Calcante (Uja di) da Traves, anello

note su accesso stradale :: Ok. Parcheggi pieni.
Per l'andata seguito l'itinerario descritto, ritorno invece per la via di salita sino al bivio per Punta e Colle Lunelle a cui sono risalita. Dal Colle Lunelle discesa ad anello verso Pugnetto e Traves (sentieri 202 e 257). Dsl complessivo 1420 m. per circa 15 km. Il dsl per la sola Uja di Calcante è sui 1070 m. dati i saliscendi.
Il sentiero Frassati, nel tratto tra il bivio e il Colle Pra Lorenzo, è piuttosto accidentato e sovente ingombro di erba-paglia secca e scivolosa. Si riesce a seguirlo abbastanza bene grazie ai molti ometti ma la progressione non è sempre fluida. I molti saliscendi e i tratti a balcone fanno sì che si prenda quota lentamente. Un po' di neve a chiazze a partire da un centinaio di m. di dsl sotto il colle e in alcune zone della cresta per l'Uja di Calcante, quasi sempre portante ma tendente a divenire sfondosa (specie in discesa). Non servono ramponcini con queste condizioni.
Salendo si incontrano le miniere d'oro abbandonate (palina) e un bivio per Bramafam ben al di sotto del colle. Purtroppo la processionaria invade già alcuni alberi.
Temperatura elevata per la stagione e assenza completa di vento, sereno con qualche sfilaccio di nubi ogni tanto, tormenta invece verso l'alta valle.
Partenza in tarda mattinata e parcheggi, di conseguenza, ormai pieni.
Tornata su questa panoramica montagna a distanza di quasi 10 anni, per un itinerario che non conoscevo. Incontrati alcuni escursionisti in discesa al colle e sulla cresta dell'Uja oltreché nel tratto di sentiero prima del bivio per Punta Lunelle (salendo).


[visualizza gita completa]
Abbiamo seguito l'itinerario come descritto, ma non abbiamo fatto l'anello, per le condizioni della neve sotto il colle Pra Lorenzo, sotto la poca neve fresca caduta ieri sera c'era neve ghiacciata; essendo privi di ramponi abbiamo deciso, dopo un breve tratto di discesa, di riportarci sul sentiero di andata che avevamo già un po' scalinato con gli scarponi salendo. Al contrario la salita dal colle all'Uia non comporta particolari difficoltà, occorre un po' di prudenza dove c'è neve e sulle pietre ghiacciate. Stranamente si alternano tratti in cui la neve recente copre quella assestata a tratti completamente sgombri (siamo arrivati in cima in mattinata).
Altra insidia sono le pietre ghiacciate che lastricano buona parte del sentiero Frassati nella sua parte iniziale fino a Pian Bracun, nonostante la giornata di sole sono rimaste tali anche quando le abbiamo percorse scendendo.
A parte un fugace Capriolo, abbiamo visto scendendo, purtroppo, solo un cacciatore al colle che ha sparato 5 colpi non sappiamo con quale fortuna. A Pian Bracun dapprima uno sparo, seguito da grida di dolore di un cinghiale, poi altri 6.
Con Claudio.


[visualizza gita completa con 4 foto]
Abbiamo allungato un po' l'anello passando dopo il colle Prà Lorenzo dal Colle della Cialmetta aggiungendo un po' di dislivello e godendo del panorama visibile dal sentiero 135a.
Nulla di particolare da segnalare se non che la zona è infestata dalle zecche che ci hanno letteralmente assalito (non tutti fortunatamente).
Col gruppo 3000 e dintorni.


[visualizza gita completa con 1 foto]
Variante all’itinerario qui proposto: da Case Tesa saliti al Colle Colmet poi sentiero della memoria passando per Bramafam (ottimamente segnato anche se laborioso da percorrere) fino al colle di Pra Lorenzo, quindi vetta A/R, poi sentiero Frassati (poco segnato ed abbastanza ravanoso) fino alla miniera d’oro dove migliora nettamente. Da Pian Bracon scesi verso sud a riprendere il sentiero della memoria e chiudere l’anello. Niente vento. Alcune persone in zona. Aggiungo traccia.
Con Bubbola.


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: nessun problema
gita effettuata in compagnia di cinque "evergreen" , abbiamo fatto l'anello descritto molto bene da mario-mont. Sentiero spesso coperto da vegetazione ma segnato da tracce rosse ben visibili. Nessuna anima viva lungo tutto il percorso sia in salita che in discesa

[visualizza gita completa con 3 foto]
La spolverata di neve dell'altro ieri e il gelo di questi giorni hanno complicato un po' la gita. Dopo le miniere numerose colature di ghiaccio sulle rocce; sotto il colle il sentiero è un po' da cercare sotto la neve, essendovi scarsissimi segni.
Dal colle Prà Lorenzo alla punta invece tutto facile, con un dito di neve che non dava molto fastidio.
Sentiero di discesa per Bramafam un po' coperto da erba in molti tratti. Attraversamento dei vari ruscelli non problematico im quanto il ghiaccio nel pomeriggio si era fortunatamente sciolto.
Bellissima gita in una giornata limpidissima, anche se molto fredda al mattino. In vetta invece si stava benissimo, con un bel sole caldo.
Con Franco oggi in forma strepitosa e Sebastiano.


[visualizza gita completa con 14 foto]
note su accesso stradale :: senza problemi
Il percorso è frequentemente invaso dall'erba alta, ma vista la stagione e la quota del percorso, lo definirei normale.

Oggi torno a ripercorrere questo bel giro ad anello così, come lo feci nel 2009 in modo da avere meno parti possibili in comune tra andata e ritorno. Ovviamente percorso in posizione soleggiata e quindi molto caldo.


[visualizza gita completa]
Gita fatta come descritto, bella variante alla già bella Uja di Calcante. Media lunghezza e difficoltà, molto bello il tratto di sentiero-balcone sulla valle di Viù, e poi la pineta da attraversare per arrivare a Pugnetto.
L'imbocco del sentiero per Pugnetto, non segnato sulle mappe GPS OSM, è stato devastato da un incendio e la traccia non è evidente; proseguire a vista, prima di entrare in pineta si ritrovano segni rossi e segni blu, poi più si prosegue più la traccia diventa distinguibile.
L'ingresso alle miniere d'ore abbandonate lungo il PG Frassati sembra in buono stato, con una frontale si può provare esplorarle.
Con Elisabetta


[visualizza gita completa]
Ora leggo di aver fatto il giro come descritto da Ghiglio; solo ho preferito prima scendere dal Colle Pra' Lorenzo di 200m e risalire al Colle Chialmetta lungo il sentiero balcone sulla Valle di Viu' n' 135 e poi , arrivata in cima, su percorso che gia' conoscevo, scendere sul versante opposto.
Soddifatta di aver percorso con meteo splendido 1350m dsl e 14Km di sviluppo senza perdermi; mi e' stata utile la cartina n' 9 delle Fratenali.
Comoda la mulattiera del Sentiero Frassati, mentre dopo "Fontanette" (a 1100m) il sentiero e' meno evidente, ma comunque ci sono ometti e bolli rossi sbiaditi.
Dopo il Colle Chialmetta il sentiero fino al ripetitore e' molto ripido.
In discesa, giunti al Colle Pra Lorenzo, con una piccola risalita si prende il sentiero della Liberta' segnatissimo con tacche nuove rosse e bianche.
Da 700m costeggia un ruscelletto e sbuca 5' a monte dell'auto.
Un saluto a Giovanni Colombatti, Barbara e agli altri 9 canavesani incontrati al Colle Chialmetta provenienti da Mezzenile

[visualizza gita completa]
Visto il meteo incerto abbiamo optato per una camminata in zona. Partenza alle 10 da Villa di Traves, in salita abbiamo percorso fedelmente l’itinerario descritto, molto bello il sentiero nella parte bassa, un po’ più insidioso nel tratto dopo il bivio per le Lunelle e il Colle di Prà Lorenzo in quanto stretto e a tratti leggermente esposto (niente di che, ma in caso di pioggia secondo me bisogna fare attenzione). La cresta non presenta difficoltà, solo un paio di brevi e facili passaggi su roccia nella parte finale, dove ci si aiuta un po’ con le mani.
Arrivati in cima in circa 2 h 45, tra molte nubi e temperatura frizzante, quindi siamo ridiscesi quasi subito, intanto il panorama era pressochè nullo. Non abbiamo quindi fatto l’anello qui descritto con discesa dal Colle Cialmetta, ma rientrati al colle di Prà Lorenzo abbiamo seguito il Sentiero della Memoria (cartello in legno on indicazioni per Bramafam – cfr. traccia GPS di “rfausone”), che rientra a Traves dopo aver attraversato un vallone molto bello e selvaggio e diverse piccole frazioni. Il sentiero, specie nella parte alta, non è molto evidente per l’erba alta, ma è sempre ben segnalato. Consiglio questa deviazione in discesa ,sia perché così si compie un bell’anello, sia perché l’ambiente è davvero piacevole.
Bella escursione, non troppo lunga e vicina a casa…peccato per il meteo non proprio ottimale, ma non abbiamo preso pioggia e di questi tempi è già un risultato. Nessun altro oltre a noi, avvistato un piccolo gruppo di camosci poco sotto il colle.


[visualizza gita completa con 5 foto]
Sono salito "solo" fino al colle tanto per non arrugginirsi a casa, sentiero ovviamente molto umido, non molto bollato ma intuitivo e dalle miniere d'oro fino al colle ci sono comunque diversi ometti.

[visualizza gita completa con 5 foto]
Nonostante sia una delle cime più vicine a Torino e adatta alle mezze stagioni, la salita di oggi all'Uja di Calcante è stata solo la mia seconda. Tra l'altro non conoscevo il percorso da Traves - Villa, per cui mi sono avventurato lungo il sentiero Frassati, fino a raggiungere il Colle di Prà Lorenzo e da qui la vetta.
Dovendo rientrare presto, sono partito presto...e così dopo 100 metri (lineari) ero già tutto bagnato, non perché piovesse più, ma per via della vegetazione che invade il sentiero e che era tutta zuppa dell'acqua caduta nella notte. Quindi salita non molto piacevole, anche perché il sentiero di pietre ricoperte di foglie umide era una bella saponetta...ed è stato un peccato, perché altrimenti è abbastanza agevole e piacevole da percorrere (come ho avuto modo di apprezzare in discesa, quando si era quasi del tutto asciugato). L'itinerario è ben segnalato fino al bivio per le Lunelle, poi un po' meno ma s'intuisce sempre il giusto passaggio. Con condizioni come quelle odierne, occhio ad alcuni tratti a quota circa 1200 m, dopo il passaggio di un ruscello, in quanto si traversa su placche lievemente esposte passando su erba e rocce scivolose.
La giornata è stata accettabile dal punto di vista meteorologico, con nebbie in partenza ma via via più aperture e un bel sole in vetta (ore 9:50), che mi ha accompagnato fino all'auto. Dalla cima non si vedeva la testata della Valle di Viù causa nuvole e apparente bufera, e in effetti alcune raffiche di vento lambivano anche l'Uja di Calcante.
Sono rientrato dalla stessa parte (niente anello). Incontrato un solo essere umano, un altro escursionista al bivio per le Lunelle durante la discesa.

[visualizza gita completa]
meteo stupendo per una sgambata mattutina non lontano da Torino.Parto da Traves per l'uja di calcante.Sentiero molto ben segnato per cui anche nell'erba alta non ci sono problemi ed inoltre gli ometti aiutano nei posti strategici.Arrivo fino al colle pra lorenzo.Da lì bella salita in cresta panoramica fino in vetta.Proseguo dritto in direzione del ripetitore e scendo per sentiero ripido e tutto in ombra fino al colle chialmetta.Procedo veloce per l'ottimo sentiero balcone fino ad incontare un incrocio con indicazione a sx per il colle pra lorenzo.Salgo per 200 mt.di disl per tornare al colle.Per la discesa invece di prendere il sentiero frassati percorso in salita devio al sentiero di dx facendo un doppio anello.Acqua disponibile su tutto il percorso.1350 disl. e 14km

[visualizza gita completa]
Saltato il bivio finale per Pugnetto .... per imminente possibile pioggia nel primo pomeriggio.
Ormai l'intero giro è sgombro da neve. Sempre evidente e pulito il sentiero.
In compagnia di Carlo, Roberto e Germano.

[visualizza gita completa]
L'idea (di Alessio) era di fare il giro ad anello passando dal sentiero della memoria, ma la neve appesantita ci ha fatti desistere per poi recuperare al ritorno il sentiero Frassati.
Giornata calda "sopra", bagnata "sotto".. in effetti ci vorrebbero delle scarpe che tengano un minimo l'acqua oppure aspettare che si sciolga la neve lungo il percorso.


[visualizza gita completa con 7 foto]
Sono partito da Tese percorrendo i sentieri della memoria e accedere alla punta tramite il colle di Pra Lorenzo, per l'accidentata ma non difficile cresta sud-est. Accidentato invece e' stato il ritorno lungo il filo di cresta verso il Monte Bellacomba e la Punta d'Aprile (citata solo nelle mappe con scala 1:25.000). Salite entrambi anche se di poca importanza su terreni a continui saliscendi totalmente privi di sentieri. Sentieri riapparsi a pochi passi dall'auto. Spolverata di fresca sulla linea di confine, in una bella e calda giornata di dicembre. Parecchia gente presente in vetta, grazie alle davvero ottime condizioni meteo.

[visualizza gita completa con 3 foto]
salita serale di allenamento (alle 20 in punta) in compagnia di Roberto siamo ridiscesi per l'it. di salita fino al c. pra lorenzo e di qui x il sentiero della liberta' (cartello per Bramafam) scesi a Villa
itinerario molto bello e molto ben segnato anche se all'inizio il sentiero e' quasi sparito -- giro molto raccomandabile

[visualizza gita completa]
Percorso non ad 8 ma a 6, nel senso che sono salito da traves a colle pra lorenzo, da lì all'uja, discesa alla ciarmetta e poi sentiero in quota verso fubina fino a ritrovare la traccia che rimonta al pra lorenzo. Bello sviluppo, la giornata portava vapori vari che hanno annebbiato il panorama. Centinaia le piante schiantate dalla neve di quest'inverno. Un saluto a tutti gli escursionisti incontrati sul percorso, arrivati un po' da tutte le parti

[visualizza gita completa]
Il tempo è stato davvero clemente, ha iniziato a gocciolare nel tardo pomeriggio appena saliti sul pullman pronti per rientrare. Ci siamo divisi in due gruppi, uno ha raggiunto il Colle Lunelle a 1384 metri di quota, l'altro gruppo ha raggiunto il Colle di Prà Lorenzo (1372 m.) ed alcuni hanno proseguito fino alla Cima dell'Uja di Calcante (1614 m).

Percorso: Dalla piazza della Chiesa del capoluogo Villa si imbocca a destra la stradina in pavè che percorre la borgata (fontana per eventuale approvvigionamento di acqua), sino a trovare il bivio del Sentiero Frassati, che si percorre per circa 10 min, lasciandolo poi per imboccare a destra il sentiero in salita che percorre l'anello "Cima del Toro", così chiamato in quanto contorna sul versante nord il rilievo con tale nome, alto 1.108 m. Questo percorso costituisce una variante più panoramica e varia del Sentiero Frassati, al quale si ricongiunge a quota 1.050 circa, in corrispondenza di un'ampia radura con betulle. (h 1,30)
Riportatici sul Sentiero Frassati, lo si percorre pressochè in piano in direzione ovest sino al bivio che porta a destra con percorso ascendente al Colle Lunelle, e a sinistra, con percorso prima in leggera discesa e poi in salita, attraversando ad arco tutto il fondo del vallone esposto a nord est, al Colle Prà Lorenzo (m 1.372), da cui, con percorso in cresta, si può raggiungere la vetta dell'Uja di Calcante (m 1.614).

COMMISSIONE GITE ALPINISMO GIOVANILE
C.A.I U.G.E.T. TORINO


[visualizza gita completa]
Escursione molto gratificante con splendidi scorci panoramici.
La salita costituisce la prima tappa della traversata da Traves al Rocciamelone, già recensita.
Nonostante la zona sia alquanto secca e la stagione corrente altrettanto, inaspettatamente tutti gli impluvii hanno ancora una discreta presenza di acqua.
Dietro le creste, desolatamente spoglie si intravvedeva un pò di nuvolaglia; c'è da sperare?

[visualizza gita completa con 1 foto]

Ci sono anche stati ...

  • 26/05/09 - rfausone
  • Caratteristica itinerario

    sentiero tipo,n°,segnavia: Sentiero Frassati segni bianco/rossi e ometti, piuttosto radi - sentiero della memoria segni bianco /rossi
    difficoltà: EE :: [scala difficoltà]
    esposizione prevalente: Tutte
    quota partenza (m): 632
    quota vetta/quota massima (m): 1614
    dislivello salita totale (m): 982

    Ultime gite di escursionismo

    16/02/20 - Scopel (Bivacco) - lancillotto
    Sentiero dalla Croce dei Lebi e poi al bivacco con tratti ghiacciati, coperti da qualche cm di neve recente. Utili i ramponcini sopratutto la mattina. Salita in nebbia totale fino quasi al valico del [...]
    16/02/20 - Sea Bianca (Punta) da Pian della Regina e la Punta Raboi - lupus1946
    Molti escursionisti in giro...colpisce l'assoluta mancanza di neve sull'ultimo pendio... Le ciaspole sono rimaste sullo zaino...più utili i ramponi.
    16/02/20 - Rubbio (Monte) da San Damiano Macra - flavytiny
    Lasciata auto in piazza a S.Damiano Macra. Itinerario facilissimo adatto al post-influenza, la strada forestale che parte dal borgo subito dopo il ponte sulla dx è molto bella e rilassante. Parecchie [...]
    16/02/20 - Lunelle (Punta e colle) da Traves, anello - climbandtrek
    Sentieri sgombri da neve e ben indicati da tacche e numerose paline. Fatto l'anello come da descrizione: gita piacevole e con numerosi scorci nel bosco rado ed un bel panorama sulle vette circostanti dalla cima.
    16/02/20 - Pala Rusà (Punta) e Punta delle Lance da Pian Benot - sergio 51
    Usati solo i ramponi. Passati prima dal Pala Rusà e poi saliti alla Punta Lance, che sembra una vera montagna seria ma in miniatura: sarebbe stata interessante la, pur breve, traversata, ma le cornic [...]
    16/02/20 - Butetta (Monte) da Castellar - lonely_troll
    Gita vista mare in un bell' ambiente e con clima già primaverile. Alla partenza rosmarini e mimose fiorite e in alto niente neve, nemmeno sulla parete Nord del Grammondo
    16/02/20 - Baral (Bec) da Limonetto - dario 67
    Salita oggi un po' piu alpinistica x la presenza di tratti innevati sulla cresta e nella parte finale verso la cima si sale comunque senza problemi prestando attenzione solo nei tratti leggermente esp [...]