Rocchetta (Punta) e Colle della Terra dall'Alpe Renarda, anello delle strade Reali

tipo corsa: altro
periodo: Luglio-Ottobre
esposizione preval. in salita: Varie
quota partenza (m): 2100
quota vetta/quota massima (m): 2922
dislivello totale (m): 1000
lunghezza (km): 17

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: rfausone
ultima revisione: 19/08/18

località partenza: Alpe Renarda (Ceresole Reale , TO )

punti appoggio: Casotti guardiaparco PNGP

cartografia: Carta Valle d'Orco n.8 - MU Edizioni

accesso:
Qualche tornante prima della diga del Serrù ai 2120 m sulla destra si trova la ristrutturata Alpe Renarda, punto di partenza del Sentiero Bruno Tempo.
Due tornanti prima dell'Alpe Renarda sulla destra un cartello indica il sentiero da seguire "Bruno Tempo".

note tecniche:
Il percorso si svolge per la maggior parte su ex strade Reali ed è caratterizzata da un'alta corribilità, anche perchè le pendenze seppur continue sono spesso abbastanza dolci.
La numerazione dei sentieri non è presente sul campo.
L'ambiente e le vedute panoramiche sono semplicemente fantastici e vale la pena percorrere il tutto ed immagazzinare foto e immagini.
È possibile anche la percorrenza inversa, ma mi è sembrata più logica quella descritta. Inoltre percorrere inversamente, significa sorbirsi l'unico verso strappo nei pressi dei primi tornanti.

descrizione itinerario:
Si imbocca il sentiero Bruno tempo in discesa e subito dopo aver superato un ponte in legno si incrocia un bivio e si segue la strada in salita (n. 538). La si segue lungamente in dolce salita fin dove termina la strada Reale e si trasforma in sentiero. Si prosegue a volte con le sole indicazioni a vernice ed ometti (tratto poco corribile) e poco dopo l'Alpe Muanda si raggiunge il sentiero 539 - Videsott che si percorre in salita. In breve si raggiunge il sentiero 550 e lo si imbocca verso Est in direzione della cima e del Colle. Con un ultimo strappo, ma sempre abbastanza dolce, si raggiunge il Colle ed in breve la vetta (sempre di corsa).
Si riscende fino al bivio precedente ma invece di tornare ul 539 si continua diritti sul 550. Quando si vede 50 metri più in basso un casotto del PNGP (Case Bastalon), notiamo anche un piccolo sentiero che ad esso ci conduce e lo imbocchiamo. Dal casotto siamo nuovamente su strada Reale e proseguiamo con un lungo traverso che sembra portarci direttamente dentro al Lago del Serrù. Inizia una lunga serie di tornanti che termina su asfalto circa 60 metri lineari sopra alla partenza.