Vauda (Parco Naturale della) da Vauda Alta

difficoltà: T   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Tutte
quota partenza (m): 300
quota vetta/quota massima (m): 500
dislivello salita totale (m): 300

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: laika58
ultima revisione: 11/06/19

punti appoggio: Vauda Alta

note tecniche:
E' un grande territorio, area demaniale, ex poligono militare di artiglieria, compreso tra i comuni di San Carlo, Vauda, Front, San Francesco, Lombardore e Rivarossa - Una brughiera ed un paesaggio incontaminato a pochi passi da Torino, tra felci, betulle e rose canine - Sentiero recentemente ripulito e reso agibile dal CAI di Ciriè e fra poco sarà posizionata la segnaletica con indicazione dei sentieri

descrizione itinerario:
Partenza lungo la strada sterrata vicino alla Green Farm di Nole, si segue per un tratto la strada sterrata detta strada delle pecore, sino a quando alla sinistra si stacca un sentiero che entra nell'ampio territorio della brughiera, seguire il sentiero che riporta sulla strada asfaltata che va seguita per un tratto, fino a quando una nuova strada sentiero con un ampio semicerchio porta a raggiungere la postazione di osservazione (torre) Cesare Damiano, di qui proseguire lungo il sentiero che scende nel bosco sino alla fontana del Virlo e raggiunge il rio Fandaglia, attraversare un ponticello e risalire il bosco sino a raggiungere gli ampi prati dove uno stradello porta a Vauda Alta, raggiungere la chiesa da dove a destra parte un nuovo stradello che ridiscende nuovamente nel bosco e attraversa il rio Fandaglia, per poi risalire il versante opposto e risalire al limitare della brughiera, dove intercettato un nuovo stradello militare si ritorna alla torre di osservazione Cesare Damiano, appena più avanti sulla sinistra parte un sentiero che attraversa tutta la brughiera riportandoci sulla strada sterrata detta delle pecore ed in breve al punto di partenza, chiudendo un bel percorso