gapox


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Strada abbastanza pulita anche se non perfetta come ci si aspetterebbe qui in VdA, ma nevischiava.
Partiti dal tornare poco sopra all'abitato di La Croix (dove è il Bar Ristorante "Beuregard") e proseguito in diagonale verso dx seguendo all'incirca la pista più bassa del comprensorio di Estoul, che poi è la classica partenza per le skialp per effettuare ad esempio Punta Guà. Abbiamo dirottato sulle ciaspe dato che in questi giorni le pelli e gli sci si potrebbero usare ed avrebbe senso farlo nel solo tratto che comprende il comprensorio scendendo o sulle piste stesse o fuori pista ma con attenzione. Nella parte alta verso il Rifugio invece gli sci sono decisamente sconsigliati: troppe pietre affioranti in considerazione del tipo di pendio che conduce al rifugio e per il fatto che ha tirato vento i giorni scorsi quindi ha pelato la neve più che in basso. Il traverso dopo l’alpeggio di Chavannes sotto le pendici del Bieteron è al momento sicuro.
Abbiamo infatti effettuato salita e discesa sul percorso invernale già tracciato dal rifugista e dai frequentatori dell' ottimo anche se enorme Rifugio che però ha chiuso ieri.
Quasi totale assenza di vento e temperature "da novembre", nevischio tutto il tempo.
Ottimo e caldo relax su al rifugio! Non perdeteVi il loro genepy. ;)

Bieteron

Vista verso Sud

Arrivo al megarifugio dell' Arp
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Tutto Ok sino al Rifugio
Oggi gita sociale CAI Venaria al Manzol. Una quindicina di amici della bella compagnia. Descrizione ottima, canale per il Colle Manzon bello dritto e renumerativo, ascesa alla punta fatta per la via più di cresta con passaggio di II grado su roccia tenendosi a sx nel piccolo imbuto detritico-roccioso di una decina di metri a circa 2800m. Segnalo che tale passaggio è tranquillamente evitabile passandoci di sotto a sx e aggirandolo superiormente (al momento vi è infilato fra due pietre un bastoncino in legno, prendere di lì direttamente a dx salendo).
In 4 ore in punta con tutte le soste e le chats del caso. Grazie a tutti!
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: regolare
Bellissima gita non banale (infatti non a caso è etichettata come di difficoltà EE) e con panorami superbi. Dato che era tardi, abbiamo percorso praticamente in maniera identica sia l'andata che il ritorno sino al Passo della Vacca (quota 3000m) senza far l'anello qui proposto. I tratti esposti per Rifugio e Piano della Ballotta non sono da sottovalutare. Il sentiero sopra i 2500m circa presenta solo più (poche) placchette bianche-rosse con la scritta La Memoria delle Alpi e quelle del Parco Nazionale Gran Paradiso/Vanoise e quindi gli unici riferimenti solo gli ometti che fortunatamente solo molti. Verso la metà del pian Ballotta e piegando sulla sinistra per ometti e nella parte del sentiero ancora taccata di segnavia rossi, vi è una indicazione per il Colle della Losa che sta decisamente sbiadendo e quasi trae in inganno (Il Passo della Losa da lì è proseguendo a destra e non a sx come quasi parrebbe ora indicato-sbiadito dalla freccia).
Con Paola, felicissima di avere fatto questa bella "tremilameta"!


...Il Colle della Vacca...

...salto nel blu...

...tratto attrezzato dal Rifugio al Pian della Ballotta, qui in disarrampicata...
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Effettuato il giro del Monviso per la prima volta in senso antiorario partendo da Castello (Rif. Alevè), per:
- Rif. Bagnour, Bosco Alevè, raccordati su GTA U10, P.sso S.Chiaffredo, P.sso Gallarino, Rif. Q.Sella (1a notte)
- Colle del Viso, Rif. Giacoletti, sentiero del Postino, Buco di Viso, Ref. du Visò (2a notte)
- Passo Vallanta, Rif. Vallanta, Castello di Pontechianale

Note: secondo me è consigliatissimo in 3 gg. effettuare il giro in senso antiorario perchè:
- il bellissimo sentiero del postino è più bello a salire verso il Buco di Viso e Colle delle Traversette che non a scenderlo;
- il buco di Viso se fatto dal lato francese è difficilmente visibile (coperto da nevaio) e non ci sono segnali a parte un '11' sbiaditissimo sulla roccia, mentre dal lato italiano vi è la ns. bandiera e bacheca fatta affiggere dal Rotary Club di Saluzzo (mi pare) e con ingresso almeno da quel lato umano. da quello francese passarsi gli zaini uno alla volta (avventuroso, carino)

...arrivando al Passo Vallanta al cospetto del Viso e dei "suoi fratelli"...
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Ottimo sul (trafficato) fondo valle sino a B.ta Argentera
Bellissima escursione su una punta 'oltre 3000' che ti porta a sembrar di essere su un 'quasi 4000' per la vista che offre! Escursione caratterizzata nella parte centrale alta e finale da grosse ciaplere sulle morene detritiche. Il sentiero (tacche prima rosse e gialle, poi solo più gialle recenti) è ben segnalato nonostante la difficoltà oggettiva rappresentata dalla enorma conca di pietraia nella parte superiore sino al colle della Ramiere.

Con la bravissima Paolette, giornata splendida, della seriae "piedi bollenti ma visi sorridenti" ! Incontrato il simpatico e sportivissimo Umberto, Paola e figli/soci su in punta che saluto.

...salendo ancora sul piano erboso con alla dx P.ta Marin, P.ta tre merli, Serpentiera.

...roccia con scritta "Ramier", punto significativo per punta o colle...

...in punta, la giornata consente soste lunghe...

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Al momento tutto aperto sino al Colle del Nivole'
Bellissima escursione CAI Venaria in quel del Taou Blanc. Giornata meteo di quelle favolose. Segnalo -anche io come altri- che avendo percorso in discesa le placche invece delle traccia (troppa gente...), la roccia e' parecchio instabile e 'suona da morto'...me ne e' rimasta in mano una di un bel 1/2 metro quadro tirando solo leggermente. Il consiglio e' -> piuttosto che tirare a mo' di appiglio, appoggiatevi leggeri alla parete!
Un saluto a tutto il simpatico gruppone escursionisti del CAI Venaria (penso fossimo almeno in 25 persone...) e auguri all'inossidabile Tonino!

...salendo verso il Col Leynir...

...in punta con il gruppo del Bianco sullo sfondo...

...tratto delicato in discesa (noi da qui in poi sulle placche a sx)...

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
Gita in famiglia, partiti da Cortavetto per la 'classica' all'Amprimo e Toesca. Tempo incerto, visto il Rocciamelone per tre minuti circa in tutta la giornata, pioggerellina a tratti. Nuova gestione del Toesca: veramente gentili, Andrea per primo il quale, viste le abbondanti pioggie degli ultimi 3 gg. ha anche messo ed indicato una passerella sul rio sottostante il Toesca con piccolo by-pass del sentiero 510. Avvistato un paio di poiane...

...primi approcci alla roccia su massi lungo il Pian del Roc...