Cassina Baggio (Poncione di) Piccadilly di Bedretto

difficoltà: 6a / 5c obbl
esposizione arrampicata: Sud
quota base arrampicata (m): 2330
sviluppo arrampicata (m): 420
dislivello avvicinamento (m): 250

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: fulviofly
ultima revisione: 06/08/18

località partenza: Tornante del Nufenen quota 2090 (Bedretto , Leventina )

punti appoggio: Capanna Piansecco

bibliografia: Plaisir sud Ed. Filidor

accesso:
Da Airolo o dal Passo del Nufenen parcheggiare al tornante segnalato e di qui seguire i cartelli indicatori per la capanna Piansecco; dopo qualche saliscendi deviare per il Lago delle Pigne e quindi poco dopo a dx per tracce ed ometti scavalcare la pietraia ed i canali, spesso innevati ad inizio stagione, che portano ad un'ulteriore pietraia che da dx a sx porta alla base della placconata. La via parte a sx di Herbstwind, quest'ultima contrassegnata da una targhetta, su una placca inclinata verso sx (tenere conto di 1,20 dal parcheggio).

note tecniche:
Bell'itinerario che ad una prima parte in placca più o meno appoggiata e con roccia levigata ma con un buon grip, fa seguire una bellissima parete che si verticalizza ed è caratterizzata da rocce granulari fessurate.
L'apertura dell'itinerario risale al 1991 (Von Kanel e Hodel) e quindi ha una spittatura, sicura, ma non invasiva (qualche ancoraggio ha preso qualche colpo ed alcuni sono stati sostituiti).
Nella prima sezione (i primi sei tiri) risulta difficile integrare e quindi e meglio pedalare!!!!! la seconda parte si presta invece all'uso di protezioni veloci, per chi ne senta la necessità (friends sino al 2 camalot).
Due corde da 50 mt e una dozzina di rinvii sono necessari per affrontare la via, oltre all'attrezzatura personale con il casco consigliabilissimo, in quanto in discesa, che si effettua in doppia, si attraversa un canale che spesso rilascia dei frammenti anche di "belle" dimensioni.

descrizione itinerario:
- L1 5b (5 spit) placca ascendente a sx
- L2 6a (10 spit) lunga placca verso sx che poi rientra in verticale sempre su una placca fessurata
- L3 4c (5 spit) ancora placca
- L4 5a (3 spit) seguire la direttrice a sx senza farsi fuorviare dalla sosta a dx che si potrà utilizzare in calata
- L5 6a o 5c+ 1punto di aiuto (7 spit) passo chiave della zona in placca; risaltino di equilibrio un po' scivoloso e quindi seguire la struttura stando appena sx della placca compatta
- L6 4b (3 spit) facile sino alla sosta di calata a dx (consigliato) in quanto l'itinerario non ha una sosta propria (si può ovviare realizzandola con un fried ed il primo spit della parete di sx); nonostante sia facile porre la massima attenzione, in quanto questa è la zona in cui si potrebbero verificare delle cadute di frammenti, soprattutto in presenza di altre cordate.
- L7 6a (6 spit ed un vecchio chiodo) qui inizia la parte più entusiasmante della via su un pilastro verticale verso sinistra
- L8 5c+ (7 spit) traverso a sx e quindi bellissimo muro fessurato
- L9 6a (7 spit) a dx spit con cordone sfilacciato e quindi verso un diedro chiuso che con uscita a dx porta in sosta
- L 10 5c (4 spit e un chiodo) verso dx e quindi uscita sulla cresta affilata sino alla sosta di calata (false maglie vecchie ma molto robuste).
La discesa in doppia si effettua con tre calate che consentono di oltrepassare il canale e quindi sulle placche di salita con altre cinque si raggiunge la base.

Novità! I preferiti

Aggiungete con un clic sul cuoricino bianco l'itinerario ai vostri preferiti. Li ritroverete tutti nella vostra pagina personale