Larix66


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: nessun problema di traffico o parcheggio nonostante la gara
Percorso ben segnalato, evidente nonostante la scarsa visibilità odierna. Tratti attrezzati anche non facili ed esposti, con catene in buono stato di manutenzione; alcune di queste hanno una sezione inferiore alle altre ma sono comunque affidabili. L’itinerario nel suo insieme è lungo ed impegnativo ma di grande soddisfazione. Soltanto le condizioni meteo non ottimali limitano la valutazione a 4 stelle.
Come prima gita dopo le ferie scegliamo la classica Traversata Alta delle Grigne ma solo ieri sera veniamo a sapere della gara in programma oggi su queste cime: il Trofeo Scaccabarozzi, finale del Campionato Italiano SkyMarathon. Decidiamo di partire comunque, consapevoli della possibilità di dover cambiare itinerario, visto che il nostro percorso coincide con quello della gara in uno dei tratti più tecnici. Percorriamo la Cresta Cermenati ed arriviamo in cima alla Grignetta con qualche minuto di anticipo sul primo degli atleti. Gli ottimi addetti al percorso, cui vanno i nostri complimenti, ci consentono di proseguire e ci avvisano quando è necessario lasciare libero il percorso. Scendiamo per i ripidi tratti attrezzati sentendo il fiato sul collo dei primi corridori. Cediamo il passo ad una trentina di partecipanti alla competizione fino al Buco di Grigna dove, uscendo dal tracciato di gara, possiamo tornare a tenere il nostro ritmo abituale. Alcune persone davanti a noi, dopo aver attraversato prati molto frequentati dagli ovini, hanno involontariamente effettuato una “Marcatura supplementare” del percorso con un materiale che non si può definire vernice…
Dopo gli ultimi tratti con catene arriviamo sul versante della Valsassina nel punto dove la Traversata Alta incontra quella Bassa, presso il Bivacco Merlini. Proseguiamo verso il Grignone incontrando nuovamente gli atleti della gara, stavolta in direzione opposta alla nostra. Raggiungiamo la vetta e, dopo una breve pausa, scendiamo ancora in compagnia degli atleti verso Planeral, da cui seguendo la Traversata Bassa facciamo ritorno ai Piani Resinelli.

Cristina (oggi più in forma di me) ed io affrontiamo da soli la gita di oggi, dopo aver tentato inutilmente di coinvolgere alcuni soci delle nostre escursioni estive. La “sorpresa” di trovarsi nel mezzo di una gara viene vissuta inizialmente come un potenziale problema ma si traduce poi in un piacevole diversivo. La tipica giornata “da Grigna”, con cielo sereno ovunque tranne sulle cime, avvolte in nuvole dense, ci priva del panorama ma non del divertimento. I nostri complimenti alle atlete ed agli atleti di una gara dai numeri impressionanti per sviluppo, dislivello e tempo impiegato dal vincitore.

Incrocio della Traversata alta con quella bassa al Bivacco Merlini

Uno dei tanti passaggi attrezzati

Grignetta vista dalla Traversata bassa, prima di arrivare ai Resinelli
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Possibili lavori in corso lungo la strada da Malesco a Fundighebi
L’ultimo giorno di ferie offre un cielo terso che esalta ulteriormente lo splendido panorama sulla Valgrande, sul Rosa e sui 4000 del Vallese che si ammira sia durante la salita sia giunti in vetta, dove si aggiunge l’ottima vista sulla Val Basso e buona parte della Val Vigezzo. Saliti per l’itinerario qui descritto, scendiamo facendo una visita all’Alpe Straolgio, attraversando ancora pendii invasi da rododendri e ontanelli. Dall’Alpe un comodo sentiero ci riporta alla Cappella di Terza.
Gita in compagnia di Marco e Michael.

Pizzo dei Diosi e Alpe Straolgio

Pizzo dei Diosi visto da Sud-Est

Pizzo dei Diosi visto da Est

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
La giornata favonica, con temperature finalmente rientrate nella media, è ideale per questa gita che per me è diventata ormai una tradizione annuale. Avendo letto con rammarico che qualcuno ha dovuto ravanare per raggiungere la cima, ho ritenuto utile aggiungere qualche indicazione circa il percorso, che in realtà è uno dei più diretti tra le cime vigezzine. Tra le prime baite dell’alpe Villasco un cartello invita a lasciare la mulattiera e a salire per i prati la cui pendenza fa immediatamente capire cosa ci aspetta. La traccia evidente si alza sui prati, attraversa un gruppo di faggi e conduce alle baite dell’Alpe Borca, al limitare del bosco. A sinistra delle baite una traccia orizzontale conduce dopo pochi passi all’unica sorgente presente sul tragitto, mentre il sentiero principale continua a salire nella faggeta. Nel bosco si incontrano alcune deviazioni, una sola delle quali è segnalata; occorre in ogni caso seguire la traccia che sale in maniera più diretta, trascurando le altre, in genere meno evidenti. Dopo la faggeta, i larici e l’unico breve tratto in cui la pendenza è più contenuta si raggiunge il filo della cresta Sud. Si superano o si aggirano le prime roccette poi il sentiero, in un punto segnalato da un ometto poco evidente, abbandona la cresta e prosegue pochi metri sotto sul versante Ovest, a sinistra salendo. Passato questo punto, evidenziato in una delle foto che ho inserito, non dovrebbero esserci più problemi nel mantenere la giusta direzione, lungo il sentiero che più avanti torna a toccare la cresta, staccandosi poi per raggiungere la forcella tra le due grandi piodate. Il passaggio sulla cresta orizzontale che segue l’antecima è più impressionante che difficile, per la sua esposizione sugli strapiombi verso Nord-Ovest e la liscia piodata verso Sud-Est. Richiede in ogni caso prudenza.
Il percorso da Villasco alla cima si può osservare quasi per intero dai prati dell’Alpe Cortina, da dove è stata scattata la foto che ho inserito con la traccia evidenziata in giallo.

Dopo due giorni di maltempo arrivano finalmente le condizioni per la penultima gita di queste ferie ormai agli sgoccioli. Parto da solo, perché i soci abituali sono diversamente impegnati o già tornati a casa, e arrivo in cima da solo. Durante la discesa incontro finalmente qualcuno che sale e penso meno male, sarebbe un peccato in una giornata così essere l’unico ad aver salito questa cima.

Percorso

Punto dove il sentiero lascia la cresta

La Piodata e l'Alpe i Motti

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Dopo aver salito questa cima per tre dei quattro possibili versanti, mancava solo la Costa Scarone. Decidiamo quindi di affrontare le temperature anche oggi eccezionalmente alte per questi luoghi e questo periodo partendo di buon ora da S. Maria Maggiore. Passiamo dall’Alpe Cima e ci dirigiamo alla Cappella di Larecchio percorrendo il sentiero natura, tralasciando la deviazione a destra che porta alle cascine dell’alpe. Dalla cappella seguiamo la cresta fino alla “Porcella”. La scorciatoia che passando per le baite e il “Bassetta”raggiunge direttamente la “Porcella”, per la difficoltà del percorso, non ci avrebbe fatto risparmiare né tempo né fatica (vedasi itinerario “Costa di Fracchia e Porcella”). Prendiamo quindi il sentiero, poco segnalato ma comunque visibile, che corre una decina di metri sotto la cresta sul versante di Valbasso fino ad arrivare ad un punto da cui si vede bene la croce di vetta. Passiamo sotto le rocce di una cresta secondaria originata da un’antecima poi salendo per prati con percorso ripido ma elementare raggiungiamo la vetta. Scendiamo poi per la cresta Nord, la via di salita descritta in questo itinerario, verso Campra e Orcesco. Percorso tutto sommato interessante ma da ripetere con clima meno estremo; particolarmente adatta la stagione autunnale con aspetti cromatici di sicuro interesse.
Gita in compagnia di Cristina e Flavio; a entrambi i miei complimenti per la resistenza, in una giornata in cui la fatica è raddoppiata dal caldo e dall’esposizione solare.

Pizzo Ragno e Costa Scarone

Alpe Cima e sentiero Natura

Cima e percorso di salita

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Gita effettuata senza compiere la traversata per la Punta Elgio, con salita alla cima da Ovest e discesa da Est come descritto nella guida "Scialpinismo in Valdossola". In effetti si tratta di un percorso ideale per lo scialpinismo che non mancheremo di ripetere nella stagione adatta. Bella giornata con poche nuvole e clima afoso, soltanto alle quote più alte le temperature sono gradevoli. Il panorama è interessante sulle vette della Formazza, dell'Oberland e del Ticino.
Radunata una copiosa comitiva (11 persone) ci rifugiamo sulle alte quote della Formazza per sfuggire al caldo tropicale che arriva implacabile anche nella "nostra" Val Vigezzo. Saluto "a distanza" Adrimiglio che apprendo ora ha effettuato la gita due giorni fa, mentre noi ci divertivamo a fare la sauna in Valgrande.

Hohsandhorn, Rothorn, Blinnenhorn ecc. visti dalla cima

P.zo Fiorina, Kastelhorn, Lago del Toggia

Eriophorum scheuchzeri in Valrossa con sullo sfondo il Kastelhorn
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Strada per Cicogna molto stretta e tortuosa
Partiti alle 7.30 da Fundighebi con il cielo nuvoloso nonostante le previsioni, arriviamo alla cresta tra Bocchetta di Scaredi e Cima Binà proprio mentre la nebbia si dirada scoprendo panorami spettacolari tra il Rosa e il Leone e, soprattutto, rendendo possibile la continuazione della traversata: in caso di scarsa visibilità avremmo dovuto rinunciare. Il percorso delle Strette del Casè è divertente e ben più segnalato rispetto a quanto ci aspettavamo; anche sui Prati di Ghina troviamo tracce di vernice e ometti che, per quanto distanziati l’uno dall’altro, ci sono di grande aiuto. Il caldo tropicale è sopportabile soltanto perché buona parte del percorso si svolge all’ombra, soprattutto nella faggeta presso Cavrua. I tre litri d’acqua pro capite bastano appena per arrivare a Pogallo, località che raggiungiamo dopo l’unico tratto privo di sentiero passato Pogallo dentro.
Grande traversata sognata da tempo, realizzata in compagnia di Cristina, Flavio e Ledy, oltre che di una ventina di camosci, gli unici esseri viventi incontrati tra le pendici della Laurasca e Pogallo.

Strette del Casè 1

Cima della Laurasca e percorso

Strette del Casè 2

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Gita spettacolare per l’ambiente straordinario in cui si svolge. Lo sviluppo e il dislivello sono notevoli e arrivati al Breithornpass ci si rende conto di quanto è ancora lunga la strada. Raggiunta per un ripido pendio franoso la cresta Sud la seguiamo agevolmente su blocchi e lastroni fino a circa metà; quando la cresta si restringe passiamo sul versante italiano dove, su terreno altrettanto ripido e franoso, chiare tracce di passaggio e alcuni ometti ci conducono pochi metri sotto la vetta che si raggiunge senza grosse difficoltà. La nebbia sul versante italiano, che per fortuna non riesce ad oltrepassare la cresta, rende particolare l’esperienza della salita. Il versante svizzero è sgombro da nubi e il cielo terso offre una vista eccellente sui monti del Vallese e dell’Oberland. Unica nota dolente lo stato dei ghiacciai, che soprattutto nelle calde ore pomeridiane si sciolgono letteralmente a vista d’occhio.
Dopo aver rinunciato per vari motivi questa primavera, Andrea ed io torniamo, stavolta in compagnia di Flavio, a tentare la salita del Leone. Tutti e tre raggiungiamo quindi la vetta con grande soddisfazione.

Leone e Alpjergletscher

Homattugletscher

Cresta Sud con nebbia sul versante italiano

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: strada libera fino a Morasco
Partiti da Frua per ripercorrere l'itinerario di una gita della nostra sezione Cai annullata per il maltempo domenica scorsa, arriviamo alla Bocchetta del Gallo senza aver visto un gran che a causa della nebbia. Vista la vicinanza della cima, Flavio ed io decidiamo di tentare la salita mentre il resto della comitiva prosegue per il Rifugio Margaroli. Dalla Bocchetta ci dirigiamo verso un canalino che porta ad un intaglio della cresta che si affaccia sul versante di Vannino, libero dalla nebbia, da cui ci rendiamo conto della fattibilità. saliamo per terreno franoso alternato a tratti erbosi, più stabili, fino alla cresta rocciosa finale, che presenta alcuni passaggi di arrampicata facili ma esposti. La roccia della cresta è abbastanza stabile mentre il pendio sottostante sul versante del Vannino è composto da terreno friabile e pietre mobili. Alterniamo nella salita tratti di cresta a tratti su questo pendio dove è necessario accertarsi che non ci sia nessuno sotto di noi (non si tratta peraltro di una via di salita) perchè è quasi inevitabile far cadere qualche sasso anche di dimensioni non indifferenti. Arrivati in cima in circa 3/4 d'ora dalla Bocchetta torniamo sui nostri passi fino all'inizio della cresta, da dove scendiamo in direzione del Lago Vannino senza quindi ritornare alla Bocchetta del Gallo.
Condivido le considerazioni di Stella Alpina circa la bellezza dell'itinerario, anche se non abbiamo avuto la stessa fortuna per quanto riguarda il meteo. L'ottimo pranzo al Margaroli, dove ci riuniamo al gruppo, e la discesa su Morasco per il Passo Nefelgiù (i pochi nevai residui sono distanti dal sentiero) completano una piacevole giornata in luoghi la cui bellezza è fuori discussione.

Ultime rocce per la cima con Lago Vannino e Lago Sruer sullo sfondo

Valle del Vannino vista dalla cima

Arbola vista scendendo al Margaroli
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: niente da segnalare
Gita del Cai Vigezzo con la gradita compagnia di alcuni amici dell’Utoe di Locarno, 17 persone in tutto. La capacità ricettiva del Rifugio Bonasson, prima struttura in ordine cronologico gestita dalla sezione, è sfruttata al massimo, con due persone che decidono di pernottare nel locale invernale; nessuno comunque se ne lamenta tra la nutrita comitiva in cui domina l’allegria. La scelta di proseguire per il Lago dopo una breve pausa nella giornata di sabato si rivela poi indovinata, visto il drastico cambiamento del tempo nella giornata successiva, con una fitta nebbia appena sopra la quota del rifugio che persiste fino a mattina inoltrata.

Lago Gelato e Bocchetta

Bocch. del Lago Gelato e Cavegna visti dal Rif. Bonasson

Panorama dalla Forcola di Larecchio

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Solito balzello da 5 euro , da pagare anche fuori orario
Gita spettacolare per l’ambiente in cui si svolge. Molto lunga e con un grande dislivello, richiede buon allenamento. Con le condizioni attuali tutto l’itinerario può essere percorso senza toccare nevai o ghiacciai, senza quindi la necessità di attrezzatura alpinistica. Le lingue di neve sotto il Colle Marani consentono comunque di percorrere più agevolmente qualche centinaio di metri in salita e soprattutto in discesa, al ritorno. Il percorso dopo il Colle, molto vario, non è intuitivo e risulta di grande aiuto essere accompagnati da qualcuno che lo conosce. Le scarse difficoltà alpinistiche sono limitate all’ultimo tratto di cresta. Si incontra inoltre un passaggio un po’ esposto per raggiungere la quota 3111, lo spuntone di roccia rossastra a metà strada circa tra il colle e la vetta.
La giornata è ideale per una gita di questo tipo; solo qualche cumulo limita il panorama all’orizzonte. In ottima compagnia con Andrea, Cristina, Flavio e Ledy.

Cervandone visto dal Colle Marani

Arbola e Rossa

Nevai prima del Colle Marani

[visualizza gita completa]

Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Crana (Pioda di) da Arvogno (02/09/18)
    Sabbione (Punta del) o Hohsandhorn dalla Diga di Morasco (30/08/18)
    Scheggia (Pizzo la) da Arvogno (28/08/18)
    Caneto (Cima di) da Blitz per il Monte Ziccher (25/08/18)
    Ragno (Pizzo) Traversata Orcesco-Malesco per il Pizzo Nona (24/08/18)
    Stagno (Pizzo) da Fondighebi, anello per il Monte Cimone (21/08/18)
    Mater (Monte) da Albogno, anello (19/08/18)
    Medaro (Pizzo) da Arvogno per il Lago Panelatte (16/08/18)
    Crana (Pioda di) da Arvogno (14/08/18)
    Laurasca (Cima della) da Fondo Li Gabbi (10/08/18)
    Alta (Cima) da Arvogno (08/08/18)
    Alpe Veglia - Alpe Devero - Rifugio Margaroli da San Domenico, traversata (4 gg) (05/08/18)
    Pezza Comune (Punta di) e Pizzo del Corno da Arvogno (22/07/18)
    Arbola (Punta d') Via Normale da Valdo per il Rifugio Margaroli (01/07/18)
    Torriggia (Monte) da Finero, traversata a Cursolo (24/06/18)
    Leone (Monte) dal Passo del Sempione (26/05/18)
    Breithorn dal Passo del Sempione (12/05/18)
    Basodino (Monte) da Riale (06/05/18)
    Breithorn dal Passo del Sempione (21/04/18)
    Trubbio (Cima) da Arvogno (02/04/18)
    Galehorn da Engiloch (25/03/18)
    Cima (la) da Malesco (04/03/18)
    Ragno (Pizzo) da Malesco (03/03/18)
    Alta (Cima) da Arvogno (14/01/18)
    Ziccher (Monte) da Alpe Blizz (02/01/18)
    Trubbio (Cima) da Arvogno (01/01/18)
    Trubbio (Cima) da Craveggia (31/12/17)
    Cima (la) da Malesco (29/12/17)
    Alta (Cima) da Arvogno (09/12/17)
    Grigna Settentrionale e Grigna Meridionale da Piani Resinelli, Traversata Alta (14/10/17)
    Piota (Cima la) da Gurro (01/10/17)
    Ruggia (Pizzo) per la cresta Est (26/08/17)
    Medaro (Pizzo) da Arvogno per il Lago Panelatte (24/08/17)
    Terrarossa (Punta di) dal Passo del Sempione (21/08/17)
    Mater (Testa del) dal Colle di Finero (20/08/17)
    Marsicce (Cima) e Cimone di Cortechiuso da Fundighebi (17/08/17)
    Crana (Pioda di) da Arvogno (16/08/17)
    Sassone (Cima del) e Pizzo Formalone da Alpe Blizz (14/08/17)
    Pezza Comune (Punta di) e Pizzo del Corno da Arvogno (13/08/17)
    Marani (Punta) e Punta Gerla da Alpe Devero (07/08/17)
    Pedum (Cima) dalla Valgrande (05/08/17)
    Crana (Pioda di) da Arvogno (03/08/17)
    Mater (Monte) da Albogno, anello (01/08/17)
    Lago Gelato (Pizzo del) e Pizzo del Forno da Agarina, anello (30/07/17)
    Crana (Pioda di) per la grande piodata (15/07/17)
    Gnifetti (Punta) - Capanna Regina Margherita Via Normale dal Rifugio Gnifetti (10/07/17)
    Fontanalba (Pizzo di) da Arvogno (24/06/17)
    Forcola (Pizzo della) da Arvogno (18/06/17)
    Breithorn dal Passo del Sempione (30/04/17)
    Leone (Monte) Via della Paretina (23/04/17)
    Griessernuhorn da Egga (17/04/17)
    Breithorn dal Passo del Sempione (08/04/17)
    Schilthorn da Engiloch (19/03/17)
    Breithorn dal Passo del Sempione (12/03/17)
    Galehorn da Engiloch (19/02/17)
    Schilthorn da Engiloch (29/01/17)
    Magehorn da Engiloch (15/01/17)
    Maderhorn dal Passo del Sempione (31/12/16)
    Breithorn dal Passo del Sempione (29/12/16)
    Breithorn Occidentale da Cervinia (18/12/16)
    Spitzhorli da Passo del Sempione (10/12/16)
    Magehorn da Engiloch (09/12/16)
    Ziccher (Monte) da Alpe Blitz (27/11/16)
    Crana (Pioda di) da Arvogno (11/09/16)
    Medaro (Pizzo) da Arvogno per il Lago Panelatte (27/08/16)
    Ragno (Pizzo) da Patqueso (26/08/16)
    Canogia (Cima di) da Arvogno (23/08/16)
    Caneto (Cima di) da Blitz per il Monte Ziccher (21/08/16)
    Forcola (Pizzo della) da Arvogno (14/08/16)
    Giove (Monte) da Sagersboden per il Rifugio Margaroli e il Lago del Busin (11/08/16)
    Galehorn da Engiloch (07/08/16)
    Ragno (Pizzo) Traversata Orcesco-Malesco per il Pizzo Nona (06/08/16)
    Gries (Corno) o Grieshorn da Riale (03/08/16)
    Muino (Schegge di) da Vocogno (01/08/16)
    Valgrande (Pizzo) da Ponte Campo, anello (30/07/16)
    Ruggia (Pizzo) da Arvogno per la Bocchetta di Ruggia (24/07/16)
    Marona (Pizzo) da Cappella Porta (17/07/16)
    Zumstein (Punta) Via Normale da Indren (13/07/16)
    Vogorno (Pizzo) da Vogorno (26/06/16)
    Schilthorn da Engiloch (15/05/16)
    Arbola (Punta d') o Ofenhorn da Valdo per il Rifugio Margaroli (10/04/16)
    Breithorn dal Passo del Sempione (20/03/16)
    Trubbio (Cima) da Arvogno (19/03/16)
    Cima (la) da Malesco (06/03/16)
    Pisgana (Vedretta di) dal Passo del Tonale per il Passo della Valletta (20/02/16)
    Cazzola (Monte) da Alpe Devero (13/02/16)
    Crana (Pioda di) da Arvogno (01/01/16)
    Campelli (Cima) da Arvogno (30/12/15)
    Pezza Comune (Punta di) e Pizzo del Corno da Arvogno (27/12/15)
    Breithorn Occidentale da Cervinia (20/12/15)
    Margineta (Monte) da Albogno (05/12/15)
    Caneto (Cima di) da Blitz per il Monte Ziccher (21/11/15)
    Valrossa (Punta di) e Punta d'Elgio da Riale, anello (06/09/15)
    Pedum (Cima) dalla Valgrande (29/08/15)
    Medaro (Pizzo) da Arvogno per il Lago Panelatte (27/08/15)
    Craveggia (Bagni di) da Blitz per la Bocchetta di S. Antonio (25/08/15)
    Pezza Comune (Punta, cima principale) da Arvogno (22/08/15)
    Valgrande (Pizzo) da Ponte Campo, anello (20/08/15)
    Rossa (Passo della) dall'Alpe Devero, anello per il Passo di Crampiolo (17/08/15)
    Sassone (Cima del) e Pizzo Formalone da Alpe Blizz (13/08/15)
    Ragno (Pizzo) Traversata Orcesco-Malesco per il Pizzo Nona (12/08/15)
    Cinque Passi (giro dei) anello da Cheggio (11/08/15)
    Galehorn da Engiloch (07/08/15)
    Maderhorn dall'Ospizio del Sempione (06/08/15)
    Teggiolo (Monte) da Bugliaga (02/08/15)
    Gnifetti (Punta) - Capanna Regina Margherita Via Normale dal Rifugio Gnifetti (10/07/15)
    Pioltone (Pizzo) o Camoscellahorn da San Bernardo, anello (05/07/15)
    Crana (Pioda di) da Arvogno (07/06/15)
    Dammastock dall'Hotel Belvedere (06/06/15)
    Blinnenhorn o Corno Cieco dalla Diga di Morasco (24/05/15)
    Senggchuppa da Engiloch (10/05/15)
    Breithorn dal Passo del Sempione (02/05/15)
    Rebbio (Punta del) o Bortelhorn da Berisal (12/04/15)
    Laurasca (Cima della) da Malesco (06/04/15)
    Tignolino (Pizzo) da Trontano (29/03/15)
    Trubbio (Cima) da Arvogno (21/03/15)
    Mater (Monte) da Druogno (01/03/15)
    Trubbio (Cima) da Craveggia (22/02/15)
    Brunni (Corno) da Riale per il versante Sud. (05/01/15)
    Arezhorn dal Passo del Sempione (02/01/15)
    Crana (Pioda di) per la grande piodata (30/12/14)
    Spitzhorli da Passo del Sempione (29/12/14)
    Galehorn da Engiloch (22/11/14)
    Pezza Comune (Punta di) e Pizzo del Corno da Arvogno (31/10/14)
    Grigna Settentrionale e Grigna Meridionale da Piani Resinelli, Traversata Alta (21/09/14)
    Laurasca (Cima della) e Cimone di Cortechiuso Anello da Fondo li Gabbi (14/09/14)
    Medaro (Pizzo) da Arvogno per il Lago Panelatte (28/08/14)
    Crana (Pioda di) per la grande piodata (27/08/14)
    Capezzone (Monte) da Campello Monti (24/08/14)
    Wenghorn da Simplon Dorf per il canale ESE (21/08/14)
    Leone (Monte) Via Normale dal Passo del Sempione (17/08/14)
    Scheggia (Pizzo la) da Arvogno (14/08/14)
    Ruscada (Pizzo) da Dissimo (06/08/14)
    Casaletti (Cima dei) da Arvogno (04/08/14)
    Cortefreddo (Pizzo) o Corno del Ferso da Giovera di Montecrestese (27/07/14)
    Capezzone (Monte) da Campello Monti (19/07/14)
    Zeda (Monte) da Falmenta, anello creste Nord e Est (13/07/14)
    Gnifetti (Punta) - Capanna Regina Margherita da Indren (21/06/14)
    Breithorn dal Passo del Sempione (02/06/14)
    Galenstock dal Furkapass (31/05/14)
    Rothorn o Corno Rosso per il Ghiacciaio dei Camosci (17/05/14)
    Strahlhorn dalla Britanniahutte (10/05/14)
    Basodino (Monte) da Riale (04/05/14)
    Valle (Punta della) quota 2611 m SO da Alpe Devero (01/05/14)
    De Zen Piero (Bivacco) da Egga (CH) (26/04/14)
    Terrarossa (Punta) o Wasenhorn dal Passo del del Sempione (13/04/14)
    Mattwaldhorn da Engiloch (06/04/14)
    Magehorn da Engiloch (30/03/14)
    Arbola (Punta d') o Ofenhorn da Valdo per il Rifugio Margaroli (29/03/14)
    Pioltone (Pizzo) o Camoscellahorn da San Bernardo (09/03/14)
    Mater (Testa del) da Pian del Sale (08/03/14)
    Pianchette (Cima) da San Bartolomeo (09/02/14)
    Tre Croci (Poggio) da Bardonecchia (26/01/14)
    Cima (la) da Malesco (18/01/14)
    Mater (Monte) da Druogno (06/01/14)
    Ziccher (Monte) da Alpe Blizz (05/01/14)
    Alta (Cima) da Arvogno (03/01/14)
    Trubbio (Cima) da Craveggia (29/12/13)
    Cima (la) da Malesco (27/12/13)
    Crana (Pioda di) da Arvogno (14/12/13)
    Scaravini (Cima) da Massiola per la cresta Sud (27/10/13)
    Muino (Schegge di) da Vocogno (26/08/13)
    Arbola (Punta d') Via Normale da Valdo per il Rifugio Margaroli (22/08/13)
    Bavona (Val) Traversata da Foroglio a S. Carlo per la Bocchetta della Crosa (20/08/13)
    Marcio (Pizzo) e Monte Togano da Coimo a Campra (17/08/13)
    Camosci (Punta dei) o Battelmatthorn dalla Diga di Morasco, anello per Passo del Gries (13/08/13)
    Stockalperweg da Gondo a Brig (10/08/13)
    Marsicce (Cima) e Cimone di Cortechiuso da Fundighebi (09/08/13)
    Diosi (Pizzo dei) per la Cappella di Terza (06/08/13)
    Craveggia (Bagni di) da Blitz per la Bocchetta di S. Antonio (04/08/13)
    Avino (Lago d') da Veglia, rientro dal passo del Croso (03/08/13)
    Torriggia (Monte) da Finero, traversata a Cursolo (01/08/13)
    Fornale (Pizzo del) da Arvogno (31/07/13)
    Campeia (Passo) da Arvogno, giro della Pioda di Crana per il Passo Larecchio (30/07/13)
    Forno (Pizzo del) o della Fria da Agarina (28/07/13)
    Pezza Comune (Punta di) e Pizzo del Corno da Arvogno (14/07/13)
    Valgrande da Patqueso a Trontano, traversata per Mottac e Scala di Ragozzale (30/06/13)
    Alphubel dalla Täschhütte (16/06/13)
    Leone (Monte) dal Passo del Sempione (08/06/13)
    Valrossa (Punta di) da Riale (12/05/13)
    Breithorn dal Passo del Sempione (25/04/13)
    Tossenhorn dalla Laggintal (14/04/13)
    Boshorn da Engiloch (07/04/13)
    Bandiera (Pizzo) da Alpe Devero (01/04/13)
    Sirwoltehorn da Engiloch (16/03/13)
    Galehorn da Engiloch (03/03/13)
    Breithorn dal Passo del Sempione (02/03/13)
    Straffelgrat Ovest (Punta) da Niederalp (10/02/13)
    Fornalino (Pizzo) da Alpe Cheggio (09/02/13)
    Ruggia (Pizzo) da Arvogno (19/01/13)
    Pioltone (Pizzo) o Camoscellahorn da San Bernardo (04/01/13)
    Sangiatto (Monte del) da Alpe Devero (29/12/12)
    Stagno (Pizzo) da Fundighebi per Alpe Cavalla (27/12/12)
    Crana (Pioda di) da Arvogno (17/11/12)
    Grigna Settentrionale e Grigna Meridionale da Piani Resinelli, Traversata Alta (16/09/12)
    Diosi (Pizzo dei) per la Cappella di Terza (27/08/12)
    Crana (Pioda di) da Arvogno (26/08/12)
    Ragno (Pizzo) Traversata Orcesco-Malesco per il Pizzo Nona (22/08/12)
    Valrossa (Punta di) e Punta d'Elgio da Riale, anello (21/08/12)
    Valgrande da Scaredi a Cicogna, traversata per le Strette del Casè (19/08/12)
    Leone (Monte) Via Normale dal Passo del Sempione (17/08/12)
    Freghera (Cima della) da Canza (14/08/12)
    Gelato (Lago) da Arvogno per l'Alpe Camana (11/08/12)
    Cervandone (Monte) dal colle Marani (09/08/12)
    Laurasca (Cima della) da Fondo Li Gabbi (08/08/12)
    Torrione (il) da Finero, anello (07/08/12)
    Mater (Monte) da Buttogno (04/08/12)
    Fontanalba (Pizzo di) da Arvogno (02/08/12)
    Sassone (Cima del) e Pizzo Formalone da Alpe Blizz (31/07/12)
    Fracchia (Costa di) e La Porcella da Siberia (30/07/12)
    Forno (Pizzo del) o della Fria da Agarina (29/07/12)
    Stagno (Pizzo) da Fondighebi, anello per il Monte Cimone (17/06/12)
    Senggchuppa Parete NE (02/06/12)
    Breithorn dal Passo del Sempione (13/05/12)
    Nefelgiù (Corno Orientale di) da La Frua (28/04/12)
    Griessernuhorn da Egga (09/04/12)
    Valletta (Punta della) Da Pila per il canale O (01/04/12)
    Diei (Pizzo) da San Domenico (25/03/12)
    Tamierhorn da Riale (10/03/12)
    Laurasca (Cima della) da Malesco (18/02/12)
    Loccia di Peve (Monte) da Scarliccio (05/02/12)
    Stella (Corno) da Foppolo (15/01/12)
    Troggi (Corona dei) da Alpe Devero (07/01/12)
    Corbernas (Monte) da Alpe Devero per la Bocchetta di Scarpia (29/12/11)
    Breithorn dal Passo del Sempione (11/12/11)
    Muino (Schegge di) da Vocogno (10/12/11)
    Cazzola (Monte) da Alpe Devero (09/12/11)
    Sassone (Cima del) e Pizzo Formalone da Alpe Blizz (29/10/11)
    Zeda (Monte) da Falmenta, anello creste Nord e Est (02/10/11)
    Limidario (Monte) e Gridone (Cima est) da Spoccia (27/08/11)
    Pezza Comune (Punta di) e Pizzo del Corno da Arvogno (25/08/11)
    Medaro (Pizzo) da Arvogno per il Lago Panelatte (20/08/11)
    Campelli (Cima) da Arvogno (18/08/11)