Corbioun (Monte) da Bousson

tipo itinerario: bosco rado
difficoltà: MS   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Nord-Ovest
quota partenza (m): 1419
quota vetta/quota massima (m): 2430
dislivello totale (m): 1011

copertura rete mobile
vodafone : 86% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: mfkeeper gio notav mountain
ultima revisione: 31/01/16

località partenza: Bousson (Cesana Torinese , TO )

punti appoggio: Capanna Mautino

bibliografia: SUCAI-Torino. CDA. Dalle Marittime al Vallese. N°34(descr.in salita)

descrizione itinerario:
Lasciata la macchina a Bousson si sale in direzione del Lago Nero. Si consiglia di seguire il sentiero che segue il fondo del valloncello del Serveriettes o in alternativa la più lunga strada del Lago del Nero. Prima del lago, dopo il bivio per Sagna Longa, abbandonare la strada, attraversare il Rio Serveriettes e puntare in direzione del Monte Corbioun identificabile per la caratteristica punta a becco. Non salire al colle Begino ma con un diagonale verso NE poco sotto il limite del bosco puntare alla cresta NO e raggiungere la spalla che da sulla Valle Thuras nei pressi del Petit Cric. Seguire ora la cresta verso NO fino alla cima.
Discesa lungo l'itinerario di salita.

Altro percorso lungo la dorsale nord (BS).
Da Bousson salire brevenente sulla strada solo fino al Pont de Rua m. 1534, attraversarlo ed iniziale a salire verso la dorsale, prima su spazi aperti, poi nel lariceto, stando appena a destra della dorsale. Nei pressi di Rocca Bianca si incontrano un paio di punti un po’ stretti su piccoli risalti, poi la dorsale è comoda con tratti anche in falsopiano. Si giunge alla Roche Courbe dove passa la pista sterrata; si imbocca un breve tratto della sterrata che sale all’Outre Alto, poi si salgono i pendii soprastanti aperti ma sostenuti, spostandosi gradualmente a sinistra (valutando il pendio), si passa una prima comba, poi valicato un colletto, una seconda breve comba, tutte e due sotto il Petit Cric; si sale il pendio verso la selletta a sinistra del Petit Cric (valutare le condizioni ed il passaggio più logico per la sicurezza, il quale è posizionato in uno spazio ristretto); dalla selletta, percorrendo la dorsale si giunge comodamente alla croce di vetta.
Discesa sull’itinerario di salita il quale essendo tutto esposto a nord, conserva spesso neve farinosa; con buon innevamento è tutto perfettamente sciabile; anche i punti di passaggio un po' ristretti si superano prestando attenzione.

Novità! I preferiti

Aggiungete con un clic sul cuoricino bianco l'itinerario ai vostri preferiti. Li ritroverete tutti nella vostra pagina personale