Lastè (Cima) da Moena

tipo itinerario: pendii ampi
difficoltà: MS   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Sud-Ovest
quota partenza (m): 1306
quota vetta/quota massima (m): 2397
dislivello totale (m): 1091

copertura rete mobile
vodafone : 100% di copertura

contributors: gifx
ultima revisione: 03/01/20

località partenza: Moena (Moena , TN )

punti appoggio: Moena

accesso:
Da Moena seguire la strada per il Passo San Pellegrino per circa un chilometro. 500 metri prima degli impianti del Lusia, in corrispondenza di un ponte che attraversa la strada (Pista di sci di rientro a Moena), trovi uno slargo per posteggiare l'auto e una strada sterrata che parte ripida verso monte.

note tecniche:
E' una bella gita, per due terzi nel bosco e un terzo lungo un ampio pendio non ripido dal quale si gode di un panorama stupendo. Ideale per chi vuole fare un giro con le pelli e deve raggiungere famigliari o amici sulle piste. Il rientro è più divertente se fatto in pista (la strada nel bosco in discesa è fastidiosa): scendi verso Bellamonte e intorno a quota 1.800 (Campo) acquisti una risalita da Campo a Le Cune (4,5€), da cui poi scendi fino alla partenza degli impianti del Lusia. In fondo all'ultimo muro della nera, quando la pista curva a destra trovi la stradina che parte a sinistra e ti riporta al punto di partenza.

descrizione itinerario:
Lasciata l'auto lungo la strada del Passo San Pellegrino prendi la carrozzabile che sale verso monte e seguila tenendo la destra al primo bivio. Intorno a 1.500 mt di quota la strada attraversa la pista di sci ma continua nel bosco. Arrivato a 1.680 metri teni la sinistra e sali seguendo le indicazioni del rifugio Passo Lusia. La strada sale nel bosco con pendenza costante, attraversa un pianoro con tre belle baite ed esce dal bosco al Passo Lusia (2.000 metri). Da lì la traccia di salita piega verso sinistra (direzione Est) e segue l'ampio pendio che costeggia la pista di sci fino alla Cima Lasté. Volendo, puoi ignorare la Cima Lasté e continuare a salire ancora un centinaio di metri lungo un falsopiano che porta a una sommità senza nome (per lo meno per me) intorno ai 2.480 metri.