Specie (Monte) da Cimabianche, anello dalla Valle dei Canopi

sentiero tipo,n°,segnavia: sentieri 18A-40A-37
difficoltà: E   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1530
quota vetta/quota massima (m): 2307
dislivello salita totale (m): 820

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: lancillotto
ultima revisione: 18/06/19

località partenza: Cimabanche (Cortina d'Ampezzo , BL )

punti appoggio: Rifugi/alberghi Prato Piazza - rif. Vallandro

cartografia: Carta Tabacco 03 Cortina, Dolomiti Ampezzane

accesso:
Da Cortina d'Ampezzo in direzione Dobbiaco fino al valico di Cimabanche. Ampio parcheggio

descrizione itinerario:
Il sentiero nr 18A inizia al di là della strada, si inoltra lungo il greto del torrente e inizia a salire nel bosco. La valle va restringendosi con belle vedute sulla vicina Croda Rossa e alle spalle il gruppo del Cristallo. Nell'ultimo tratto, in vista di una alta cascata, la mulattiera, alta sul torrente, è lavorata con scalini in legno. Si esce a una selletta, punto di incrocio di vari sentieri (circa ore 1,10 dalla partenza, segnavia) e si prosegue verso Prato Piazza su stradicciola tra prati e caratteristici fienili in legno. Si giunge all' albergo Prato Piazza e all'omonimo rifugio a cui si può accedere in auto (v. orari) dalla località Ponticello in valle di Braies. Tra il rifugio e l'albergo si diparte il sentiero 40A che subito dopo lascia a sx la deviazione per il Picco di Vallandro. Si prosegue verso ds fino a incrociare la stradina militare che sale dal rif. Vallandro. La si segue con varie scorciatoie fino alla panoramica, facilissima cima del Monte Specie mt 2307. Questa zona fu luogo di aspri combattimenti nella prima guerra mondiale. Poco sotto la cima, ci sono i resti di un fortino austriaco.
Il panorama è tra i più belli che si possono godere: Dalla vicina CRoda Rossa, alle cime di Lavaredo, al gruppo degli Scarperi fino alle montagne di confine e i ghiacciai austriaci.
Discesa per la stradetta di salita fino a un evidente sentiero che si stacca a sx e che porta velocemnete al bel rifugio Vallandro (apertura estiva e invernale). Per comoda strada e sentiero nel bosco nr 37 si arriva alla località Carbonin sulla S.S. 251. Si ritorna per circa km 2,2 alla località Cimabanche, punto di partenza. Si può usufruire per un tratto del tracciato della pista da fondo.

altre annotazioni:
La valle dei Canopi è nota fino dal Medioevo come strada di passaggio dei minatori che dalla Val Pusteria venivano a lavorare nelle minieri di Col Piombin.