Furà (Rocca) Via ignota

difficoltà: 5c / 5b obbl
esposizione arrampicata: Sud
quota base arrampicata (m): 635
sviluppo arrampicata (m): 40
dislivello avvicinamento (m): 85

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: michele motta
ultima revisione: 12/02/19

località partenza: Parcheggio di Chiampano 550 m s.l.m. (Condove , TO )

accesso:
Dal parcheggio proseguire a piedi verso E in piano, quando la stradina scende salire a sinistra lungo la larga mulattiera (indicazioni Roca Furà. Al piede della Rocca salire la "ferrata" sino al palo di ferro, da lì parte a sinistra la via da una specie di spit - maniglia.

descrizione itinerario:
Via vecchia sconosciuta. Attrezzata con spit da 8 mm e placchette dural, roba molto vecchia (anni 90?) ma ancora decente. soste con catene.
L1: partire verso sinistra (non verso lo spit sulla verticale della partenza!), ribaltarsi sulla placca a sinistra, non andare verso il chiodo vecchio tutto a sinistra (un'altra via più vecchia?) ma andare verso destra agli spit. Seguirli sino alla sosta. 5c (corto tratto), roccia bella ma abbastanza sporca.
L2: dalla sosta salire dritti verso il bordo destro della grande placconata e seguirlo a una nuova sosta poco sopra.
L3 (incompleta??) salire in obliquo verso sinistra, dopo due spit la chiodatura termina. Noi siamo saliti ancora una dozzina di metri, per ridiscendere in scalata.
Dalla S2 discesa con una corta doppia sul sentiero di accesso alla grotta della cava di macine. Occhio a non pestare le vipere!
Materiale: fino a dove siamo arrivati bastano i rinvii e una corda da 50 m. Oltre consigliabile il materiale di autoprotezione.

altre annotazioni:
Dal tipo di spit potrebbe essere di poco successiva al "Grassiano superiore".