Nord-Sud (05/01/19)
    Franci (Punta) o quota 2803 m da Balme (03/01/19)
    Rossa di Sea (Punta) anticima 2764 m da Balme (01/01/19)
    Golai (Punta) dall'Alpe d'Ovarda (22/07/18)
    Agriates (Deserte des) Traversata per sentiero costiero (02/07/18)
    Arnas (Punta d') o Ouille d'Arbéron da Avèrole (23/06/18)
    Galisia (Punta) dalla Diga del Serrù, giro valli Orco, Rhemes e Isère (17/06/18)
    Sommeiller (Punta) da Grange della Valle (10/06/18)
    Ghicet di Sea da Pian della Mussa (09/06/18)
    Carro (Cima del) da Chiapili di Sopra per il Vallone del Carro (02/06/18)
    Rosse (Rocce) 3366 m, vetta sciistica di Punta Maria da Pian della Mussa (01/06/18)
    Almiane (Punta di) dal Ponte d'Almiane (27/05/18)
    Midì (Ouille du) da Bonneval sur l'Arc (20/05/18)
    Autour (Cima) da Cornetti (18/05/18)
    Negra (Rocca) da San Bernolfo (13/05/18)
    Pian Ballaur (Cima) da Madonna d'Ardua (30/04/18)
    Maniglia (Punto nodale del) da Sant'Anna (28/04/18)
    Mongioia (Monte) o Bric de Rubren da Chianale (26/04/18)
    Faraut (Monte) e Buc Faraut da Sant'Anna, anello (22/04/18)
    Filon (Tète du) da Glacier (20/04/18)
    Sautron (Monte) da Saretto, anello per il Colle Sautron e il Monte Viraysse (02/04/18)
    Gran Bernardé (Monte) da Vonzo (16/02/18)
    Maunero (Rocca) da Vonzo (26/11/17)
    Planaval, Crosatie, Passo Alto (Colli) da La Clusaz , giro del Monte Paramont (12/08/17)
    Giro dei Giganti Tappa 6: Valtournenche - Ollomont (05/08/17)
    Livournea (Colle di) da Oyace, giro della Becca di Luseney per i colli Terray, Chaleby, Vessonaz (15/07/17)
    Golai (Punta) da Cornetti (17/04/17)
    Ortetti (Cima) da Cornetti (16/04/17)
    Lesache (Aiguille de) o des Sasses da Saint Rhemy (09/04/17)
    Grand Creton, sella quota 2870 m E/NE da Mottes (04/04/17)
    Fourchon (Mont) da Saint Rhemy (03/04/17)
    Serena (Costa di) quota 2739 m da Mottes (01/04/17)
    Ciorneva (Monte) cima Ovest 2920 m da Mondrone per il Vallone Vallonetto o Casias (15/03/17)
    Golai (Punta) dal Vallone d'Ovarda per il Pendio Sud (11/03/17)
    Fallére (Mont) spalla 2973 m Canale NO (18/02/17)
    Corleans (Cresta di) forcella 2730 m e quota 2806 m da Mottes (29/01/17)
    Piure (Punta) Canale Nord (27/01/17)
    Serena (Costa di) quota 2785 m da Mottes (22/01/17)
    Vertosan (Mont) da Parcheggio Flassin (21/01/17)
    Champillon (Col) da Chatelair (15/01/17)
    Ipertrail della Bora (05/01/17)
    Vallette (Cima delle) da Frais (27/12/16)
    Roeses (Tète des) dalla Diga di Place Moulin (07/11/15)
    La 100 porte (15/05/15)
    Gran Guglia Canali NE e N (12/04/15)
    UTMB - Ultra Trail Mont Blanc (29/08/14)
    Turu (Il) Giro da Fiano per Passo della Croce e Ponte del Diavolo (17/08/14)
    Gay (Becca di) dalla Diga di Teleccio (26/04/14)
    Punt del diau (Gran Fondo Trail) (05/10/13)
    Bolis (Colletto) Traversata Frise – Castelmagno (25/07/13)
    Grifone (Punta di) da Sant'Antonio (15/03/13)
    Autour (Cima) da Cornetti (11/03/13)
    Panè (Truc) da Perinera (03/03/13)
    Marguareis (Punta) da Carnino Superiore (10/02/13)
    Sueur (Cima della) Canale Sud - Ravin de la Casse (09/02/13)
    Tsa (Mont de la) da Buthier (01/01/13)
    Meidassa (Monte) da Pian della Regina (30/12/12)
    Rossa di Sea (Punta) anticima 2764 m da Balme (29/12/12)
    Vallette (Cima delle) da Frais (15/12/12)
    Briccas o Trucchet da Brich (02/12/12)
    Lungin (Monte) da Pattemouche (25/11/12)
    Pelato (Monte) da Pattemouche (24/11/12)
    Casto (Monte) da Andorno Micca (28/10/12)
    Jacquette (Tète de) da Chateau Queyras, giro per Sommet Bucher, colli Prés de Fromage, Fromage, Estronques (21/10/12)
    Chentre Carlo - Bionaz Ettore (Bivacco) da La Ferrèra (07/10/12)
    Invergneux (Colle) da Cogne, giro valloni Urtier - Grauson (06/10/12)
    Tor des Geants (09/09/12)
    Obergabelhorn Arbengrat e traversata alla Rotornhutte (27/08/12)
    Herens (Dent d') Cresta Tiefenmatten (19/08/12)
    Lera (Monte) e Punta Sulè da Malciaussia, anello di cresta (15/08/12)
    Gran Trail Valdigne 20 - 50 - 100 Km (15/07/12)
    Van (Passo del) da Roaschia, traversata in Valle Gesso (08/07/12)
    Trail Oasi Zegna T.O.Z. (10/06/12)
    Rocciamelone da Malciaussia (02/06/12)
    Soglio (Monte) da Forno, Trail del Monte Soglio (16, 36, 71 km) (27/05/12)
    Le Porte di Pietra (12/05/12)
    Maratona alpina Val della Torre (22/04/12)
    Tos (Becca di) da Revers (09/04/12)
    Roccia Viva Canale Coolidge (01/04/12)
    Ondezana (Punta d') da Diga di Teleccio (31/03/12)
    Vallone (Testa del) da Pontebernardo (28/03/12)
    Piz (Becco Alto del) da Pontebernardo (28/03/12)
    Blanchen (Petit Becca) da Chamen (25/03/12)
    Vallone (Testa del) da Pontebernardo (19/03/12)
    Borgonio (Cima) da Pontebernardo (19/03/12)
    Borgonio (Cima) da Pontebernardo (18/03/12)
    Tenibres (Monte) da Pietraporzio (17/03/12)
    Cobre, cima Sud Canale Nord (11/03/12)
    Forciaz (Mont) da Valgrisenche (09/03/12)
    Grand Golliaz, anticima 3189 m da Mottes (04/03/12)
    Vertosan (Monte Rosso di) da Vetan, anello per Punta Leissè (29/02/12)
    Gelé (Mont) da Ruz (25/02/12)
    Grand Pays da Clemensod (05/02/12)
    Piure (Punta) Canale Nord (26/01/12)
    Pebrun (Monte) da Grange di Argentera (22/01/12)
    Noeud de la Rayette da Ruz (15/01/12)
    Chaleby (Col) quota 2695 m da Lignan (08/01/12)
    Sueur (Cima della) Canale Sud - Ravin de la Casse (28/12/11)
    Alpavin (Crete de l') da Saint-Martin-de-Queyrières (27/12/11)
    Gioffredo (Punta) da San Bernolfo (11/12/11)
    Carro (Cima del) da Chiapili di Sopra per il Vallone del Carro (26/11/11)
    Ramière (Punta) o Bric Froid diretta Versante Nord (25/11/11)
    Pianarella (Bric) Amicizia (31/10/11)
    Bellino (Monte) da Acceglio, giro per il Vallone Maurin (09/10/11)
    Chavannes (Col des) da Prè Saint Didier, discesa in Val Veny (01/10/11)
    Tor des Geants (11/09/11)
    Viraysse (Tete de) anello da Bersezio per i colli della Maddalena e de la Gipiere d'Oronaye (28/08/11)
    Rocca Brancia (Passo di) da Ponte Marmora, anello per i colli Preit, Margherina, Fauniera, Esischie (15/08/11)
    Soglio (Monte) da Forno, Trail del Monte Soglio (16, 36, 71 km) (29/05/11)
    Alphubel dalla Langfluehutte (08/05/11)
    Leone (Monte) dal Passo del Sempione (07/05/11)
    Grande Rousse, punte Nord e Sud da Surrier (25/04/11)
    Ormelune Ovest (Punta) dalla Valgrisenche (24/04/11)
    Autaret (Testa dell') da Strepeis (22/04/11)
    Ubac (Testa dell') da Pontebernardo (21/04/11)
    Scaletta (Monte) Canale NE (20/04/11)
    Cassorso (Monte), cima Ovest da Chialvetta (19/04/11)
    Galisia (Punta) da Chiapili di Sopra, anello per i colli d'Oin e Nivolettaz (16/04/11)
    Marchisa (Rocca la), Pic de Sagneres, Monte Chersogno da Chiazale, giro per il Colle di Vens (11/04/11)
    Maniglia (Monte) da Sant'Anna (10/04/11)
    Faraut (Monte) e Buc Faraut da Sant'Anna, anello (09/04/11)
    Sommeiller (Punta) da Grange della Valle (02/04/11)
    Français Pelouxe (Monte) da Balboutet (27/03/11)
    Civrari (Monte, Punta Imperatoria) da Niquidetto (26/03/11)
    Torretta (la) da Trovinasse (25/03/11)
    Grand Area Couloir N - Anello Buffere-Cristol (07/03/11)
    Rossa di Sea (Punta) Traversata da Balme a Pian della Mussa (26/09/10)
    Ailefroide - Tete de la Draye Pets de Rupricaprins (19/09/10)
    Velan (Mont) Via Normale da Ollomont (12/09/10)
    Chambeyron (Brec de) Via Normale da Chiappera (29/08/10)
    Ronce (Pointe de) - Pointe du Lamet traversata dal Col du Lou al Signal du Lac (22/08/10)
    Strahlhorn Via normale dalla Britanniahutte (18/07/10)
    Allalinhorn cresta E (Hohlaubgrat) (17/07/10)
    Breithorn Centrale da Cervinia (11/07/10)
    Albaron di Savoia Via Normale da Pian della Mussa (10/07/10)
    Terrarossa (Cresta di) Versante NE (05/06/10)
    Albaron di Savoia da Pian della Mussa (23/05/10)
    Sommeiller (Punta) da Grange della Valle (22/05/10)
    Sommeiller (Punta) dal Ponte d'Almiane e il vallone di Almiane (16/05/10)
    Ortetti (Cima) da Cornetti (25/04/10)
    Chalanche Ronde (Punta di) da Pra Claud (21/04/10)
    Jumelles Sud (les) da les Boussardes per il Vallon du Fontenil (17/04/10)
    Chaberton (Monte) Parete S (10/04/10)
    Maunero (Rocca) quota 2387 m N-NO da Porcili (08/04/10)
    Bégo (Monte) da les Mesches (01/04/10)
    Grand Area Couloir N - Anello Buffere-Cristol (14/03/10)
    Echaillon (Crète de l') da Nevache (13/03/10)
    Raisins (Tete des) da les Roberts (06/03/10)
    Rasciassa (Punta) da Foresto (27/02/10)
    Moussiére (Col de), la Platte da Villard (21/02/10)
    Gran Pelà da Frais (20/02/10)
    Chiavesso (Cima) da Cornetti (23/01/10)
    Combeynot (Pic Ouest du) da Col du Lautaret (15/11/09)
    Niblè (Monte) Via Normale da Grange della Valle, anello per il Rifugio Vaccarone (31/10/09)
    Udine (Punta) Cresta Est (16/08/09)
    Lyskamm Occidentale Via Normale dal Rifugio Quintino Sella (06/08/09)
    Agneaux (Montagne des) Via Normale da Pré de Madame Carle (26/07/09)
    Noire (Ouille) da Pont de l'Aiguilette/Pont de la Neige (23/06/09)
    Rocciamelone da Malciaussia (14/06/09)
    Ciamarella (Uja di) da Pian della Mussa (13/06/09)
    Perduto (Colle) da Ceresole Reale (01/06/09)
    Grande Aiguille Rousse Parete NE (31/05/09)
    Combeynot (Roc Noir du) Couloir NO, Orient Express (25/04/09)
    Combeynot (Pic Est du) versante E couloir banane (18/04/09)
    Corbassera o Combassera Canale NE (23/03/09)
    Porco (Canalone del) dal Pian della Regina (21/03/09)
    Frioland (Monte) Diretta Sud (19/03/09)
    Prete (Torretta del) Versante Sud e spallone Est (15/03/09)
    Alpet (Cugno dell') Versante SE (14/03/09)
    Verzel (Punta di) Versante sud, canale centrale (22/02/09)
    Civrari (Monte, Punta della Croce) Canale Sud (15/02/09)
    Doubia (Monte) da Chialamberto (14/02/09)
    Salancia (Monte) da Certosa di Montebenedetto (08/02/09)
    Moross (Rocca) da Monti (28/01/09)
    Gran Munt da ex impianti Palit (17/01/09)
    Roc Neir (Monte) da Ponte del Dazio (16/01/09)
    Colombano (Monte) dal Ponte del Dazio (11/01/09)
    Uja (Cima dell) o Uja di Corio da Pian Audi/Case Picat di Ritornato, (04/01/09)
    Grifone (Truc del) da Chiampetto (03/01/09)
    Sourela (Punta) da Mollar (21/12/08)
    Leretta (Punta) e quota 2051m da Pian Coumarial per il versante SO (08/12/08)
    Arpelin (Cime de l') da le Laus per il Col Perdù (27/11/08)
    Sbarua (Rocca) Sperone Rivero - Bon Ton (23/11/08)
    Uja (Costiera dell') da Chiapili di Sopra (16/11/08)
    Rognosa del Sestriere (Punta) Canale e Parete NO (15/11/08)
    Ailefroide - Tete de la Draye Face sud - Ein, Zwei, Draye (19/10/08)
    Ronce (Pointe de) - Pointe du Lamet traversata dal Col du Lou al Signal du Lac (28/09/08)
    Chaberton (Monte) da Claviere per la Batteria Alta (07/09/08)
    Monviso Cresta Est (30/08/08)
    Gran Vaudala (Punta Nord) Canale Est (22/06/08)
    Fourà (Punta) dal Lago Serrù (15/06/08)
    Ramière (Punta) o Bric Froid da Rhuilles (04/05/08)
    Rosse (Rocce) 3366 m, vetta sciistica di Punta Maria da Pian della Mussa (02/05/08)
    Baraccon des Chamois (Punta) dalla Piana di San Nicolao (26/04/08)
    Costabella del Piz (Testa della) da Pietraporzio (06/04/08)
    Enchastraye (Monte) da Grange (05/04/08)
    Cassorso (Monte), cima Ovest da Chialvetta (30/03/08)
    Vanclava (Monte) o Tète de Vauclave da Chialvetta (23/03/08)
    Auto Vallonasso da Chialvetta (22/03/08)
    Grande Rousse, punte Nord e Sud da Surrier (24/02/08)
    Buffére (Col de la) da Nevache (18/02/08)
    Gran Pelà da Frais (20/01/08)
    Soglio (Monte) da Pian Audi (19/01/08)
    Sourela (Punta) da Mollar (13/01/08)
    Garitta Nuova (Testa di) da Serre (06/01/08)
    Sueur (Cima della) Canale Sud - Ravin de la Casse (02/01/08)
    Galibier (Pic Blanc du) dalla strada del Col du Lautaret (28/12/07)
    Crosa (Cima di) da Meire Bigoire (26/12/07)
    Verde (Roccia) da Bardonecchia e le Grange Chaffaux (22/12/07)
    Rossa di Sea (Punta) anticima 2764 m da Balme (02/12/07)
    Neire (Roc) Coulour Sole d'Autunno (01/12/07)
    Parey (Rocca) Via dei Torrioni (04/11/07)
    Senghi (Rocca) Via Ferrata (21/10/07)
    Fauset (Bec del) Anello da Balme (09/09/07)
    Pelvo d'Elva dal Colle della Bicocca, anello per il Monte Camoscere (02/09/07)
    Aouille (Becca dell') Ferrata Bethaz-Bovard (17/06/07)
    Bianca (Rocca) Via Ferrata CHIUSA (12/05/07)
    Malamot (Monte) o Pointe Droset da Piano San Nicolao (11/04/07)
    Chateau des Dames dalla Valtournenche (17/03/07)
    Rutor (Testa del) da Bonne (11/03/07)
    Arp Vieille (Mont) da Bonne (10/03/07)
    Loit (Cima), Punta Arbella, Uja d'Ingria da Frachiamo (04/03/07)
    Verzel (Punta) dall'Alpe Frera (11/02/07)
    Turge de la Suffie da le Laus (10/02/07)
    Viradantour (Monte) da Cervieres (03/02/07)
    Ombière (Pic) da Fontcouverte (21/01/07)
    Trois Evechés (Pic des), colletto ovest 3050 m per il Vallon de Roche Noire (20/01/07)
    Galibier (Pic Blanc du) dalla strada del Col du Lautaret (14/01/07)
    Galibier (Pic Blanc du) dalla strada del Col du Lautaret (14/01/07)
    Baude (Crete de) da Nevache (13/01/07)
    Uja (Costiera dell') da Chiapili di Sopra (07/01/07)
    Giassiez (Monte) o Giassez da Thures (05/01/07)
    Lunella (Punta) da Andriera per la Cresta Nord da Cima Lusera (31/08/06)
    Gran Paradiso da Pravieux per il Rifugio Chabod (20/08/06)
    Ciamarella (Uja di) Via Normale da Pian della Mussa (15/08/06)
    Levanna Orientale Via Normale da Forno Alpi Graie (13/08/06)
    Carro (Cima del) da Chiapili di Sopra per il Vallone del Carro (01/05/06)
    Basei (Punta) dal Lago del Serrù (30/04/06)
    Forno (Colle del) da diga di Ceresole (17/04/06)
    Pelato (Monte) da Pattemouche (15/04/06)
    Autour (Cima) da Cornetti (02/04/06)
    Nel (Bocchetta di) quota 2980 m cresta NE della Levannetta da Chiapili di Sotto (26/03/06)
    Civrari (Monte, Punta Imperatoria) da Niquidetto (14/03/06)
    Quinzeina o Quinseina (Punta Sud) da Chiapinetto (12/03/06)
    Angiolino (Cima dell') da Brancot (11/03/06)
    Sourela (Punta) da Mollar (04/03/06)
    Cialma (la) o Punta Cia da Carello (26/02/06)
    Verzel (Punta di) da Cappella Visitazione (11/02/06)
    Ovarda (Truc d') da Inversigni (05/02/06)
    Maniglia (Monte) da Sant'Anna (03/07/05)