Kraxentrager dalla Val di Vizze

sentiero tipo,n°,segnavia: 4-4a-3
difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1800
quota vetta/quota massima (m): 2999
dislivello salita totale (m): 1400

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: irui70
ultima revisione: 06/11/19

località partenza: P.so di Vizze (Val di Vizze , BZ )

punti appoggio: Rif. Venna ala Gerla (Landshuterhütte)

cartografia: Alpenvereinskarte 31/3 Brennerberge

accesso:
In autostrada per il P.so del Brennero (Brenner Paß) uscita Vipiteno (Sterzing) da li si sale lungo la Val di Vizze (Pfitschertal) fino a prendere la strada che sale al P.so di Vizze (Pfitscherjoch) dove si parcheggia l'auto ai bordi della strada poco prima del 4° tornante.

note tecniche:
Bella e facile cima posta sul confine Italo austriaco vero balcone panoramico sulla Val di Vizze e il M.Pilastro.

descrizione itinerario:
Dal parcheggio si sale brevemente sulla strada sterrata fino al 4°Tornante dove inizia il sentiero 4 che sale tra la vegetazione di pino mugo, poco più sopra ci si trova ad un bivio dove si lascia il sentiero 4 a dx per il P.so di Vizze prendendo quello a sx 4a per il Rif.Landshuter-Rif.Venna alla Gerla. Si continua a salire passando alla baita diroccata della Grieplalpe poi si sale più decisi portandosi in vista della stupenda bastionata rocciosa del Grawand 2987mt. e Grawandkofel 2835mt. fino ad intersecare il sentiero 3. Preso il sentiero verso sx in n direzione ovest si continua traversando pressoché alla stessa quota passando sotto i contrafforti rocciosi della Hohe Wand 3289mt. e dello Kraxentrager 2999mt. dove si sale tra residui nevai puntando alla sella posta a dx del Fredrichshöhe 2713mt., arrivati alla sella appare il rifugio lontano solo pochi metri. Senza traversare al rifugio si sale a dx la traccia che sale tra i massi portandosi con un traverso ascendente che rimonta la larga cresta, da li si continua fedelmente seguendo il largo filo di cresta passando tra i roccioni del facile punto chiave dove ci si cala per pochi metri su un tratto attrezzato a fune. Da li poi si percorre la larga cresta puntando all'evidente grande croce dello Kraxentrager (La Gerla).