Sfinge (Sperone della) Appuntamento con Cleopatra

difficoltà: 6b+ / 5c obbl
esposizione arrampicata: Sud-Ovest
quota base arrampicata (m): 1500
sviluppo arrampicata (m): 75
dislivello avvicinamento (m): 240

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: MaurizioDallaChiesa
ultima revisione: 03/07/18

località partenza: Alpe Colombino (Giaveno , TO )

punti appoggio: Albergo/ristorante Alpe Colombino (ex-impianti dell'Aquila)

accesso:
Una volta giunti al parcheggio degli ex-impianti dell'Aquila di Giaveno dove termina la strada percorribile in l'auto, proseguire per la strada sterrata al termine del parcheggio (direzione ovest) che, con una serie di tornanti ed un tratto dritto in salita, porta a Pian del Secco (nel primo tratto sono possibili scorciatoie che permettono di tagliare i tornanti procedendo per prati sulla sx in mezzo al bosco, ovvero salendo le ex-piste da sci dell'Aquila (seguire bolli blu). Una volta giunti in prossimità della sella erbosa di Pian del Secco dal quale si gode di un' ottima vista verso il gruppo Orsiera Rocciavrè, abbandonare la strada sterrata e prendere una traccia di sentiero che sale obliquamente verso sx sul pendio erboso puntando in direzione del primo affioramento roccioso che si innalza più di altri rispetto alla linea di cresta. Tale affioramento è la sommità dello Sperone della Sfinge visto dal lato nord.
Da Pian del Secco si può anche proseguire a piedi per la sterrata che sale dritta verso l'ex-stazione intermedia dell'Aquila ed una volta giunti nei pressi di un grosso ometto, svoltare a SX (vedi indicazione "vie di roccia" riportata in blu su un grosso masso tavolare che lastrica la sterrata) procedendo per una mulattiera secondaria in discesa e successivamente per sentiero fino ad una sella erbosa dove iniziano gli affioramenti rocciosi. Il primo affioramento, più piccolo, è la parte terminale dello speroncino dell'Aquila dove sono state tracciate brevi vie di falesia (vedi relazione Gulliver https://www.gulliver.it/itinerario/13146/), il secondo, più grande, è la parte terminale dello Sperone della Sfinge caratterizzata da rocce piatte inclinate..

Una volta giunti sulla sella erbosa, scendendo nel versante opposto tenendosi lo speroncino dell'Aquila sulla sx, si passa sotto la base di quest'ultimo e proseguendo in discesa verso sx, si giunge sotto lo sperone della Sfinge, fiancheggiandone la parete ovest fino ad incontrare la targa della via.. Tempo di percorrenza dal parcheggio dell'Aquila: max 40 min.

note tecniche:
La via presenta soste attrezzate con maillon inox e catene che ne permettono la discesa in doppia da qualsiasi tiro. Il maillon di calata (diametro 10mm) è posizionato perpendicolarmente alla parete per ridurre al minimo lo sfregamento delle corde durante il recupero. Le piastrine FIXE 30 Kn bicromate, impiegate per attrezzare la via, sebbene non siano inox, presentano notevole resistenza all'ossidazione e la nuova tecnologia con cui sono state fissate a parete, viti da roccia da 10mm in grado di filettare direttamente il granito.. presentano innegabili vantaggi rispetto ai deturpanti spit-FIX che, in caso di manutenzione/sostituzione, non possono più essere rimossi (se non rompendo la roccia stessa in cui sono stati posizionati). Con la nuova tecnologia, se in futuro vi saranno viti da sostituire, dovranno semplicemente essere svitate con apposita chiave, ri-avvitando nuove viti nel foro preesistente. Un eventuale intervento manutentivo risulterà quindi molto più semplice da eseguire richiedendo un tempo decisamente inferiore. Per reimpiegare il foro preesistente, la nuova vite dovrà essere la STESSA con cui era stato inizialmente filettato il foro (passo del filetto, diametro vite, lunghezza); ne riporto quindi le specifiche: Wurth W-SA-S, diametro 10mm, lunghezza 70mm. Ricordo infine, che un acciaio in grado di filettare il granito, possiede caratteristiche meccaniche tali da garantire un carico di rottura a trazione di almeno 47kn (4700 kg) quindi molto più resistente di un FIX inox che in genere non supera 27 Kn.

descrizione itinerario:
Via breve, "plaisir" di 3 lunghezze in luogo ameno e tranquillo con un aspetto inaspettatamente alpino nonostante la quota modesta.
Alla sera, il muro su cui sale il 3° tiro, presenta tonalità del rosso spettacolari..
E' possibile scendere in doppia da ogni sosta. Necessari 6 rinvii.
La chiodatura, realizzata secondo un criterio di massima sicurezza, implica comunque l'obbligatorietà dei passaggi (un lungone servirebbe a poco..).
Data la conformazione dello sperone, nella parte centrale della "Sfinge" la chiodatura è molto più lunga che in altri tratti, ma le difficoltà molto contenute, permettono comunque una progressione sicura facendo la dovuta attenzione (in particolare nei tratti in cui la via passa vicino allo spigolo sx della struttura).

Percorrendola insieme ad altre vie della zona (ad esempio "La via della Sfinge" che sale a fianco) è possibile riempire la giornata.
Sebbene si tratti di un gneiss granitoide rossastro, la roccia molto lavorata presenta livelli di grip eccezionali ed una notevole presenza di tacche nette che permettono un'arrampicata non troppo difficile, anche su tratti molto esposti come il tiro finale (L3).
La via attacca dalla base dello sperone in prossimità dello spigolo sx (targa alla base riportante le specifiche principali della via).
L1: (max 6b+) muro verticale/strapiombante con tacche nette piccole ed un diedro sulla dx (la spittatura consente di "addolcire" le difficoltà sfruttando la parete del diedro a destra su cui appoggiare la scarpetta, se invece si sale dritti sul muro le difficoltà sono maggiori con passi fino al 6b+);
L2: (max 5b) un primo tratto facile su una "schiena d'asino", poi un breve tratto di 5b in prossimità dello spigolo sx della struttura ed un traverso finale (4b) sulla dx che porta in S2 (in comune con la via "La Sfinge";
L3: (max 6a) dopo un breve trasferimento su ampia cengia, attaccare il lato sx del grande diedro sommitale (nei pressi della testa della Sfinge) con passi di 5b/5c (prima di arrivare nell'estremità sinistra del sovrastante tetto). Una volta giunti sotto il tetto (placca rossastra compatta), spostarsi leggermente a sx oltre lo spigolo della struttura ed innalzandosi con i piedi su evidenti tacche, rinviarne lo spit al disopra (sulla dx). Una volta assicurati, procedere sul muro superiore, verticale/strapiombante, che presenta tacche nette per mani e piedi, portandosi sulla linea di spigolo, per poi arrivare alla sosta finale (tratto di 6a dal superamento del tetto fino alla catena).
Una volta giunti in sosta si può scendere in doppia oppure, oltrepassando la catena, si scende a piedi dalla testa della Sfinge sul lato non esposto caratterizzato da rocce lisce poco inclinate.

altre annotazioni:
Realizzazione e 1a salita: Maurizio Dalla Chiesa, Marco Moine (fine novembre 2017).

Spero sia di gradimento per i successivi ripetitori pur ricordando che non si assumono responsabilità sullo stato della via e sui dispositivi di sicurezza in essa presenti e che ognuno, affrontando la salita, dovrà valutarne l’affidabilità in base alla propria esperienza personale assumendosene la responsabilità.

Novità! I preferiti

Aggiungete con un clic sul cuoricino bianco l'itinerario ai vostri preferiti. Li ritroverete tutti nella vostra pagina personale