Renoso (Monte) dal Refuge le Capannelle, anello per Punta Cappella

sentiero tipo,n°,segnavia: molti ometti
difficoltà: E   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Tutte
quota partenza (m): 1580
quota vetta/quota massima (m): 2352
dislivello salita totale (m): 1000

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: silvio57
ultima revisione: 02/09/19

località partenza: Refuge le Capannelle (Ghisoni , Haute-Corse )

punti appoggio: Refuge le Capannelle

cartografia: IGN 4252 OT Monte Renoso Bastelica

bibliografia: Corse des sommet - 117 sommet de plus de 2000 m en 42 randonnées

accesso:
Da Corte o dalla RN della costa orientale si va a Ghisoni, da dove si prende la strada per Col de Verde. Dopo 9 km si trova sulla destra la CD 169 per lo "stage de neige de Ghisoni" che in 13 km asfaltati porta alla bergerie de Capannelle.

note tecniche:
La salita al Monte Renoso dalla Bergerie de Capannelle, semplice e breve, è bella e molto frequentata.
Diventa decisamente più lungo e interessante percorrere tutta la cresta fino a Punta Cappella, sempre su traccia evidente e con innumerevoli ometti. Alcuni la percorrono come variante parziale della tappa GR20 Capannelle-Pratì.

descrizione itinerario:
Dal posteggio subito prima del rifugio Capannele, 1580, vicino al primo traliccio dello skilift, ci sono le indicazioni del per il GR20 sud e per il Renoso. Il primo pezzo di sentiero è ripido e rovinato dall'acqua ma presto diventa bello. In breve si sbuca sul plateau Pizzolu. La traccia verso sx passa al lago Bastiani e si ricongiunge successivamente a quella più centrale che va verso il filo di cresta che poi raggiunge in prossimità della Punta Bacinello, 2247. Non è una punta vera e propria ma è un ampio plateau che sale fino al Monte Renoso, 2352. Dalla punta del Renoso, il sentiero sempre ben omettato, continua verso Sud, e scende alla Punta di Valle Longa. Qui la cresta diventa stretta e rocciosa e c'è un breve semplice passaggio dove si usano le mani. Ora la cresta gira verso Est fino a raggiungere la Punta Orlandino, 2273 mt. Il sentiero passa però leggermente più in basso sul versante di Ajaccio. Si continua fino al Monte Torto, da dove si vedono bene i laghetti di Rina. Ora non resta che scendere al ben visibile Col de Prunu. Di qui vale la pena di fare i 60 mt di dislivello e salire alla panoramica Punta Cappella. Dal Col de Prunu la traccia scende spostandosi verso Ovest, fino alla bergerie Pozzi da dove, con un lungo traverso verso Est, raggiunge il GR20 ad una quota di 1580 circa. Non resta che seguire il sentiero, che si sviluppa prevalentemente in piano con pochi brevi sali-scendi, fino al punto in cui sbuca sulla strada CD 169 al ponte Casaccie, 1344 mt. Si percorrono 50 mt di strada e subito dopo il ponte il GR20 inizia la salita, poco meno di 300 mt di dislivello, per chiudere l'anello al Capannelle.