Frate (Bric del) Vita d'Artista

difficoltà: 6a+ / 6a obbl
esposizione arrampicata: Est
sviluppo arrampicata (m): 70

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: castel
ultima revisione: 16/04/19

località partenza: Feglino (Orco Feglino , SV )

accesso:
Dall’uscita autostradale di Feglino scendere in direzione di Finale e posteggiare nei pressi di un capannone sulla dx. Attraversare il ponte e seguire interamente la strada sterrata fino alla base della parete del Bric del Frate. Costeggiare quindi la suddetta verso sinistra (faccia a monte) fino a individuare la caratteristica fessura della via Francesca (vedi relazione su gulliver). La via è la prima a sx (faccia alla parete) di Francesca.

note tecniche:
Si tratta di una via recente che ha il secondo tiro in comune con Giobetta mentre L1 e L3 sono a sé stanti. La via è interamente protetta a resinati e non occorre integrare. Soste da collegare. Riporto pari pari i gradi forniti. Sufficiente una corda singola.

descrizione itinerario:
L1: costeggiare Francesca, spostarsi leggermente a sx, dopodichè salire un bel tratto verticale a maniglie; passare a dx di un albero sospeso e raggiungere la sosta (5c/6a). (Nota: il grado penso sia riferito all’utilizzo parziale della fessura di Francesca nei primi metri, altrimenti la difficoltà in quel tratto è ben più sostenuta).
L2: seguire il secondo tiro di Giobetta, dapprima in leggero strapiombo dopodichè con una bella placca ad allunghi fino alla sosta sotto l’evidente tetto (6a+).
L3: facile traverso di qualche metro a sx, poi breve muretto fin sotto il tetto da cui si esce sulla sx (6a).

DISCESA
All’uscita della via spostarsi su labile sentiero poche decine di metri alla propria sinistra (faccia a monte) fino a raggiungere la cima del Bric del Frate con palo metallico e antenna (sic!). Da lì seguire il sentiero ora evidente in direzione di Pian Marino che dopo un breve tratto giunge a un bivio: prendere a dx, sempre su sentiero evidente, scendendo in direzione della vecchia cava sopra a Pian Marino (visibile dopo poco). Dalla cava abbandonare il sentiero che scende a sx verso Pian Marino e proseguire a dx sul sentiero che costeggia la cava, il quale in pochi minuti riporta sul versante della via e sulla strada che riconduce all’auto.