Pan Perdù (Rocca di) dal Gias della Grotta per il versante SSO

difficoltà: PD-   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1500
quota vetta (m): 2850
dislivello complessivo (m): 1350

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: mozart luciastrek
ultima revisione: 10/08/19

località partenza: Gias della Grotta (Vinadio , CN )

punti appoggio: Rifugio Malinvern

cartografia: IGC Valli Maira Grana Stura N°7

bibliografia: In cima, 90 normali nelle alpi marittime

accesso:
Si percorre la valle Stura, superato il paese di Vinadio dopo circa 1 chilometro svoltare a sx per il colle della Lombarda, si passa il paese di Pratolungo e si salgono dei tornanti, al termine dell'ultimo tornante c'é una piccola cappella, subito dopo a sx si prende la deviazione per il vallone di Riofreddo; dopo circa 6 chilometri si arriva dove inizia il divieto di transito, è possibile proseguire ancora per 150 metri, ampio posteggio davanti alla baita e fontana con la famosa acqua Sant' Anna.

note tecniche:
Bella salita in ambiente selvaggio, il sentiero praticamente termina perché invaso da una selva di erbacce e ortiche al Gias di quota 2000 metri, poi alcune vaghe tracce e affidarsi agli ometti e nel caso aggiungerne. Oltre alla via della descrizione é anche possibile salire prima alla quota 2736 metri poi proseguire di cresta facendo un'altra via con difficoltà PD-. Dall'insellatura della pietraia quando é possibile vedere la meta si nata anche la quota 2736 metri, la si tiene come riferimento poi una volta arrivati sotto si sale il suo canale erboso, (poco prima del canale ci sono dei grossi massi) quasi al suo apice si gira a dx salendo un muretto II° poi si fa un tratto di erba e roccette e si giunge sotto la cima; si supera al centro una piccola paretina II° ci si sposta a sx e dopo pochi metri si é in cima. In seguito si prosegue in cresta scendendo di pochi metri fino ad arrivare sotto la parete ovest del Pan Perdù, da dove parte verso sx in ascesa una cengia abbastanza esposta ma larga a sufficienza, si percorre la cengia fino ad arrivare sul lato N/O da dove si riprende a salire verso dx delle placche rocciose appoggiate con passi di I+ e di II° fino ad arrivare ad una fessura di pochi metri II° che una volta scavalcata porta sulla sommità del canale e da dove in pochi minuti si arriva sulla cima.

descrizione itinerario:
Dal posteggio si continua su strada sterrata in direzione rifugio Malinvern, dopo circa 1/2 ora si arriva al Gias della Grotta riconoscibile da una palizzata di legno, che fungeva da sbarra sulla strada, pochi metri più avanti si cerca un guado (a seconda della portata d'acqua cambiano le caratteristiche)per attraversare il Rio Freddo rimanendo sulla sponda orografica destra del Rio della Paur. Arrivati sulla sponda opposta si sale in direzione dei pini posti più vicino al Rio della Paur dove prima di essi si troverà il sentiero e degli ometti; raggiunti e superati alla sx i pini dopo pochi metri il sentiero piega a sx in una selva di erbacce non sempre visibile però al termine delle erbacce prima di entrare nel fitto bosco ci sono degli ometti che indirizzano. Entrati nel bosco si percorre un breve tratto poi ad un incrocio si svolta a dx (ometto con una pietra marcata di giallo)si continua nel bosco fino ad arrivare ad un Gias(quota 2000 metri) non molto riconoscibile dalle tante erbacce che lo ricoprono, da questo punto in avanti bisogna procedere per logica e seguendo gli ometti. Si giunge nei pressi di una bastionata che attraversa quasi tutto il vallone della Paur, si sale il versante di sx vicino a un rigagnolo, fino a giungere all'inizio della lunga pietraia; anche qui sono presenti degli ometti ma si può proseguire a piacimento, arrivati all'insellatura successiva si può si può vedere la meta. Una volta arrivati alla testata del vallone, dove ancora non si vede il canalino, si imbocca, verso sinistra, un pendio erboso che conduce verso la cresta sud/ovest della Rocca, man mano che si sale appare il canalino che bisogna raggiungere, una volta dentro non c'é una via obbligata (riguardo la doppia valutazione: se superate direttamente le due placchette che si trovano nel canale affronterete passi di II+ PD--; se invece le aggirate sulla destra non troverete difficoltà che vadano oltre il I+! e questo vale nel proseguo fino alla cima).