barrosismo


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Magnifico itinerario molto vario. Le difficoltà tecniche sono contenute a poche decine di metri di dislivello ma non è un percorso da sottovalutare. Il sentiero della val Loga è ghiacciato in maniera incredibile. Decine di rivoletti d'acqua invadono la traccia, col freddo di questo periodo si sono formate enormi pozze ghiacciate e pericolose. La mia solita partenza notturna è stata un errore: il ghiaccio mi ha fatto continuamente spostare dalla traccia col risultato di perdere il sentiero e regalarmi un paio di scivoloni da paperissima che potevano costarmi qualche osso...Ho perso non meno di un'ora ravanando sul ghiaccio. Persa definitivamente la traccia corretta trovo due escursionisti anche loro alle prese con l'orientamento e, dopo un rapido consulto, decidiamo di salire verso monte visto che i pendii in qualche modo lo permettevano. Arrivati ad una sorta di colletto ritroviamo la traccia che sarà evidente e innevata fino al bivacco. Neve presente e continua sulla traccia corretta dai 2300 in su: vista l'esposizione a NW in questo periodo la val Loga e i ripidi sotto al bivacco non prendono mai il sole. Il bivacco Cecchini è un piccolo gioiello; montati i ramponi mi sono portato sul ghiacciaio e poi con fatica al colletto. Sui ripidi pendii della vedretta la neve alterna tratti in cui è portante ad altri in cui è più sfondosa ma sempre accettabile. Dal colletto tengo i ramponi e senza grossi patemi arrivo in cima, nonostante qualche tratto gelato facile. Ho trovato rognoso solo l'ultimo traversino di 2° ultraesposto, il chiodo presente è da usare per salire in sicurezza. Il panorama è bellissimo: grazie alla splendida giornata con calma di vento me lo sono goduto appieno. Croce di vetta crollata e appoggiata sul pendio. Discesa attenta e un po' ravanosa nella parte di disarrampicata rocciosa ma poi dal colletto è solo un bel far girare le gambe. Corda molto caldamente consigliata soprattutto in discesa. Venuto fin qui da solo ne ero sprovvisto e sconsiglio di imitarmi: troppi i tratti esposti per salire in sicurezza. Risalire al bivacco dalla vedretta non è simpatico, ma l'ambiente straordinariamente bello ne mitiga le fatiche. Trovato un totale di 8 persone dirette al Pizzo. Gita in solitaria.

vetta del Pizzo Ferrè 3103m

dalla vetta parte della cresta

ultimo tratto di cresta

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Parto prestissimo dal Ponte del Guat e dopo 5 ore e mezza di salita sono in cima. Temperatura gelida ma per una volta il vento non si palesa e posso salire tranquillo senza battere i denti. Inquietante il rumore degli icebergs che si stanno formando nel lago Baitone. Ho dovuto porre moltissima attenzione ad alcuni tratti ghiacciati sulla traccia a monte del lago Baitone. Dal rifugio Tonolini si inizia a saltellare sulle pietre. Dopo il lago Gelato, con neve presente a macchie spesso portante (ma che nasconde insidie e buchi) mi sono portato troppo verso monte e per non perdere dislivello ho deciso di arrampicarmi sul crestone. E ' servito a poco visto che sono stato costretto a scendere fino al laghetto per poi salire in direzione del grosso simbolo 50. Gli ultimi 200m di dislivello sono alpinistici, pur non difficili impongono molta attenzione in quanto la roccia è pessima e non si riesce a non smuovere pietre anche gigantesche. Ho involontariamente smosso un paio di televisori. Alla freccia sono andato a sinistra non su dritto come indica la vernice. Qualche altro passaggio di 2° e infiniti punti di 1° più alcuni traversi esposti su sfasciumi terribili hanno reso faticosa la progressione. Mi sono messo i ramponi solo per gli ultimi 50m in cui c'era un pericoloso traverso ghiacciato che non era il caso di fare solo con gli scarponi. Il panorama dalla vetta è strepitoso ed è un privilegio arrivare in dicembre fino in cima al Corno Baitone. In caso di neve le difficoltà potrebbero aumentare di parecchio e il grado proposto si presuppone con la roccia asciutta o con solo brevi tratti innevati. Breve sosta in vetta a causa del pensiero dell'infinita discesa ma soprattutto perché ero preoccupato di disarrampicare su quei tratti esposti. Non so bene come ho fatto ma sempre seguendo gli ometti e i bolli ho effettuato una traversata verso sinistra scendendo, e ho evitato i tratti più pericolosi. Dal lago alla base della parete sono risalito e poi lungamente con attenzione a non sprofondare nella neve tra i roccioni mi sono portato verso valle. Vallone tutto per me, non ho incontrato nessun essere vivente. Gita in solitaria.

rifugio Tonolini

lago Gelato 2783

versante SE del Baitone

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Strada stretta ma ok fino a S.Bartolomeo
Maledetta sveglia! Le intenzioni erano ben altre ma mi riaddormento e devo ripiegare su questo itinerario. Il giorno di ferie è comunque stato speso alla grande. Parto alle 7.30 da S.Bartolomeo e alle 10.10 sono in cima in una giornata limpida che di più è difficile immaginare. Il percorso è evidente in tutta sua lunghezza, i segni bianco-rossi sono sufficienti a non sbagliare mai strada. Il vento gelido mi accompagna fino alla prima anticima, poi di colpo smette e riesco a rimanere quasi un'ora in vetta a godermi lo spettacolare panorama senza battere troppo i denti. La neve è assente su tutto il percorso. Grandiosa la vista sul lago di Como, che mai avevo osservato da nord. La Valchiavenna è proprio a picco sotto la montagna e si sentono i rumori provenire dalla zona industriale. Ambiente comunque selvaggio e isolato a due ore scarse da Milano. Tornato al passo di quota 1834m sono sceso verso la bocchetta del Chiaro e da lì ripidamente ma senza problemi fino alla cima del Berlinghera, 1930m. Si fa un po' più di dislivello ma ne vale la pena. Da questa vetta, caratterizzata dalla presenza di un diroccato monumento ai caduti, sono sceso sulla dorsale SE che in picchiata in direzione lago di Como mi ha riportato all'Alpe di Mezzo e poi sul sentiero di salita. Incontrati due gruppi di escursionisti uno diretto al Sasso gli altri scendevano dal Berlinghera. Nota: i ripetitori sono stati eliminati, ne rimane uno molto più piccolo dei precedenti.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Partito alle 6 da Carona in due ore sono al rifugio Calvi. Dal lago Rotondo l'ambiente è straordinario, e con un po' di sali scendi salgo verso il passo di Valsecca. Il vento è gelido e mi costringe a coprirmi in maniera pesante. Il traverso sotto il Grabiasca è soggetto a possibili scariche di sassi dalla enorme parete sovrastante. Uno straterello di un paio di centimetri di neve ricopre la pietraia e rende molto scivolose le pietre. Da quota 2300 la copertura nevosa è continua. Il gelo ha reso compatta la neve, coi ramponi mi porto all'attacco del canale che risalgo senza grosse difficoltà. Alla selletta cambio assetto e su roccia orobica e sfasciumi vari arrivo in vetta. Per fortuna il vento si calma e mi posso godere il grandioso panorama. Discesa attenta nella parte rocciosa, soprattutto perché stava salendo un gruppo di 5 persone. Nel canale discesa faccia a valle e poi in picchiata verso valle ripassando dal Calvi e dall'eterna stradina fino a Carona. Queste sono le Orobie che mi piacciono! Gita in solitaria.

Il canale sale contro la parete

la cresta che va salita e poi discesa

vetta del Pizzo Poris 2712m

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Parcheggio a inizio sentiero
Gitone per una grande montagna. Il dislivello si fa sentire, soprattutto durante la lunga discesa. Salito in circa 5 ore e mezza soste comprese. Lo sviluppo non è elevato: a parte il tratto rifugio Coca-lago di Coca si sale sempre sul ripido. Tutto il percorso è ben segnato, i bolli bianco rossi e l'evidenza del sentiero mi hanno permesso di percorrere con la frontale il tratto auto-rifugio Coca. Dalla bocchetta dei Camosci alla cima si tratta di un percorso alpinistico. I passaggi di arrampicata non superano il 2° grado ma la roccia è tipicamente Orobica ovvero sfasciata e poco affidabile. Casco consigliato. L'esposizione di alcuni passi non può permettere distrazioni. Ad oggi ramponi e picca sono indispensabili per un solo breve tratto di circa 30m di dislivello. Qualcuno saliva e scendeva questo breve canalino in scarponcini, a mio modo di vedere hanno fatto una sciocchezza. Neve gelata ed esposizione assoluta sul baratro: nessuno scampo in caso di scivolata. Molti stambecchi in giro nei pressi del rifugio e sopra al lago di Coca. Bellissimi alcuni maschi davvero giganti! Sole velato ma panorami comunque strepitosi per la più alta vetta delle Alpi Orobie e della provincia di Bergamo. Circa 10 persone su questo percorso oggi. Mi sono goduto la vetta in solitaria per quasi un'ora nonostante il venticello gelido.
Giudizio Complessivo :: * / ***** stelle
Per un'amante della natura e della montagna in particolare una gita come questa è un incubo. Chilometri e chilometri di piste da sci, impianti a fune di ogni tipo, tralicci e linee elettriche: tutto questo per creare uno dei complessi sciistici più grandi d'Europa. Purtroppo, per tutto il percorso di questa gita non c'è modo di evitare di vedere questo scempio totale. Dall'auto alla cima gli impianti sono sempre ben in vista e addirittura la maggior parte dello sviluppo avviene proprio sulle piste. Partiamo da Cervinia alle 5, dopo una ravanata epica a causa della perdita del sentiero 15, arriviamo a Plateau Rosa in mezzo a perplessi e velocissimi sciatori di pista alle 10.30. Ripartiamo a bordo pista in direzione del colle del Breithorn. Siamo stanchi ma il panorama sui 4000 della Corona Imperiale e sul maestoso Cervino ripaga la fatica. Iniziano i guai sul pianoro di quota 3900 e poi sulla pala finale del Breithorn Occidentale. La neve non è per nulla portante e ad ogni passo sfondiamo quasi fino al ginocchio. Gli scialp invece vanno alla grande. L'enorme sforzo profuso non è sufficiente per raggiungere la vetta (almeno dell'Occidentale) e a quota 4090m rinunciamo per evitare di perdere l'ultima funivia delle 16. Sconsolati e delusi torniamo alla macchina. Assumiamoci le nostre responsabilità per aver cercato di aggiungere due 4000 alle nostre salite, senza tener conto dell'ambiente in cui si sarebbe svolta la gita. Tenteremo di salire i Breithorn passando dalla Val d'Ayas. Goodbye Cervinia.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: ok
Per una volta nessun ravanamento, sentiero evidente dal parcheggio alla cima. E' stata aggiunta una freccia in metallo con la scritta "Laurasca" al bivio col sentiero per la bocchetta di Campo, nessun dubbio quindi sulla direzione da seguire. I colori dell'autunno risplendono in val Loana rendendo l'atmosfera magica. Mulattiera comoda in salita fino al bivacco Scaredi, un po' fastidiosa in discesa. Dal bivacco leggera discesa per pochi metri e poi su dritto fino in cima seguendo le indicazioni. Assenza di neve su tutto il percorso. Panorama sempre sorprendente con i giganti sfizzeri a dominare la scena. Tanta gente in giro sul percorso e nel pomeriggio parking pieno di merenderos. Attenzione in caso di neve, i pendii da Scaredi in su sono ripidi e potrebbero richiedere molta attenzione. Gigantesche mucche pelose al pascolo sul fondovalle, bellissime! Libro di vetta pieno, ne occorre uno nuovo, a saperlo... Con Eleonora.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Gitone superbo in una giornata dal meteo perfetto. Siamo saliti con le bici fino alle ultime baite, scelta azzeccata. Nei tratti più ripidi devo confessare di aver spinto la bici camminando...In discesa però si va giù a gratis! Il sentiero sale comodissimo e ben indicato su mulattiera fino al bivio di quota 2760m. Qui un enorme ometto, sulla destra salendo verso il colle Cadrega, indica di abbandonare il sentiero principale. Si sale verso la vetta della Lavina su rocce infide, stabili solo all'apparenza. Da quota 2900m circa il fondo è pessimo e molto faticoso. Una maestosa aquila ci regala la vista del suo volo mentre arranchiamo sugli sfasciumi. Finalmente dentro il canalino, la roccia si mantiene sfasciata e pericolosa, ma almeno sia ha ben chiaro dove occorre passare. Più in alto c'è qualche passo di 2° e tanti punti di 1°, in molti casi l'esposizione non è banale e la roccia non aiuta. Arriviamo in cima stravolti ma contenti della gran ravanata. DIscesa attenta viste le condizioni nostre e del pessimo terreno su cui ci si muove. La mulattiera è morbida col fondo d'erba e si scende alla grande fino alle bici. Con Meme.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Gitone messo in lista l'anno scorso quando salendo all'Avic il Ruvi ci colpì per imponenza e aspetto severo. Gita panoramica per tutta la sua lunghezza. Prime luci sulla Gran Becca innevata: grande momento! Si attraversano luoghi selvaggi e molto poco frequentati, panorami e ambiente ripagano del grande sforzo necessario per salire in cima. Il bivio dalla poderale al sentiero 1 indicato da una palina è a circa 300m lineari da Cloutraz, non 1 km! Fino a quota 2400m, sotto il colle Giron il percorso è chiaro. Tra pini mughi e massi erratici non mancano grandi pietraie anche a quote di bosco. Circa 200m sotto il colle, i segni gialli in mezzo ai roccioni scompaiono (chi li ha dipinti ha trovato neve?), e non c'è nessun ometto fino al colle. Si sale alla meglio cercando di non lapidarsi e di non scivolare su sfasciumi fini o roccette mai stabili. Al colle veniamo accolti da un ventaccio gelido che ci fa accelerare il passo. Purtroppo il percorso è faticosissimo tra immani roccioni e altri sassi delle dimensioni più svariate. Qualche ometto aiuta la progressione ma si va spesso ad intuito. Giunti ad un grosso ometto in cresta ravaniamo per un bel po' cercando il passaggio migliore. Qui alcuni ometti messi in posizioni fuorvianti ci fanno più volte sbagliare direzione. Alla fine saliamo verso l'alto cercano i passi più facili e così, con fatica ma senza problemi tecnici siamo al diedro di 2°grado da scendere. Presenza di un chiodo. Con attenzione passiamo e poi con un'altra mezz'ora di sfasciumi più o meno infami siamo in vetta. Il panorama grazie alla giornata strepitosa è da cinque stelle. La discesa fino al colle Giron è ancora una volta complicata per evitare scivoloni e lapidazioni. Dal colle a fondovalle è eterna ma molto semplice. Con Meme in una una luuuuunga giornata.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Ci sono numerosi parcheggi al Pian della Mussa: lasciare l'auto all'ultimo nei pressi dei cartelli indicanti Rifugio Gastaldi. Costo 3 euro pagabili in monetine o bancomat. Al momento non ci sono difficoltà tecniche. Ghiacciaio facile, molto sporco di detriti e con crepacci evidenti. La traccia in traverso che sale verso la cresta è ripidissima e di fini sfasciumi alternati a roccette instabili. Occhio a non seguire tracce poco marcate: sono di ungulati e pericolosamente vicine al salto di roccia che c'è sotto. C'è un po' di neve sotto la vetta ma è evitabile per sfasciumi. Ho ravanato alla ricerca della giusta direzione nei pressi della scritta "Ciamarella" sul torrente. Sia in salita che in discesa ho perso tempo. In discesa non c'è stato modo di attraversare il torrente senza un pediluvio e con pericolo, vista la corrente forte. Alla fine sono salito fino ad un grosso nevaio che fa da ponte e ho cambiato sponda. Gran bella gita e ottimo allenamento, poca gente in giro. Mi sono goduto la vetta in silenzio per quasi un'ora, che privilegio e che panorami! Nebbie di calore dalle 12 in poi. In solitaria.
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Gran Truc da Crò per il versante Nord (18/05/18)
    Tambò (Pizzo) da Montespluga (06/05/18)
    Rebbio (Punta del) o Bortelhorn da Berisal (25/04/18)
    Rutor (Testa del) da Bonne (22/04/18)
    Pfannenstock da Schwarzenbach (14/04/18)
    Sulzfluh da Sankt Antönien (CH), Canalone di camosci (07/04/18)
    Grifone (Punta di) da S.Antonio (02/04/18)
    Carmo del Finale (Monte) o di Loano da Verzi (01/04/18)
    Chilchalphorn da Hinterrhein (25/03/18)
    Pianchette (Cima) da San Bartolomeo (08/03/18)
    Vigna Vaga (Monte) da Carbonera (16/02/18)
    Lupi (Cima dei) da Tartano (11/02/18)
    Monfandi da Fondo (03/02/18)
    Elgio (Punta d') o Helgenhorn da All'Acqua (28/01/18)
    Gàrdena (Monte) dai Fondi di Schilpario (20/01/18)
    Campioncino (Monte) da Schilpario (20/01/18)
    Chili Bielenhorn da Realp (13/01/18)
    Rosetta (Cima della) da Rasura (29/12/17)
    Stotzigen Firsten da Realp (24/12/17)
    Flassin (Mont) da Parcheggio Flassin (23/12/17)
    Poncione di Val Piana da All'Acqua (03/12/17)
    Glatten da Saliboden (18/11/17)
    Arno (Bivacco) da Pila (11/11/17)
    Limidario (Monte) o Gridone da Mergugno (01/11/17)
    Pedum (Cima) dalla Valgrande (28/10/17)
    Torretta (la) da Mont Blanc (22/10/17)
    Gran Lago da Mont Blanc (22/10/17)
    Piz Platta (15/10/17)
    Straciugo (Pizzo) da Pizzanco (24/09/17)
    Grigia (Testa) da Gressoney la Trinitè (03/09/17)
    Lyskamm Occidentale Via Normale dal Rifugio Quintino Sella (27/08/17)
    Arolley (Cima dell') da Pont Valsavarenche (23/07/17)
    Nadelhorn Via Normale della Cresta NE (16/07/17)
    Rochefort (Aiguille de) Cresta di Rochefort (08/07/17)
    Lagginhorn Via Normale della Cresta Ovest (04/07/17)
    Coudrey (Monte) Gatto-Nando (02/07/17)
    Allalinhorn Via Normale dal Mittelallalin (24/06/17)
    Teggiolo (Monte) da Bugliaga (18/06/17)
    Balma-Arietta (Colle) da Campiglia Soana, anello per il Santuario di San Besso (11/06/17)
    Sea Bianca (Punta) da Pralapia (07/05/17)
    Grigna Meridionale o Grignetta da Piani Resinelli per la Cresta Sinigaglia (30/04/17)
    Galisia (Punta) da Thumel per il Rifugio Benevolo (22/04/17)
    Disgrazia (Monte) dall' Alpe di Preda Rossa (14/04/17)
    Artanavaz (Aiguille d') da Planaval (09/04/17)
    Zapporthorn da S. Bernardino (07/04/17)
    Gelé (Mont) da Ruz (17/03/17)
    Olano (Pizzo di) da Rasura (12/03/17)
    Campioncino (Monte) da Schilpario (10/03/17)
    Bolenga (Cima) da Ponte delle Stue per il Passo Cadin o di Fiemme (25/02/17)
    Gross Leckihorn da Realp (18/02/17)
    Rosetta (Cima della) da Rasura (12/02/17)
    Flassin (Mont) da Parcheggio Flassin (25/01/17)
    Mengol (Cima) Mengol Surprise (07/01/17)
    Blumone (Cornone di) da Bazena per il Passo di Val fredda e il versante Nord (29/12/16)
    Entrelor (Testa di) da Bruil per il vallone di Sort e il Col Gollien (28/12/16)
    Madonnino (Monte) Canali Nord (23/12/16)
    Foppa (Monte) Canale Teobaldo (18/12/16)
    Giasson (Becca di) da Surrier (09/12/16)
    Arp Vieille (Mont) da Bonne (04/12/16)
    Banchetta (Monte) da Sestriere Borgata (27/11/16)
    Flassin (Mont) da Parcheggio Flassin (16/11/16)
    Nana (Bec di) o Falconetta da Mandriou (01/11/16)
    Tornello (Pizzo) da Vilmaggiore (30/10/16)
    Faierone (Monte) da Cinzago, anello creste Est-Sud (16/10/16)
    Blanc Giuir dal Lago di Teleccio (29/09/16)
    Grand Assaly Via Normale da La Joux (11/09/16)
    Parrot (Punta) traversata Ovest-Est (28/08/16)
    Zumstein (Punta) Via Normale da Indren (28/08/16)
    Gnifetti (Punta) - Capanna Regina Margherita Via Normale dal Rifugio Gnifetti (28/08/16)
    Colorado River - Phantom Ranch South Kaibab Trail (16/08/16)
    Breithorn Occidentale e Centrale Traversata da Plateau Rosa (24/07/16)
    Su Gorropu (Canyon) dal Passo Ghenna Silana (16/07/16)
    Granta Parei via Normale da Thumel (09/07/16)
    Bishorn e Pointe Burnaby Via Normale da Zinal (03/07/16)
    Giordani (Punta) Via Normale da Indren (26/06/16)
    Lampedusa (isola) Giro lato Ovest (04/06/16)
    Ramière (Punta) o Bric Froid dalla Valle Argentera (21/05/16)
    Calabre (Punta) da Thumel per il Rifugio Benevolo (17/05/16)
    Fourchon (Mont) da Saint Rhemy (04/05/16)
    Costazza (Bec) dalla strada per Dondena (29/04/16)
    Grevon (Piatta di) da Pila (25/04/16)
    Arno (Bivacco) da Pila (25/04/16)
    Salmurano (Monte) da Pescegallo (03/04/16)
    Torretta (la) da Trovinasse (26/03/16)
    Pierre (Punta de la) da Daillet (23/03/16)
    Leissè o Leysser (Punta) da Vetan (20/03/16)
    Grigna Meridionale o Grignetta Canale Pagani (12/03/16)
    Zuccone dei Campelli Canalone dei Camosci (24/01/16)
    Redorta (Pizzo) per il Canalone NO (via del Canalone) (30/12/15)
    Arbola (Punta d') da Alpe Devero (27/12/15)
    Gran Zebru' Via Normale dal Rifugio Pizzini (22/12/15)
    Ferrè (Pizzo) Via Normale da Montespluga (13/12/15)
    Baitone (Corno) da Ponte di Guat (07/12/15)
    Sasso Canale da S.Bartolomeo (27/11/15)
    Poris (Pizzo) Canale Nord (22/11/15)
    Coca (Pizzo) da Valbondione (14/11/15)
    Breithorn Occidentale e Centrale Traversata da Plateau Rosa (07/11/15)
    Laurasca (Cima della) da Fondo Li Gabbi (11/10/15)
    Lavina (Torre di) da Campiglia Soana per canalino E (20/09/15)
    Ruvi (Monte) da Verthuy per il vallone di Valmeriana e il Colletto Giron (06/09/15)
    Ciamarella (Uja di) Via Normale da Pian della Mussa (29/08/15)
    Faroma (Monte) da Porliod e la Cresta NE (26/07/15)
    Castore Via Normale per il Rifugio Quintino Sella (28/06/15)
    Claro (Pizzo di) da Monti di Maruso (06/06/15)
    Granta Parei via Normale da Thumel (02/06/15)
    Sasso (Cima) da Cicogna (24/05/15)
    Recastello (Pizzo) Canale N (22/04/15)
    Grand Sertz o Gran Serra da Valnontey (12/04/15)
    San Fruttuoso (Abbazia di) da Camogli, traversata Portofino - Santa Margherita Ligure (03/04/15)
    Noeud de la Rayette da Ruz (13/03/15)
    Mombarone (Colma di) da San Giacomo (08/03/15)
    Resegone - Punta Cermenati Canale Comera (03/03/15)
    Leone (Pizzo) da Ronco (08/02/15)
    Torriggia (Monte) da Orasso (01/02/15)
    Aralalta (Monte) e Pizzo Baciamorti da Quindicina (25/01/15)
    Laglio (Poncione di) o Colmegnone da Germanello (11/01/15)
    Camino (Pizzo) da Schilpario (06/01/15)
    Arera (Pizzo) da Zambla Alta per il Versante Sud (02/01/15)
    Gino (Pizzo di) da Revolé (29/12/14)
    Bregagno (Monte) da Monti di Breglia, costone del Bregagno (26/12/14)
    Grigna Settentrionale o Grignone Cresta Piancaformia (20/12/14)
    Fontana Fredda (Punta) da Cheneil (07/12/14)
    Bardan (Monte) da Isola (22/11/14)
    Presolana (Pizzo della) Via Normale dal Passo della Presolana (01/11/14)
    Grigna Meridionale o Grignetta Cresta Segantini (25/10/14)
    Diavolo di Tenda (Pizzo del) da Carona (18/10/14)
    Kurz (Punta) Via Normale dalla Diga di Place Moulin (27/09/14)
    Bishorn e Pointe Burnaby Via Normale da Zinal (21/09/14)
    Gnifetti (Punta) - Capanna Regina Margherita Via Normale dal Rifugio Gnifetti (07/09/14)
    Ludwigshohe - Corno Nero - Balmenhorn Traversata da Indren (07/09/14)
    Vincent (Piramide) e Balmenhorn via Normale da Indren (06/09/14)
    Garin (Punta) da Gimillan per il vallone di Grauson e i laghi di Lussert (21/08/14)
    Hjörleifshöfði da Vik i Myrdal (13/08/14)
    Kirkjufell Via Normale (05/08/14)
    Gran Paradiso Via Normale del Rifugio Vittorio Emanuele II (27/07/14)
    Emilius (Monte) da Pila per il Rifugio Arbolle (17/07/14)
    Delago (Torre) spigolo SO - via Piaz (06/07/14)
    Gay (Becca di) Via Normale dalla Diga di Teleccio (21/06/14)
    Grigna Meridionale o Grignetta da Pian dei Resinelli, anello Direttissima-Cecilia, Bocchetta dei Venti (18/05/14)
    Leone (Monte) dal Passo del Sempione (17/05/14)
    Cimone della Bagozza da Schilpario (04/05/14)
    Canzo Occidentale e Centrale (Corni di) da Canzo per la Forcella dei Corni (01/05/14)
    Scalino (Pizzo) dalla Diga di Campo Moro (26/04/14)
    Avic (Monte) traversata versante Nord-Est - cresta Ovest da Villa (13/04/14)
    Chateau Blanc da Planaval (29/03/14)
    Noli (Capo) da Varigotti, traversata (16/03/14)
    Chüebodenhorn da All'Acqua (15/03/14)
    Palasina (Punta) da Estoul (23/02/14)
    Bo Valsesiano (Monte) da Rassa (26/01/14)
    Grigna Meridionale o Grignetta Canale Pagani (12/01/14)
    Pizzetto (Il) da Fontane (06/01/14)
    Piz Tri da Loritto (31/12/13)
    Alben (Monte) da Colle di Zambia (14/12/13)
    Tre Signori (Pizzo dei) da Ornica (08/12/13)
    Aralalta (Monte) e Pizzo Baciamorti da Quindicina (08/12/13)
    Chalet de l'Epèe (Rifugio) da Bonne (24/11/13)
    Grigna Settentrionale e Grigna Meridionale da Piani Resinelli, Traversata Alta (11/11/13)
    Monviso Via Normale da Pian del Re (21/09/13)
    Niblè (Monte) Via Normale da Grange della Valle, possibile anello (14/09/13)
    Herbetet (Casolari dell') da Valnontey, anello per Vermiana e Rifugio Vittorio Sella (31/08/13)
    Arcuentu (Monte) dal versante NO (21/08/13)
    Su Gorropu (Canyon) dal Passo Ghenna Silana (15/08/13)
    Ispuligideniè (Cala Mariolu) dal Golgo (12/08/13)
    Goloritze (Cala) dal Golgo (10/08/13)
    Weissmies da Gondo per la Zwischbergental (21/07/13)
    Tresenta (la) da Pont Valsavarenche (13/07/13)
    Gran Lago da Mont Blanc (06/07/13)
    Marguareis (Punta) Canale dei Genovesi (30/06/13)
    Grabiasca (Monte) Canale Nord (23/06/13)
    Legnone (Monte) Canale Ovest (08/06/13)
    Resegone - Punta Cermenati da Morterone per la Cresta Nord (26/05/13)
    Pizzetto (Il) da Fontane (11/05/13)
    Breithorn dal Passo del Sempione (11/05/13)
    Gavin (Bec) da Champdepraz, anello per Alpe Panaz e Vasey (05/05/13)
    Sciguello (Monte) da Sciarborasca (25/04/13)
    Reixa (Monte) e Monte Argentea da Case Soprane, anello (14/04/13)
    Pierre (Pointe de la) da Ozein (01/04/13)
    Montagnaya (Punta di) da Pouillayes (03/03/13)
    Massone (Monte) e Eyehorn da Alpe Loccia, anello (16/02/13)
    Grigna Meridionale o Grignetta Canale Caimi (10/02/13)
    Straolgio (Cimone di) da Fondo Li Gabbi (03/02/13)
    Piana (Cima) o Mont de Panaz da Mont Blanc (26/01/13)
    Meidassa (Monte) da Pian della Regina (05/01/13)
    Bertone Giorgio (Rifugio) da La Saxe (31/12/12)
    Facciabella (Monte) da Mandriou per il Colle di Vascoccia (30/12/12)
    Falinere (Punta) da Cheneil (25/11/12)
    Resegone - Punta Cermenati da Erve, sentiero delle creste (02/11/12)
    Blinnenhorn o Corno Cieco dalla Diga di Morasco (21/10/12)
    Blanche (Tète) da Glacier e il Rifugio Chiarella all'Amianthe (16/09/12)
    Grigna Settentrionale o Grignone via della Ganda (09/09/12)
    Cinto (Monte) da Haut Asco (22/08/12)
    Anse Georgette da Anse Lazio (13/08/12)
    Morne Trois Freres da Sans Souci (08/08/12)
    Barbeston (Monte) da Veulla per il Colle di Valmeriana (29/07/12)
    Zeda (Monte) da Colle (22/07/12)
    Tersiva (Punta) da Gimillian (12/07/12)
    Bernarda (Testa) da Planpincieux (23/06/12)
    Furggen (Cima del) o Tète de la Forclaz da Cervinia (17/06/12)
    Tre Signori (Pizzo dei) da Pescegallo (10/06/12)
    Fallère (Mont) da Thouraz per il Lago Fallère (03/06/12)
    Zerbion (Monte) da Promiod per la cresta Ovest (26/05/12)
    Pierre (Pointe de la) da Ozein (22/04/12)
    Entrelor (Cima di) da Bruil (01/04/12)
    Petit Tournalin da Cheneil (18/02/12)
    Fetita (Punta) o Falita da Challancin per il Col de Bard (12/02/12)
    Paglietta (Monte) da Prailles (05/02/12)
    Clavalitè (Santuario de la) da Cheneil (14/01/12)
    Grand Tournalin (Cima Sud) e Petit Tournalin da Cheneil (16/10/11)
    Gratton Luciano (Bivacco) da Cretaz (24/07/11)
    Avril (Mont) da Glacier per la Fenetre Durand (10/07/11)
    Glacier (Mont) da Dondena, anello per il Lago Miserin (02/07/11)
    Aran (Becca d') da Cheneil (26/06/11)
    Entrelor (Colle di) da Eaux Rousses, traversata a Rhemes Notre Dame (25/07/10)