Eaux Noire (Roc des) da Pralognan la Vanoise, traversata Col des Fond - Col Rouge

tipo itinerario: pendii ampi
difficoltà: BS   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Sud
quota partenza (m): 1450
quota vetta/quota massima (m): 2994
dislivello totale (m): 1700

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: GIORGIOBI
ultima revisione: 02/04/19

località partenza: Pralognan la Vanoise (Pralognan-la-Vanoise , 73 )

punti appoggio: refuge de Peclet Polset

cartografia: IGN 3534 ot

bibliografia: Toponeige Vanoise F. 2 F 2.1

note tecniche:
Il lungo avvicinamento da Pralognan sconsiglia di effettuare questo giro in giornata. Meglio piuttosto programmarlo durante un soggiorno al refuge Polset quale tappa di avvicinamento allo stesso oppure quale via di rientro - più lunga e con maggior dislivello (500 m d+) ma anche più sciistica - tornando dal Dome de Polset.
D'altra parte - in stagione avanzata quando si può risalire la val Chavière con l'auto - difficilmente questi pendii risultano ancora sufficientemente innevati dalla l'esposizione solare degli stessi.

descrizione itinerario:
Da Pralognan risalire la val Chavière prima su pista da fondo in versante orografico sx fino al ponte di Les Prioux, quindi passare in versante dx fino al Pont de la Peche dove, con buone condizioni, conviene tornare definitivamente in sx orografica.
Poco oltre Ritort ed in corrispondenza dei ruderi di Frétarbe alzarsi sui ripidi pendii di destra che adducono alla combe du col Rouge e al colle omonimo. Dal colle salire per facili pendii orientati a nord sulla dorsale che con percorso non ripido porta all'anticima del Roc des Eaux Noire dove è posto un ripetitore per il soccorso.
Dalla cima ritornare lungo un tratto di cresta per circa 100 m di dislivello e reperire sulla sinistra il passagge des Eaux Noire (inizialmente un po ripido tra roccette) che permette facilmente di scendere sul versante del vallon de Fruit. Dopo una breve discesa ed in corrispondenza di un piccolo laghetto rimettere le pelli per salire facilmente - in circa 100 m di dislivello - al col des Fonds. Dal colle - facendo attenzione alle cornici - scendere sul ripido lato opposto puntando al sottostante ampio Lac Blanc che si attraversa per reperire poco oltre il rifugio Polset-Peclet.