Albergian (Monte) Parete Est, Couloir diretto

difficoltà: D-   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Est
quota partenza (m): 1360
quota vetta (m): 3041
dislivello complessivo (m): 1700

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: m.gulliver abo
ultima revisione: 21/01/20

località partenza: Laux (Usseaux , TO )

cartografia: Fraternali 1:25.000 n. 5 Val Germanasca Val Chisone

accesso:
Pinerolo-Perosa A.- Laux

note tecniche:
Parete/canale di 500m di neve ripida (45° costanti) e passaggi/tratti più ripidi, in ghiaccio nella metà inferiore, anche verticali.
La difficoltà proposta tiene conto dell'impegno fisico, del lungo avvicinamento, dell'isolamento e delle condizioni incontrate.
E' richiesto innevamento sicuro e non troppo abbondante e basse temperature vista l'espo. Pericoli oggettivi di scariche di neve, ghiaccio e pietrisco dall'alto non trascurabili. In primavera i tratti in ghiaccio potrebbero essere in condizioni migliori (è ghiaccio di fusione) ma la parete potrebbe essere un forno fin dall'alba.
Materiale: 2 piccozze tecniche, corda, viti da ghiaccio, chiodi da roccia. Sci o racchette utili per l'avvicinamento e la discesa.

descrizione itinerario:
Dal Laux risalire il vallone omonimo in direzione del colle dell'Albergian, restando in sx orografica e cercando si seguire il percorso del sentiero estivo. Giunti sotto la verticale della parete salire fino alla sua base. Si attacca in corrispondenza di un canale nevoso sulla sinistra che si insinua nella parete da sx a dx e che presenta poco sopra dei salti in ghiaccio. Rimontare la conoide breve ma ripida (45°) e salire la colata sulla sx se formata (3m 85°), quindi proseguire su ghiaccio o neve per una lunghezza di corda fino al salto successivo. Se la colata non è formata o è troppo magra per essere percorsa in sicurezza salire quella sulla dx, solitamente meglio formata (4m 75°) e proseguire nel canale seguente per una trentina di metri fino a reperire sulla sx una vaga cengia che permette di attraversare in leggera discesa nel canale corretto. La traversata è delicata e poco proteggibile (25m). Si sale ora il ripido salto successivo in ghiaccio (4m, 80/85° con un passo verticale), che a cui segue una breve goulotte (70°) larga poco più di un metro. Il canale prosegue ora alternando tratti di neve ripida (45°) a risalti in ghiaccio (a 55/65°) di lunghezza variabile (3-15m) fino a seconda dell'innevamento. Nei 250 m superiori il canale è tutto in neve ripida (45° con brevi passaggi a 50°). Si esce sulla cresta nord ad un centinaio di metri dalla croce che si raggiunge vincendo il castelletto roccioso finale per un camino di blocchi o neve ripida sulla destra.

Discesa: dalla normale verso Pragelato Ruà o Soucheres Basses (organizzarsi con una seconda auto).