Cavallo (Monte) Via Gli Smemorati

difficoltà: 6a / 5c obbl
esposizione arrampicata: Nord-Est
quota base arrampicata (m): 1600
sviluppo arrampicata (m): 250
dislivello avvicinamento (m): 500

copertura rete mobile
vodafone : 60% di copertura
tim : 60% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: puzzole abo
ultima revisione: 07/07/19

località partenza: Orto di Donna (Massa , MS )

punti appoggio: Rifugi Donegani,Orto di Donna e Val Serenaia

cartografia: Ed. Multigraph 101-102

accesso:
Dal parcheggio in Val Serenaia, si segue il sentiero CAI per Foce del Cardeto, raggiunta la quale, si scende verso l'evidente cava al Passo della Focolaccia. Oltrepassato lo sperone denominato del "Cambron" si sale senza traccia evidente alla base della parete Nord-Est della quota 1874m del Monte Cavallo. L'attacco della via si trova a sinistra dell'evidente placca, nome alla base.

note tecniche:
Materiale: 2 mezze corde da 60m, 14-16 rinvii
Nota: via ottimamente attrezzata, fin troppo nei tiri più impegnativi

descrizione itinerario:
L1: 5a, passo 5c, 50m (chiodatura lunga)
L2: 5a, passo 5b, 30m (chiodatura lunga)
L3: breve tratto su cengia erbosa ripida, 15m (tiro concatenabile col precedente)
L5: 6a, 25m
L6: 5a, 45m (roccia pessima verso la fine)
L8: si traversa facilmente per 20m a sinistra su cengetta e sfasciumi
L9: 5c/6a, 30m (si arriva a 3m dalla vetta)

Discesa: dalla cima scendere lungo la cresta sud e risalire e scendere la "gobba" successiva (attenzione al terreno esposto in salita, ch. rosso per eventuale assicurazione). Raggiunta la selletta alla base della gobba scendere per prati lungo la massima pendenza alla ricerca di una labile traccia nell'erba alta (radi ometti, stare sempre sulla dx, a sx ci sono salti rocciosi) che va ad intercettare il sentiero CAI 167, che va imboccato verso sinistra. Si attraversa così tutto il versante e con una leggera risalita si arriva alla Forcella di Porta, da dove in breve si raggiunge il Passo della Focolaccia. Da lì seguendo la marmifera in breve si torna a passare sotto l'attacco della via.
Sconsigliata, seppur fattibile, la discesa in doppia.

altre annotazioni:
Gianfranco Cotelli, don Giovanni Martinelli, Luciano Soldini, 1998