gapox


Le mie gite su gulliver

Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: .
attrezzatura :: scialpinistica
Salita classica, discesa prima sul plateau di dx con farina 00, quindi ci siamo tenuti a sx della (ski-ciaspol)strada e anche li' buona farina con qualche vecchia traccia di sotto (e anche di sopra, va menzionato in effetti!), quindi risalendo sul poggetto e successivo sottostante pendio sempre a sx della strada, sino al colletto. Qualche pietra cominciava ad affiorare sulla strada del rientro.
Oggi il mondo all'Aquila. Noi, invece in 5: Apo, Adry, Ste, Julius and Livius. Discesa fatta con il simpatico Teddy conosciuto in punta e presentatomi da Adry. Incontrato diversi amici lungo il percorso (inevitabile!).
Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: neve dal paese, park del mercato comodo per l'accesso alla partenza
quota neve m :: 1000
attrezzatura :: scialpinistica
Su ottima imbeccata di "Sghiarol", oggi, dopo avere lasciato la 'maraja' delle piste da discesa, puntiamo sul Poggio 3 Croci per me ancora inesplorato sino ad oggi. Saliamo spediti tagliando parecchio la strada per tracce spesso molto rovinate dai passaggi delle ciaspole, e in 1h50' circa siamo alla meta.
Decidiamo poi di proseguire puntando verso la dorsale in direzione delle "4 sorelle". Meraviglia! praticamente intonso il tutto... Ci fermiamo a quota 2300 circa, e nel frattempo giungono 3 snowboarders che ipotizzano la discesa dalla Comba del Rio Pissat. Glielo sconsiglio abbastanza vivamente, anche perche' non sapevano molto bene dove scendere esattamente nemmeno loro, e a vedere i carichi di oggi...
Ridiscendiamo dunque per foto di rito alle 3 croci e intraprendiamo la discesa per il fitto bosco ed alcuni canali proprio invitanti... Abbiamo tempo prima di raggiungere gli amici a Campo Smith quindi decidiamo di tentare il piu' possibile di evitare la strada, e...ne abbiamo talmente tanto e la neve e' talmente bella ed invitante, che nello scendere ci siamo tenuti troppo a sinistra (in pratica in direzione Grnage della Rho) e quindi, nel riportarci "sulla giusta via" per riattraversare i rii che scendono su quello della Rho, il ravanish ci fa 'perdere' parecchio tempo... proprio quello che volevamo! Per il rientro ci siamo dunque raccordati al sentiero "del Paradiso". Neve farinosa quasi per tutta la discesa, tranne alcuni tratti nella parte intermedia dove era gia' parecchio pesantuccia ed umida (e pertanto non proprio sicurissima viste le pendenze in essere, e difatti abbiamo visto qualche recente micro-slavanghino - brevi tratti). Temperatura mite e quasi assenza di vento. Gita consigliabile, non banale per l'orientamento nel bosco e nella boschina. Prendersi qualche punto di riferimento significativo.
3 snowboarders 2 ciaspolatori e uno skialper oltre a noi sul percorso. Io oggi con la mitica Adriana che si e' divertita come una bambina!

...parte alta intonsa...

...vista verso la cima delle Quattro Sorelle...

...parte alta della discesa con vista sugli impianti sciistici di Bardonecchia e alta Valle Susa...
Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: neve dal Pian del Frais
quota neve m :: 1100
attrezzatura :: scialpinistica
L'idea era di andare verso Prato di Fiera, poi, per non allungare troppo la giornata, puntiamo verso questa classica che pero' abbiamo interpretato allargando l'anello percorrendo il valloncello sotto la cresta di Naia avendo incontrato dei signori che gia' ci avevano battuto traccia (eh eh, fortunelli) in salita ma (loro) riscendevano dalla stessa. Neve bella, farina umida ma non troppo e mezza discesa sulle piste battute. Salita percorsa tutta senza toccare le piste.
Solo un commento circa la nota del 15-12 dell'amico Belloni circa il Finanziere che li ha fermati: qui non si capisce piu' nulla a livello di legalita' nel risalire le piste. Manco se paghi i 3E per risalire lungo le piste e avere un passaggio di risalita meccanizzata gratuita??? (bella iniziativa di Pian del Frais ritengo) Qui o le Forze dell'Ordine si mettono un poco in ordine anche loro a livello di conoscenze legislative **locali** oppure tutti hanno ragione e tutti torto, e a quel punto e' una jungla (siamo in Italia, vero?). Si legge che anche il Comune di Pragelato dal 27-12 abbia vietato qualunque attivita' fuori pista! Ma, mi pongo la seguente domanda: 1- come faccio a saperlo e dove vengono affissi i cartelli in merito? (Pattemouche??) 2- nei giorni a seguire gente ci e' andata... mah!

Pochissima gente oggi: 4 skialpers incontrati in salita, due al Trucco e uno alla Madonna delle nevi che era salito sino sotto alla Punta di Mezzodi'. Meteo incerto e nevischiolata in corso nel pomeriggio.

(allego traccia via Bergerie Soubeirand, senza risalita lungo le piste...)
Con Paolette felicissima della gita.
Sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: umida
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: si arriva un kilometro prima dell'Alpe Bianca
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Parte alta con qualche bel tratto di farina anche se pesantuccia, alternato a tratti di crosta non portante anche se morbida. Qualche bella curva si e' fatta. Con le condizioni di 'magra' che ci sono in giro, siamo riusciti tutto sommato a cercare proprio una buona uscita.
In ottima compagnia di Lorena, Giulio, Livio, Guido-G. Incontrati lungo il percorso L'amico Diego ed Anna e conosciuto la simpaticissima Adriana con i quali abbiamo finito 'ad acciughe' ;)

...controsole quasi arrivati in punta...

...dalla punta, vista verso la Torre d'Ovarda...

...vista verso Ovest dal Passo...
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Tutto Ok sino al Rifugio
Oggi gita sociale CAI Venaria al Manzol. Una quindicina di amici della bella compagnia. Descrizione ottima, canale per il Colle Manzon bello dritto e renumerativo, ascesa alla punta fatta per la via più di cresta con passaggio di II grado su roccia tenendosi a sx nel piccolo imbuto detritico-roccioso di una decina di metri a circa 2800m. Segnalo che tale passaggio è tranquillamente evitabile passandoci di sotto a sx e aggirandolo superiormente (al momento vi è infilato fra due pietre un bastoncino in legno, prendere di lì direttamente a dx salendo).
In 4 ore in punta con tutte le soste e le chats del caso. Grazie a tutti!
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: regolare
Bellissima gita non banale (infatti non a caso è etichettata come di difficoltà EE) e con panorami superbi. Dato che era tardi, abbiamo percorso praticamente in maniera identica sia l'andata che il ritorno sino al Passo della Vacca (quota 3000m) senza far l'anello qui proposto. I tratti esposti per Rifugio e Piano della Ballotta non sono da sottovalutare. Il sentiero sopra i 2500m circa presenta solo più (poche) placchette bianche-rosse con la scritta La Memoria delle Alpi e quelle del Parco Nazionale Gran Paradiso/Vanoise e quindi gli unici riferimenti solo gli ometti che fortunatamente solo molti. Verso la metà del pian Ballotta e piegando sulla sinistra per ometti e nella parte del sentiero ancora taccata di segnavia rossi, vi è una indicazione per il Colle della Losa che sta decisamente sbiadendo e quasi trae in inganno (Il Passo della Losa da lì è proseguendo a destra e non a sx come quasi parrebbe ora indicato-sbiadito dalla freccia).
Con Paola, felicissima di avere fatto questa bella "tremilameta"!


...Il Colle della Vacca...

...salto nel blu...

...tratto attrezzato dal Rifugio al Pian della Ballotta, qui in disarrampicata...
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
tipo bici :: full-suspended
Non posso fare altro che confermare quanto già scritto da sghiarol, e magari aggiungere che in caso di pioggie o umido, di porre attenzione alla sezione di parte del sentiero di discesa (direi tra le borgate Cognon e Ugo), in quanto parecchio incassato e con radici affioranti e talvolta pietre smosse ed un paio di bei gradoni con radici. Guardando le carte, molto probabilmente sarebbe possibile evitare almeno un tratto di asfalto finale. Da vagliare!
Un saluto a Giulius e Livius, ottimi compagni di gita oggi!

Aggiungo link alle mie foto:
?noredirect=1#

...bel simbolo Occitano...

...al Colle Birrone...

...passaggio in traverso su pietraia...
Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti dal Ponte d'Almiane puntiamo per la Punta Valfredda e direi che non sbagliamo. Alla partenza in salita 'portage' per una ventina di minuti lungo il rio svalangato, in discesa lo stesso canale si può sciare con delicatezza anche se in passaggi obbligati "navigando sulle uova" per evitare di rigare le solette, si fa sino a 50mt. dalle auto. Neve primaverile direi più che abbondante per il periodo, quindi godereccia e raramente sfondosa. Saliti all'anticima, dopo, per la cima vera non ci siamo fidati, troppo tossico solo a vederla.
Oggi bella combriccola con Roby, Giulio, Lorena e Luigi. Alle prossime! (non mi ricordo di avere mai sciato a giugno! in genere la MTB per me la fa da padrona in questo periodo, ma quest'anno è davvero speciale per la fiocca...)

...dal ponte d'Almiane, come si presenta ad oggi il canalone...

...risalendo il vallone svalangato...

...salendo nell'ampia conca con nubi un poco minacciose...

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: *** / ***** stelle
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
attrezzatura :: scialpinistica
Sotto la fitta e prevista nevicata, si sale su a Pala Rusà con una ovvia visibilità ridottissima, specie nella parte alta. Emozionante l'arrivo su alla croce giacchè di fatto 'da interpretare' con attenzione anche solo dal gabbiotto del dismesso impianto delle 'Lance'. Discesa non banale proprio per la visibilità, e, sotto i nostri sci, si alternano le molte tracce vecchie presenti, e gli "inattesi" avvallamenti che puntualmente sentiamo solo ma... non si possono quasi prevedere.
Emozione, magia della neve. M&A

...la croce in punta a Pala Rusà...
Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti sino al bivio per quota 2470m. su traccia già esistente, e poi per complicarci un pochetto la vita, invece di continuare a seguire la traccia per la quota 2739m. tracciato diretti su per il canale sino a quota 2665m e poi bastava così per l'ora tarda. Il canale ha un valangozzo a pera ormai stabile sul quale è necessario tracciare per salire (se si vuole mantenere vergine un passaggio per la discesa! ;)) ma non rappresenta grossi problemi. Insieme a questo vi erano 3-4 tracce di discesa, penso del giorno prima, che disturbavano un poco l'ascesa. Discesa da favola sino al piano delle Arp du Bois desot, poi di qui un po' più pesantuzza, ma a cercarla nel bosco ci si diverte ancora bene su farina!
Meteo bella alla partenza, si è chiuso man mano sino a presentarsi neve e nevischio di riporto al rientro.



Ottima compagnia come sempre! M&A

...l'abbondante apporto di neve alle baite Arp du Bois desot...

...lo splendido canalone finale...

...giochi della neve...
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Arp (Rifugio) da Estoul e il Lago Literan (09/01/16)
    Ciarm del Prete da Tornetti (07/04/15)
    Roisetta (Mont, Punta Sud) da Cheneil (28/03/15)
    Grifone (Punta di) da Grange (07/03/15)
    Palasina (Punta) da Estoul (13/04/14)
    Becco (Costa del) da Rochemolles (05/04/14)
    Vallette (Cima delle) da Frais (08/03/14)
    Soma (Clot della) da Pragelato (08/02/14)
    Lance (Punta delle) da Pian Benot (01/02/14)
    Beaulard quota 2100 m da Beaulard (11/01/14)
    Aquila (Punta dell') dall'Alpe Colombino (06/01/14)
    Tre Croci (Poggio) da Bardonecchia (03/01/14)
    Vaccare (Trucco delle) e Pilone Madonna della Neve da Frais, giro per l'alpeggio Soubeirand (28/12/13)
    Miette (Passo) quota 2002 m da Tornetti (07/12/13)
    Manzol (Monte) dal Rifugio Barbara Lowrie (01/09/13)
    Losa (Passo della) e Passo della Vacca dal Lago Serrù, anello (25/08/13)
    Birrone e Ciabra (Colli) da San Damiano per il vallone di Droneretto (15/06/13)
    Valfredda (Punta) dal Ponte d'Almiane (01/06/13)
    Pala Rusà (Punta) da Pian Benot (17/03/13)
    Serena (Costa di) quota 2739 m da Mottes (27/02/13)
    Cervetto (Testa di) da Meire Bigorie (03/02/13)
    Vaccare (Trucco delle) e Pilone Madonna della Neve da Frais (25/01/13)
    Bosco (Cima del) da Thures (11/11/12)
    Arp Vieille (Mont) da Bonne (10/03/12)
    Mentà (Costa di) da Chiapili di Sotto (03/03/12)
    Liste (Cima delle) o Punta Gardetta da Indritti (24/02/12)
    Vaccare (Trucco delle) e Pilone Madonna della Neve da Frais (15/02/12)
    Miette (Passo) quota 2002 m da Tornetti (04/02/12)
    Leissè o Leysser (Punta) da Vetan (21/01/12)
    Rho (Colle della) da Bardonecchia, giro per il Col de la Replanette e Colle di Valle Stretta (20/08/11)
    Foens (Forte) da Savoulx, giro (06/08/11)
    Monviso (Giro del) da Castello, giro del Monviso (24/07/11)
    Tsa (Mont de la) da Buthier (06/03/11)
    Cialma (la) o Punta Cia da Carello (26/02/11)
    Ciarm del Prete da Tornetti (19/02/11)
    Briccas o Trucchet da Brich (12/02/11)
    Lusignetto (Punta) da Ala di Stura (05/02/11)
    Palit (Punta) da ex impianti Palit (02/02/11)
    Prato di Fiera (Punta) dalla Fontana della Batteria (30/01/11)
    Serena (Costa di) quota 2785 m da Mottes (23/01/11)
    Bosco (Cima del) da Rollières (15/01/11)
    Soma (Clot della) da Pragelato (07/01/11)
    Fournier (Cima) da Bousson (05/01/11)
    Moncrons (Punta di) da Granges di Pragelato (27/12/10)
    Granè (Monte) da Crissolo (08/12/10)
    Leretta (Punta) e quota 2051 m da Pian Coumarial per il versante NO (28/11/10)
    Levanna Orientale Via Normale da Forno Alpi Graie (22/08/10)
    Ramière (Punta) o Bric Froid da Argentera (10/08/10)
    Madonna del Ciavanis (Santuario) da Chialamberto (29/05/10)
    Cervetto (Testa di) da Meire Bigorie (18/04/10)
    Matolda (Tomba di) da S.Antonio (21/02/10)
    Ciarm del Prete da Tornetti (06/02/10)
    Prato di Fiera (Punta) dalla Fontana della Batteria (24/01/10)
    Friera (Piano) da Rivoira (23/01/10)
    Sourela (Punta) da Col San Giovanni (17/01/10)
    Palit (Punta) da ex impianti Palit (16/01/10)
    Cialma (la) o Punta Cia da Carello (05/01/10)
    Muni (Frazione) da Condove, giro (12/12/09)
    Ciappi da Finalborgo, giro (31/10/09)
    Durand (Fenetre) da Etroubles, giro del Gran Combin per Col de Mille e Colle del Gran San Bernardo (3 gg) (11/09/09)
    Taou Blanc (Monte) dai Piani del Nivolet (06/09/09)
    Invergneux (Colle) da Cogne, giro valloni Urtier - Grauson (05/09/09)
    Gardetta (Passo della) da San Magno, giro per i colli Fauniera, Mulo, Ancoccia, Preit, Gardetta, Bandia, Valcavera (01/09/09)
    Vallonetto (Colle del) da Pietraporzio, giro (21/08/09)
    Pis (Colle del) traversata Sestriere-Perosa (12/08/09)
    Gran Paradiso Via Normale del Rifugio Vittorio Emanuele II (20/07/09)
    Arlaud Daniele (Rifugio) e Montagne Seu da Salbertrand (18/07/09)
    Sbaron (Punta) da Prato del Rio (12/03/09)
    Aquila (Punta dell') dall'Alpe Colombino (21/02/09)
    Liste (Cima delle) o Punta Gardetta da Indritti (15/02/09)
    Sourela (Punta) da Mollar (31/01/09)
    Lion (Monte) da Fondo (25/01/09)
    Colombano (Monte) dal Ponte del Dazio (24/01/09)
    Ciarm (Monte) Traversata da Tornetti a Fucine (10/01/09)
    Quinzeina o Quinseina (Punta Sud) da Santa Elisabetta per la dorsale S/SO (28/12/08)
    Soglio (Monte) da Pian Audi (24/12/08)
    Tovetto (Colle Nord del) da Balme (08/12/08)
    Barfè (Rifugio) dal ponte Barfè (05/12/08)
    Longet (le) o Tete du Rissace da Ceillac (08/03/08)
    Goà o Guà (Punta) da Estoul (24/02/08)
    Bosco (Cima del) da Rollières (07/02/08)
    Soglio (Monte) da Pian Audi (13/01/08)
    Ciarva (Rocca) da Balme e il Colle Battaglia (02/12/07)
    Cristetto (Monte) da Pinerolo, giro del Gran Dubbione per i 7 Ponti (20/11/07)
    Liste (Cima delle) o Punta Gardetta da Indritti (31/03/07)
    Sigaro (il) quota 2820 m da Valgrisenche (22/03/07)
    Blanc (Truc) e Becca di Giasson da Surier, anello (11/03/07)
    Arp Vieille (Mont) da Bonne (10/03/07)
    Thabor (Monte) dalla Valle Stretta (03/02/07)
    Toesca (Rifugio) da Cortavetto per il Rifugio Amprimo (17/09/06)
    Pis (Colle del) traversata Sestriere-Perosa (28/06/06)
    Pis (Colle del) traversata Sestriere-Perosa (28/06/06)
    Losetta (Monte) da Chianale per il Vallone di Soustra (25/03/06)
    Fontana Fredda (Punta) da Cheneil (15/01/06)