Homme (Tête de l') dai Piani di Stroppia per il Col Gippiera

difficoltà: EE/F   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Ovest
quota partenza (m): 1650
quota vetta/quota massima (m): 3202
dislivello salita totale (m): 1600

copertura rete mobile
vodafone : 20% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: Andrea81
ultima revisione: 23/08/09

località partenza: Piani di Stroppia (Acceglio , CN )

punti appoggio: Bivacco Barenghi 2815 m

cartografia: Fraternali 1:25000 n.11 Alta Val Maira

accesso:
da Dronero si risale la strada della Val Maira superando Acceglio e raggiungendo la frazione Chiappera. La si lascia a destra proseguendo su asfalto sino ad oltrepassare il Rifugio Campo Base (a sinistra) e giungendo su una sterrata nei pressi di un campeggio. Si segue la sterrata per alcune centinaia di metri fino ad una sbarra (a destra altro campeggio), ampio parcheggio nello spiazzo o a bordo strada.

note tecniche:
Salita che in assenza di neve non presenta difficoltà tecniche, seppur il canalone che dopo il Lago dei Nove Colori porta in cima è molto ripido e su terreno friabile ma mai esposto o pericoloso.Consigliabile avere il casco in caso di altri escursionisti sul percorso.
Questo itinerario è una alternativa, più lungo, rispetto a quello che dalle Grange Collet conduce al Passo delle Terre Nere, ma con meno difficoltà.
In caso di neve sul percorso (a inizio stagione o in autunno) il canale di salita dopo il lago presenta pendenze fino a 40°, necessari piccozza e ramponi.
Nel periodo estivo non si trova acqua sul percorso (eccetto quella dei laghi e una fonte da verificare al Bivacco Barenghi).

descrizione itinerario:
Dai parcheggi della Piana di Stroppia si incontra la bacheca del Sentiero Dino Icardi, che inizia subito a salire nel rado bosco in direzione ovest, per poi uscire su pendii più aperti. Si sale sempre a serpentine, talvolta con fondo ghiaioso, per portarsi a ridosso delle pareti dove a inizio stagione precipitano le cascate di Stroppia. Superata una prima balza ci si sposta verso sinistra superando un ponte di legno, e quindi si riprende a salire per ghiaioni e terriccio, raggiungendo un pianoro al di sotto della parete rocciosa che sorregge il bivacco Stroppia. Con fatica si risale il sentiero fino a giungere contro la parete rocciosa, quindi si inizia a percorrere un tratto di sentiero scavato tra la roccia, un po' aereo ma senza problemi in assenza di neve o ghiaccio. Occorre comunque attenzione per evitare di far cadere sassi su altri escursionisti sottostanti. Un traverso pianeggiante su una cengia attrezzata con corda fissa, conduce al bivacco Stroppia (chiuso, occorre chiedere le chiavi al campeggio).
Si prosegue sul sentiero sempre molto ben evidente, che prosegue a sinistra del bivacco, per poi infilarsi nel lungo vallone alla destra della Rocca Bianca. Si lascia in basso a destra il lago di della Niera (asciutto a fine stagione) proseguendo sempre in direzione ovest, tralasciando le diramazioni secondarie di sinistra (sentiero Roberto Cavallero, la Forcellina). L'attraversamento del vallone è piuttosto dolce e presenta qualche breve saliscendi, che allunga un po' i tempi di percorrenza; per contro il sentiero è ottimo e si snoda tra tappeti erbosi e rocce biancastre. Al termine della parte pianeggiante, si piega decisamente a sinistra, percorrendo la prosecuzione del vallone che transita sotto le impressionanti pareti del Buc de Nubiera e del Brec de Chambeyron. La salita riprende più decisa, fino ad incontrare il sentiero Roberto Cavallero, che in questo tratto si affianca al Dino Icardi. Con una serie di serpentine si arriva ad un ripiano che si affaccia sul bellissimo Lago Vallonasso e con una breve deviazione a destra, si può raggiungere il bel bivacco Barenghi. Si prosegue sul sentiero ormai in vista dell'evidente Col de Gippiera, che si guadagna salendo un ripido pendio di terra e sfasciumi, un po' faticoso, fino al colle 2948 m
Dal col Gippiera si hanno due possibilità:
A - più breve, è di continuare a destra seguendo il sentiero Roberto Cavallero (segnavia rosso-blu) che si mantiene a mezza costa tagliando le pendici ovest della Tete de la Frema, ad inizio stagione in questo tratto si incontrano nevai che potrebbero richiedere i ramponi. Il sentiero punta al Passo delle Terre Nere, posto alla base della cresta sud-est della Tete de l'Homme. Raggiunto il passo 3042 m, si individua una traccia che traversa alcune placconate rocciose con andamento ascendente, fino a incontrare la traccia che risale il pendio-canalone di sfasciumi che porterà al colletto sotto la vetta.
B-più lungo, si scende al sottostante bellissimo Lago dei Nove Colori 2841 m perdendo circa 70 m di dislivello per poi costeggiarlo sul dosso erboso a sinistra, portandosi nel valloncello racchiuso tra l'Aiguille de Chambeyron e la Tete de l'Homme alla testata. Seguendo vaghe tracce e qualche ometto, cercando di restare sui dossi dove il terreno è meno pietroso, si punta alla pietraia alla base del pendio di salita, che da lontano sembra molto ripido e di difficile accesso, in realtà pur essendo ripido è molto meno peggio di quel che sembra. Si inizia a salire faticosamente tra ghiaia e terriccio, puntando leggermente a sinistra per portarsi al di sotto di una bastionata rocciosa, dove la traccia di sentiero risulta più marcata, ed è presente anche qualche segnavia di vernice giallo. Si sale questa sorta di terrazzo detritico in ascesa da sinistra a destra, finchè a circa 2/3 del pendio si notano alcuni ometti provenire da destra, non vanno seguiti in quanto conducono al passo delle Terre Nere. Si deve invece salire in linea pressochè verticale, su terreno molto ripido e faticoso, finchè negli ultimi metri prima del colletto sulla cresta il terreno diventa un po' più solido.
Dal colletto si vede già la cima che dista 50 m di dislivello; in condizioni di terreno privo di neve, si nota una comoda traccia di sentiero che si mantiene sul versante nord alcuni metri sotto cresta per evitare alcuni passaggi rocciosi, quindi si inerpica verso le placche rocciose appena sotto la vetta, che non presentano particolari problemi.
Discesa dal versante di salita, oppure seguendo il sentiero Roberto Cavallero, si può scendere nel vallone dell'Infernetto e quindi alla Piana di Stroppia (o alle Grange Collet se si ha una seconda auto).

Itinerari nei dintorni (Anche altre attività)

Frema (Tète de la) dai Piani di Stroppia, anello per il Col de Gippiera e Colle Infernetto - (0 km)
Ciarbonet (Colle) da Chiappera - (0 km)
Cervet (Monte) da Chiappera per il Colle di Rui - (0 km)
Baueria (Monte) da Chiappera - (0 km)
Freide (Monte) da Chiappera per il Colle di Rui - (0 km)
Homme (Tête de l') dai Piani di Stroppia per il Col Gippiera - (0 km)
Coulette, Vallonet, Portiolette, Sautron, Gippiera (Colli) da Chiappera, giro dello Chambeyron (2 gg) - (0 km)
Niera (Lago della) da Chiappera - (0 km)
Sautron (Monte) da Chiappera, anello per il Col Sautron e bivacco Sartore - (0 km)
Tour dello Chambeyron da Chiappera (4 gg) - (0.1 km)
Arpet (Monte) da Chiappera - (0.1 km)
Albrage (Monte) e Monte Freide da Chiappera per il Colle di Rui - (0.1 km)
Marinet (Col) da Chiappera - (0.1 km)
Greguri (Colle) da Chiappera, giro della Rocca Castello - (0.1 km)
Eighier (Monte) da Chiappera - (0.1 km)
Manse (Cima delle) da Saretto, anello per laghi Visaisa, d'Apzoi, Colle Villadel, Passo della Cavalla - (0.1 km)
Manse (Cima delle) da Saretto, anello per i Colli delle Munie, Cavalla, Fea - (1.3 km)
Sautron (Monte) dai Piani di Stroppia per la dorsale NO - (1.4 km)
Cialancion (Tete de) da Grange Collet, anello per il Col Roux e Col Ciabriera - (1.4 km)
Cerello (Monte) dai Piani di Stroppia - (1.4 km)
Viraysse (Monte) e Cime de la Coste du Col da Saretto - (1.7 km)
Beuf, Feuillas ed Enchiausa (Colli) dalle Sorgenti del Maira, anello - (1.8 km)
Soubeyran (Monte) da Saretto, anello per Passo della Cavalla, Colle delle Munie, Lago Apzoi - (1.8 km)
Viraysse (Monte) da Saretto, anello per il Colle delle Munie e Col Sautron - (1.8 km)
Sautron (Colle) Sentiero Pier Giorgio Frassati da Saretto - (1.8 km)