Labby (Col de) da Termignon

tipo itinerario: attraversa pendii ripidi
difficoltà: OS / F+   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Nord-Est
quota partenza (m): 1300
quota vetta/quota massima (m): 3328
dislivello totale (m): 2030

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: mountain
ultima revisione: 09/01/20

località partenza: Termignon (Termignon , 73 )

cartografia: IGN - 236 Massif de la Vanoise-Gr. Casse - D.Parrachée - 1:25000

note tecniche:
Itinerario di grande soddisfazione nella parte alta, da percorrersi solamente con condizioni di assoluta sicurezza nel traverso verso Montafia, oppure in stagione avanzata con discreto dislivello a piedi.

descrizione itinerario:
Dalla Chapelle vicino al ponte di Termignon attraversare verso nord, quasi in piano, i prati soprastanti, raggiungere il bosco ed attraversarlo seguendo un aperto passaggio che raggiunge poi la pista che sale a Le Peney e seguirla.
Da Le Peney 1487 proseguire sulla evidente mulattiera ed al suo secondo tornante salire nella pineta tenendo la sinistra fino ad una dorsale dalla quale deviando a destra salire ad una selletta nei pressi di un pilone (allo stesso punto si può anche giungere proseguendo sulla mulattiera la quale però nella parte finale costringe ad un breve passaggio su scarpata esposta).
Continuare sulla mulattiera che sale il sostenuto pendio con scarsa vegetazione in direzione nord, attraversando tre corsi d’acqua di cui l’ultimo detto Pisset è alquanto incassato (spesso necessari i ramponi), fino a giungere sulla dorsale nei pressi delle baite Montafia m. 2030 (dalla selletta e fino a Montafia, occorre valutare bene le condizioni di stabilità del manto nevoso soprastante in quanto è spesso soggetto in più punti a distacchi di fondo valanghivi).
Da Montafia il percorso diventa molto bello; salire su una dorsalina e passare in una combetta tra uno speroncino roccioso a sinistra ed un tratto di costiera dirupata verso destra e proseguire fino al dosso 2462, salire un breve tratto ripido e proseguire a lungo sul versante nord della sponda dx or del vallone del Ruisseau du Grand Pyx fino a raggiungere la lingua del residuo del Glacier de la Mahure e risalirlo verso il suo centro, prestando attenzione agli eventuali crepacci.
Qualora si osservino buone condizioni si può anche raggiungere il Col du Moine m. 3330 con ultimi 150 di uscita molto ripidi (ramponi e piccozza indispensabili, altrimenti da quota 3100 valicare la dorsalina di destra e sull’altro ramo del ghiacciaio risalire facilmente al Col de Labby m. 3324.
Discesa sull’itinerario di salita oppure: dal termine del ghiacciaio scendere verso il Refuge de l’Arpont o in traversata scendere al Refuge de la Dent Parrachée e ad Aussois.