Grand Bec (le) Via Normale del Versante NE dal ghiacciaio di Troquairou

difficoltà: PD-   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1470
quota vetta (m): 3399
dislivello complessivo (m): 1929

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: m.gulliver
ultima revisione: 27/06/18

località partenza: Champagny le Haut (Champagny-en-Vanoise , 73 )

punti appoggio: Refuge Plans des Gouilles

cartografia: IGN 1:25.000

bibliografia: Sommet de Vanoise - Glenat

accesso:
Da Moutiers (raggiungibile da Albertville via Moncenisio o Frejus) o da Bourg St Maurice (via Aosta - Piccolo San Bernardo), seguire le indicazioni per Champagny-en-Vanoise quindi proseguire fino a Champagny le Haut. Superato il villaggio, dopo il ponte, prendere a dx una strada sterrata che torna costeggia il torrente. Dopo 300 m si trova l'inizio del sentiero per il rifugio.

note tecniche:
E' il punto occidentale e culminante di una lunga dorsale, molto panoramico sul versante occidentale e settentrionale del gruppo della Vanoise.
Su Camptocamp la gradazione è data PD+, forse in relazione al cambio di condizioni del ghiacciaio. Per via dalla quota non elevatissima e dell'esposizione la parte glaciale prende sole molto presto e affiora ghiaccio già da inizio stagione.

descrizione itinerario:
1° giorno: salire al rifugio, con ripido sentiero (benchè il cartello indichi 3h si sale comodamente in 2h).
2° giorno: dal rifugio seguire il sentiero che sale in direzione SE fino alla morena che sostiene la conca glaciale alla base della Becca Motta (in caso di neve residua è possibile salire il valloncello alla base della cresta N di quest'ultima). Con ampio semicerchio attraversare la conca e raggiungere il colletto a SO de la Becquetta. Con breve discesa, si aggira la rocciosa cresta NE de Le Grand Bec e si mette piede sul ghiacciaio di Troquairou. Lo si risale tenendosi prevalentemente sulla sua sx (faccia a monte), almeno nella ripida prima parte (40°, ghiaccio affiorante). In alto si può stare sulla sx e raggiungere la nevosa cresta SE oppure, crepacci permettendo, più sulla dx puntando al colletto alla base delle rocce finale. Raggiunte queste con facile arrampicata (II) in pochi minuti si tocca la cima.
Discesa per l'itinerario di salita.