Oro (Alpe dell') da Chiesa di Valmalenco, anello

difficoltà: MC / MC / S2   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord
quota partenza (m): 960
quota vetta/quota massima (m): 2010
dislivello salita totale (m): 1250
lunghezza (km): 35

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: BUBETTA
ultima revisione: 21/06/19

località partenza: Chiesa in Valmalenco (Chiesa In Valmalenco , SO )

descrizione itinerario:
Da Chiesa in Valmalenco si percorre per 6 km la strada asfaltata che porta a Chiareggio passando per Valrosera, San Giuseppe, Carotte e Ciaz.
Al termine del paese, davanti all’Hotel Gembro, si svolta a destra su sterrata seguendo le indicazioni per il “Sentiero Rusca, Passo del Muretto e Alpe dell’Oro”. La strada, quasi tutta immersa nel bosco, ha un buon fondo ma la pendenza rende i 20 tornanti alquanto impegnativi. Si esce dalla pineta e, se si prosegue diritto si va al Passo del Muretto, a destra alla nostra meta.
L’Alpe dell'Oro costituisce un eccellente belvedere dal quale ammirare la parete nord del monte Disgrazia; alla sua sinistra si distinguono, il pizzo Cassandra ed il pizzo Ventina; alla sua destra, invece, sono ben visibili le cime di Vazzeda e di Val Bona , che delimitano il piccolo ghiacciaio di Vazzeda, e l'elegante monte del Forno.
Discesa
Stesso percorso della salita sino all'Hotel Gembro dove si prende l'asfaltata a destra e si svolta subito a sinistra sulla sterrata, con fondo sassoso, che segue la sinistra orografica del torrente Mallero. Si percorre il sentiero Nicolò Rusca seguendo le indicazioni per Sabbionaccio passando anche sul tracciato delle piste di fondo. Si attraversa il torrente su un ponte poco visibile per intercettare un single-track che corre, con diversi saliscendi, a mezza costa sul lato opposto della valle. Al bivio (a sinistra si scende in prossimità delle cave raggiungendo la provinciale di salita poco sopra Giovello) si prende la salita a destra che corre sempre alta sul fondo valle con vista completa sulle cave di serpentite del versante opposto. Si arriva infine alla pineta di Primolo, parco giochi e campi da tennis, da dove si scende in paese su una lastricata a gradini. Ultimi tre km su asfalto in veloce discesa su Chiesa in Valmalenco oppure su single track con difficoltà S2 fin poco sopra il paese.