Blancette (Monte) da Grand Brissogne per la Cresta Nord

difficoltà: PD   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1040
quota vetta (m): 3140
dislivello complessivo (m): 2100

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: gambalesta
ultima revisione: 19/07/18

località partenza: Grand Brissogne (Brissogne , AO )

punti appoggio: Bivacco Menabreaz 2546 m

cartografia: Kompass n.86 (1:50000)

bibliografia: Guida dei monti d'Italia (emilius e rosa dei banchi)

accesso:
Autostrada Torino-Aosta uscita Nus oppure SS26 sempre fino a Nus, dove si traversa il ponte sulla Dora Baltea proseguendo per Brissogne. Si sale alle frazioni del comune superando Grand Brissogne e continuando a destra si segue una strada asfaltata che nei pressi di un tornante verso sinistra diventa sterrata. Qui c'è un cartello che vieta il transito ai non aventi diritto (ma spesso viene ignorato). Possibilità di posteggio per poche auto nella curva, altrimenti occorre lasciarla in uno spiazzo circa 1 km prima.

note tecniche:
Percorso da spezzare preferibilmente in 2 giorni con possibilità di pernotto al bivacco Menabreaz (15 posti, spazioso confortevole, gas luce acqua).

descrizione itinerario:
Dal tornante con il divieto di transito (cartello indicante il bivacco 4h30') si prosegue lungo la sterrata, (circa 3 km) inizialmente con un lungo traverso poi con una serie di tornanti sino a raggiungere la centrale idroelettrica di Laures, di recente costruzione.
Qui sulla destra, a fianco di una baita diroccata, inizia il bel sentiero che sale repentinamente nel fresco bosco. Grazie alle alte pareti che circondano il vallone anche in piena estate il sole arriva molto tardi al mattino. Senza possibilità di errore il sentiero sale attraversando il torrente di Laures più volte tramite bei ponti in legno. A 1615 m si tocca la baita di Vieille, quindi a 2000 m la Tramail, unici due alpeggi presenti lungo la salita. In entrambi i casi è presente una fontana.
Superati altri ponti si esce definitivamente dal bosco, e si sale tra massi e prati, incontrando poi un bivio: a destra il sentiero 1a più diretto che porta all'intaglio dove sfocia il torrente Laures dall'omonimo lago, il sentiero n.1 a sinistra invece (consigliabile) con numerose svolte risale i terrazzi rocciosi; si attraversa a 2300 m circa un canalone che ad inizio stagione può essere invaso dalla neve. Attaversatolo, lo si riattraversa poco sopra verso sinistra e quindi si salgono i facili pendii fino a sbucare al ripiano erboso del dosso che contiene il Lago Inferiore di Laures 2544 m. Per raggiungere il bivacco, inizialmente non visibile, si continua a sinistra perdendo 30-40 m di dislivello, finchè questo non appare dietro un costone erboso.
Dal bivacco si costeggia il lago a sinistra, verso l'emissario che va attraversato iniziando la salita verso il col Pecoz, prima su terreno erboso poi raggiunta una valletta con grossi massi si risale il fianco destro di essa su pietra e sfasciumi della parete sud est della becca di Seneva. Portarsi in prossimità Dell conoide sfasciumoso del col Pecoz, e senza raggiungerlo risalire uno spallone erboso sulla sua destra (vecchie tracce e rari bolli gialli) sino al passo (possibili nevai).
Da qui il percorso diventa alpinistico iniziando a sfruttare una parete esposta a est su cengette un po sporche e rocce rotte. Obliqua no sempre a sinistra si perviene ad un canale roccioso che si attacca sul ciglio di un tratto molto esposto ma su rocce facili (cordoni, 1 chiodo). Risalire sino a prendere il filo di cresta , da cui si passa sul versante nord del Mont Banchette. Dopo un breve tratto più facile si arriva sotto le rocce finali che senza un percorso obbligato portano alla cima con qualche passo più impegnativo (roccia mediocre, II/III)
Discesa dal percorso di salita.

Novità! I preferiti

Aggiungete con un clic sul cuoricino bianco l'itinerario ai vostri preferiti. Li ritroverete tutti nella vostra pagina personale