Mariasco (Punta di) da Fondo

note su accesso stradale :: ok
gia' detto tutto dai soci che come al solito mi hanno anticipata !!!
seconda giornata consecutiva in Valchiusella... ancora alla ricerca di un itinerario al riparo dal vento e dalle temperature un po' rigidine.. e' la volta della Mariasco..altro belvedere su tutta la valle ..al cospetto del Giavino e Mionda ...
Con Enzo Monica e Roberto

a dx la cresta percorsa
fa freddino
cresta
cresta

[visualizza gita completa con 5 foto]
note su accesso stradale :: Ok
Seguito l'itinerario B. Giunti all'Alpe Las, però, tra una chiacchiera e l'altra, attratti dalla bella baita in alto, ci lasciamo sviare dal sentiero e raggiungiamo l'Alpe Salere. A quel punto, perché tornare indietro? La mulattiera però compie un lungo giro fino all'Alpe Creus prima di incrociare il sentiero del Gallo Forcello. Proseguiamo quindi senza guadare il rio su una traccia di servizio dell'Alpe per qualche decina di mt. di dsl e poi ci inerpichiamo tra rododendri, erba olina e qualche roccetta sin contro la bastionata rocciosa che chiude la conca a Nord. Sbuchiamo proprio in corrispondenza del breve passaggio esposto sul sentiero del Gallo Forcello, che è stato recentemente attrezzato con catena e canapone nuovi di zecca. Superato il passaggio ci ricongiungiamo in breve al sentiero 8, poi come da relazione fino ai laghi della Furce. Da qui in cima per la cresta SE evitando il canale per il Colle della Furce parecchio ghiacciato. Seguita una buona traccia fino all'Alpe della Furce, poi vaghi sentierini di animali, per finire con un corpo a corpo con la ripida erba olina.
Qualche palina ai bivi specie sui sentieri a tacche b/r sarebbe molto gradita.
Il vento non si è sentito quasi per nulla, meta azzeccata anche da questo punto di vista. Privilegio raro poter visitare la Bura at Talurn (ieri) e il vallone Burdeiver (oggi) in stagione tanto avanzata.
Meta condivisa con Tiziana, Roberto ed Enzo, che ringrazio per un'altra giornata fra queste montagne.
Week-end di full immersion in Valchiusella, per me forse le ultime occasioni per vedere questi luoghi e così tanta e folta olina pettinata dal vento e dorata nel sole!


[visualizza gita completa con 3 foto]
note su accesso stradale :: tutto a posto
Non si pesta ancora neve per raggiungere questa modesta montagna all'ombra del Giavino, avvicinabile tramite buon sentiero, reso insidioso in quei tratti in ombra dove il ghiaccio lo ricopre interamente, obbligando a delle fastidiose ma inevitabili deviazioni lungo i suoim margini. Un po di neve dacche' alzandosi di quota per raggiungere la Punta della Furce su per la cresta al Giavino la si trova a sprazzi qua' e la', ma per una copertura pressoche' totale necessita salire ulteriormente, non era pero' questo l'obbiettivo di oggi. Giorno scelto per il piacere di stare in compagnia e mantenersi in forma, nonche' godere di una bella giornata di sole con tenui velature, e il vento finalmente a non dare fastidio piu' di tanto.
In buona e allegra compagnia di Tiziana Monica e Roberto


[visualizza gita completa con 8 foto]
La salita per il breve versante nord della Punta del Mariasco, fra le rocce montonate, è veramente molto bella e anche molto facile fino a raggiungere la depressione della cresta.
Erano anni che volevo fare questa gita, sempre rimandata perché il momento giusto da percorrerla, aspettando lo scioglimento delle chiazze di neve, giunge ad estate avanzata ed in quel periodo si è più propensi a fare gite a quote più elevate. Oggi con l’Amico Franco, abbiamo azzeccato una giornata eccezionale che ha esaltato le bellezze naturali di questo luogo. Grazie a Franco per aver condiviso questa bella giornata sulle belle montagne della bella Valchiusella.


[visualizza gita completa con 8 foto]
Lungo Anello nella bella Valchiusella.
Con l’Amico Giuseppe.Gran bel giro questo propostomi da Blin,il sentiero nella parte bassa è in ottimo stato a parte un tratto dall’Alpe Sucal sup fino al Lago Sucal dove abbiamo seguito la traccia delle pecore,la parte alta è spettacolare e la Cresta fino al Colle della Furce molto divertente anche se serve attenzione.Il ritorno dal Colle della Furce è bello e su sentiero ottimo fino a Fondo.Un Bravo all’Amico Blin per la bella scelta dell’itinerario accompagnato da una giornata veramente spaziale.


[visualizza gita completa con 8 foto]
Cresta est molta lunga e in presenza di neve diventa delicata.
Carlo , Enzo e Giovanni partendo da Fondo ( Val Chiusella ) e tramite S 8 e svoltando a dx verso Alpe Pasqua da dove si risale verso dx si arriva a q.ta 1700 della lunga cresta innevata e che in alcuni punti diventa delicata che ci porta alla punta del Mariasco mt 2411 in h, 3,00 . La giornata bellissima senza nuvole ci regale un belvedere spettacolare su tutta la val Chiusella e di più . Il ritorno discesa ripida su erba olina su neve fino ai laghi Furce e poi x seguito il S8 fino a Fondo .La gita è terminata in allegra compagnia con i veterani delle cime,in ordine, Enzo, Corrado ,Giuseppe , Carlo e Giovanni che hanno onorato in piola l'incontro delle nuove conoscenze.


[visualizza gita completa con 3 foto]
Scelto questa gita alle quote medie per evitare di pestare neve. Questa della Mariasco tra le cime di un certo interesse della Valchiusella, risultava tra quelle poche ancora da salire. Le recenti spolverate c'e' l'hanno fatta venire in mente. Giornata serena senza nuvole, ma aria frizzantina. Con turbo Carlo e Giovanni. Eseguito il tragitto in anello come da manuale. Avuto occasione di conoscere di persona il gulliveriano Blin 1950 che ammiro molto e che saluto.

[visualizza gita completa con 4 foto]
La salita della Punta di Mariasco, per la cresta sud-ovest, nonostante la modesta altezza, riserva delle difficoltà degne di cime ben più rinomate e più conosciute agli addetti. Il livello di difficoltà è almeno un EE/F. Il versante sud della cresta è erboso con salti di roccia, molto ripido; il versante nord è costituito da una parete rocciosa abbastanza verticale e presenta un paio di vie di fuga in altrettanti canalini inclinati ed è interrotta nei pressi della depressione alla base del cucuzzolo terminale.
Dalla bocchetta, piegare a destra e seguire la breve e ripida cresta, con qualche passo di facile arrampicata, che porta alla sommità quotata m. 2413; da questa seguire la pianeggiante cresta, abbastanza aerea, con possibilità di aggirare le maggiori difficoltà su una traccia di capre, appena sotto il filo di cresta su ripidi pendii di erba olina, del versante sud. Giunti alla depressione ai piedi del cucuzzolo terminale, piegare a destra a abbassandoci leggermente si contornano delle roccette e si risale il ripido pendio finale di erba olina che porta all’ometto di vetta. Discesa lungo la cresta sud-est fino alla quota 2390 circa, poi piegando leggermente a destra scendere l’erboso versante sud dove verso quota 2300 circa compare una striminzita traccia di capre che taglia pianeggiante verso ovest, si punta ora ad una piccola pietraia e nei pressi su traccia di vecchio sentiero si raggiunge il piano del terzo lago ed il sentiero di salita sul quale si fa ritorno a Fondo.

Partenza da Fondo alle 7 e 15’, tempo bello, freddino terreno gelato in superfice trovato la prima neve a chiazze verso quota 1900 circa, nei tratti in ombra. Raggiunto la bocchetta alle 11; iniziato a salire la cresta e subito mi sono trovato nella necessità di aggirare un tratto roccioso innavato, sul versante nord su una placca pulita con facile arrampicata, poi cresta aerea ed esposta ma senza particolari difficoltà. In cima mi aspettavo di trovare il triangolino del CAI di Rivarolo, ma nonostante accurate ricerche, del triangolo nessuna traccia: pazienza. Discesa alle baite di Pian del Rio per sosta pranzo. Anche questa gita è da annoverarsi fra le più belle gite di questo 2011 che sta volgendo al termine. Nessun umano sul percorso e soltanto un paio di pernici in volo.


[visualizza gita completa con 12 foto]
Ambiente selvaggio e solitario gita poco frequentata panorama molto bello, giornata bella e calda con vento di phon. Buona la tracciatura del sentiero rifatta da poco, sperando che questo avvenga anche per altri sentieri che inesorabilmente stanno sparendo. Ciao Barby & Roger

[visualizza gita completa]
Bisogna essere convinti, dopo avere perso il sentiero per le alpi Pasquà, ad arrampicarsi sugli alberi e sulle roccette... A parte questo, bell'itinerario!

[visualizza gita completa]

Ci sono anche stati ...

  • 11/08/08 - sillylamb
  • Caratteristica itinerario

    difficoltà: EE :: [scala difficoltà]
    esposizione prevalente: Varie
    quota partenza (m): 1074
    quota vetta/quota massima (m): 2412
    dislivello salita totale (m): 1338

    Ultime gite di escursionismo

    30/05/20 - San Besso (Santuario di) e Monte Fantono da Campiglia Soana, anello - sergio 51
    Terza gita "religiosa" di fila, dopo S. Cristina e Prascondù; tutti punti per un buon posto in Paradiso. Breve ma ripido anello in una giornata freddina e semi coperta, per accompagnare Piero, torna [...]
    30/05/20 - Pessa (Colle della) da Carella per Alpe Bellono e ritorno per San Bernardo di Mares - laika58
    Gitarella pomeridiana in compagnia di mia moglie - Salita su strada poderale e sentiero sino al rifugio alpe Bellono, dove purtroppo la gita si è conclusa a causa di un temporale - Dopo un pò di att [...]
    30/05/20 - Vallone (Punta del) dal Santuario di Prascondù per il Colle Crest, anello per Cima Rosta - guido.ch
    30/05/20 - Gregorio (Monte) da Quassolo, anello per il Monte Cavallaria - rfausone
    Percorso sporco ed invaso fa erba molto appena usciti da Coassolo e quasi fino a Praja. Poi per il resto in condizioni normali. Io sono in realtà andato alla P. Pian dei Francesi e del Pianello. Spe [...]
    30/05/20 - Rocciamelone da la Riposa - coste
    Si può fare tranquillamente con scarpe da trekking. Due brevissimi nevai e ancora un po' di neve sotto la vetta.
    30/05/20 - Limbo (colle del) da Oropa - franco1457
    Riprendo le escursioni con il sempre in forma l’ottantanovenne Gausolino. Trovati a Oropa mi propone un itinerario per me nuovo. Il tempo è variabile con la solita nebbia in arrivo. Saliamo al Lago [...]
    30/05/20 - Bonne Mort (Pointe de la) da Glacier per Mont de Balme - rocri76
    Salite sulle due punte , grazie alla traccia scaricata ,esente ormai da neve entrambe.nessuno sul percorso vista mozzafiato.in compagnia di tizy e manu Confermo che sulle cartine hanno invertito le quote.....