Tète Noire (Pointe de la) o de la Mandette dal Col du Lautaret per il versante Sud

tipo itinerario: pendii ampi
difficoltà: BS   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Sud-Est
quota partenza (m): 1933
quota vetta/quota massima (m): 2842
dislivello totale (m): 909

copertura rete mobile
tim : 60% di copertura
no operato : 0% di copertura
altri : 55% di copertura

contributors: mountain silviotos
ultima revisione: 18/02/19

località partenza: Col du Lautaret (Le Monêtier-les-Bains , 05 )

cartografia: IGN 25.000 3535 OT (Nevache)

accesso:
Monginevro - Briancon - Route national n. 91 - tunnel del Rif Blanc (è il 2° secondo che si incontra arrivando da Briancon), parcheggio.

note tecniche:
Bell'itinerario, non lungo, facile da trovarein condizioni di neve trasformata presto in stagione data l'esposizione prevalente a sud e sud-est.
Molto adatto alla tavola(non ci sono falsopiani e la discesa anche per pendii abbastanza ripidi è continua). Dalla vetta panorama grandioso sul Delfinato e sulle vicine Aiguilles d'Arves.
Pendii aperti ma rocce ovunque: si consiglia l'uso del casco.

descrizione itinerario:
Risalire i pendii sopra la strada in direzione nord.
Si sale il vallone in direzione dell'imponente bastione del Grand Galibier, verso q. 2.500 si piega leggermente a sn. in direzione della vetta (itinerario evidente).

altre annotazioni:
Variante dal versante ovest (da farsi in condizioni sicure nella parte alta). Dalla piazzola a monte del Tunnnel du Rif Blanc salire tenendosi gradualmente a sinistra e scavalcare il dosso 2.084, seguire brevemente un tratto della vecchia strada, poi risalire in direzione dei due fabbricati rifugio La Mandette; salire tenendosi sempre un po’ a sinistra e proseguire in una comba poi su una dorsale a dx della linea elettrica e raggiungere la cresta sud ad una quota di circa 2.680 e proseguire lungo questa, molto affilata, fino alla base dell’ultimo sperone roccioso a circa m. 2.750. Volendo salire in vetta , raggiunta la cresta attraversare subito il pendio est molti ripido (ramponi) verso il Colle Clot Julien e proseguire sulla cresta NE.
Vi sono anche altri itinerari possibili verso diversi punti raggiungibili della cresta tra la Mandetta ed il Petit Galibier m. 2.765, da valutare sempre a seconda delle condizioni di sicurezza, percorrendo i vari pendii e dorsali, alquanto sostenuti, che si originano sui pendii Ovest e Ovest-Sud-Ovest, a partire dal rifugio La Mandette.