Plate (Lac de la) da La Balme

sentiero tipo,n°,segnavia: 4, poi nessuno
difficoltà: EEA   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1309
quota vetta/quota massima (m): 2422
dislivello salita totale (m): 1113

copertura rete mobile
vodafone : 40% di copertura

contributors: Brunello 56
ultima revisione: 15/08/19

località partenza: La Balme (Pré-Saint-Didier , AO )

cartografia: Carta L’Escursionista, Fg. 2 (La Thuile-PS Bernardo), Scala 1:25000

bibliografia: S. Piotti – Dove si specchia il cielo. I laghi della Val d’Aosta, Ferrari Editrice, 3° ed., 1998

accesso:
Dalla Valle seguire la SS26 verso La Thuile-Colle del Piccolo San Bernardo fino al villaggio di La Balme dove si parcheggia nella piazzetta. Il sentiero parte appena sopra (paline sul muro sul Ruelle du Clou).

note tecniche:
ATTENZIONE. Ad Agosto 2019 il sentiero 4-4a da La Balme è chiuso (transenna alla partenza) causa frana del sentiero presso il torrente, sulla sponda sinistra. Si può comunque proseguire e deviare verso l’alpeggio di Montagnole e poi risalire lungo l‘interpoderale al Mayen de Youlaz, ma la traccia del sentiero non è sempre visibile e mancano indicazioni, salvo rare frecce rosse. Oppure si può attraversare la parte franata, il tratto è breve ma prestare molta attenzione.

Collocato nel Vallon des Charmots, sotto le pendici del Berrio Blanc e del Mont Nix, il Lac de la Plate si raggiunge con una deviazione dal percorso che risale il Vallone di Youla e che porta ai Colli d’Arp e di Youla. Posto in un’area selvaggia ed appartata, non vi è traccia evidente di sentiero ma vi si arriva con facilità facendo riferimento all’emissario.

descrizione itinerario:
Si parte da La Balme, risalito il primo viottolo asfaltato si trovano subito le indicazioni gialle sul muro per il Col d’Arp ed il Colle del Berrio Blanc. Come detto oggi all’imbocco del sentiero una transenna ne segnala la chiusura. Se si prosegue oltre, il sentiero parte come larga pista nel bosco e punta in direzione Sud-Ovest; arrivati al punto in cui il sentiero inverte la traiettoria per dirigersi verso Nord si trova sulla sinistra una traccia più marcata del sentiero ufficiale, mentre questo si confonde con l’erba ed i bolli gialli su masso sono anch’essi nascosti.
Se a questo bivio si prosegue a destra (sentiero ufficiale) si arriva prima ai ruderi di una costruzione e poi si punta verso il torrente, che si attraversa su un ponte di tavole (intatto): passato il ponte si trova la frana, che si attraversa con un po’ d’attenzione per poi riprendere il sentiero che sbuca sulla poderale ad un bivio dove si trovano anche paline con indicazioni.
Se invece si prende a sinistra su una traccia abbastanza marcata, ma che poi diventa intuitiva anche se segnata da alcune frecce rosse un po’ sbiadite, si esce dal bosco e ci trova davanti l’alpeggio di Montagnole, da cui si rimonta sulla poderale che va seguita fino al bivio prima citato dove si trovano le paline.
Le paline indicano di proseguire sul sentiero che sbuca agli alpeggi di Arp presso una fontana in legno; qui però non vi sono più indicazioni, la targa in legno “Sentiero” - male orientata - è fuorviante. Il sentiero prosegue invece costeggiando un alto muro a secco per poi rientrare sulla poderale.
Seguire ora la poderale fino al Mayen de Youla, tagliando ove possibile gli ultimi due tornati, e poi dal Mayen proseguire sul fondo del vallone costeggiando il torrente lungo la larga pista agricola fino a quando si apre sulla sinistra il Vallon des Charmonts. Secondo le indicazioni della cartina, il sentiero stacca dalla poderale prima del Ricovero Reggiani, in realtà, come detto, non c’è un vero sentiero. Si può quindi proseguire sulla sterrata per guadagnare quota e poi deviare a sinistra in falsopiano per evidenti cengioni sotto le placche rocciose del Mont Nix oppure risalire per pascoli lungo l’emissario del lago quando si arriva alla confluenza di questo nel torrente. Il lago è su un pianoro sotto i ghiaioni del pendio.
Per il ritorno si può seguire lo stesso percorso dell’andata oppure ritornati sulla poderale risalire al Col d’Arp con discesa su Dolonne e rientro a La Balme in autobus.

Itinerari nei dintorni (Anche altre attività)

Plate (Lac de la) da La Balme - (0 km)
Youla (Colle) da Balme - (0.2 km)
Torrent (Vallone) Colle 2657 m anello nel Vallone di Youlaz - (0.8 km)
Jeunes (Tete des) da Elevaz per l’alpeggio di Plan Praz - (0.8 km)
Crammont (Mont) da Elevaz - (1.2 km)
Plan Praz e Fort S. Maurice (fortificazioni), itinerari delle miniere da Bouic - (2.1 km)
Colmet (Mont) da La Thuile, traversata a La Salle per la cresta SO - (2.2 km)
Croce (Punta della) da Bouic - (2.2 km)
Belvedere (Monte) da La Thuile, anello per il Colle PS Bernardo - (2.2 km)
Valaisan (Mont) da La Thuile, anello per la Bella Valletta e il per il Rifugio Deffeyes - (2.3 km)
Breuil (Colle) anello da La Cretaz - (2.3 km)
Belleface (Mont, Punta Sud) da La Thuile - (2.3 km)
Varin (Combe) da La Thuile - (2.3 km)
Ponteilles (Laghi di), anello da La Joux per il Monte Bella Valletta - (2.3 km)
Freduaz Oriental (Mont) Traversata La Thuile-PS Bernardo via Col Lex Blanche - (2.3 km)
Bella Comba (Laghi) da La Joux - (2.3 km)
Alto (Passo) Traversata LaThuile a La Salle per i laghi di Usselettes - (2.3 km)
Ruitor (Laghi del) Anello La Thuile-Plan de la Lière-Rif. Deffeyes-Comba Sorda - (2.3 km)
Pouegnenta o Pugnenta (Becca) da La Thuile - (2.3 km)
Lex Blanche (la) da la Joux - (2.3 km)
Fornet (Punta) dal Lago Verney - (2.3 km)
Belvedere, Bella Valletta, Valaisan (Monti) da Les Suches - (2.3 km)
Lechaud (Punta) dal Lago Verney per Vallone di Breuil - (2.3 km)
Louy Blanche (Colle) da La Thuille - (2.3 km)
Arpy (Lago d') dal Colle San Carlo - (2.4 km)