barrosismo


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Dall'arrivo della funivia di Hohsaas bisogna passare sotto le cabine e dirigersi in leggera discesa su una stradina (ora innevata e con profonde peste) in direzione NE. Alla fine della stradina inizia una traccia che segnalata da ometti traversa su rocce montonate, terriccio e sfasciumi in direzione del paretone roccioso. Gli ometti portano al traverso esposto protetto da cavo sottile. Forse è proprio questo il punto più pericoloso della gita...Dopo questo breve tratto si sale su evidente traccia ripidissima, usando ogni tanto anche le mani, fino al colletto caratterizzato da due enormi ometti che immette al ghiacciaio. Questo è in realtà un nevaione tranquillo. Con grande fatica per il mancato acclimatamento (se come me salite in giornata da Saas Grund), si arriva all'inizio della cresta. Una landa di sfasciumi, che con grande sorpresa ho trovato stabili, pochi passi di arrampicata e per 350 m di dislivello si arranca alla ricerca del passaggio migliore e degli ometti. Esposizione quasi assente. La neve è presente da 200 m sotto la vetta. Attenzione agli ultimi 50 m che sono ghiacciati, pendenza minima ma attenzione e ramponi obbligatori. Passo di 2° sotto la vetta non pervenuto. Panorama ottimo, nonostante le nebbie sul lato ossolano. Discesa facile, solo occhio a cercare gli ometti. A fine ghiacciaio verso sinistra faccia a valle per Hohsaaas, le tracce verso destra portano a Kreuzboden/Weissmieshutte (io ho sbagliato e ho vinto 80-100 m in più di risalita). Una ventina di persone sul percorso, tutte dalla Weissmieshutte, eccetto 4 francesi che alle 12.30 ancora arrancavano a più di 200 m dalla cima. Itinerario facile (con queste condizioni PD è troppissimo), ma attenti in caso di nebbia, immagino che in quelle condizioni l'orientamento non sia per nulla semplice. 41 CHF la funivia per Hohsaas a/r, parcheggio a Saas Grund 12 CHF.
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
Bella via con pochi punti difficili. Roccia ottima, un po' d'erba e terra in alcune parti. Abbiamo concatenato i primi due tiri ma dato l'attrito creatosi non è un'opzione che consiglio. Non banale il traversino di 4+ e nemmeno così semplice il 7 tiro che ha alcuni passi di 5°. Problemi di comunicazione a causa del vento e del rumore proveniente dall'autostrada. Nome azzeccato: spesso si gattona sulla roccia cercando aderenza di placca! Discesa semplice col sentiero, in un attimo alla macchina.
Grazie mille a Silvia che si tira tutta la via senza nessun problema! Bel ripasso di movimenti e manovre fuori dalla mia comfort-zone.
Giudizio Complessivo :: ** / ***** stelle
Fatta giusto per portare a casa un 4000. Ambiente devastato dagli impianti e disturbo totale per la presenza di innumerevoli e molto rumorosi gatti delle neve. A Saas Fee solo mezzi elettrici, ma sul ghiacciaio enormi gru a gasolio, valli a capire gli svizzeri! 14 CHF park per un giorno, poi 75 CHF per fare da Saas Fee fino al Mittelallalin (compreso un primo incomprensibile tratto di cabinovia), passando dal Felskinn. Metro Alpin improponibile! Contesto glaciale (in passato doveva essere strepitoso) completamente distrutto.
Gita fatta nel contesto corretto: nuvole, sole, caldo, panorami accettabili. Un posto come questo non si merita la spesa di una giornata splendida, meglio andare altrove.
Occhio ad un paio di punti in cui si vede il blu sotto! Non sottovalutare il pericolo crepacci, che ci sono eccome, ed alcuni ponti che non sembrano così solidi. A parte questo nulla: nessun punto ripido, nessun punto esposto. I pericoli oggettivi sono creati dal fatto che la traccia per lunghi tratti passa proprio sotto il tiro di alcuni enormi seracchi. In caso di nebbia potrebbe non essere così semplice districarsi tra i seracchi. Un po' di ghiaccio nel pendio sotto la cima ma date le pendenze nessun problema. Attenzione ad un inquietante buco con ponte debole a pochi metri dalla croce. Almeno 50 persone in vetta oggi.
Con Davide in una lunga giornata svizzera nella bellissima ed "economica" Saas Fee.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Pochi posti a Bugliaga
Itinerario tutto al sole, a parte brevi tratti di bosco. Splendide fioriture e ottimi panorami fin dalla partenza. Sentiero ben segnalato e bivi evidenti. Lunghi tratti ripidi permettono di guadagnare quota velocemente. Due punti acqua nei pressi degli alpeggi. Dal passo Possette calcolare ancora 30 minuti per la vetta, il dislivello da lì è poco ma la cima è lontana. Ottimo il panorama sul fondovalle e sul gruppo Weissmies-Andolla-Lagginhorn-Fletschorn. Monte Leone vicinissimo e torreggiante. Percorso facile e totalmente assente da pericoli oggettivi in assenza di neve. In cima in tre ore, all'auto in poco più di due. Occhio solo ad alcuni tratti poco sotto la cima in cui la traccia passa vicino al baratro, bambini al guinzaglio!
Ogni volta che ci muoviamo per un'escursione io ed Eleonora troviamo una gara. Questa volta era di corsa in montagna. Tutto molto bello, certo che potevano risparmiarsi la musica a tutto volume sparata a 100 dB dalla cima verso il passo Possette, e poi grande odio personale per le vuvuzelas di incitamento. Sfuggi dalla città per cercare pace in montagna e trovi tutto sto bordello di trombette stonate!
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
note su accesso stradale :: OK a Campiglia in piazza
Dopo qualche centinaio di metri di strada abbiamo girato a destra su bel sentiero, indicazione San Besso su cartello di legno e segni bianco-rossi evidenti. Ambiente meraviglioso con fiori multicolore e prati verdissimi. Salendo il panorama si apre verso la Torre di Lavina e in breve si è ai pratoni poco prima di San Besso. Nei pressi della cascata abbiamo visto 5-6 marmotte e i primi camosci. Dal santuario siamo saliti verso il nevaio di valanga sotto la Rosa dei Banchi e sempre seguendo il sentiero, con brevi tratti innevati ma innocui siamo arrivati nei pressi del colle. Qui verso sinistra in breve sulla punta che domina il fondovalle. Panorama un po' chiuso dalle alte montagne tutt'intorno. Discesa verso il nevaio e poi da San Besso evitata la strada per gara ciclistica.
Ottima risposta del ginocchio infortunato, come prima uscita dopo un po', mi accontento alla grande di questo. Peccato per le vesciche e il mal di gambe di oggi, conseguenze dello scarso allenamento forzato. Con Eleonora.
Sciabilità :: * / ***** stelle
osservazioni :: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: Strada interrotta per frana a quota 1280m
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
L'itinerario non è così semplice come riportato in questa relazione. Una frana blocca la strada a 1280m, poi scopriamo che in realtà è proprio la strada ad essere collassata poco più in alto, impressionante. Serviranno dei lavori importanti per renderla percorribile. Nessuna traccia presente, sentieri inerbiti, quota neve alta: impossibile trovare altri matti sull'itinerario. Ravanata epica con tanto di guado per trovare il sentiero al ponte di Le Selle, poi scopriamo che potevamo seguire la mulattiera fino all'Alpe di quota 1750. Neve continua da 1800m, molto bagnata. Nessun segno presente, se non due bolli rossi e bianchi poco oltre l'alpeggio. Battiamo traccia in direzione corretta, ed ecco le sorprese: 4-5 assestamenti violenti nel pianoro, contemporaneamente inizia a dolermi il ginocchio senza motivo. Batto traccia su neve pessima e a tratti pure ventata, nel frattempo non solo il dolore aumenta ma il sole sparisce dietro una coltre di nuvole pesanti. Arrivati a 2300m con l'iniziare del nevischio e all'ennesimo assestamento tipo sparo, saggio dietro-front. Mi si rompe anche la macchina foto! Discesa pessima su neve tipo colla per le piastrelle.Sulla neve me la cavo senza cadute ma divertimento zero. A fine neve ginocchio definitivamente andato e 2 ore per fare 3 km di strada asfaltata. Rimane l'ambiente selvaggio e la sensazione di essere in un luogo bellissimo e dimenticato. Grazie e Meme per la solita ottima compagnia. Telefoni senza rete per tutta la gita.
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Parcheggio ok nei pressi del rif Porta
Neve da quota 1800m, non usando le catene è una bella sfida, specialmente nei tratti ghiacciati che diventano di misto non banale. Azzerando i brevi tratti attrezzati la difficoltà è escursionistica. Alba magica sui ripidi tratti nei pressi dei Torrioni Magnaghi, poi s'è alzato uno strano vento da sud e immediatamente delle nuvole di calore arrivano ad abbracciare la cima. Panorama limitato, peccato. Discesa sulla Cermenati, ormai un caso conclamato di dissesto idrogeologico.
Con Davide, che nonostante sia distante dalle montagne da un po', dimostra buona gamba. Che piacere ritrovarsi, e che discorsi seri in discesa...
Sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Strada aperta e pulita fino al park di Thumel
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
-1°C a Thumel alle 7. Convinto del rialzo termico speravo in qualcosa di meglio a livello di neve. In salita ho seguito il sentiero estivo spallando gli sci fino a 15 minuti prima del Benevolo, in discesa conviene stare il più alti possibile a destra dopo il ponte e con un traverso in piano si scende bene fino al ponticello. Con un tratto di sentiero estivo si arriva alle baite di Thumel e poi con gli sci sulla strada fino a pochi metri dalla macchina. Impressionanti le valanghe cadute in val di Rhemes quest'inverno, fin sulla strada in almeno un paio di punti. Solito ambiente grandioso e gita di soddisfazione nonostante il vento che nella parte alta e in cima mi ha gelato le ossa. Ci sono varie possibilità di salita nel tratto sotto l'inizio del ghiacciaio. Nessun crepaccio avvistato. Tantissimi francesi in giro saliti dal Prariond. Primo tratto dalla cima neve polverosa riportata, ma è breve. Poi ecco del firn marmoreo, poi sastrugi e tratti di crostone da vento. Dove non crostosa, fino a quota 3000 la neve era durissima e carta vetrata... Più in basso molto meglio ma nel complesso gita d'ambiente e non certo di grande sci, visti anche gli inevitabili sali-scendi prima del Benevolo. Prime marmotte in giro!
Sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: Ticket 5 euro solo monete alla macchinetta al ponte di Filorera a inizio strada
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
Occhio alla multa di 110 euro se non fate il ticket, sembra che salgano tutti i giorni a controllare. Macchinetta al ponte di Filorera ad inizio strada, solo monete metalliche. Neve a 30-35 minuti dalla macchina. Traccia di salita poco visibile nei pianori prima del ghiacciaio ma percorso ovvio. Sul ghiacciaio ho usato i coltelli per ripidità e neve durissima. Traccia evidente solo negli ultimi 200 m di dislivello prima della sella. Deposito sci alla Sella di Pioda, picca e ramponi e via verso la cresta. Vento gelido a folate ma neve perfetta. Cresta in ottime condizioni, qualche cornice un po' sottile ma per ora sembra tutto molto stabile. Tratti di misto e qualche trasferimento su neve a 35-40°, poi si disarrampica qualche lama di pietra un po' ostica. Pala finale con ghiaccio e roccette, non proprio una passeggiata soprattutto in discesa. Spettacolare vista sulla parete Nord che presenta 20-30 m di ghiaccio scoperto verso l'uscita. Vetta con segnale trigonometrico e panorama che risulta inutile essere raccontato, a un passo dalle lacrime. Discesa attenta senza grossi ravanamenti fino al deposito sci. Parte scialpinistica molto facile per neve ottima, solo nella parte finale un po' pesante ma era anche tardi. Partenza alle 5.40 da Preda Rossa, arrivo alle 9.20 alla Sella di Pioda, 11 sono in vetta, 12.20 ritorno alla Sella di Pioda. Consigliata ancora per qualche giorno a patto di scendere presto per evitare il polentone.
Sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Strada pulita e comodo parcheggio a Planaval
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Indeciso e dubbioso scelgo questa gita dopo aver letto gli entusiasti report di ieri. Ebbene sì, i gulliveriani Coste e Rok non sbagliavano, le condizioni che ho trovato si possono definire eccezionali. Difficile immaginare condizioni migliori. Parto dall'auto sulla stradina alta che sembra avere più neve del pianoro, in realtà non cambia molto. Nel lungo falsopiano neve non sempre raccordata ma alla fine con un po' di togli metti arrivo al canale della normale estiva. Qui condizioni al limite, tolgo subito gli sci sui ripidi e salgo a piedi su erba e tracce di sentiero, poi nella parte alta ramponi indispensabili ma pendenza che non necessita la piccozza. Qualche sfondamento e tanta attenzione a stare ben lontano dal fiumiciattolo che scorre sotto. Ai pianori superiori innevamento continuo e neve dura e grippante. Arrivo in un attimo al canale ripido, e qui mi si bagnano un po' le pelli e sono costretto a fare dei tratti a piedi per non scivolare. Dalla cima del canale lungo pianoro che porta al pendio finale, molto meno ripido del canale precedente. Cima raggiunta in 3 ore e 20 minuti. Vetta acuminata con panorama fotonico sul gruppo del Bianco e su un oceano di bellezza alpina che risplende intorno. Discesa facile su neve consistenza crema perfetta, firn da sballo. Affronto il canale con timore reverenziale ma la neve è perfetta e scendo accorto ma senza nessun problema. Con un bel po' di racchettate cerco di prendere il canale tutto a destra ma ho troppi dubbi e torno alla normale che scendo ovviamente a piedi coi ramponi. Visti quattro skialp scendere in sci in questo tratto, complimenti. Dalla base del canale si arriva in sci fin quasi all'auto con qualche tratto di erba.
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Breithorn dal Passo del Sempione (18/11/18)
    Bussola (Corno) da Estoul, anello per il Colle Palasina e Punta del Lago (20/10/18)
    Legnone (Monte) dai Roccoli Lorla (13/10/18)
    Adamello (Monte) Via Terzulli dalla Val Miller (05/10/18)
    Bianco (Corno) dalla Val Vogna (29/09/18)
    Cengalo (Pizzo) Via Normale da Bagni del Masino (23/09/18)
    Paramont (Monte) Via Normale da la Joux (15/09/18)
    Benevolo (Rifugio) da Thumel (22/07/18)
    Polluce Versante Ovest (08/07/18)
    Roccia Nera e Gemello del Breithorn da Plateau Rosa (07/07/18)
    Rochefort (Aiguille de) Cresta di Rochefort (01/07/18)
    Gran Paradiso da Pont Valsavarenche per il Rifugio Vittorio Emanuele II (21/06/18)
    Dammastock dall'Hotel Belvedere (16/06/18)
    Grande Aiguille Rousse dal Lago Serrù e il Col d'Oin (10/06/18)
    Ormelune Ovest (Punta) dalla Valgrisenche (02/06/18)
    Valfredda (Punta) dal Ponte d'Almiane (26/05/18)
    Gran Truc da Crò per il versante Nord (18/05/18)
    Tambò (Pizzo) da Montespluga (06/05/18)
    Rebbio (Punta del) o Bortelhorn da Berisal (25/04/18)
    Rutor (Testa del) da Bonne (22/04/18)
    Pfannenstock da Schwarzenbach (14/04/18)
    Sulzfluh da Sankt Antönien (CH), Canalone di camosci (07/04/18)
    Grifone (Punta di) da S.Antonio (02/04/18)
    Carmo di Loano (Monte) da Verzi, anello (01/04/18)
    Chilchalphorn da Hinterrhein (25/03/18)
    Pianchette (Cima) da San Bartolomeo (08/03/18)
    Vigna Vaga (Monte) da Carbonera (16/02/18)
    Lupi (Cima dei) da Tartano (11/02/18)
    Monfandi da Fondo (03/02/18)
    Elgio (Punta d') o Helgenhorn da All'Acqua (28/01/18)
    Gàrdena (Monte) dai Fondi di Schilpario (20/01/18)
    Campioncino (Monte) da Schilpario (20/01/18)
    Chili Bielenhorn da Realp (13/01/18)
    Rosetta (Cima della) da Rasura (29/12/17)
    Stotzigen Firsten da Realp (24/12/17)
    Flassin (Mont) da Parcheggio Flassin (23/12/17)
    Poncione di Val Piana da All'Acqua (03/12/17)
    Glatten da Saliboden (18/11/17)
    Arno (Bivacco) da Pila (11/11/17)
    Limidario (Monte) o Gridone da Mergugno (01/11/17)
    Pedum (Cima) da Fondo li Gabbi (28/10/17)
    Torretta (la) da Mont Blanc (22/10/17)
    Gran Lago da Mont Blanc (22/10/17)
    Piz Platta (15/10/17)
    Straciugo (Pizzo) da Pizzanco (24/09/17)
    Grigia (Testa) da Gressoney la Trinitè (03/09/17)
    Lyskamm Occidentale Via Normale dal Rifugio Quintino Sella (27/08/17)
    Arolley (Cima dell') da Pont Valsavarenche (23/07/17)
    Nadelhorn Via Normale della Cresta NE (16/07/17)
    Rochefort (Aiguille de) Cresta di Rochefort (08/07/17)
    Lagginhorn Via Normale della Cresta Ovest (04/07/17)
    Coudrey (Monte) Gatto-Nando (02/07/17)
    Allalinhorn Via Normale dal Mittelallalin (24/06/17)
    Teggiolo (Monte) da Bugliaga (18/06/17)
    Balma-Arietta (Colle) da Campiglia Soana, anello per il Santuario di San Besso (11/06/17)
    Sea Bianca (Punta) da Pralapia (07/05/17)
    Grigna Meridionale o Grignetta da Piani Resinelli per la Cresta Sinigaglia (30/04/17)
    Galisia (Punta) da Thumel per il Rifugio Benevolo (22/04/17)
    Disgrazia (Monte) dall' Alpe di Preda Rossa (14/04/17)
    Artanavaz (Aiguille d') da Planaval (09/04/17)
    Zapporthorn da S. Bernardino (07/04/17)
    Gelé (Mont) da Ruz (17/03/17)
    Olano (Pizzo di) da Rasura (12/03/17)
    Campioncino (Monte) da Schilpario (10/03/17)
    Bolenga (Cima) da Ponte delle Stue per il Passo Cadin o di Fiemme (25/02/17)
    Gross Leckihorn da Realp (18/02/17)
    Rosetta (Cima della) da Rasura (12/02/17)
    Flassin (Mont) da Parcheggio Flassin (25/01/17)
    Mengol (Cima) Mengol Surprise (07/01/17)
    Blumone (Cornone di) da Bazena per il Passo di Val fredda e il versante Nord (29/12/16)
    Entrelor (Testa di) da Bruil per il vallone di Sort e il Col Gollien (28/12/16)
    Madonnino (Monte) Canali Nord (23/12/16)
    Foppa (Monte) Canale Teobaldo (18/12/16)
    Giasson (Becca di) da Surrier (09/12/16)
    Arp Vieille (Mont) da Bonne (04/12/16)
    Banchetta (Monte) da Sestriere Borgata (27/11/16)
    Flassin (Mont) da Parcheggio Flassin (16/11/16)
    Nana (Bec di) o Falconetta da Mandriou (01/11/16)
    Tornello (Pizzo) da Vilmaggiore (30/10/16)
    Faierone (Monte) da Cinzago, anello creste Est-Sud (16/10/16)
    Blanc Giuir dal Lago di Teleccio (29/09/16)
    Grand Assaly Via Normale da La Joux (11/09/16)
    Parrot (Punta) Via Normale, traversata Ovest-Est (28/08/16)
    Zumstein (Punta) Via Normale da Indren (28/08/16)
    Gnifetti (Punta) - Capanna Regina Margherita Via Normale dal Rifugio Gnifetti (28/08/16)
    Colorado River - Phantom Ranch South Kaibab Trail (16/08/16)
    Breithorn Occidentale e Centrale Traversata da Plateau Rosa (24/07/16)
    Su Gorropu (Canyon) dal Passo Ghenna Silana (16/07/16)
    Granta Parei via Normale da Thumel (09/07/16)
    Bishorn e Pointe Burnaby Via Normale da Zinal (03/07/16)
    Giordani (Punta) Via Normale da Indren (26/06/16)
    Lampedusa (isola) Giro lato Ovest (04/06/16)
    Ramière (Punta) o Bric Froid dalla Valle Argentera (21/05/16)
    Calabre (Punta) da Thumel per il Rifugio Benevolo (17/05/16)
    Fourchon (Mont) da Saint Rhemy (04/05/16)
    Costazza (Bec) dalla strada per Dondena (29/04/16)
    Grevon (Piatta di) da Pila (25/04/16)
    Arno (Bivacco) da Pila (25/04/16)
    Salmurano (Monte) da Pescegallo (03/04/16)
    Torretta (la) da Trovinasse (26/03/16)
    Pierre (Punta de la) da Daillet (23/03/16)
    Leissè o Leysser (Punta) da Vetan (20/03/16)
    Grigna Meridionale o Grignetta Canale Pagani (12/03/16)
    Zuccone dei Campelli Canalone dei Camosci (24/01/16)
    Redorta (Pizzo) per il Canalone NO (via del Canalone) (30/12/15)
    Arbola (Punta d') da Alpe Devero (27/12/15)
    Gran Zebru' Via Normale dal Rifugio Pizzini (22/12/15)
    Ferrè (Pizzo) Via Normale da Montespluga (13/12/15)
    Baitone (Corno) da Ponte di Guat (07/12/15)
    Sasso Canale da S.Bartolomeo (27/11/15)
    Poris (Pizzo) Canale Nord (22/11/15)
    Coca (Pizzo) da Valbondione (14/11/15)
    Breithorn Occidentale e Centrale Traversata da Plateau Rosa (07/11/15)
    Laurasca (Cima della) da Fondo Li Gabbi (11/10/15)
    Lavina (Torre di) da Campiglia Soana per il Canalino E (20/09/15)
    Ruvi (Monte) da Verthuy per il vallone di Valmeriana e il Colletto Giron (06/09/15)
    Ciamarella (Uja di) Via Normale da Pian della Mussa (29/08/15)
    Faroma (Monte) da Porliod e la Cresta NE (26/07/15)
    Castore Via Normale per il Rifugio Quintino Sella (28/06/15)
    Claro (Pizzo di) da Monti di Maruso (06/06/15)
    Granta Parei via Normale da Thumel (02/06/15)
    Sasso (Cima) da Cicogna (24/05/15)
    Recastello (Pizzo) Canale N (22/04/15)
    Grand Sertz o Gran Serra da Valnontey (12/04/15)
    San Fruttuoso (Abbazia di) da Camogli, traversata Portofino - Santa Margherita Ligure (03/04/15)
    Noeud de la Rayette da Ruz (13/03/15)
    Mombarone (Colma di) da San Giacomo (08/03/15)
    Resegone - Punta Cermenati Canale Comera (03/03/15)
    Leone (Pizzo) da Ronco (08/02/15)
    Torriggia (Monte) da Orasso (01/02/15)
    Aralalta (Monte) e Pizzo Baciamorti da Quindicina (25/01/15)
    Laglio (Poncione di) o Colmegnone da Germanello (11/01/15)
    Camino (Pizzo) da Schilpario (06/01/15)
    Arera (Pizzo) da Zambla Alta per il Versante Sud (02/01/15)
    Gino (Pizzo di) da Revolé (29/12/14)
    Bregagno (Monte) da Monti di Breglia, costone del Bregagno (26/12/14)
    Grigna Settentrionale o Grignone Cresta Piancaformia (20/12/14)
    Fontana Fredda (Punta) da Cheneil (07/12/14)
    Bardan (Monte) da Isola (22/11/14)
    Presolana (Pizzo della) Via Normale dal Passo della Presolana (01/11/14)
    Grigna Meridionale o Grignetta Cresta Segantini (25/10/14)
    Diavolo di Tenda (Pizzo del) da Carona (18/10/14)
    Kurz (Punta) Via Normale dalla Diga di Place Moulin (27/09/14)
    Bishorn e Pointe Burnaby Via Normale da Zinal (21/09/14)
    Gnifetti (Punta) - Capanna Regina Margherita Via Normale dal Rifugio Gnifetti (07/09/14)
    Corno Nero o Schwarzhorn Via Normale da Indren (07/09/14)
    Vincent (Piramide) e Balmenhorn via Normale da Indren (06/09/14)
    Garin (Punta) da Gimillan per il vallone di Grauson e i laghi di Lussert (21/08/14)
    Hjörleifshöfði da Vik i Myrdal (13/08/14)
    Kirkjufell Via Normale (05/08/14)
    Gran Paradiso Via Normale del Rifugio Vittorio Emanuele II (27/07/14)
    Emilius (Monte) da Pila per il Rifugio Arbolle (17/07/14)
    Delago (Torre) spigolo SO - via Piaz (06/07/14)
    Gay (Becca di) Via Normale dalla Diga di Teleccio (21/06/14)
    Grigna Meridionale o Grignetta da Pian dei Resinelli, anello Direttissima-Cecilia, Bocchetta dei Venti (18/05/14)
    Leone (Monte) dal Passo del Sempione (17/05/14)
    Cimone della Bagozza da Schilpario (04/05/14)
    Canzo (Corno Occidentale e Centrale di) da Canzo per la Forcella dei Corni (01/05/14)
    Scalino (Pizzo) dalla Diga di Campo Moro (26/04/14)
    Avic (Monte) traversata versante Nord-Est - cresta Ovest da Villa (13/04/14)
    Chateau Blanc da Planaval (29/03/14)
    Noli (Capo) da Varigotti, traversata (16/03/14)
    Chüebodenhorn da All'Acqua (15/03/14)
    Palasina (Punta) da Estoul (23/02/14)
    Bo Valsesiano (Monte) da Rassa (26/01/14)
    Grigna Meridionale o Grignetta Canale Pagani (12/01/14)
    Pizzetto (Il) da Fontane (06/01/14)
    Piz Tri da Loritto (31/12/13)
    Alben (Monte) da Colle di Zambia (14/12/13)
    Aralalta (Monte) e Pizzo Baciamorti da Quindicina (08/12/13)
    Tre Signori (Pizzo dei) da Ornica (08/12/13)
    Chalet de l'Epèe (Rifugio) da Bonne (24/11/13)
    Grigna Settentrionale e Grigna Meridionale da Piani Resinelli, Traversata Alta (11/11/13)
    Monviso Via Normale da Pian del Re (21/09/13)
    Niblè (Monte) Via Normale da Grange della Valle, possibile anello (14/09/13)
    Herbetet (Casolari dell') da Valnontey, anello per Vermiana e Rifugio Vittorio Sella (31/08/13)
    Arcuentu (Monte) dal versante NO (21/08/13)
    Su Gorropu (Canyon) dal Passo Ghenna Silana (15/08/13)
    Ispuligideniè (Cala Mariolu) dal Golgo (12/08/13)
    Goloritze (Cala) dal Golgo (10/08/13)
    Weissmies da Gondo per la Zwischbergental (21/07/13)
    Tresenta (la) da Pont Valsavarenche (13/07/13)
    Gran Lago da Mont Blanc (06/07/13)
    Marguareis (Punta) Canale dei Genovesi (30/06/13)
    Grabiasca (Monte) Canale Nord (23/06/13)
    Legnone (Monte) Canale Ovest (08/06/13)
    Resegone - Punta Cermenati da Morterone per la Cresta Nord (26/05/13)
    Breithorn dal Passo del Sempione (11/05/13)
    Pizzetto (Il) da Fontane (11/05/13)
    Gavin (Bec) da Champdepraz, anello per Alpe Panaz e Vasey (05/05/13)
    Sciguello (Monte) da Sciarborasca, anello (25/04/13)
    Reixa (Monte) e Monte Argentea da Case Soprane, anello (14/04/13)
    Pierre (Pointe de la) da Ozein (01/04/13)
    Montagnaya (Punta di) da Pouillayes (03/03/13)
    Massone (Monte) e Eyehorn da Alpe Loccia, anello (16/02/13)
    Grigna Meridionale o Grignetta Canale Caimi (10/02/13)
    Straolgio (Cimone di) da Fondo Li Gabbi (03/02/13)
    Piana (Cima) o Mont de Panaz da Mont Blanc (26/01/13)
    Meidassa (Monte) da Pian della Regina (05/01/13)
    Bertone Giorgio (Rifugio) da La Saxe (31/12/12)
    Facciabella (Monte) da Mandriou per il Colle di Vascoccia (30/12/12)
    Falinere (Punta) da Cheneil (25/11/12)
    Resegone - Punta Cermenati da Erve, sentiero delle creste (02/11/12)
    Blinnenhorn o Corno Cieco dalla Diga di Morasco (21/10/12)
    Blanche (Tète) da Glacier e il Rifugio Chiarella all'Amianthe (16/09/12)
    Grigna Settentrionale o Grignone dal Passo del Cainallo per la via della Ganda (09/09/12)
    Cinto (Monte) da Haut Asco (22/08/12)
    Anse Georgette da Anse Lazio (13/08/12)
    Morne Trois Freres da Sans Souci (08/08/12)
    Barbeston (Monte) da Veulla per il Colle di Valmeriana (29/07/12)
    Zeda (Monte) da Colle (22/07/12)
    Tersiva (Punta) da Gimillian (12/07/12)
    Bernarda (Testa) da Planpincieux (23/06/12)
    Furggen (Cima del) o Tète de la Forclaz da Cervinia (17/06/12)
    Tre Signori (Pizzo dei) da Pescegallo (10/06/12)
    Fallère (Mont) da Thouraz per il Lago Fallère (03/06/12)
    Zerbion (Monte) da Promiod per la cresta Ovest (26/05/12)
    Pierre (Pointe de la) da Ozein (22/04/12)
    Entrelor (Cima di) da Bruil (01/04/12)
    Petit Tournalin da Cheneil (18/02/12)
    Fetita (Punta) o Falita da Challancin per il Col de Bard (12/02/12)
    Paglietta (Monte) da Prailles (05/02/12)
    Clavalitè (Santuario de la) da Cheneil (14/01/12)
    Grand Tournalin (Cima Sud) e Petit Tournalin da Cheneil (16/10/11)
    Gratton Luciano (Bivacco) da Cretaz (24/07/11)
    Avril (Mont) da Glacier per la Fenetre Durand (10/07/11)
    Glacier (Mont) da Dondena, anello per il Lago Miserin (02/07/11)
    Aran (Becca d') da Cheneil (26/06/11)
    Entrelor (Colle di) da Eaux Rousses, traversata a Rhemes Notre Dame (25/07/10)