Lauzière (Tete de la) da les Roberts e la Pointe des Casses de la Font de Lanse

tipo itinerario: attraversa pendii ripidi
difficoltà: BR   [scala difficoltà]
esposizione: Sud-Est
quota partenza (m): 1413
quota vetta/quota massima (m): 2397
dislivello totale (m): 1050

copertura rete mobile
vodafone : 100% di copertura

contributors: Andrea81
ultima revisione: 04/11/18

località partenza: les Roberts (Freissinières , 05 )

accesso:
Dall'Italia attraverso la Val di Susa si raggiunge il Colle del Monginevro, si scende in Francia a Briançon e proseguendo lungo la RN94 in direzione Gap si supera l'Argentiere-la-Bessée. Prima di la Roche de Rame, sulla destra, si devia per Freissinieres; in località Pallon si continua a destra attraversando un ponte e pochi km dopo si arriva a Freissinieres. Si passa nel centro a fianco della chiesa e in 2 km si arriva a les Roberts, dove la strada viene tenuta pulita anche d'inverno. Qualche posteggio in spiazzi prima delle case. Con strada pulita oltre les Roberts si può proseguire ancora fino a quota 1568 m, nei pressi di un tornante a destra, dove inizia il percorso vero e proprio.

note tecniche:
Percorso alternativo alla più nota Tete des Raisins, utile come ripiego in caso di cattive condizioni della neve ma valido anche come gita a se stante. La parte finale del percorso richiede la salita di un pendio di circa 100 m piuttosto ripido che richiede neve stabile (tratto BR).

descrizione itinerario:
Da les Roberts si segue la stradina sterrata che sale verso il Col d’Anon oppure tagliando per i prati, fino al terzo tornante dopo i casolari di les Fazis; di qui non si continua per la strada che poco oltre porta a les aujards, ma si segue una stradina secondaria a sinistra (direzione ovest) a quota 1568 m che attraversa dopo poco il torrente Malafouasse. Si sale subito dopo sul sentiero estivo nella boscaglia appena dopo attraversato il torrente, ignorando la stradina che prosegue pianeggiante.
Usciti dal bosco di conifere si perviene alle baite les Garcines 1771 m (visibili anche dalla partenza). Si prosegue a monte delle baite, piegando verso sinistra inizialmente per seguire il tracciato che porta ad Allibrands, per poi abbandonarlo per continuare in direzione O/NO puntando al bosco di larici sovrastante. Non c'è percorso obbligato, ma conviene mantenersi su una poco accentuata dorsale proprio in direzione dell'anticima. L'attraversamento del lariceto non è particolarmente laborioso, tenendosi sul versante sud-est si trovano ampi passaggi.
Attraversato il lariceto si giunge su un ripiano alla base del ripido tratto che porterà all'anticima (ben visibile il grosso ometto); qui poco a destra ma non molto visibile c'è la Cabane de Clot Saret 2171 m che va raggiunta. Si attraversa ora quasi in piano il combale del Vallon de Testa Mouta (valutando le condizioni della neve, in quanto è un vallone soggetto a slavine dai pendii superiori). portandosi sul lato destro dove a destra si scorge un intaglio roccioso all'inizio della cresta est per la Tete de la Lauziere. Qui volendo (deviazione non obbligatoria ma consigliata) si raggiunge l'intaglio rapidamente, toccando la modesta sommità della Pointe des Casses de la Font de Lanse 2238 m. Da qui non è possibile risalire la cresta fino alla Lauziere in quanto rocciosa, pertanto occorre abbassarsi di qualche decina di metri nel vallon de Testa Moute passando sotto ad una barriera rocciosa, quindi a quota 2300 m circa si devia a destra iniziando una ripida salita su un pendio convesso con alcuni piccoli larici affioranti, come riferimento si lascia poco a sinistra una zona di rocce affioranti. Superato il tratto più ripido si raggiunge la comoda dorsale est che in breve conduce alla piatta cima 2397 m. Discesa dal percorso di salita, Non conviene proseguire lungo il solco del Torrent de Malafouasse perchè la fascia boscosa sottostante sarebbe disagevole.

Novità! I preferiti

Aggiungete con un clic sul cuoricino bianco l'itinerario ai vostri preferiti. Li ritroverete tutti nella vostra pagina personale