Verghe (Rocca delle) Couloir Il ghiaccio perduto dell'ovest

difficoltà: D-   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord
quota partenza (m): 1065
quota vetta (m): 2500
dislivello complessivo (m): 1500

copertura rete mobile
vodafone : 60% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: fech
ultima revisione: 30/01/20

località partenza: Chambons (Fenestrelle , TO )

accesso:
Parcheggiare l’auto nei pressi delle ultime case dell’abitato di Chambons sulla strada (Via Guillelmon) che porta ai vivai forestali in direzione Fenestrelle.

note tecniche:
Tempistica: Lunga salita e altrettanto lunga discesa (12h)
Distanza percorsa: 15km circa
Pericoli: in caso di forte innevamento o pendii non neve non trasformata

descrizione itinerario:
Seguire a piedi la strada asfaltata fino ad incontrare sulla sinistra il bivio con indicazione “Borgata Seichè”, da qui seguire la strada sterrata il salita fino a quota 1450 m (la strada compie un tornate verso sx). Abbandonare la strada e per tracce di sentiero e giungere alle Baite “Ca del Prajet” 1480 m, proseguire oltre in falsopiano e raggiungere il Rio delle Verghe (Bivio 1).
Da questo punto inizia la salita su ghiaccio percorrendo il flusso ghiacciato del rio e scalando i vari salti che esso forma. Riassumiamo le ramificazioni da seguire:
Bivio 1 --> prendere la ramificazione di sx
Bivio 2 --> prendere la ramificazione di sx
Bivio 3 --> prendere la ramificazione di dx
Bivio 4 --> prendere la ramificazione di dx
Bivio 5 --> prendere la ramificazione di dx, in breve si aprono i pendii sommitali, e senza una traccia obbligata raggiungere il colletto che delimita il Vallone di Cristove. Se al bivio si tiene il ramo sinistro si giungerà sotto una bastionata rocciosa e bisognerà traversare a destra in orizzontale.

Discesa: dal Colletto scendere nel selvaggio Vallone di Cristove e raggiungere le Bergerie omonime. Seguire poi il sentiero estivo, segnato sulle comuni cartine, che transita sopra Rocca Bruna e poi scende fino al Forte Mutin (Fenestrelle). Discesa non difficile ma molto lunga!

altre annotazioni:
Probabile prima salita: Federico Marcellino (Fech) – Enrica Tessore (Tex) - 27-01-2019
Leggendo le relazioni presenti su “Ghiaccio dell’ovest” esiste una salita in questa zona chiamata Clot della Vecchia, non corrisponde a questo itinerario.