filsodo


Le mie gite su gulliver

sciabilità :: ***** / ***** stelle
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo non portante
Itinerario bellissimo, sia per l'ambiente che per la qualità della discesa. Il dazio da pagare è stato una fatica notevole per "scavare" una traccia nella Nord; infatti ci sono 50-60cm di polvere da pestare-abbrancare fino in cresta. Inutile dire che in cima ero stanco davvero. La discesa: pazzesca, mai sceso un pendio così con della neve del genere, vale veramente la pena.

l'inizio della discesa
sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: aperto
quota neve m. :: 2500
itinerario davvero impegnativo con esposizione costante, con un pò di ghiaccio seminascosto nella parte alta che tra l'altro presenta una pend. di 55° pieni. Il resto era di neve compatta appena ammorbidita dal sole. Inizio discesa alle 10,00 termine alle 10,20
sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: aperto
quota neve m. :: 2400
gran bella gita! Salito la sera al bivacco Rainetto con neve dai 2700 e partito l'indomani alle 5,40 per arrivare in vetta all'Aiguille de Trelatete alle 8,00; discesa direttamente dalla vetta su firn fantastico con buona pendenza, 40-45° per 300m, e raggiungo l'imbocco del couloir NE alle 8,40. Primi 50 m in stretto canalino fra rocce affioranti e poi largo splendido canale con ottimo firn e pendenza fra i 50° max in alto e 40-45° in basso, fino al salto della terminale sul lato sinistro alle 9,00.

P.S. scendere fra le 8,30 e le 10,00 non prima e/o dopo per possibili scariche
sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m. :: 2000
Che dire? Il canale è davvero splendido, pendenza continua, ambiente selvaggio...In sintesi: partiti alle 6,45 dal biv. Varrone (freddo e umido) alle 8,45 siamo al colletto. Neve dura in superficie, ma si saliva benissimo; attendiamo fino alle 10,00 ed escono altri 3 impavidi sciatori. Iniziamo allora a scendere sebbene sia ancora in ombra e la neve è davvero dura, un pò di derapage con qualche curvetta stretta nei primi 200m poi sebbene ugualmente dura il canale si allarga e permette di curvare con più tranquillità. La parte terminale appena scaldata dal sole era ancora meglio... ci fermiamo al sole in fondo e guardiamo questo splendido lenzuolo fra le rocce. Un consiglio: scendete alle 11,30 se di notte ha gelato in modo da trovarlo appena scaldato.