Berrio Blanc (Monte) pendio/canale SE da Monquet

difficoltà: PD+   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Est
quota partenza (m): 1900
quota vetta (m): 3252
dislivello complessivo (m): 1352

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: marcog72 Rebatta bousa
ultima revisione: 25/03/12

località partenza: Monquet (La Thuile , AO )

bibliografia: Carta IGC N.107 1:25.000 Monte Bianco Courmayeur La Thuile

accesso:
Dal Paese di La Thuile, salire verso il colle del Piccolo san Bernardo, prima di Pont Serrand svoltare a destra e seguire la stradina interpoderale (priva di divieto di accesso, ma ripida e stretta) che conduce ad Orgères, poche centinaia di metri si raggiunge Monquet dove si trova uno spiazzo sulla destra (2 posti auto). Da qui parte il sentiero n°12. La strada sino a questo punto è asfaltata.
In inverno/primavera, con strada innevata, si deve partire da Pont Serrand (250 m di dislivello in più).

note tecniche:
Il Berio Blanc è un autentico belvedere sul gruppo del Bianco. L’itinerario prevede la risalita di un pendio/canale di 700 m di dislivello con pendenze fra i 35 e i 40° (45° e oltre nei 100 m finali se si segue l’uscita più diretta). Vista la natura del terreno di salita di questo è preferibile effettuare la salita in inverno o in primavera con piccozza, ramponi. Richiede neve assestata e sicura e, vista l’esposizione, basse temperature. Conviene partire e rientrare presto per sfruttare le condizioni della neve, l'esposizione sud-est fa si che il canale sia al sole già dal mattino. Possono essere utili sci o racchette per l'avvicinamento e il ritorno.
L'itinerario è comunque fattibile anche in estate/autunno a secco (difficoltà EE/F). In queste condizioni il canale è in sfasciumi ed è preferibile evitare di avere altre persone che salgono il canale quando si scende, perché inevitabilmente pur facendo attenzione qualche sasso si stacca e precipita a valle!

descrizione itinerario:
Una ventina di metri prima delle case di Monquet si prende il sentiero n° 12 del col di Orgère e lo si segue sino a quota 2200 m quando spiana nel vallone sospeso d’Orgere. Questo tratto, se fatto in inverno/primavera è preferibile percorrerlo in assenza di neve. Si risale il vallone quasi pianeggiante fin sotto il colle omonimo. Sulla sx appare il versante orientale del M. Berio Blanc che produce un pendio/canale con un gigantesco conoide. Si risale il pendio (racchette ai piedi fin dove possibile poi ramponi con neve) che a 2800 m si restringe, quindi piega leggermente a dx (Nord) e punta al colletto quotato 3150 m circa alla base della cresta S. Qui con neve ci sono due possibilità: raggiungere il colletto e seguire sulla dx (Nord) la cresta di sfasciumi spesso ventata e sgombra di neve, oppure 50 m sotto il colletto traversare verso dx e salire un canalino che raggiunge la cresta molto più a monte (80 m a 45-50°, possibile cornice all’uscita); non resta che seguire l’ultimo tratto di facile cresta e, superato un colletto, toccare la cima.
A secco raggiungere il colletto. Una volta al colle si svolta a destra e si risale la cresta sud, che ad una prima occhiata può apparire repulsiva, in realtà in si sale senza problemi (stare il più possibile in cresta). Dopo aver superato un'ultima anticima si raggiunge facilmente la vetta panoramica.
Discesa dall’itinerario di salita.