Danilo


Chi sono

Abito ad Isola d'Asti fraz. Villa
passioni: Fotografia & photoshop
Escursioni in montagna
Mountain-bike
Pesca subacquea

Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Anello che partendo da Rabet (dove termina la strada da Chiappera) è segnato sulla cartina Fraternali n° 11
Fino al Col de Roux il sentiero è presente in cartina, poi svalicando in Francia sulla cartina non c'è più sentiero.
É comunque segnato sul terreno e quando entra negli sfasciumi sono presenti numerosi ometti fino al Col de Cialancion.
Da questo colletto si risale prima alla Tete de Cialancion, ritornando al colle si prosegue per il Monte di Ciabriera.
Ci vuole un GPS per completare l'itinerario perché i sentieri sono labili, si perdono e si ritrovano con una traccia da seguire, altrimenti non è consigliabile fare l'anello.
Io inserisco la traccia.
Nel ritorno ho aggiunto due waypoint che avvertono di saltare un tratto di traccia che conduce ad un passaggio difficile non adatto a tutti.
Gita molto bella con panorami mozzafiato

Arrivo al Cialancion


Torre Castello

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
La vera Cima di Crosa, sarebbe più a Sx di circa 150 m (più o meno).
La croce di ferro con il "libro di vetta" sarebbe (secondo il riportato delle cartine) l'anticima a 2529 m.
Il percorso che ho diseganto con il mio GPS (che allego a questa gita) ne riporta la prova.
----------------
Cartine di riferimento
Fraternali n° 10 - Fraternali n° 12



L'Oronaye sullo sfondo

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Da Stazione FS di GE. Voltri a Stazione FS di GE. Pegli
Partito da Genova Voltri (FS) e sceso a Genova Pegli (FS)
Penso che questa camminata si possa effettuare dallo scioglimento neve fino a Maggio e da Fine Ottobre fino a quando non iniziano le gelate.
Il primo motivo è per il caldo ed il secondo è per la pericolosità delle rocce se fossero umide o con la patina di brina.
In condizioni normali alcuni passaggi divertenti di debbono effettuare con mani e piedi, considerati "F" ma non essendo esposti non disturbano anzi, sono divertenti.

prima di Acquasanta da un pianoro si vede il panorama e il percorso

Verso la cima

Ultimi metri

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Ho seguito il percorso del GPX presente in questa pagina, percorrendo il piccolo anello in senso anti orario.
Al ritorno tra la Tête de l'Autaret e il Colle de l'Autaret, ho avuto problemi di insicurezza nell'attraversare il picco roccioso posto a metà strada, da considerarsi sicuramente un "F".
L'ho però aggirato senza problemi perdendo di quota di una cinquantina di metri su sfasciumi detritici (lo si nota dal tracciato GPX che allego)
Una nota: Tête de l'Autaret 3015 m (Valle Varaita) da non confondersi con: Testa dell'Autaret 2763 m. (Valle Stura)

Partenza: 08:25

Arrivo: 14:10

Lago de l'Autaret

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Dal passo Calatà per il ritorno, se non si è amanti dell'ambiente aspro il percorso piacerà poco.
Inserisco il tracciato GPX
Ieri ho percorso l'anello dei valloni Giargiatte e Duc con passaggio al Bivacco Bertoglio e passo Calatà (2940 m), salendo sulla Punta Malta (2995 m).
Ero solo e quindi non mi sono mai fermato se non in tre brevi momenti per il cambio bottiglietta (mantenuta fresca nello zaino con refrigeratore).


Bivacco Bertoglio (2763 m)

Dal Bivacco Bertoglio: Panorama

Dal Bivacco Bertoglio

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Con Rosanna, Luisa e Tonino, abbiamo percorso questo anello confidando sulle previsioni che annunciavano un peggioramento verso le ore 16:00.
Previsione azzeccata, abbiamo terminato prima l'anello con un tempo ottimo, non caldo con sole e qualche nuvola di passaggiop

Incontro con la mulattiera che giunge da Pleyne

La Madonnina

La salita al Passo del Ciat 2640 m

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Di solito il Gps ritarda un po' a connettersi con i satelliti.
Attendere che sia connesso perché praticamente non bisogna sbagliare già all'inizio prendere il sentiero giusto.
In pratica appena usciti dalla stazione ferroviaria, bisogna percorrere il marciapiede sulla DX che scende sotto il Cavalcavia dei binari.
Sotto il cavalcavia con il GPS e le segnaletiche menzionate nell'itinerario non ci si può più sbagliare.
Essendo un percorso primaverile o autunnale, bisogna stare molto attenti all'umidità che potrebbe rendere il sentiero scivoloso, specialmente sulle rocce lisce.


Inizio percorso a Recco

Appena fuori dal bosco

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Bel sentiero fino in cima.
Faticoso solo ultimo tratto.
Secondo me il periodo migliore è questo in quanto le giornate sono più corte e lo sviluppo è abbastanza contenuto, si percorre il tutto abbastanza in fretta.
Nel percorso GPS che allego, nel ritorno, ho effettuato un piccolo anello per riprendere il sentiero di discesa al colletto: Bassa di Terra Rossa, dopo una breve visita ad una cimetta che si vede salendo dal Lago Oserot (tanto per aumentare l'ascesa totale).
Volendo si può scendere a Bersezio con GTA-P36 dopo il Lago Oserot e completare un anello pieno.
Il Monte Oserot è una cima che offre un panorama a 360° come non tantissime altre cime.
Si possono riconoscere:
Il Monviso, il Bric, Cima delle Lobbie, Punta Rasciassa, il Chersogno, il Pelvo d'Elva, Rocca la Marchisa, l'Aiguille de Chambeyron, il Brec de Chambeyron, il M. Oronaye, La Meyna, il M. Scaletta, il Bec du Lieve, il Pointe de la Signora, Rocca la Meja, M. la Bianca, il M. Omo, il Savi, la Tête de Siguret, la Tête de Fer, l'Enciastraia, Rocca dei Tre Vescovi, Cima delle Lose e tantissime altre che sono meno evidenti.
---------------------
Dal parcheggio di Bersezio non si incontrano più fonti di approvvigionamento idrico.

Lo sviluppo del mio tracciato GPX

Lo sviluppo del mio tracciato GPX

Il parcheggio di Bersezio

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Percorso A/R per lo stesso sentiero, complessivamente di 14 Km.
Ascesa: 1620 m.
Quota di partenza: 1650 m.
Quota vetta: 3166 m.
Tempo di salita 4h 10'
Tempo di discesa: 2h 50'
Mancanza di approvvigionamento acqua partire forniti.
Ultimo tratto prima della vetta EE (non banale)

Il percorso

Un momento di pausa

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Dopo la partenza da Viozene, non si incontrano fonti di approvvigionamento acqua, è quindi indispensabile partire forniti a sufficienza. A Viozene, proprio prima dell'inizio sentiero, sulla strada sotto la chiesa, c'è una fonte sempre corrente, dove rabboccare. Il percorso che propongo è abbastanza lungo e con un dislivello importante è quindi sconsigliato nei periodi più caldi in quanto la quota altimetrica di partenza è abbastanza bassa e il caldo fino alle pendici del monte è affaticante.
Giro complessivo Km: 19
Ascesa complessiva M: 1614

Panoramica

Ora si comincia a salire il monte

Eccoci in cima

[visualizza gita completa]

Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .