Simone P.


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Gita CAI sezione Ceva su Punta Udine e alcuni anche sulla vicina Punta Venezia. Bella giornata, tutti i partecipanti soddisfatti per aver raggiunto la cima che offre un divertente percorso, non escursionistico, e una bellissima vista. Come equipaggiamento è consigliato il caschetto, soprattutto se ci sono molte persone sul percorso attrezzato, e , inoltre, solo per la Punta Venezia uno spezzone di corda da infilare in uno spit per aiutarsi per un paio di metri nella discesa dalla punta.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Bella cima panoramica. Lungo tutto il percorso non c'è più neve. Siamo saliti per il versante Sud Ovest, dove si sale l'ultimo tratto con passi di facile arrampicata (F) e discesi più facilmente sul versante Sud Est puntando ai laghetti sottostanti (EE) dover si rintraccia il sentiero che riporta al lago di Valscura. Ci sono pochissimi o nessun ometto nella parte alta del percorso. Occorre "leggere" un po' la via di salita, perché poco evidente: NON si passa dal colletto di Valscura , ma dal lago di Valscura, si va a reperire una traccia che sale più ad EST, per alcuni tratti è un vero e proprio sentiero che sale in quota.

L'itinerario
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
L'Huayna Potosì è una bella cima, tecnicamente poco difficile, impegnativa per la quota, vicina a La Paz che presenta una bella salita su ghiacciaio, abbastanza crepacciato. Abbiamo contattato un'agenzia che ci ha organizzato l'escursione. Consiglio di affidarsi solo a guide certificate UIAA, costeranno poco di più, ma sono molto professionali e preparate. Noi, gruppo di tre persone, avevamo due guide (o meglio: una guida ed un aspirante guida): così lavorano le guide . In questo modo se un componente del gruppo non fosse arrivato in cima, non avrebbe impedito agli altri di proseguire, potendo scendere con una delle due guide. Con l'agenzia abbiamo fatto un controllo della nostra attrezzatura e cosa mancava ci è stato fornito dall'agenzia (normalmente viene fornito: picozza, ramponi, ghette, casco , imbrago, scarpe da alta montagna con scarpetta interna) e in più ci sono stati forniti anche accessori che avremmo dovuto procurarci noi ma in parte mancanti: lampada frontale, sovraguanti a moffola, pantaloni impermeabili. Lo zaino (capacità superiore a 40-45 lt) deve contenere: una bottiglia d'acqua 2L, gli indumenti pesanti, gli scarponi d'alta montagna, ramponi, snack per la salita, sacco a pelo. La salita al rifugio si effettua con scarponi più leggeri (pedule). Si arriva in auto da La Paz abbastanza velocemente (circa 20 km su strada buona, per lo più sterrata) al Zongo pass. Di qui con gli zaini molto pesanti abbiamo raggiunto il rifugio avanzato a quota 5250 m ,posto al bordo del ghiacciaio. E' una struttura non gestita, a diposizione delle guide, accogliente , moderna, con letti e mobilio nuovo,calda di giorno, ma di notte freddina poiché poco coibentata. Il rifugio era tutto a nostra disposizione: altri alpinisti sostavano nel rifugio piú vecchio, posto piú in basso.Le guide hanno provveduto ottimamente ai pasti: cena, colazione, e un veloce spuntino al ritorno dalla salita alla cima. Partenza alle ore 2.30 , arrivati in cima alle 7.00. Il tratto a pendenza 50° era in ottime condizioni: neve recente non ghiacciata abbastanza scalinata. Abbiamo avuto poco tempo per goderci il paesaggio in cima: è meglio scendere prima che il sole scaldi troppo (il sole "picchia" molto su ghiacciaio a queste quote).Poi pausa al rifugio e nel primo pomeriggio siamo rientrati a La Paz. A tentare la salita della cima, circa una ventina di persone: alcune ritornavano indietro per problemi di mal di montagna.
Con Daniele e Romano e due ottime guide di El Alto : Nolberto Soliz e Vidal (climbingbolivia@hotmail.com) che si sono rivelate molto gentili, tecnicamente preparate, e di ottima compagnia.

In cima

Nolberto in cima

Il rifugio

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Bella salita in quota, in assenza di neve, con dislivello contenuto. Poco vento, poco freddo, ottime condizioni anche se il cielo non é stato terso ma un po nuvoloso. Partiti a camminare da quota 5500 m. Veloce discesa diretta su detriti ( e polvere) sul versante che guarda Quetana Chico.
Con Daniele e Romano. Salita per acclimatarci e testare l'alta quota in vista della salita al Huayna Potosí.
Un grazie alla guida locale Clemente e all'autista Juan. Organizzazione perfetta dell'Agenzia Tierras de los Andes-Evaneos in conclusione al bellissimo tour del salar de Uyuni.

In cima!

In cima!

Bellissimo ambiente a Quetana Grande e Chico
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Siamo saliti prima alla cima Nord dell'argentera, poi ridiscesi alla cengia superiore raggiungendo il colletto Gunter, Oltrepassando il filo di cresta siamo ridiscesi come da descrizione per rintracciare il canale di salita (percorso difficile da individuare, nessun segno , né ometti) . Abbiamo preso un canalino probabilmente più difficile, con buona roccia ma abbastanza verticale che ci ha portati non sulla cima , ma prima di essa e da qui facilmente in vetta.Discesa più facile sul versante opposto (lato canale Coolidge) segnalato in parte da bolli rossi. Bella cima , bel panorama.

Il percorso nei pressi del canale Coolidge

La cima
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Gita di grande soddisfazione: cima rinomata e storica, bella roccia , via abbastanza continua, ambiente bellissimo con ottima vista , veloci e verticali discese in doppia . Gita effettuata in giornata. Partenza dal parcheggio alle 7, ritornati alle 18 con brevi soste al rifugio Bozano all'andata e al ritorno.
Primo e secondo tiro eseguiti assieme , concatenandoli (totale 59 m, su consiglio del gestore del rifugio). Terzo e quarto tiro (traverso) anch'essi concatenati, come da descrizione.
L8 sosta alla base del canalone su spuntone. L9 sosta attrezzata (catena) appena oltre lo spartiacque sopra il canalone.
Occorre documentarsi bene e prestare attenzione a leggere bene la via: gli spit/chiodi non sono sempre visibili dal basso e il percorso è da cercare un po'.

Un grazie al compagno di cordata, Bobo.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
A quanto scritto da R66 aggiungo qualche foto. Condizioni ottime del ghiacciaio. Giornate molto calde: la neve nella parte bassa si scioglie velocemente ed è molle già da metà mattinata. Conviene partire sul presto. Acqua disponibile alla fontana fuori del rifugio.



Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Bella gita su dislivello contenuto con alcuni facili passaggi su roccia, non sempre salda.
Percorso interamente libero da neve, in perfette condizioni.
In seguito, escursione al rifugio Questa, non ancora aperto, con il lago delle Portette bellissimo, ancora in parte ghiacciato.

La cima

La cima

Ultimi passaggi
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Neve continua dai 2100m. Da qui, al mattino, progredendo con i ramponi, neve per lo più portante Al ritorno si sprofonda di 15-20 cm nei punti più assolati. Canale interamente innevato. Neve non ghiacciata, leggero strato di neve più fresca non compatta su un fondo di neve più dura, rossiccia. Dall'uscita del canale in 15 minuti abbiamo raggiunto la vetta per la cresta quasi completamente libera da neve, senza ramponi. Discesa per la normale estiva, libera da neve tranne che in alcune lingue evitabili e nell'ultimo tratto prima del colle di Ciriegia, dove c'è neve continua. Dal colle ,saliti per cresta alla cima di Leccia, praticamente libera da neve.

Dall'uscita del canale, verso la cima

Il canale
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Bella via facile, ben spittata. Non occorre integrare. La spittatura è un po' lunga nei tratti facili. Partiti da pian del re alle 7.30, alle 9.30 abbiamo iniziato la via dopo una pausa al rifugio. Temperatura freddina.
Con Bobo, via di riscaldamento per l'indomani su "visto per il perú"
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • mostra tutte
  • Udine (Punta) Via Normale da Pian del Re (20/08/17)
    Valrossa (Cima Sud di) da Terme di Valdieri (17/06/17)
    Huayna Potosì Via Normale dallo Zongo Pass (23/10/16)
    Uturuncu (Volcan) Via Normale da Quetena Chico (17/10/16)
    Gelas di Lourousa dal Lago della Rovina (04/09/16)
    Stella (Corno) Via De Cessole (26/08/16)
    Gran Paradiso Via Normale del Rifugio Vittorio Emanuele II (11/07/16)
    Valcuca (Cima di) Via Normale dalle Terme di Valdieri (12/06/16)
    Ciriegia (Cima di) Canale NO e cresta SO (22/05/16)
    Udine (Punta) Cresta Est (19/08/15)
    Oriol (Cima dell') da Terme di Valdieri (12/08/15)
    Fremamorta (Cima di) da da Pian della Casa del Re, anello per il Colletto di Bresses (09/08/15)
    Bal (Cima del), Monte Aiga, Monte Pebrun da Ferrere, anello (02/08/15)
    Nubiera (Buc de) Via Normale Italiana da Chiappera (26/07/15)
    Pelvoux Via Normale Couloir Coolidge (13/07/15)
    Brocan (Cima di) Canale Ovest (21/06/15)
    Meja (Rocca la) Via Normale dal Colle del Preit (03/11/13)
    Argentera (Cima Sud) Via Normale per l'Altopiano del Baus (11/09/13)
    Tenibres (Monte) e Ischiator (Becco Alto d') traversata per Rocca Rossa e Cima della Montagnetta (22/08/13)
    Vallonetto (Monte, Cime Nord e Sud) da Prati del Vallone e il Monte Las Blancias (03/08/13)
    Pelvat (Pic du) Via Normale Versante SE e Canale Coolidge (30/07/13)
    Parrot (Punta), Ludwigshohe, Corno Nero, Piramide Vincent Traversata da Indren (16/07/13)
    Conoia o Conoja (Bric di) Canale SO (10/02/13)
    Lobbie (Cima delle), cima NE da Castello per il Vallone del Duc e la Via Normale per il Canale NO (24/06/12)
    Agnel (Cima dell') Canale Nord-Ovest dal Lago della Rovina (17/05/12)