Larix66


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
Gita considerata di “defaticamento” dopo quella di ieri. Raggiungiamo a fatica la Porcella tra i rododendri per studiare l’eventualità di salire al Pizzo Ragno da questo versante. Scendiamo poi passando per la Cappella di Larecchio realizzando un insolito giro a “8” anziché ad anello.
In compagnia dell’instancabile Cristina.

Pizzo Ragno visto dalla Costa Scarone

Valle del Basso vista dalla Costa Scarone

Valle Vigezzo vista dalla Costa Scarone
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Strada agro-silvo-pastorale. Vedere la descrizione dell'itinerario.
Partenza da Agarina alle 7.30. Percorso: A. Nocca, A, Matogno, A. Lago, Lago di Matogno, P.so della Fria, P.zo del Forno. Nessuna difficoltà tecnica durante tutta la salita. Al ritorno passiamo per P.zo di Bronzo (un passaggio facile ma esposto nell’ultimo tratto della cresta che collega le due cime, evitabile abbassandosi sul lato di Matogno), P.so della forcoletta, Capp. della Croce, A. Loccia, A. Colmine, Agarina. Presso l’A. Colmine un cartello indica il percorso per scendere verso Agarina; il primo tratto è su prato senza tracce, poi compaiono degli ometti infine, rientrati nel bosco, si trova il sentiero che si segue fino ad Agarina.
Giornata limpida con panorama precluso soltanto verso le cime del Vallese e la catena del Rosa. Gita dell’Utoe Locarno a cui partecipa un gruppo misto italo-elvetico di 11 persone. La data odierna è stata scelta per via della festa di Agarina, circostanza che consente il libero transito sulla strada fino a questa località, altrimenti interdetta al traffico privato. Numerosi atleti ed atlete partecipanti ad una gara di corsa in montagna che, con partenza dal fondovalle antigoriano, raggiunge la vetta passando per Forcoletta e Fria, con un notevole dislivello.
Un caro saluto ad Adrimiglio, che ringrazio per le preziose indicazioni, e alla sua gentile Consorte, incontrati poco sotto la vetta.


Pizzo del Forno e Passo della Fria
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Cantiere a metà strada
Gita effettuata in senso opposto rispetto a quanto indicato nell'itinerario; salita da Cortenuovo e Cimone di Straolgio, traversata verso il Pizzo Stagno e discesa per Alpe Cavalla. Il tratto di cresta tra il Cimone e lo Stagno presenta passaggi esposti e difficili, specialmente se percorsi in questa direzione. Per evitarli, al primo avvallamento della cresta scendere di qualche decina di metri sul versante della Valgrande fino a raggiungere la traccia orizzontale sottostante; passate le rocce risalire verso la cresta che nell'ultimo tratto è ampia e comoda. In discesa scegliamo di evitare la cresta Nord e torniamo indietro di circa 50 metri verso il Cimone, fino ad un cartello che indica la Bocchetta di Cavalla; sentiero sul versante della Val Loana indicato anche sulla carta in nostro possesso. Individuiamo e seguiamo la traccia che presto però sparisce nei pressi di una pietraia; a questo punto ci abbassiamo seguendo la costola Nord-Est del Pizzo Stagno seguendo altre esili tracce. Giunti ad un ripiano con i ruderi di una baita scendiamo a sinistra lungo un sentiero che si infila in un canalino in direzione della valle sotto la Bocchetta di Cavalla. Quando anche queste tracce spariscono siamo ormai in vista del sentiero che dalla Bocchetta di Cavalla scende all'Alpe omonima, riconoscibile dal tetto in cemento della cascina. Da qui per evidente sentiero rientriamo alle Cascine e a Fundighebi.
L'escursionismo in questa zona della Valle Vigezzo richiede doti di orientamento, conoscenza del territorio e buone condizioni di visibilità.
Gita organizzata all'ultimo momento in sostituzione di un'uscita collettiva Utoe Locarno-CAI Vigezzo annullata.
La giornata è calda, fin troppo per l'esposizione; passato Cortenuovo un pò di brezza e qualche nuvoletta rendono il caldo sopportabile. Il panorama è ottimo sulle vicine cime della Val Vigezzo e della Valgrande, un pò meno all'orizzonte per cumuli e foschia.
Gita in compagnia di Dante e Giampaolo.

P.zo Stagno a sinistra, Cimone di Straolgio a destra

A. Cortenuovo e Passo di Val Loana

Cresta tra Straolgio e Stagno, vista da Nord

[visualizza gita completa]

sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: strada libera fino all'Alpe, posteggiare consentendo il transito
quota neve m. :: 2200
:: scialpinistica
Partenza dalla curva prima dell’alpe Rossbodestafel. Le prime lingue di neve percorribili si incontrano dopo aver portato gli sci in spalla per una ventina di minuti; un altro tratto senza neve più in alto rende necessari alti cinque minuti di trasporto. Poi la copertura nevosa è continua fino in vetta, ma le alte temperature e l’isoterma di 0° a 3700 metri compromettono notevolmente la qualità del manto, con neve pesante già alla mattina presto. Raggiunto il Bivacco saliamo con ramponi, piccozza e gli sci in spalla fino al colle tra la Senggchuppa e il Gamserchopf. Questo, per via della consistenza della neve, è il tratto più faticoso. Raggiunto il colle troviamo finalmente neve dura, con caratteristiche invernali, fino alla vetta. Rimettiamo gli sci che togliamo solo per l’ultimo tratto ripido dove la neve compatta rende superflui i ramponi. La discesa è piacevole dalla vetta fino al colle, poi occorre fare i conti con una neve molto bagnata, che si è smollata ulteriormente per via del soleggiamento, sciabile comunque con attenzione specie nei tratti più ripidi. Gita consigliabile per i prossimi giorni solo in caso di un consistente calo termico e con partenza al mattino molto presto, oppure prevedendo un pernottamento al bivacco.
La giornata pressoché limpida, fin troppo calda, ha favorito la componente contemplativa più di quella attiva.
Gita ideale per concludere la stagione, su di un itinerario grandioso, impegnativo e completo. Il senso di appagamento, al ritorno, è tale da permetterci di archiviare la stagione sci alpinistica (salvo qualche 4000 estivo, non si sa mai) senza nostalgie per dislivelli e pendii ripidi, senza rimpianti per cime non raggiunte o gite saltate per il maltempo. Anche oggi in compagnia di Andrea, senza il quale non sarei arrivato in cima. Oltre a noi ,sul percorso della Senggchuppa, solo altri due sci alpinisti, provenienti da Engeloch. Molto più affollata la parete Nord del Fletschhorn.
Solitamente evito di eccedere nelle foto di panorami e non inserisco autoscatti in vetta ma per l’occasione oggi faccio un’eccezione.


Sella con il Bivacco De Zen

Pendio visto dal Bivacco

Pendio verso il colle

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: **** / ***** stelle
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: tutto regolare
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
Alla partenza dall'ospizio una fitta nebbia ci causa qualche problema di orientamento; per fortuna quando ci rendiamo conto che qualcosa non va una provvisoria schiarita ci viene in aiuto. Come da previsioni la visibilità migliora e non abbiamo più problemi a partire dal traverso dell'Hübschhorn che troviamo in buone condizioni e tracciato in modo razionale. La neve qui è comunque molto molle già in prima mattina, per cui la prudenza è d'obbligo. Le tracce di un vero e propio rigelo notturno si hanno solo a partire da 2500 metri; da qui alla vetta si incontra neve sempre più dura fino al colle, oltre il quale l'aspetto della neve è tipico dell'alta quota. Sia qui che sul ghiacciaio di Homattu la superficie presenta ondulazioni come se ci avesse piovuto sopra di recente. In vetta si notano annuvolamenti quasi ovunque, soprattutto nelle valli, solo alcune cime (tra cui la nostra) godono di un cielo sereno. In discesa, iniziata verso mezzogiorno, troviamo ancora buona visibilità; la neve è dura fino a metà ghiacciaio di Homattu, poi una breve parentesi di firn prelude a neve bagnata e molto pesante, su cui comunque scendiamo senza problemi fino quasi all'ospizio.
Nonostante la meta di oggi sia più ambiziosa, ripieghiamo sul Breithorn non convinti al 100% delle condizioni, soprattutto per quanto riguarda le nuvole. La gita riserva grandi soddisfazioni su un itinerario classico, affollato ma meno del solito. Un saluto ad Andrea.

Breithorn

Traverso Hübschhorn

Leone
Sciabilità :: ** / ***** stelle
osservazioni :: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: stada agibile fino alla diga di morasco
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Partiamo dal rifugio appena sotto la diga di Morasco e saliamo seguendo in parte la strada verso l'Alpe Furculti, oltre la quale incontriamo la traccia, risalente a qualche giorno fa, lasciata da qualcuno che evidentemente non teme le pendenze eccessive. La neve è abbondante ma certo non delle migliori; più che adatta per la salita, che avviene senza l'utilizzo dei coltelli, pessima in discesa dove incontriamo crosta non portante alternata a neve pesante molto bagnata. L'isoterma di 0° è molto più in alto della vetta. A tutto questo si aggiunge un marcato pericolo di valanghe che si manifesta con frequenti scariche osservate sul versante opposto del vallone di Nefelgiù. Nella parte alta del vallone il pendio a Sud del corno orientale ha scaricato una gran massa di neve, probabilmente tutta quella caduta nei giorni scorsi. Con le condizioni attuali tutto l'itinerario necessita della massima prudenza; si consiglia di mantenere le distanze nei tratti più ripidi ed evitare assolutamente le ore più calde.
Tutto sommato la gita si è fatta comunque apprezzare, per la bellezza dell'ambiente, il panorama dalla vetta e la buona compagnia. Le due stelle sono da riferirsi soltanto alle cattive condizioni del manto.
Parenza di buon'ora con Andrea e Stefano, presto ci raggiungono Timoteo e soci; tutta l'allegra compagnia raggiunge la vetta e si "gode" per quanto possibile la discesa. A tutta la banda i miei saluti.

Corno occidentale al centro, orientale a destra

Pendio da percorrere

Ultimo tratto per la cima
Sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Gita spettacolare per l'ambiente e la varietà del percorso. Vento forte alla partenza da Egga fino ad entrare nel vallone che conduce alla morena di Rossbode, poi siamo al riparo grazie alle maestose pareti del Fletschhorn e della Senggchuppa. Portiamo gli sci in spalla fino a circa 1750-1800m poi troviamo neve ottimamente trasformata tranne che nell'ultimo tratto del pendio, dove compare ancora della crosta non portante. qualche accumulo da vento di spessore compreso tra due e dieci centimetri non ci impensierisce più di tanto. Raggiunto il colletto ritroviamo il vento; il breve tratto di cresta che porta in vetta si percorre con ramponi e piccozza e presenta qualche passaggio esposto. 5 ore circa da Egga alla cima. In discesa incontriamo qualche piccola difficoltà sulla crosta dei pendii superiori, che lascia ben presto spazio a firn perfettamente "vellutato" che regge bene fino in basso. Sfruttiamo fino in fondo le ultime lingue di neve inoltrandoci nel fitto del bosco da cui, tolti gli sci, ci districhiamo tra ontani e rododendri in un percorso di difficoltà "BR" (buoni ravanatori). Se ci fosse stata neve fino ad Egga sarebbe stata una gita da 6 stelle...
Partenza con Davide e Massimo; a metà salita ci raggiunge Luca, proveniente dalla Valsesia, che ci offre la sua graditissima compagnia oltre ad un prezioso aiuto per raggiungere la vetta.

Fletschhorn, Rossbodegletscher, Senggchuppa

Fletschhorn, parete Nord

La cresta verso la cima

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: Nessun problema
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Partito da Pila piuttosto tardi, evito il più possibile di seguire le piste, peraltro oggi poco affollate. Diretto al Col Tsa Seche osservo il canale sotto la vetta che, con le condizioni odierne, rappresenta una valida alternativa per la cima e decido di affrontarlo. La neve fino a qui mostra in superficie gli effetti di numerosi cicli di fusione e rigelo. Le temperature di oggi, meno alte dei giorni scorsi, e una leggera velatura aiutano a conservare la neve in ottime condizioni per la discesa. Tolti gli sci all'attacco del canale e calzati i ramponi ogni tanto la neve cede e si sprofonda per cui mi sposto a sinistra verso le rocce. Dopo la deviazione del canale verso destra percorro la diramazione di sinistra in salita e l'altra in discesa, in entrambi i casi, per lo scarso innevamento, incontro passaggi su roccia piuttosto delicati. La neve qui non è ancora trasformata ma non ci sono accumuli pericolosi. La cresta finale è quasi completamente libera dalla neve e con l'aiuto delle corde fisse arrivo in vetta, quattro ore circa da Pila. Panorma eccezionale. Tornato agli sci, il vasto pendio con la giusta pendenza, la neve smollata al punto giusto e la vista del Monte Bianco all'orizzonte ripagano abbondantemente della fatica. Solo in basso gli effetti del caldo si fanno sentire sulla neve ormai quasi liquida. Poco sotto la vetta, dalla parte opposta a quella da cui sono arrivato, ho notato un altro canale con tracce recenti di discesa con gli sci; Invito chi ne è al corrente a descrivere anche questo itinerario.
Gita di fine stagione dello sci club con annessa grigliata; rinuncio volentieri alle gozzoviglie per una salita (e una discesa) veramente di grande soddisfazione. Saluto e ringrazio tutti i soci degli sci club 3S e USS con appuntamento al prossimo inverno.

Cresta finale

Vetta con percorso di salita

Pendio prima dell'attacco del canale

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok fino a S. Domenico
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Andata e ritorno fino a Ciamporino in seggiovia per la scarsità di neve; da 2000 m in su il manto è però abbondante. Grazie al clima sereno dei giorni scorsi la neve ha goduto di un ottimo rigelo notturno ma, nei pendii superiori, non ha potuto trasformarsi a dovere per via dell'esposizione parziale al sole, tanto che si incontra prevalentemente crosta non portante e addirittura neve farinosa nei pochi tratti in ombra. Il manto è comunque stabile al punto che decidiamo di salire per il canale a sinistra, sotto la vetta, indicato come via di discesa nella descrizione dell'itinerario (v. foto). Percorriamo il canale dapprima con gli sci quindi a piedi nel tratto più ripido. Arriviamo in vetta quando ormai il cielo si è coperto, per fortuna le nuvole sono alte e non compromettono la visibilità. In discesa seguiamo il percorso di salita senza grossi problemi, nonostante la crosta che spesso cede all'improvviso.
Giornata tutto sommato soddisfacente in un ambiente spettacolare. Stranamente non incontriamo nessuno sul percorso che non presenta neanche tracce precedenti. Gita in compagnia di Mariano.

Il canale sotto la cima

Trigono di vetta e Cistella a destra

Arbola e Codelago

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Strada agibile fino a Riale
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
Gita dal notevole sviluppo. Neve indurita dal rigelo da Riale alla piana dell’Alpe Toggia, poi condizioni miste con neve farinosa alternata a crosta non portante e tratti con neve più dura. Giunti al passo d’Antabbia decidiamo che la vetta è ancora troppo lontana per il tempo che abbiamo a disposizione, per cui optiamo per concludere la gita risalendo parte della cresta del Basodino. Abbiamo l’impressione che il Tamierhorn sia raggiungibile in maniera più sbrigativa rispetto all’itinerario tratto dalla guida "Sci alpinismo in Valdossola" ma non ci azzardiamo a sostenere questa ipotesi prima di aver verificato personalmente. La neve in discesa tiene ancora bene tranne che nei pendii sopra Riale dove si è nel frattempo smollata, restando però sciabile; tutta la discesa, anche con le condizioni variabili della neve, è comunque di grande soddisfazione. La grandiosità dell’ambiente e il panorama che si osserva da gran parte del percorso rendono il non aver raggiunto la vetta un dettaglio senza importanza. Anche la breve risalita sopra il lago Castel non riduce la bellezza dell’itinerario.
Gita in compagnia di Andrea e Claudio

Tamierhorn

Kastelhorn

Passaggio particolare

[visualizza gita completa]

Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Crana (Pioda di) per la grande piodata (29/09/18)
    Crana (Pioda di) da Arvogno (02/09/18)
    Sabbione (Punta del) o Hohsandhorn dalla Diga di Morasco (30/08/18)
    Scheggia (Pizzo la) da Arvogno (28/08/18)
    Caneto (Cima di) da Blitz per il Monte Ziccher (25/08/18)
    Ragno (Pizzo) Traversata Orcesco-Malesco per il Pizzo Nona (24/08/18)
    Stagno (Pizzo) da Fondighebi, anello per il Monte Cimone (21/08/18)
    Mater (Monte) da Albogno, anello (19/08/18)
    Medaro (Pizzo) da Arvogno per il Lago Panelatte (16/08/18)
    Crana (Pioda di) da Arvogno (14/08/18)
    Laurasca (Cima della) da Fondo Li Gabbi (10/08/18)
    Alta (Cima) da Arvogno (08/08/18)
    Alpe Veglia - Alpe Devero - Rifugio Margaroli da San Domenico, traversata (4 gg) (05/08/18)
    Pezza Comune (Punta di) e Pizzo del Corno da Arvogno (22/07/18)
    Arbola (Punta d') Via Normale da Valdo per il Rifugio Margaroli (01/07/18)
    Torriggia (Monte) da Finero, traversata a Cursolo (24/06/18)
    Leone (Monte) dal Passo del Sempione (26/05/18)
    Breithorn dal Passo del Sempione (12/05/18)
    Basodino (Monte) da Riale (06/05/18)
    Breithorn dal Passo del Sempione (21/04/18)
    Trubbio (Cima) da Arvogno (02/04/18)
    Galehorn da Engiloch (25/03/18)
    Cima (la) da Malesco (04/03/18)
    Ragno (Pizzo) da Malesco (03/03/18)
    Alta (Cima) da Arvogno (14/01/18)
    Ziccher (Monte) da Alpe Blizz (02/01/18)
    Trubbio (Cima) da Arvogno (01/01/18)
    Trubbio (Cima) da Craveggia (31/12/17)
    Cima (la) da Malesco (29/12/17)
    Alta (Cima) da Arvogno (09/12/17)
    Grigna Settentrionale e Grigna Meridionale da Piani Resinelli, Traversata Alta (14/10/17)
    Piota (Cima la) da Gurro (01/10/17)
    Ruggia (Pizzo) per la cresta Est (26/08/17)
    Medaro (Pizzo) da Arvogno per il Lago Panelatte (24/08/17)
    Terrarossa (Punta di) dal Passo del Sempione (21/08/17)
    Mater (Testa del) dal Colle di Finero (20/08/17)
    Marsicce (Cima) e Cimone di Cortechiuso da Fundighebi (17/08/17)
    Crana (Pioda di) da Arvogno (16/08/17)
    Sassone (Cima del) e Pizzo Formalone da Alpe Blizz (14/08/17)
    Pezza Comune (Punta di) e Pizzo del Corno da Arvogno (13/08/17)
    Marani (Punta) e Punta Gerla da Alpe Devero (07/08/17)
    Pedum (Cima) da Fondo li Gabbi (05/08/17)
    Crana (Pioda di) da Arvogno (03/08/17)
    Mater (Monte) da Albogno, anello (01/08/17)
    Lago Gelato (Pizzo del) e Pizzo del Forno da Agarina, anello (30/07/17)
    Crana (Pioda di) per la grande piodata (15/07/17)
    Gnifetti (Punta) - Capanna Regina Margherita Via Normale dal Rifugio Gnifetti (10/07/17)
    Fontanalba (Pizzo di) da Arvogno (24/06/17)
    Forcola (Pizzo della) da Arvogno (18/06/17)
    Breithorn dal Passo del Sempione (30/04/17)
    Leone (Monte) Via della Paretina (23/04/17)
    Griessernuhorn da Egga (17/04/17)
    Breithorn dal Passo del Sempione (08/04/17)
    Schilthorn da Engiloch (19/03/17)
    Breithorn dal Passo del Sempione (12/03/17)
    Galehorn da Engiloch (19/02/17)
    Schilthorn da Engiloch (29/01/17)
    Magehorn da Engiloch (15/01/17)
    Maderhorn dal Passo del Sempione (31/12/16)
    Breithorn dal Passo del Sempione (29/12/16)
    Breithorn Occidentale da Cervinia (18/12/16)
    Spitzhorli da Passo del Sempione (10/12/16)
    Magehorn da Engiloch (09/12/16)
    Ziccher (Monte) da Alpe Blitz (27/11/16)
    Crana (Pioda di) da Arvogno (11/09/16)
    Medaro (Pizzo) da Arvogno per il Lago Panelatte (27/08/16)
    Ragno (Pizzo) da Patqueso (26/08/16)
    Canogia (Cima di) da Arvogno (23/08/16)
    Caneto (Cima di) da Blitz per il Monte Ziccher (21/08/16)
    Forcola (Pizzo della) da Arvogno (14/08/16)
    Giove (Monte) da Sagersboden per il Rifugio Margaroli e il Lago del Busin (11/08/16)
    Galehorn da Engiloch (07/08/16)
    Ragno (Pizzo) Traversata Orcesco-Malesco per il Pizzo Nona (06/08/16)
    Gries (Corno) o Grieshorn da Riale (03/08/16)
    Muino (Schegge di) da Vocogno (01/08/16)
    Valgrande (Pizzo) da Ponte Campo, anello (30/07/16)
    Ruggia (Pizzo) da Arvogno per la Bocchetta di Ruggia (24/07/16)
    Marona (Pizzo) da Cappella Porta (17/07/16)
    Zumstein (Punta) Via Normale da Indren (13/07/16)
    Vogorno (Pizzo) da Vogorno (26/06/16)
    Schilthorn da Engiloch (15/05/16)
    Arbola (Punta d') o Ofenhorn da Valdo per il Rifugio Margaroli (10/04/16)
    Breithorn dal Passo del Sempione (20/03/16)
    Trubbio (Cima) da Arvogno (19/03/16)
    Cima (la) da Malesco (06/03/16)
    Pisgana (Vedretta di) dal Passo del Tonale per il Passo della Valletta (20/02/16)
    Cazzola (Monte) da Alpe Devero (13/02/16)
    Crana (Pioda di) da Arvogno (01/01/16)
    Campelli (Cima) da Arvogno (30/12/15)
    Pezza Comune (Punta di) e Pizzo del Corno da Arvogno (27/12/15)
    Breithorn Occidentale da Cervinia (20/12/15)
    Margineta (Monte) da Albogno (05/12/15)
    Caneto (Cima di) da Blitz per il Monte Ziccher (21/11/15)
    Valrossa (Punta di) e Punta d'Elgio da Riale, anello (06/09/15)
    Pedum (Cima) da Fondo li Gabbi (29/08/15)
    Medaro (Pizzo) da Arvogno per il Lago Panelatte (27/08/15)
    Craveggia (Bagni di) da Blitz per la Bocchetta di S. Antonio (25/08/15)
    Pezza Comune (Punta, cima principale) da Arvogno (22/08/15)
    Valgrande (Pizzo) da Ponte Campo, anello (20/08/15)
    Rossa (Passo della) dall'Alpe Devero, anello per il Passo di Crampiolo (17/08/15)
    Sassone (Cima del) e Pizzo Formalone da Alpe Blizz (13/08/15)
    Ragno (Pizzo) Traversata Orcesco-Malesco per il Pizzo Nona (12/08/15)
    Cinque Passi (giro dei) anello da Cheggio (11/08/15)
    Galehorn da Engiloch (07/08/15)
    Maderhorn dall'Ospizio del Sempione (06/08/15)
    Teggiolo (Monte) da Bugliaga (02/08/15)
    Gnifetti (Punta) - Capanna Regina Margherita Via Normale dal Rifugio Gnifetti (10/07/15)
    Pioltone (Pizzo) o Camoscellahorn da San Bernardo, anello (05/07/15)
    Crana (Pioda di) da Arvogno (07/06/15)
    Dammastock dall'Hotel Belvedere (06/06/15)
    Blinnenhorn o Corno Cieco dalla Diga di Morasco (24/05/15)
    Senggchuppa da Engiloch (10/05/15)
    Breithorn dal Passo del Sempione (02/05/15)
    Rebbio (Punta del) o Bortelhorn da Berisal (12/04/15)
    Laurasca (Cima della) da Malesco (06/04/15)
    Tignolino (Pizzo) da Trontano (29/03/15)
    Trubbio (Cima) da Arvogno (21/03/15)
    Mater (Monte) da Druogno (01/03/15)
    Trubbio (Cima) da Craveggia (22/02/15)
    Brunni (Corno) da Riale per il versante Sud. (05/01/15)
    Arezhorn dal Passo del Sempione (02/01/15)
    Crana (Pioda di) per la grande piodata (30/12/14)
    Spitzhorli da Passo del Sempione (29/12/14)
    Galehorn da Engiloch (22/11/14)
    Pezza Comune (Punta di) e Pizzo del Corno da Arvogno (31/10/14)
    Grigna Settentrionale e Grigna Meridionale da Piani Resinelli, Traversata Alta (21/09/14)
    Laurasca (Cima della) e Cimone di Cortechiuso Anello da Fondo li Gabbi (14/09/14)
    Medaro (Pizzo) da Arvogno per il Lago Panelatte (28/08/14)
    Crana (Pioda di) per la grande piodata (27/08/14)
    Capezzone (Monte) da Campello Monti (24/08/14)
    Wenghorn da Simplon Dorf per il canale ESE (21/08/14)
    Leone (Monte) Via Normale dal Passo del Sempione (17/08/14)
    Scheggia (Pizzo la) da Arvogno (14/08/14)
    Ruscada (Pizzo) da Dissimo (06/08/14)
    Casaletti (Cima dei) da Arvogno (04/08/14)
    Cortefreddo (Pizzo) o Corno del Ferso da Giovera di Montecrestese (27/07/14)
    Capezzone (Monte) da Campello Monti (19/07/14)
    Zeda (Monte) da Falmenta, anello creste Nord e Est (13/07/14)
    Gnifetti (Punta) - Capanna Regina Margherita da Indren (21/06/14)
    Breithorn dal Passo del Sempione (02/06/14)
    Galenstock dal Furkapass (31/05/14)
    Rothorn o Corno Rosso per il Ghiacciaio dei Camosci (17/05/14)
    Strahlhorn dalla Britanniahutte (10/05/14)
    Basodino (Monte) da Riale (04/05/14)
    Valle (Punta della) quota 2611 m SO da Alpe Devero (01/05/14)
    De Zen Piero (Bivacco) da Egga (CH) (26/04/14)
    Terrarossa (Punta di) o Wasenhorn dal Passo del del Sempione (13/04/14)
    Mattwaldhorn da Engiloch (06/04/14)
    Magehorn da Engiloch (30/03/14)
    Arbola (Punta d') o Ofenhorn da Valdo per il Rifugio Margaroli (29/03/14)
    Pioltone (Pizzo) o Camoscellahorn da San Bernardo (09/03/14)
    Mater (Testa del) da Pian del Sale (08/03/14)
    Pianchette (Cima) da San Bartolomeo (09/02/14)
    Tre Croci (Poggio) da Bardonecchia (26/01/14)
    Cima (la) da Malesco (18/01/14)
    Mater (Monte) da Druogno (06/01/14)
    Ziccher (Monte) da Alpe Blizz (05/01/14)
    Alta (Cima) da Arvogno (03/01/14)
    Trubbio (Cima) da Craveggia (29/12/13)
    Cima (la) da Malesco (27/12/13)
    Crana (Pioda di) da Arvogno (14/12/13)
    Scaravini (Cima) da Massiola per la cresta Sud (27/10/13)
    Muino (Schegge di) da Vocogno (26/08/13)
    Arbola (Punta d') Via Normale da Valdo per il Rifugio Margaroli (22/08/13)
    Bavona (Val) Traversata da Foroglio a S. Carlo per la Bocchetta della Crosa (20/08/13)
    Marcio (Pizzo) e Monte Togano da Coimo a Campra (17/08/13)
    Camosci (Punta dei) o Battelmatthorn dalla Diga di Morasco, anello per Passo del Gries (13/08/13)
    Stockalperweg da Gondo a Brig (10/08/13)
    Marsicce (Cima) e Cimone di Cortechiuso da Fundighebi (09/08/13)
    Diosi (Pizzo dei) per la Cappella di Terza (06/08/13)
    Craveggia (Bagni di) da Blitz per la Bocchetta di S. Antonio (04/08/13)
    Avino (Lago d') da Veglia, rientro dal passo del Croso (03/08/13)
    Torriggia (Monte) da Finero, traversata a Cursolo (01/08/13)
    Fornale (Pizzo del) da Arvogno (31/07/13)
    Campeia (Passo) da Arvogno, giro della Pioda di Crana per il Passo Larecchio (30/07/13)
    Forno (Pizzo del) o della Fria da Agarina (28/07/13)
    Pezza Comune (Punta di) e Pizzo del Corno da Arvogno (14/07/13)
    Valgrande da Patqueso a Trontano, traversata per Mottac e Scala di Ragozzale (30/06/13)
    Alphubel dalla Täschhütte (16/06/13)
    Leone (Monte) dal Passo del Sempione (08/06/13)
    Valrossa (Punta di) da Riale (12/05/13)
    Breithorn dal Passo del Sempione (25/04/13)
    Tossenhorn dalla Laggintal (14/04/13)
    Boshorn da Engiloch (07/04/13)
    Bandiera (Pizzo) da Alpe Devero (01/04/13)
    Sirwoltehorn da Engiloch (16/03/13)
    Galehorn da Engiloch (03/03/13)
    Breithorn dal Passo del Sempione (02/03/13)
    Straffelgrat Ovest (Punta) da Niederalp (10/02/13)
    Fornalino (Pizzo) da Alpe Cheggio (09/02/13)
    Ruggia (Pizzo) da Arvogno (19/01/13)
    Pioltone (Pizzo) o Camoscellahorn da San Bernardo (04/01/13)
    Sangiatto (Monte del) da Alpe Devero (29/12/12)
    Stagno (Pizzo) da Fundighebi per Alpe Cavalla (27/12/12)
    Crana (Pioda di) da Arvogno (17/11/12)
    Grigna Settentrionale e Grigna Meridionale da Piani Resinelli, Traversata Alta (16/09/12)
    Diosi (Pizzo dei) per la Cappella di Terza (27/08/12)
    Crana (Pioda di) da Arvogno (26/08/12)
    Ragno (Pizzo) Traversata Orcesco-Malesco per il Pizzo Nona (22/08/12)
    Valrossa (Punta di) e Punta d'Elgio da Riale, anello (21/08/12)
    Valgrande da Scaredi a Cicogna, traversata per le Strette del Casè (19/08/12)
    Leone (Monte) Via Normale dal Passo del Sempione (17/08/12)
    Freghera (Cima della) da Canza (14/08/12)
    Gelato (Lago) da Arvogno per l'Alpe Camana (11/08/12)
    Cervandone (Monte) dal colle Marani (09/08/12)
    Laurasca (Cima della) da Fondo Li Gabbi (08/08/12)
    Torrione (il) da Finero, anello (07/08/12)
    Mater (Monte) da Buttogno (04/08/12)
    Fontanalba (Pizzo di) da Arvogno (02/08/12)
    Sassone (Cima del) e Pizzo Formalone da Alpe Blizz (31/07/12)
    Fracchia (Costa di) e La Porcella da Siberia (30/07/12)
    Forno (Pizzo del) o della Fria da Agarina (29/07/12)
    Stagno (Pizzo) da Fondighebi, anello per il Monte Cimone (17/06/12)
    Senggchuppa Parete NE (02/06/12)
    Breithorn dal Passo del Sempione (13/05/12)
    Nefelgiù (Corno Orientale di) da La Frua (28/04/12)
    Griessernuhorn da Egga (09/04/12)
    Valletta (Punta della) Da Pila per il canale O (01/04/12)
    Diei (Pizzo) da San Domenico (25/03/12)
    Tamierhorn da Riale (10/03/12)
    Laurasca (Cima della) da Malesco (18/02/12)
    Loccia di Peve (Monte) da Scarliccio (05/02/12)
    Stella (Corno) da Foppolo (15/01/12)
    Troggi (Corona dei) da Alpe Devero (07/01/12)
    Corbernas (Monte) da Alpe Devero per la Bocchetta di Scarpia (29/12/11)
    Breithorn dal Passo del Sempione (11/12/11)
    Muino (Schegge di) da Vocogno (10/12/11)
    Cazzola (Monte) da Alpe Devero (09/12/11)
    Sassone (Cima del) e Pizzo Formalone da Alpe Blizz (29/10/11)
    Zeda (Monte) da Falmenta, anello creste Nord e Est (02/10/11)
    Limidario (Monte) e Gridone (Cima est) da Spoccia (27/08/11)
    Pezza Comune (Punta di) e Pizzo del Corno da Arvogno (25/08/11)
    Medaro (Pizzo) da Arvogno per il Lago Panelatte (20/08/11)
    Campelli (Cima) da Arvogno (18/08/11)