Goms (Valle di) da Moerel

difficoltà: BC / BC+ / S1   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord
quota partenza (m): 780
quota vetta/quota massima (m): 2400
dislivello salita totale (m): 1750
lunghezza (km): 50

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: gazzano
ultima revisione: 27/07/18

località partenza: Moerel (Mörel , Raron )

cartografia: Svizzera

accesso:
Da Domodossola , Sempione , Briga , Moerel. Poco dopo Moerel , attraversato un ponte sulla destra , si può posteggiare in una piccola area con acqua .

descrizione itinerario:
Giro decisamente di rilievo all’interno della valle di Goms, nell’alto vallese, con massima escursione ai margini del ghiacciaio dell’Aletsch. Questo famoso ghiacciaio è parte della regione Jungfrau-Aletsch-Bietschhorn, primo sito dell’arco alpino ad essere inserito, dal 2001, nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO. L’itinerario ha inizio dall’abitato di Moerel e risale dapprima su strada asfaltata a ridotta percorrenza veicolare e successivamente su prevalente strada dal fondo sterrato fino a giungere in prossimità dell’abitato di Riederalp (varie frazioni), quota 1.900 mt. Da qui ha inizio un lungo percorso sull’altopiano prativo, paradiso invernale dello sci. Nella prima parte il fondo è su asfalto in leggera salita fino a Bettmeralp da cui ha inizio un tratto sterrato che si caratterizza inizialmente per alcuni tratti in ascesa molto impegnativi che conducono ai 2.177 mt della Furri Huette e da li a poco a Kuehboden-Fiescheralp, con temporaneo ritrovo del tratto in asfalto. Si abbandona quasi immediatamente l’asfalto Uscendo dall’abitato per tuffarsi nell’ultimo tratto di strada sterrata che condurrà in ca 3 km all’imbocco del tunnel (quota 2.336) sotto il Taelligrat, poco dopo la località Obers Taelli. La percorrenza del tunnel, interamente ciclabile, richiede alcuni minuti ed all’uscita prendendo a sinistra in discesa un sentiero praticamente interamente ciclabile e con alta affluenza pedonale si giunge rapidamente ai margini dell’imponente ghiacciaio dell’Aletsch ove risaltano le caratteristiche lingue nere di detriti al suo interno. Il ritorno ha luogo per il medesimo sentiero, a tratti molto più difficoltoso da pedalare interamente, fino a giungere in prossimità dell’imbocco del tunnel. A questo punto si costeggia il Vordersee e successivamente, evitando la traccia per downhill che scende in Fischertal, si tiene la destra su un sentiero (inizialmente in salita e successivamente in decisa discesa) che aggirando il Taelligrat andrà a ricongiungersi per un brevissimo tratto (ca 20 metri) con la sterrata dell’ascesa. Prendendo una traccia sulla sinistra (aggiornamento settembre 2014: è stata costruita una ampia pista che scende in direzione fondovalle, presenti evidenti indicazioni segnaletiche recanti “Fiesch/Gogwärgiweg”) inizia una lunga ed a tratti molto impegnativa discesa verso Fiesch, dapprima su strada prativa e successivamente su sentiero boschivo molto accidentato (il sentiero attraversa in diversi punti un tracciato di downhill per cui è bene seguire strettamente la traccia GPS). Giunti all’abitato di Fiesch la strada asfaltata di fondovalle condurrà a Morel (quasi interamente in discesa)