gapox


Le mie gite su gulliver

Sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
attrezzatura :: scialpinistica
Ben predisposti alla 'battitura' ci impegnamo per questo Miette. 'Ovviamente' riusciamo a trovare da ravanare oltremodo salendo, giusto perchè la traccia da battere non ci bastava...! E' sufficiente a) ^non^ prendere la strada dei vecchi impianti (peraltro costellata ormai di molta vegetazione) e b) ^non^ tenersi bene bene e molto a destra degli impianti praticamente sul versante e la strada del Ciarm del Prete come previsto da libretta, et voilà, il gioco è fatto, ravanish assicurato nel salire, per incrociare i pali dei vecchi impianti! Discesa: parte alta con grande quantità di fiocca e anche pesantuzza, fondo che a volte mancava ma nulla di realmente preoccupante. Parte media e bassa invece molto meglio! Quasi farina pura, dunque bene bene. Il problema di questa gita, invece, sta realmente diventando la crescente e numerosa vegetazione che costella il percorso, specie in inverni "tardivi" di neve come questo... Sabato prossimo difatti in sociale, porteremo al Passo Veilet e per chi se la sente, a seconda dei partecipanti, alla Ciarm del Prete.
Con la combriccola odierna CAI Venaria & "affini" una sempre ottima chiusura al Runch era quello che ci voleva!

...una goduria battere traccia là davanti...

...dal passo, uno sguardo quasi "a piombo" su Villa là sotto...
Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Finalmente la neve fresca! Quella caduta ieri e stanotte. Dai 30 ai 40cm. naturalmente escludendo le zone pelate dal vento. Salito sino alla cima e da lì sceso per massima pendenza di fianco ad una sola traccia preesistenze; a seguire...alla ricerca dell'intonso!
Oggi tutto perfetto! se non ci fossero state alcune zone pelatuccie (evitabilissime) un 5 stelle ci sarebbe stato tutto!

...paesaggio fiabesco alla partenza...

...due curve finalmente ben date (la centrale la mia firmetta)...

...kyte-sky surfers nella parte bassa...

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
tipo bici :: full-suspended
Effettuato oggi questo importante anello in zona Bardonecchia con una meteo superba in 10 bikers tra Etabeta, Cucuzzoli e Apofriends. Molto interessante la salita, caratterizzata da un contorno di monti e colli davvero strepitoso. Ci siamo concessi anche una deliziosa sosta al Rif. du Thabor. La discesa: la prima dal Colle della Rho è stata ciclata bene da tutti (ho anche video), mentre i due tratti più impegnativi e tecnici sono ora piuttosto scassati e pertanto veramente sdrucciolevoli (posterò presto foto), in 3 li abbiamo ciclati per un 40-50% (io 100/100mm. escursione, il più 'corto' del gruppo), personalmente ho gradito di più la seconda con i tornantini, un paio dei quali veramente molto stretti e con pietra/e grosse da aggirare o in mezzo. Finale aggirando il Lago verde su per la pineta con giochi di sentieri, indi variante sx per evitare polvere ed escursionisti, e dunque arrivo al Rif. 3 magi (altra sosta=altra birra!) e poco dopo di esso abbiamo intrapreso su suggerimento di Paolo_P, il sentiero giocosissimo che in discesa porta giù in località 7 Fontane; insomma abbiamo gustato il giro sino al pusacafè ! Due del gruppo hanno intrapreso il sentiero GR57 preso direttamente dal Colle di Valle Stretta sino al Piano della Fonderia. Lasciate perdere, pericoloso, poco ciclabile, non bello per bikes.
Noi alla fine abbiamo totalizzato circa 1600m. di dislivello. Strepitosa Stefania come sempre, ma bravi tutti!
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
tipo bici :: full-suspended
Saliamo in 7 sulla agro-silvo-pastorale che da Savoulx conduce su al Forte Foens. Il fondo è compatto e dunque bello scorrevole (tante pioggie in questa estate molto continentale e poco mediterranea), ma la pendenza media è abbastanza sostenuta in particolare sugli ultimi 5-600 metri finali che conducono al bivio con la militare che sale da Salbertrand e si dirige verso lo Jafferau; in quel tratto si arriva anche al 23% e di sicuro non si scende mai sotto al 17%!! Decisamente si 'intuisce' che questa non sia mai stata una strada militare...
Il sentiero di discesa per Gr. Suppas è un po' scavato (canali e canalette) dalla frequentazione abbastanza sostenuta direi...ma veramente godibile e non difficile (rispetto a qualche tempo fa quando era più sporco) a quota (direi) 1700m. un (tecnicamente) 'interessante' sentiero single track a sx che su un albero portava la placca francese di sentiero per MTB/VTT, ha ora lo stesso barrato con una croce rossa... troppo difficile? iniziativa dei proprietari di fondi? sconsigliato? frane, alberi caduti?! non resta che tornare a provarlo!! L'inizio pare da diff. OC... (allego foto dell'albero)
Dopo Gr. Suppas, nel bosco, se si prende a sx, mulattiera con fondo molto sconnesso (pigne, pietre smosse di piccola e media grandezza, rami lunghi e anche grossini); a dx nel bosco verso Millaures probabilmente il fondo è decisamente migliore, già a valutarlo dall'inizio dello stesso.
Giornata dalla meteo incerta, ma non ci facciamo di certo impaurire; si parte ugualmente alla volta di Oulx inizialmente per l'anello più ampio del Foens, ma vista la pioggia già presa in autostrada, "rimaneggiamo" la giornata con l'anello medesimo ma da Savoulx. A fine giornata quasi praticamente asciutti ;P) "Rimediamo" 30Km. e 1100mt. di dislivello circa. Chiusura al Bar della stazione ad Oulx, e.... qualcuno intanto si innamora della RMB Element50... :P) --- qui un video della discesa (sezione tranquilla):

...vietato o sconsigliato alle MTB?!...

...nel tratto sconnesso...
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Effettuato il giro del Monviso per la prima volta in senso antiorario partendo da Castello (Rif. Alevè), per:
- Rif. Bagnour, Bosco Alevè, raccordati su GTA U10, P.sso S.Chiaffredo, P.sso Gallarino, Rif. Q.Sella (1a notte)
- Colle del Viso, Rif. Giacoletti, sentiero del Postino, Buco di Viso, Ref. du Visò (2a notte)
- Passo Vallanta, Rif. Vallanta, Castello di Pontechianale

Note: secondo me è consigliatissimo in 3 gg. effettuare il giro in senso antiorario perchè:
- il bellissimo sentiero del postino è più bello a salire verso il Buco di Viso e Colle delle Traversette che non a scenderlo;
- il buco di Viso se fatto dal lato francese è difficilmente visibile (coperto da nevaio) e non ci sono segnali a parte un '11' sbiaditissimo sulla roccia, mentre dal lato italiano vi è la ns. bandiera e bacheca fatta affiggere dal Rotary Club di Saluzzo (mi pare) e con ingresso almeno da quel lato umano. da quello francese passarsi gli zaini uno alla volta (avventuroso, carino)

...arrivando al Passo Vallanta al cospetto del Viso e dei "suoi fratelli"...
Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
Giornata dalla meteo splendida, gran caldo, neve molto bella, gita bellissima con cresta finale di soddisfazione. Anche noi seguito la bella traccia che punta all'Alpeggio della Tsa de Chaligne (2225m.). Ringrazio GM. Grassi incontrato in salita per la stessa. Discesa: nonostante la bella nevicata, nella parte alta (primi 150mt.) prestare attenzione alle pietre, di dimensioni anche notevoli che hanno fatto cadere più d'uno e anche di altri gruppi. Tolto questo piccolo neo, siamo stati a dx nel bosco nel canale buio a goderci la piena farina e poi giù con pezzo di stradina e poi prati, sino all'ultimo metro di neve praticamente in auto! ...ma durerà assai poco...
2 o 3 scarichi spontanei preesistenti si possono vedere sotto alla Chaline.
Se non fosse stato per le pietre avrei appioppato anche 5 stelle.
In compagnia dei simpaticissimi 'Brianzoli' che poi tali non sono... Guido, Paola, Luca, Franco, Elisabetta, Emanuele, Michele, Elena, Maurizio, e chissà, sicuramente me ne son dimenticati altri. Noi Torinesi Apo, Paola (bravissima nonostante il disturbo di stomaco), Eli e Romano loro 2 con ciaspe (sempre molto veloci)

...ultimo pendio di salita prima della punta...

...sulla doppia vetta !
Sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: polverosa
E anche oggi La Cialma non ha deluso. Salita classicissima, discesa per la prima parte a dx a trovare bella trasformata (!), poi "pista" battuta dagli skialpers e quindi a sx sono andato a trovare ancora farina (!), anche se a tratti un poco ventata e con crosta leggera, ricongiunto poi alla pista.
Salito alla Cialma per leggera indisposizione visto che sarei dovuto andare a fare la Cima delle Vallette, ma va bene anche così! Un saluto e ringraziamento al simpatico e veloce skialper che mi ha recuperato la borraccia che stava facendo slittino giù per la discesa ed avrei pertanto inevitabilmente perso.

...panoramica dalla punta della Cialma...
Sciabilità :: *** / ***** stelle
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: umida
Pensavo ci fosse più neve ultima fresca, ma la gita è stata di soddisfazione comunque, anche se in Sud-Est in questo inverno non eccessivamente nevoso, confidando nell'apporto di neve fresca degli ultimi 3gg di nevicate. L'avvicinamento è lunghetto e l'innevamento non è proprio copioso ma buono. Intorno a quota 1800 (stimo) c'è un pendio che praticamente non ha quasi più fondo e bisogna darsi da fare nei labirinti. Parte alta per circa 5-600 mt. veramente bella bella con farina un poco umida ma molto ben sciabile. La meteo bellissima con velature all'inizio della discesa. Solo uno skialper davanti a noi che ci ha battuto traccia in salita e due dietro giunti poco dopo di noi. La variante finale (scendendo a sx) verso il canalone dei Rio della Viana è consigliabile solo se con neve abbondante, difatti noi...attirati dai suoi (brevi) pendii di farina leggerissima, più in basso abbiamo ravanato assai. Le stelle sono dalle 3 alle 4, anche per il luogo decisamente solitario e piacevolmente isolato.
Il panorama dalla punta ci ha deliziato della vista sulle vicine M.te Lera, Torre d'Ovarda, Civrari, Ciriunda, Ciorneva e Grifone, ma anche sino al Viso e il Rosa. Giornata felicemente conclusa all'ottimo Runch con Frank, Roby, Eli e Romano oltre al sottoscritto al quale è toccato pagar da bere per il pungolo finale della discesa...

...salendo con sullo sfondo Rocca Moross...

...salendo con sullo sfondo Cima Montù...

...l'unico pendio con fondo al limite...
Sciabilità :: **** / ***** stelle
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
Partito (tardi) in solitaria e anche se per me è stata la prima volta al Briccas, sapevo che avrei trovato innumerevoli ski.alpers, e così è stato infatti! 1h50' in punta con un bel "calduccio" e tempo che si velava leggermente in valle. Salita: parte bassa sino a circa 1750 con neve macchiata a pelle di leopardo, dalla salita alla discesa altro scioglimento, siamo praticamente quasi al 'buta e gava', ma oggi ancora no. Discesa: Scendedo tarduccio la discesa è stata praticamente perfetta su neve trasformata e morbida ottimale. Le 4**** ci stanno tutte!
Trovato in punta parte dei simpatici amici Ever-Green & friends, con i quali sono certamente in debito per gli splendidi panini di Romeo e la superlativa torta di Marvi, nonchè..... il caffè 'speciale'!

...salendo il pendio...

...ravanish finale...
Sciabilità :: *** / ***** stelle
neve (parte superiore gita) :: umida
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
Confermo le condizioni già trovate da 'strisulina' ma aggiungo: io sono salito di fatto per il bosco e le piste da Belfè in su, senza effettuare il giro dall' Alpe del Vallone come da relazione, per la discesa, dalla Madonnina, ho preso la 'diretta' in dorsale sino a congiungermi alla pista del Karfen dove in parte alta la pista si sdoppia. In parte alta neve umida quindi pesantuccia ma ancora ben sciabile su un pendio che diventa non banale con quelle condizioni di fiocca, a seguire il magnifico pistone del Karfen tutto per me! (continuano i problemi con il cuscinetto dello skilift del Karfen) Quindi Belfè e bosco. Ormai obbligatorio proseguire a piedi una volta arrivati al bivio a dx su mulattiera, vi sono troppe pietre fuori e i lpsasaggio per giunta è molto stretto.
Un saluto al velocissimo Bruno di ala, uno dei pochi skialper saliti oggi con me alla Lusignetto. Un ringraziamento a "Bubbolotti" per avere messo in relazione la nota per l'autorizzazione.

...giunto alla meta odierna...

...le mie firme giù dalla 'diretta' di Lusignetto...
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Arp (Rifugio) da Estoul e il Lago Literan (09/01/16)
    Ciarm del Prete da Tornetti (07/04/15)
    Roisetta (Mont, Punta Sud) da Cheneil (28/03/15)
    Grifone (Punta di) da Grange (07/03/15)
    Palasina (Punta) da Estoul (13/04/14)
    Becco (Costa del) da Rochemolles (05/04/14)
    Vallette (Cima delle) da Frais (08/03/14)
    Soma (Clot della) da Pragelato (08/02/14)
    Lance (Punta delle) da Pian Benot (01/02/14)
    Beaulard quota 2100 m da Beaulard (11/01/14)
    Aquila (Punta dell') dall'Alpe Colombino (06/01/14)
    Tre Croci (Poggio) da Bardonecchia (03/01/14)
    Vaccare (Trucco delle) e Pilone Madonna della Neve da Frais, giro per l'alpeggio Soubeirand (28/12/13)
    Miette (Passo) quota 2002 m da Tornetti (07/12/13)
    Manzol (Monte) dal Rifugio Barbara Lowrie (01/09/13)
    Losa (Passo della) e Passo della Vacca dal Lago Serrù, anello (25/08/13)
    Birrone e Ciabra (Colli) da San Damiano per il vallone di Droneretto (15/06/13)
    Valfredda (Punta) dal Ponte d'Almiane (01/06/13)
    Pala Rusà (Punta) da Pian Benot (17/03/13)
    Serena (Costa di) quota 2739 m da Mottes (27/02/13)
    Cervetto (Testa di) da Meire Bigorie (03/02/13)
    Vaccare (Trucco delle) e Pilone Madonna della Neve da Frais (25/01/13)
    Bosco (Cima del) da Thures (11/11/12)
    Arp Vieille (Mont) da Bonne (10/03/12)
    Mentà (Costa di) da Chiapili di Sotto (03/03/12)
    Liste (Cima delle) o Punta Gardetta da Indritti (24/02/12)
    Vaccare (Trucco delle) e Pilone Madonna della Neve da Frais (15/02/12)
    Miette (Passo) quota 2002 m da Tornetti (04/02/12)
    Leissè o Leysser (Punta) da Vetan (21/01/12)
    Rho (Colle della) da Bardonecchia, giro per il Col de la Replanette e Colle di Valle Stretta (20/08/11)
    Foens (Forte) da Savoulx, giro (06/08/11)
    Monviso (Giro del) da Castello, giro del Monviso (24/07/11)
    Tsa (Mont de la) da Buthier (06/03/11)
    Cialma (la) o Punta Cia da Carello (26/02/11)
    Ciarm del Prete da Tornetti (19/02/11)
    Briccas o Trucchet da Brich (12/02/11)
    Lusignetto (Punta) da Ala di Stura (05/02/11)
    Palit (Punta) da ex impianti Palit (02/02/11)
    Prato di Fiera (Punta) dalla Fontana della Batteria (30/01/11)
    Serena (Costa di) quota 2785 m da Mottes (23/01/11)
    Bosco (Cima del) da Rollières (15/01/11)
    Soma (Clot della) da Pragelato (07/01/11)
    Fournier (Cima) da Bousson (05/01/11)
    Moncrons (Punta di) da Granges di Pragelato (27/12/10)
    Granè (Monte) da Crissolo (08/12/10)
    Leretta (Punta) e quota 2051 m da Pian Coumarial per il versante NO (28/11/10)
    Levanna Orientale Via Normale da Forno Alpi Graie (22/08/10)
    Ramière (Punta) o Bric Froid da Argentera (10/08/10)
    Madonna del Ciavanis (Santuario) da Chialamberto (29/05/10)
    Cervetto (Testa di) da Meire Bigorie (18/04/10)
    Matolda (Tomba di) da S.Antonio (21/02/10)
    Ciarm del Prete da Tornetti (06/02/10)
    Prato di Fiera (Punta) dalla Fontana della Batteria (24/01/10)
    Friera (Piano) da Rivoira (23/01/10)
    Sourela (Punta) da Col San Giovanni (17/01/10)
    Palit (Punta) da ex impianti Palit (16/01/10)
    Cialma (la) o Punta Cia da Carello (05/01/10)
    Muni (Frazione) da Condove, giro (12/12/09)
    Ciappi da Finalborgo, giro (31/10/09)
    Durand (Fenetre) da Etroubles, giro del Gran Combin per Col de Mille e Colle del Gran San Bernardo (3 gg) (11/09/09)
    Taou Blanc (Monte) dai Piani del Nivolet (06/09/09)
    Invergneux (Colle) da Cogne, giro valloni Urtier - Grauson (05/09/09)
    Gardetta (Passo della) da San Magno, giro per i colli Fauniera, Mulo, Ancoccia, Preit, Gardetta, Bandia, Valcavera (01/09/09)
    Vallonetto (Colle del) da Pietraporzio, giro (21/08/09)
    Pis (Colle del) traversata Sestriere-Perosa (12/08/09)
    Gran Paradiso Via Normale del Rifugio Vittorio Emanuele II (20/07/09)
    Arlaud Daniele (Rifugio) e Montagne Seu da Salbertrand (18/07/09)
    Sbaron (Punta) da Prato del Rio (12/03/09)
    Aquila (Punta dell') dall'Alpe Colombino (21/02/09)
    Liste (Cima delle) o Punta Gardetta da Indritti (15/02/09)
    Sourela (Punta) da Mollar (31/01/09)
    Lion (Monte) da Fondo (25/01/09)
    Colombano (Monte) dal Ponte del Dazio (24/01/09)
    Ciarm (Monte) Traversata da Tornetti a Fucine (10/01/09)
    Quinzeina o Quinseina (Punta Sud) da Santa Elisabetta per la dorsale S/SO (28/12/08)
    Soglio (Monte) da Pian Audi (24/12/08)
    Tovetto (Colle Nord del) da Balme (08/12/08)
    Barfè (Rifugio) dal ponte Barfè (05/12/08)
    Longet (le) o Tete du Rissace da Ceillac (08/03/08)
    Goà o Guà (Punta) da Estoul (24/02/08)
    Bosco (Cima del) da Rollières (07/02/08)
    Soglio (Monte) da Pian Audi (13/01/08)
    Ciarva (Rocca) da Balme e il Colle Battaglia (02/12/07)
    Cristetto (Monte) da Pinerolo, giro del Gran Dubbione per i 7 Ponti (20/11/07)
    Liste (Cima delle) o Punta Gardetta da Indritti (31/03/07)
    Sigaro (il) quota 2820 m da Valgrisenche (22/03/07)
    Blanc (Truc) e Becca di Giasson da Surier, anello (11/03/07)
    Arp Vieille (Mont) da Bonne (10/03/07)
    Thabor (Monte) dalla Valle Stretta (03/02/07)
    Toesca (Rifugio) da Cortavetto per il Rifugio Amprimo (17/09/06)
    Pis (Colle del) traversata Sestriere-Perosa (28/06/06)
    Pis (Colle del) traversata Sestriere-Perosa (28/06/06)
    Losetta (Monte) da Chianale per il Vallone di Soustra (25/03/06)
    Fontana Fredda (Punta) da Cheneil (15/01/06)