Nordend4612


Le mie gite su gulliver

Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: recente umida/pesante
quota neve m :: 1200
Ottima gita con discesa praticamente in pista.
Il gatto delle nevi ha battuto la strada fin sotto il pendio sottostante l'arrivo dello skilift, dopodichè pista battuta dagli innumerevoli passaggi fino in cima.
Osservazioni sullo stato della neve: la primissima parte di discesa dalla vetta presentava uno strato di crosta portante che però, con il primo caldo della giornata (ore 11:00), tendeva a sfondare; dopo praticamente si scende su pista battuta. Esternamente alla traccia si possono trovare ancora tratti immacolati, nonostante la crosta sia sempre presente diventando man mano che si scende sempre meno sciabile.

Nel complesso ottima gita e ottima neve. Consigliabilissima, ma affrettatevi, il caldo ha già iniziato a lavorare la neve, soprattutto nella parte bassa.

Cresta finale con cornici spettacolari, sembrava di essere su un 4.000!
Giornata spettacolare per una ottima gita in compagnia di Mauro. Panorama grandioso dall'Argentera al Rosa e, anche se nella foschia, pure oltre!

A breve foto e commenti su davideforni.wordpress.com

Una splendida alba ci raggiunge lungo il tracciato del "gatto delle nevi"
Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: Strada pulita
quota neve m :: 1500
Purtroppo riesco a metterla in rete solo ora e con le nuove nevicate la situazione sarà cambiata sicuramente, ma tant'è...

Neve perfettamente trasformata dalla macchina fino in cima.
Oggi sembrava di essere in pista, a parte i tratti fuori dal percorso solito dove è possibile trovare ancora qualche tratto "vergine".
Solo 4 stelle poichè nella parte alta il vento ha spazzato molto, lasciando qualche tratto poco coperto ed il percorso obbligato.
In solitaria con gli sci, non mi era mai capitato.
Con tutta la gente che c'era era impossibile sentirsi solo!

Metà gita - vista verso la Cialma
Sciabilità :: ** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: recente leggera/asciutta
quota neve m :: 1600
Molta neve e molto freddo. Alla partenza circa -20.
Siamo saliti all'anticima più bassa di 20 m, poichè i ripidi pendii che adducono al colle tra le due cime sono ben carichi e non ci sembrava il caso di inaugurarli!

Le basse temperature hanno fatto sì che la neve recente si sia conservata in quanto tale, ovvero farina purissima. Il problema, semmai, è che nella parte bassa e alta della gita, non c'è alcun fondo, percui si rischiano le solette più volte. Nella parte mediana, invece, la neve recente (circa 40 cm) è poggiata su un solido fondo di neve dura ben trasformata.
Ne consegue che, in salita (tutta tracciata da noi, sciatori solitari), si faticava non poco per salire sui pendii più ripidi, mentre in discesa, a parte la sopra menzionata parte mediana (da goduria), si rischia di beccare pietre e/o rami.

Consigliabile ma fra qualche giorno, quando la neve si sarà trasformata a dovere.
Gita fatta con Mauro in assoluta solitudine, non abbiamo incontrato anima viva. Ottimo inizio della stagione scialpinistica!

Pendii finali verso l'anticima di Rocca Bianca
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Considerazioni sulle stellette: ne do solo 4 perchè come ambiente è spettacolare, veramente fantastico, ma le condizioni sono tutt'altro che ottimali. Ancora troppa neve sulle parti rocciose!

Pernottamento al Bivacco Rossi e Volante "tragico" in quanto il bivacco è invaso dall'acqua e all'interno regna un'umidità pazzesca! Circa un dito d'acqua sul pavimento! Attualmente solo 8 dei 10 posti sono utilizzabili. Materassi e cuscini sono umidicci e qualcuno pure marcio! Necessiterebbe ristrutturazione, anzi proprio raderlo al suolo e rifarlo dalle fondamenta!
Ma veniamo alla gita....
Sveglia alle 3, usciamo fuori ma c'è troppo vento e troppa nuvolaglia. Si aspetta...le 4....le 5....alla fine partiamo alle 6.15 con l'obiettivo di fare quello che si riesce e con un occhio all'orario di rientro della funivia (15.45!)!
In 2 ore scarse siamo in cima prima alla Roccia Nera e poi al Gemello del Breithorn Orientale.
Purtroppo la traversata completa non è riuscita in quanto dal gemello del Breithorn gli ancoraggi per la prima doppia erano sepolti dalla neve! Qualcuno, nei giorni passati è sceso su un espostissimo pendio a nord traversando poi di nuovo in cresta per andare a prendere (forse) le seconde doppie. Noi non ce la siamo sentita, era davvero esposto e in più c'era il rischio di non trovare neanche gli ancoraggi della seconda doppia. Avevamo con noi solamente una corda da 50, probabilmente con due corde da 50 si potrebbe fare una doppia unica da uno spuntone di roccia presente poco prima del salto iniziale nel vuoto, ma è tutto da verificare.
Il Breithorn Orientale è ben tracciato, in ambo i sensi di traversata, meno si può dire, invece, sul Breithorn Centrale. Il tratto roccioso, infatti, è ancora ben innevato, non saprei dire se qualcuno lo abbia salito recentemente.
Ritorno dal pendio della roccia nera (ripido ma ben tracciato).
Ghiacciai ben coperti e crepacci tutti chiusi.
N.B. per raggiungere il Bivacco Rossi e Volante esistono due tracce (bivio poco oltre il Colle del Breithorn, non appena si è svalicato sul Ghiacciaio di Verra), una si tiene bassa ed arriva al Bivacco da sotto, l'altra si tiene in quota, transitando sotto i Breithorn (utile per salire le cime singole) ed arriva al Bivacco da sopra.
La seconda traccia attraversa, però, pendii molto crepacciati, valutare bene in base alle condizioni del ghiacciaio.
Panorama e cresta spaziale in tutte le direzioni.
Un consiglio: anche senza fare la traversata completa ma limitandosi solamente alla Roccia Nera ed al Gemello del Breithorn, si fanno 2 gran bei 4000 poco conosciuti (soprattutto il Gemello) in un ambiente spettacolare, ne vale la pena!

Dalla cima della Roccia Nera, vista sull'intera catena dei Breithorn
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Finalmente l'Argentera! Partiti presto (ore 6) per approfittare delle migliori condizioni atmosferiche, in vetta alle 9.30 circa.

Il passo dei detriti è praticamente sgombro da neve, fatta eccezione per la sinistra orografica, dove un canalone di neve arriva fino ai margini della pietraia sottostante il passo. Per il resto sentiero evidente nella prima parte del canale, nella parte alta più ripido e con traccia più approssimativa.

Dal colle abbassarsi leggermente sul lato opposto per raggiungere lo speroncino da cui parte la cengia descritta nella relazione.

Attualmente esistono solamente 2 tratti innevati:
1. dove la cengia si impenna verso l'alto;
2. tratto sottostante alle corde fisse, proprio sotto la cima.
Il resto della cengia è tutto pulito.

Attenzione cmq ad alcuni tratti esposti, principalmente nei tratti in cui la gengia attraversa pressochè orizzontalmente la parete.

Attenzione sulla cresta di collegamento con la cima nord, tratto innevato molto delicato.
Panorama fantastico! a mio modo di vedere unico, nel senso che vedere dal mare al Monte Rosa non mi è mai capitato!
Gita in compagnia di Mauro e Monica, grandissimi compagni d'ascensione!

Vista sulla Cima Nord dell'Argentera (m.3286).
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Gita in ambiente selvaggio ed isolato. La neve inizia da poco sotto il canalino (ripido, circa 35°-40°) per arrivare al colle. Perfettamente innevato, invece, tutto il versante francese (sembra di essere in un'altra stagione!).
Da notare che la neve presente sul versante italiano mollava già alle 10-11, mentre quella francese era perfettamente trasformata e bella "dura".
Saliti con piccozza e ramponi, utili per risalire il canalino del Col d'Ambin e per il pendio finale. Cresta senza cornici e ghiacciaio in ottime condizioni.
Gran bella gita su una grande montagna, in compagnia di Mauro e Monica.
Giornata stupenda e panorama grandioso (Meije, Barre des Ecrins, Pelvoux, Grande Casse, etc.)

La cresta finale del Monte Niblè, mt. 3.365
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo portante
Innevamento continuo da quota 2300 circa, prima ci sono solo alcune chiazze di neve, più o meno raccordate. L'innevamento, tuttavia, nonostante il caldo esagerato ha retto fin quasi al primo pomeriggio e non è da buttare. Da metà gita in poi è tutto firn molto godibile.
Tantissima gita sul Malamot, tanti sciatori e tanti racchettari.

Giornata che pareva destinata al fallimento data la densa nuvolaglia che ha raggiunto la zona del moncenisio sin dalle prime ore del mattino, oscurando in parte il bellissimo ambiente. Fortunatamente la zona del Malamot è stata risparmiata!

In compagnia di Mauro e Monica.

Il malamot dalla conca superiore.
Giudizio Complessivo :: ** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta rigelo non portante
neve (parte inferiore gita) :: recente umida/pesante
Piccola precisazione sulle osservazioni: noi siamos aliti direttamente, lungo la linea più ripida ed era ancora fattibile. Temo che nei prox giorni, vento e sole avranno lavorato molto, percui potrebbero diventare pericolosi. Nel caso tenersi verso est, sulla verticale di Punta Prà Fiorita e raggiungere la cima del Pintas seguendo la cresta, peraltro molto panoramica.
2 stelle solamente (ne meriterebbe tre) perchè il ritorno fin'oltre Pian Gelassa lungo una strada "eterna" e praticamente in piano è stata una tortura!
Finalmente la neve e quanta!
Giornata stupenda e vista meravigliosa sul Rocciamelone e le Cime contornianti il bacino artificiale del Moncenisio.
Non conviene assolutamente cercare di raggiungere Pian Gelassa. Attualmente, infatti, la strada è coperta da uno spesso strato di neve (circa 50 cm) ed è molto faticosa, soprattutto al ritorno. Se il meteo continua così la neve si trasformerà ben ben e sarà una goduria! attenzione solamente ai pendii ripidi che, nei prossimi giorni, potrebbero scaricare.
Nella foto, La cima del Pintas risulta essere alla destra dell'impianto che arriva sulla cresta spartiacque.

Fantastica la vista sulla François Pelouxe! un giorno forse....

Parte mediana della gita, vista sui pendii superiori.
Giudizio Complessivo :: * / ***** stelle
osservazioni :: visto cadere valanghe a lastroni
neve (parte superiore gita) :: recente umida/pesante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
Difficile dire lo statod ella neve, data la temperatura tropicale della giornata!
Posso segnalare che, oltre alla valanga a lastroni caduta dall'arpellin, ho visto la presenza di numerosi lastroni formatisi sui pendii ripidi ai lati del canalone che conduce al colle e del pendio che scende dalla vetta sul colle. Per il resto, se non fosse stato per la temperatura eccessivamente elevata, le condizioni sarebbero state buone. Si arriva con le racchette ai piedi fino a Le Laus lungo la pista da fondo.
Giornata splendida e panorama superbo sul vicino pic de Rochebrune.
Dispiace per la smuisurata attesa procurata agli sciatori, dovuta a problemi vari.....giornata cmq stupenda.

Gita sociale del CAI GEAT
Giudizio Complessivo :: * / ***** stelle
neve (parte superiore gita) :: recente umida/pesante
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo non portante
Arrivati al col di Vers si è scatenata un'autentica bufera di neve che ci ha costretti a rinunciare alla cima. L'innevamento non è proprio il max, diciamo che con le racchette è ancora fattibile, per gli sci è al limite.

Nel dettaglio sulla stradina si trova ancora una sorta di ghiaccio-neve compressato (fuori poche chiazze di neve), nella parte mediana (a seconda dell'esposizione) crosta da rigelo, più o meno portante. La neve migliore si trova nel vallone adducente al colle ma non dura molto, dato che a circa 200 m di dislivello dal col di Vers affiorano moltissime pietre e procedere con gli sci è a proprio rischio e pericolo.
Il pendio adducente alla vetta è sgombro di neve, anche se è presente qualche piccola placca di ghiaccio. Fare attenzione, utili i ramponi e la piccozza.

Poca neve in valle. Quando scendevamo nevicava ma ne restava ben poca a terra, era più un nevischio ghiacciato e neve sollevata dal vento. 1 stella proprio per le condizioni scarne dell'innevamento!
Ambiente spettacolare, sicuramente ci tornerò. Gita in compagnia di Monica che saluto e invito a prox gite di allenamento sperando che il tempo tenga!
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Ciaslaras (Monte) da Chiappera (16/03/19)
    Turge de la Suffie da le Laus (23/02/19)
    Aquila (Punta dell') e Cugno dell'Alpet da Alpe Colombino (15/02/19)
    Cugulet (Monte) da Sodani (07/02/19)
    Dorlier (Cima) da Thures (13/01/19)
    Carail (Croix) da Nevache par le Bois Noir (16/12/18)
    Giassiez (Monte) o Giassez da Thures (07/12/18)
    Ecrins (Barre des) Via Normale da Pré de Madame Carle (29/07/18)
    Grande Aiguille Rousse dal Lago del Serrù per il Colle della Vacca (08/07/18)
    Alphubel dalla Täschhütte (27/06/18)
    Tsa (Tour de la) da Chamen, versante NE (01/06/18)
    Almiane (Punta di) dal Ponte d'Almiane (26/05/18)
    Furggen (Cima del) o Tète de la Forclaz da Cervinia (22/04/18)
    Vallee Blanche (02/04/18)
    Arp Vieille (Mont) da Bonne (14/03/18)
    Lusignetto (Punta) da Ala di Stura (03/03/18)
    Bisalta o Besimauda (Monte) da Pradeboni (11/02/18)
    Grum (Monte) da San Giacomo (20/01/18)
    Liste (Cima delle) o Punta Gardetta da Indritti (17/12/17)
    Aigle (Pitre de l') da Traverses (09/12/17)
    Polluce Cresta SO (29/08/17)
    Zumstein (Punta) Via Normale da Indren (23/07/17)
    Coin (Testa del) dal Ponte d'Almiane (02/06/17)
    Gran Paradiso da Pont Valsavarenche per il Rifugio Vittorio Emanuele II (07/05/17)
    Thabor (Monte) dalla Valle Stretta (15/04/17)
    Entrelor (Cima di) da Bruil (31/03/17)
    Galibier (Pic Blanc du) dalla strada del Col du Lautaret (12/03/17)
    Flassin (Mont) da Parcheggio Flassin (15/02/17)
    Saurel (Cima) da Bousson (15/01/17)
    Sea Bianca (Punta) da Pian della Regina (18/12/16)
    Giassiez (Monte) o Giassez da Thures (03/12/16)
    Dufour (Punta) o Dufourspitze Via Normale della Cresta Ovest (17/08/16)
    Miage (Domes de) traversata est-ovest (17/07/16)
    Ramière (Punta) o Bric Froid dalla Valle Argentera (20/05/16)
    Costazza (Bec) dalla strada per Dondena (26/04/16)
    Grand Etret (Testa del) da Pont Valsavarenche (26/03/16)
    Ciarm del Prete da Tornetti (06/03/16)
    Valletta (Punta) da Cerisey (21/02/16)
    Bosco (Cima del) da Thures (17/01/16)
    Roccia Nera, Gemello e Breithorn Orientale da Plateau Rosa (26/07/15)
    Leone (Monte) dal Passo del Sempione (24/05/15)
    Terra Nera (Monte) da Rhuilles (06/05/15)
    Sommeiller (Punta) da Grange della Valle (21/04/15)
    Cervet (Monte) da Lausetto (01/04/15)
    Ruissas (Monte) da Lausetto (08/03/15)
    Marmottere (Monte) da Tornetti (01/03/15)
    Giobert (Monte) da Preit (31/01/15)
    Cervetto (Testa di) da Meire Bigorie (06/01/15)
    Pierre (Pointe de la) da Ozein (05/02/12)
    Boscasso (Bric) da Chialvetta (12/12/10)
    Bo Valsesiano (Monte) da Rassa (04/12/10)
    Sant'Orso (Torre di) Via Normale da Valnontey (04/07/10)
    Abisso (Rocca dell') da Colle di Tenda (13/06/10)
    Lamet (Pointe du) da Plan des Fontainettes (04/06/10)
    Entrelor (Cima di) da Bruil (10/04/10)
    Faraut (Monte) da Sant'Anna (28/03/10)
    Resy (Palon di) da Saint Jaques (06/03/10)
    Cugulet (Monte) da Sodani (07/02/10)
    Selleries (Rifugio) da Pra Catinat (24/01/10)
    Lion (Monte) da Fondo (17/01/10)
    Sea Bianca (Punta) da Pian della Regina (02/01/10)
    Montestrutto (Falesia di) (21/11/09)
    Pagliaio (Picchi del) Traversata Accademica (06/11/09)
    Sbarua (Rocca) via Gervasutti-Ronco (24/10/09)
    Asgelas (Punta dell') o du Lac Gelè da Dondena , anello per Il Monte Rascias e Lago Miserin (11/10/09)
    Tresenta (la) da Pont Valsavarenche (13/09/09)
    Giordani (Punta) Via Normale da Indren (06/08/09)
    Parrot (Punta), Ludwigshohe, Corno Nero, Piramide Vincent Traversata da Indren (12/07/09)
    Neige des Ecrins (Dome de) Via Normale da Pre de Madame Carle (14/06/09)
    Sassa (Col de la) da Chamen (24/05/09)
    Grand Etret (Testa del) da Pont Valsavarenche (03/05/09)
    Breithorn Occidentale e Centrale Traversata da Plateau Rosa (25/04/09)
    Palit (Punta) da ex impianti Palit (04/04/09)
    Ostanetta (Punta) e Punta dal Razil o Rumelletta da Ostana, anello per Punta Selassa (15/03/09)
    Vaccarezza (Monte) e Cima dell'Angiolino da Branco, anello (22/02/09)
    Colombano (Monte) dal Ponte del Dazio (25/01/09)
    Serrù (Diga del) da Chiapili di Sopra (11/01/09)
    Vallone (Cima del) da strada Quincinetto - Scalaro (04/01/09)
    Monch Via Normale dallo Jungfraujoch (27/07/08)
    Vincent (Piramide) e Balmenhorn via Normale da Indren (20/07/08)
    Musiné (Monte) da Caselette (14/06/08)
    Tre Denti di Cumiana da Picchi, anello (01/06/08)
    Nera (Rocca) da Crissolo (09/03/08)
    Dormillouse (Cima) da Thures (24/02/08)
    Ros (Mont) da Mont Blanc (03/02/08)
    Aquila (Punta dell') dall'Alpe Colombino (27/01/08)
    Aquila (Punta dell') dall'Alpe Colombino (19/01/08)
    Cialma (la) o Punta Cia da Carello (28/12/07)
    Bianca (Rocca) da Indritti (16/12/07)
    Roccia Nera - Breithorn Occidentale traversata dei Breithorn da Plateau Rosà (01/07/07)
    Argentera (Cima Sud) Via Normale per il Rifugio Remondino (17/06/07)
    Niblè (Monte) Via Normale da Grange della Valle, possibile anello (29/04/07)
    Malamot (Monte) o Pointe Droset da Piano San Nicolao (22/04/07)
    Pintas (Monte) dalla Fontana della Batteria (06/04/07)
    Turge de la Suffie da le Laus (18/03/07)
    Marchisa (Rocca la) da Sant'Anna (11/03/07)
    Tantané (Monte) da Artaz (18/02/07)
    Cialma (la) o Punta Cia da Carello (17/12/06)
    Torchè (Becca) Cresta NO (05/11/06)
    Bishorn e Pointe Burnaby Via Normale da Zinal (30/07/06)
    Herens (Dent d') Cresta Tiefenmatten (02/07/06)
    Aletschhorn Via Normale dal Mittelaletschbiwak (03/06/06)
    Barone di Coggiola (Monte) da le Piane, anello per la Spelonca e Bocchetta Foscale (21/05/06)
    Vergia (Punta) da Rodoretto (07/05/06)
    Allalinhorn Via Normale dal Mittelallalin (24/04/06)
    Strahlhorn Via normale dalla Britanniahutte (23/04/06)
    Ciantiplagna (Cima) da Frais per il Colle delle Vallette (10/04/06)
    Ciarmetta (Monte), sella SE da Lausetto (12/02/06)
    Vandalino (Monte) da Ponte Barfè per il versante Nord (05/02/06)
    Bosco (Cima del) da Thures (11/12/05)
    Breithorn Occidentale Via Normale da Plateau Rosà (30/10/05)
    Mars (Monte) Cresta Carisey SSO da Plan Coumarial (19/09/05)
    By (Grande Tete de) via Normale da Glacier per il Rifugio Chiarella (24/07/05)
    Sonadon (Mont) da Glacier, via normale dal Col du Sonadon (24/07/05)
    Grand Combin Spalla Isler (24/07/05)
    Bianco (Monte) Via Normale dal Refuge des Cosmiques per il Col du Maudit (19/06/05)
    Dolent (Mont) da Arnouva, Via Normale (12/06/05)
    Pelvo d'Elva Couloir Est (22/05/05)
    Gran Paradiso Via Normale del Rifugio Vittorio Emanuele II (15/05/05)
    Soardi-Fassero (Bivacco) da Forno Alpi Graie (07/05/05)
    Nel (Colle di) da Chiapili di Sotto (10/04/05)