Rossa di Sea (Punta) anticima 2764 m da Balme

neve (parte superiore gita) :: Crosta da rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: Primaverile/Trasformata
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Temperatura frizzante a Balme, -5 gradi alla partenza, saliti fino al Rif. Ciriè e messo rampant subito dopo il rifugio, agevole salita fino all’anticima sciistica. Discesa a parer mio piacevole dal percorso di salita, inizio su crosta da vento dura senza pronunciati e fastidiosi sastrugi, una parte intermedia bella trasformata, dal Pian della Ciamarella di nuovo dura per via della poca esposizione al sole, tutto sommato sciabile e mai sfondosa.
Con un bel gruppo di 7 simpatici amici, oltre a noi in zona un solitario.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Primaverile/Trasformata
neve (parte inferiore gita) :: Primaverile/Trasformata
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Altro giro stupendo in Val d'Ala. Solita partenza da Balme per mulattiera con rapida salita a Rocca Ciarva. Dalla punta per la prima volta abbiamo sceso il pendio canale poco sotto la croce, non pensavo si potesse sciare quella parete ma due tracce erano presenti cosi dopo aver valutato una possibile discesa non troppo impegnativa per noi, siamo entrati. Bisogna collegare un pendio con un canalino ma la parete è fattibile, non con qualche difficoltà.
Da pian Ciamarella abbiamo risalito il Ghicet di Sea (ramponi) e la punta alla sinistra. Simone ha risalito anche il canale tra il Ghicet e punta Franci, sempre bella neve, poi mi ha raggiunto al Ghicet. Dal Ghicet per cresta abbiamo raggiunto la Rossa di Sea. Iniziamelte conviene raggirare il puntone roccioso a sinistra per poi scendere nella conca e risalire il pendio a proprio piacimento verso la cresta che porta alla Rossa. Nuovamente discesa per il canalone davanti alla Masinà sempre superbo con neve ancora ammorbidita!
Altro girone che ci mancava, con Simo ;)

[visualizza gita completa]
attrezzatura :: scialpinistica
Tanta neve al Pian della Mussa: circa 2 m di neve pressata. Vale la pena andare anche solo per vedere tanta abbondanza. Sono salito dal canale che parte dalle prime baite che si incontrano sulla destra al Piano. Salita molto diretta su pendii molto sostenuti, dai 30 ai 40°. Grazie all'ora tarda, sono salito senza difficoltà (la neve iniziava a mollare in superficie), ma per l'uscita finale sui piani superiori ho preferito mettere i ramponi. Discesa. Parte alta bruttina: placche da vento portanti ancora molto dure e zone con sasturgi. Appena la pendenza aumenta, ottimo firn. Nel canale neve non bellissima: in questo caso l'ora tarda l'ho pagata, trovando neve mollata troppo.
Penso che l'ora giusta per scendere sia tra le 12 e le 13.

[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Primaverile/Trasformata
neve (parte inferiore gita) :: Primaverile/Trasformata
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Mulattiera sino al ponte, di fronte alla Masinà prendo direzione verso il canale sud che scende proprio sopra la strada. Risalgo questo canale prima parte sci ai piedi lungo il piccolo conoide poi sci a spalle per la prima metà dove le pendenze variano dai 30/40 gradi in base alla linea che si sceglie, sia in salita che in discesa inizia a scoprirsi qualche pietra essendo stretto ci sono un paio di passaggi obbligatori ma nulla di che. La parte non visibile del canale è uno vero spettacolo tra pianori e impennate dove si può scegliere il percorso a proprio piacimento, sci a spalle o nei piedi. Per arrivare alla Rossa di Sea scialpinistica bisogna proseguire l'ultima parte del canalone tenendosi a sinistra superando un pendio sci a spalle (non ho usato i ramponi ma la picca stando nella massima pendenza, mentre nelle zone nei pressi delle rocce o dove si addolciva un pò tendeva a sfondare visto il grande caldo). Si sbuca lungo la cresta tra le due punte oggi ho scelto quella scialpinistica. Discesa che non ha aggettivi consoni alla neve di oggi, moquette dalla cima alla strada (sceso alle 13h). I pendii hanno varie pendenze dove ci si può divertire in base alla proprie capacità, l'ultimo terzo del canale un po' più laborioso ma sempre bello. Casco "obbligatorio" molte pietre e addirittura un blocco di neve buttato giù da dei simpatici camosci.
Canale davvero poco conosciuto, ora è presente la traccia per chi volesse approfittarne non potrebbe essere in condizioni
migliori sia di sicurezza che di neve. Domani altro giro chissà cosa ne uscirà ;)
11 Km/ 1288+ dal park

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Sci a spalle fino a pian ciamarella (per questo una stella in meno) poi perfetta. Inutile aggiungere altro

[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: Strada aperta fino al pian della Mussa
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Si spallano gli sci fino all’inizio di Pian Ciamarella, poi innevamento continuo fino in cima.
Oggi, pur non facendo eccessivamente freddo, gran rigelo e neve che iniziava appena a mollare quando ho iniziato la discesa (10,30), visto il forte vento che già soffiava al Pian della Mussa la scelta è stata pressochè obbligata ed azzeccata vista l’esposizione favorevole dell’itinerario che è sempre stato al riparo dal vento , ad esclusione della salita fino a Pian Ciamarella e in cima, rendendo gradevole e appagante la salita
Sulla Rossa solo un paio di skialp incontrati in discesa e qualcuno con le racchette a Pian Ciamarella, gita in ottime condizioni.


[visualizza gita completa con 9 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: si parte da Balme
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Visto che ha piovuto/nevicato tutta la notte è stata una gita un pochino azzardata , ma ci è andata bene .Si parte dal piano della Mussa, portage di circa 200 metri , c'era vento e nevischiava ,questo ha permesso alla neve di mantenersi .Discesa su farina non doppio 00 ma più che godibile ,solo al Pian Ciamarella un pò sfondosa
con Gisele


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte inferiore gita) :: assente
note su accesso stradale :: Strada chiusa a Balme, pista di fondo praticabile.
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
Sui versanti sud la neve è davvero poca...
Salito sci in spalle passando dall'Alpe Rulè per la mulattiera (molti branchi di stambecchi). Dal pianoro neve primaverile bella.
Discesa molto bella, su neve primaverile. La neve termina 100 m circa sopra il rifugio Ciriè, dopo portage.
Bella gita.




[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Strada pulita e chiusa a Balme
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Si parte ancora sci ai piedi ma nel sentiero vi sono alcuni tratti in cui la neve manca. Giornata calda e soleggiata con assenza di vento. Per raggiungere Pian Ciamarella occorre portare gli sci a spalle dal rifugio Città di Cirie' per circa 250 metri di dislivello. Poi si sale agevolmente fino all'anticima senza rampant, oggi non necessari. Utili invece i ramponi sul traverso del ripido pendio sommitale. Il percorso comunque non è intuitivo ed occorre prestare sempre attenzione per non allungarlo inutilmente. Discesa con neve già primaverile a tratti molto bella. Siamo poi saliti, ripellando, al colle Battaglia con discesa su firn e qualche slalom tra le grosse valanghe abbatutesi sul pendio. Da Pian della Mussa a Balme abbiamo poi seguito la strada, ancora innevata per la maggior parte del tragitto. Brevi, ancora per poco, i tratti in cui occorre togliere gli sci. Con Matteo e Luca.

[visualizza gita completa con 9 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
sci dall'auto - saliti dietro la trattoria bricco - sci in spalla per il sentiero estivo sino oltre l'alpeggio Rulè - neve in alto ventata e non trasformata - scesi su pian Ciamarella e poi breve tratto in discesa sci in spalla da dietro il rifugio Ciriè scesi sino a Balme

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: NN
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti lungo la pista di fondo, alle Grange della Mussa, portage lungo il canale che porta all'Alpe Rulè fino al valloncello che si congiunge con l'itinerio dal Rifugio Ciriè; considerare circa 300m di dislivello su sentiero ripido.
Data la temperatura la neve è in trasformazione.
Nel primo tratto della discesa, crosta portante alternata a primaverile, successivamente neve primaverile molto divertente. Ripellato e risaliti al colle della Battaglia, discesa continua lungo il Ghicet di Sea su neve fantastica fino al pianoro, poi con pista di fondo a Balme.

Con l'amico Marcello

[visualizza gita completa]
attrezzatura :: scialpinistica
Gita in ottime condizioni. Si parte da Balme sci ai piedi (pista dx orografica). Giunti al Rifugio occorre sobbarcarsi portage sino a Pian Ciamarella su sentiero dietro al rifugio, ormai senza neve. Quando si incontra neve nel canale meglio continuare a piedi sino al Piano. Da qui i rampant si fanno utili, soprattutto se si scelgono le tracce più ardite. Giunto all'anticima sciistica, ho proseguito con gli sci fin dove umanamente possibile e poi con picca e ramponi (indispensabili) ho continuato per cresta sino alla vetta massima. Lunga, ma consigliabile. Panorama notevole sulla Mondrone e sui pendii intorno al lago del Ru... In discesa, dopo aver recuperato gli sci, neve bella che puo' ancora migliorare nella parte alta ( ma si trovano 'vene' portanti molto piacevoli) poi vieppiù piacevole via via che si scende; commovente nel canalone a metà discesa. Inevitabile la risalita a col Battaglia che offre in cambio ottimi pendii con bella neve sino al Rifugio. La strada del Piano è ancora abbastanza veloce e la pista pedonale si scende bene, ponendo un po' di attenzione, nella parte bassa, a qualche pietra evidente. Si arriva all'auto. Molta gente in giro, qui e alla Franci.
Volevo fare un gita di ripiego causa dito sbrindellato dalla circolare, punti, vaccini, antibiotici, e via dicendo. Poi, visto che il dito non si lamentava, ci ho preso gusto e ne è uscito un gitone... Nel ricordo di Alberto G.N.


[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Dopo l'abbondante farina di venerdi scorso girando tra Fournier, colle Begino e qualche traversata oggi ho deciso di stare vicino a casa cambiando completamente esposizione.
Si parte sci ai piedi dalla macchina, mulattiera ben battuta con qualche pietra che affiora alla partenza poi buona copertura . Dal Bricco saliti lungo il sentiero estivo, purtroppo lungo i pratoni non ce' neve quindi sci a spalle per accorciare (consigliata anche la discesa da Col Battaglia, ovviamente più lunga). Traverso con buone peste e non ghiacciato (ore 11.00) di li ottima salita come meglio si crede su buona neve trasformata e che aveva mollato appena. Dalla punta, ovvero dove ce l'ometto di pietra, abbiamo proseguito per cresta verso la cima alpinistica della rossa di Sea, con ramponi indispensabili nei tratti più dritti e duri. Be per la discesa niente da dire la migliore della stagione su neve trasformata con due dita di pappina sopra. Non siamo arrivati in punta ma solo all'anticima, da dove siamo scesi diretti su pendii sostenuti per per riportarci tutto a destra dentro il canalone. Riscesi poi per il traverso e sentiero fin sopra bricco.
Con SImo ;)
Anche con queste temperature non occorre scendere prima della mezza, l'1. Super consigliata finchè non cambiano condizioni e temperature.

[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: osservato fratture nel manto
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti dopo una super colazione al RIfugio Ciriè.
Saliti a Pian Ciamarella portando gli sci a spalle per circa 50 metri di dislivello collegando diverse lingue di neve.
Saliti sulla dorsale di sinistra. Neve trasformata fino a quota 2600, poi, sotto la cima, più ventata con sastrugi e croste da vento portanti.
Il discesa abbiamo sciato le dorsali: PERFETTE! Trasformino e pendenza ideale. I lati delle dorsali verso est hanno qualche accumulo che nelle ore più calde e sul ripidio devono essere valutati.
Alcuni accumuli hanno delle fratture e verso quota 2500/2600 vi sono diversi grossi buchi in prossimità delle rocce affioranti.
Scesi al Ciriè togliendo gli sci come in salita.
Nel complesso super sciata molto consigliabile.

Con questa gita si è conlcuso il Corso Base di Scialpinismo. Grazie a tutti i partecipanti con i quali ho trascorso quattro splendide giornate. Ed ora, buone pellate e buone curve!


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Stradina da Balme al piano in buone condizioni. Salito dietro a Bricco sui prati, rimesso gli sci dopo il traverso. Sono sceso verso le 12: in alto neve ancora dura lavorata dal vento, scendendo migliora e sui pendii ripidi in basso bella trasformata. Risalito a colle Battaglia, sono sceso su splendida granatina primaverile.

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Si mettono gli sci sopra bogone. Salito a piedi sul sentiero dietro a bricco fino ai piani sopra pian ciamarella. Poca neve in alto molto lavorata dal vento, in basso primaverile scendendo tardi. Discesa sul rifugio Ciriè in parte a piedi.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: Libero
attrezzatura :: scialpinistica
Salite e scese dal lato battaglia per allungare un po'..neve marmorea dappertutto sia in salita che in discesa. Senza coltelli si tribola e bisogna fare parecchia attenzione. Con Enrica. Incontrati gli amici nonché gulliveriani Cecco e Star e altri skialper sul percorso. Peccato non abbia mollato se no ci si diverte.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Tutto ben commentato da Cecco. Allego qualche foto.

[visualizza gita completa con 10 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: Ok
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Come l altra settimana neve continua dal piano della Mussa,sotto si è mangiata ancora,la strada asfaltata non è più interamente percorribile sci ai piedi e i lastroni son sempre più di ghiaccio vivo.
Anche la strada al piano è bella dura.
Dopo il Ciriè Siam saliti sul pendio ormai al limite x chiazze,rampante indispensabili oggi,da pian ciamarella la situazione neve migliora in quantità,ma non in qualità purtroppo....
Se si ha gamba sicuro meglio salire dal battaglia ma si allunga e aggiunge dislivelli dovendo ridiscendere un 200 MT.
Dopo il piano il manto è ben continuo,molto duro nella parte bassa ed estremamente rimaneggiato nella parte alta,occhio alle placche e accumuli.
Si sale comunque bene sulle dorsali con rampant evitando gli accumuli maggiori.
Gita con bello sviluppo e pendii,peccato la neve di oggi,Panorama super,vento forte,ma non esagerato, solo in cresta.
Discesa cercando le placche più lisce e compatte,ma oggi era marmo ha mollato nulla,pur facendo caldino.
Per la discesa a maggior ragione se uno ne ha conviene risalire al battaglia sicuramente più sciabile e se molla un po' non male di là.
Dal pian della ciamarella come da relazione invece si è al limite tra togliere gli sci o arrabattarsi nelle lingue crostose.
Strada al piano veloce dopo la discesa su balme delicata,o sci a spalle sulla sterrata.
Con star


[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Libero
attrezzatura :: scialpinistica
Ottima sciata primaverile in attesa di neve.

Già detto tutto da Gianni. Partita sola poi aggregata a loro, per fortuna perché da lì non ero mai salita. Grazie a Bruna, Gianni e Pier per la compagnia e per la birra provvidenziale al battaglia, ci voleva!
Ottimo inizio.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
Nonostante la penalizzazione del portage iniziale sino a poco dopo le case di Bogone, la gita è in ottime condizioni, verrebbe da dire purtroppo, perché si tratta di condizioni primaverili. In salita si possono tenere gli sci senza soluzione di continuità passando, qualche centinaio di metri dopo il rifugio, a destra per pendii ben innevati e ottima traccia che sbuca poco sopra pian Ciamarella. Poi, nessun problema sino in vetta (siamo andati alla più alta delle anticime sciistiche).
In discesa i primi cento metri sono di neve compressa dal vento ma ben sciabile, poi inizia una bella primaverile di ottima qualità con sezioni di estrema goduria. Ci si destreggia poi senza difficoltà per raggiungere, traversando a destra, l'inizio della risalita a col Battaglia che è consigliabilissima per l'ottima neve che si trova dietro in discesa; anzi vale la pena di tenere la traccia più alta che risale ben oltre il colle e consente di aumentare la goduria. Qui trovata bella neve ancora alle tre del pomeriggio...
Il Piano è innevato con neve dura e veloce che agevola di molto la discesa. In fondo al piano noi abbiamo preferito comunque scendere a destra per il percorso pedonale che ha neve più continua, fin dove c'è. Poi giù velocemente per prati.
Ci fosse neve fino a Balme, sarebbero cinque stelle.
Con Bruna, Giulia e il fido Pier.

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Strada chiusa a Balme
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Si potrebbe argomentare che le stelle debbano essere solo 4 a causa del portage iniziale e sci di fondo al Pian, ma il resto della gita compensa cosi' tanto che il voto pieno ci sta. Dunque: sci ai piedi all' inizio del Pian della Mussa, dove comincia la neve. Si passeggia fino al Rifugio Citta' di Cirie, dove si puo' cominciare a salire. Dapprima copertura nevosa sufficiente con qualche passaggio obbligato, poi buona da quasi subito, poi ottima, poi eccezionale per una meta' novembre. E, cio' che conta di piu', tutta primaverile fuori stagione da fondo a cima. Mai visto una cosa del genere.. Ottimo grip permetteva di salire senza rampant, tranne gli ultimi 20 m, piu' ripidi, la' li ho messi per sicurezza. Meteo bellissima, le nebbie in basso si son dissolte.. Discesa stratosferica su moquette.. La zona pietrosa a circa meta' fa un po' saltellare, ma non si tocca niente.. Il problema dei giorni successivi sara' che non mollera' perche' fara' freddo. Oggi invece eccezionale (inizio discesa ore 11:40). Consiglio piu' tardi col freddo previsto nei prossimi giorni.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: molto bagnata
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Si spallano gli sci sino al Pian Ciamarella. Rigelo nullo. Salito prima Punta Franci con il pendio finale molto sfondoso.
Ridisceso nel canale, ripello e salita alla punta scialpinistica della Rossa di Sea. Altra breve discesa nel canale per ripellare sino al Ghicet di Sea.
Discesa su neve molto marcia sino al Pian Ciamarella per un' ultima ripellata al Colle Battaglia.
Dal colle si scendono ancora alcune lingue di neve , quindi ritorno alla macchina sci in spalla.
Ottima polenta concia da Muyo.
Finito pranzo....pioggia.


[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: libero
attrezzatura :: scialpinistica
Innevamento su stradina pressoché continuo da Bogone. Saliti dietro il Bric sfruttando una grossa valanga ripida (quasi da coltelli stamattina) che porta al sentiero estivo che si percorre a piedi per spostarsi poi a sx a prendere un traverso di neve che dà accesso al vallone. Da qui in vetta innevamento continuo e manto omogeneo. Scesi a pian ciamarella tenendosi a sx nel canalino si arriva dritti sul sentiero che in pochi minuti porta al rifugio città di cirie. Scesi alle 9 neve ancora un pelo dura ma già così al piano era sfondosa e non scorrevole. Peccato che avessimo tempistiche ristrette perché sarebbe stato da andare sulla vera vetta della Rossa oggi.
Meteo fotonico. Come già detto super condizioni dappertutto in zona..manca solo l'alta pressione.. Con Moza.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto cadere valanghe a pera
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: starda chiusa a balme
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
15' a piedi fino alle case di Bogone, poi si possono mettere gli sci. Sono salito al solito dietro a Bricco, togliendo per un pezzo gli sci e seguendo il sentiero per l'alpe Rossa. Neve pesante e sfondosa gia' al mattino in salita, gli ultimi 200 metri fondo duro con 2 dita di fresca. La discesa e' stata molto meglio del previsto, neve molle, lenta, ma comunque sciabile cercando i pendii piu' ripidi (e cosi' ho anche fatto partire una piccola slavina...). Sfruttando le valanghe nei canali si arriva al Piano con gli sci e quindi si scende sulla stradina fino a Balme (togliendoli un paio di volte). Molta neve pesante ovunque, il canale delle Capre non sembra in grandi condizioni. Se scendesse la temperatura, anche solo di notte, ci sarebbero ancora delle bellissime gite.

[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: Strada chiumsa a balme
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Meglio del previsto.scesi ore 10.30.saliti da bricco.ottimo rigelo dalla punta fino a 2100. Poi ancora non male fino ai tre alpeggi. Da li marcia ma non terribile e in 200 metri si arriva al piano.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: Balme
attrezzatura :: scialpinistica
Confermo quanto detto nella relazione precedente, salito x canale dell' Alpe rule da qui per accedere ai pendii superiori bisogna salire e compiere un traverso a sinistra, di alcuni metri, ma piuttosto ripido ed infido. Ho preferito togliere gli sci e mettere i ramponi. Grazie alla compagnia trovata durante la gita! Discesa verso il pian della ciamarella e birra al rifugio città di ciriè. Bella giornata e caldo anomalo!

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti sci a piedi da Balme ore 6:30. Fino al piano e 30 min oltre, niente rigelo, poi perfetta tenuta con qualche attraversamento per il quale sono consigliabili i coltelli. Discesa perfetta fino ad arrivare al versante sul piano dove si cerca di scendere il più velocemente possibile. Giornata estiva
Dopo lungo tempo in coppia con Gianluc, ottimo compagno. Con noi anche Leon e Margot un po' in difficoltà nella neve sfondosa.


[visualizza gita completa con 2 foto]
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti e scesi passando per il Rifugio Città di Ciriè. L'ultimo tratto per raggiungere la vera vetta anche se un po' accidentato è molto bello.
Le condizioni sarebbero ottime con 10°C in meno. Oggi rigelo consistente oltre i 2000 m e neve buona per discesa su esposizioni ovest fino alle 12 massimo. Decisamente brutti per neve marcia solo gli ultimi 200 m sopra al rifugio.
Dalle 12 in poi visto e sentito numerose scariche da pendii ripidi, in particolare su esposizione Est sotto la Ciamarella e dintorni, una arrivata nei pressi dello sbocco del canale d'Arnas.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1300
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti dal Rifugio Ciriè, Colle Battaglia, discesa su Pian Ciamarella, risaliti al Ghicet di Sea, discesa sino a imboccare i pendii a sx che portano al colletto e successiva valletta sospesa che consente di arrivare alla punta sciistica della Rossa più a ovest. Discesa sui pendii a sud su ottima neve primaverile sino a pian Ciamarella. Breve risalita per prendere gli ottimi pendii, sostenuti, sulla dx idrografica del vallone che scendono sul Pian della Mussa.
Itinerario consigliato.
Da info di clienti ancora farina nel vallone delle Mangioire.

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti da Balme abbiamo tagliato sul canale dietro Bricco. Messi i ramponi per i pochi metri di attraversamento del canale. I primi 100-150 metri in discesa hanno ancora un poco di crosta, evitabile scegliendo i pendii meglio esposti (per questo ho tolto una stella). Piu' in basso, sul ripido, ottima primaverile. Siamo scesi lungo il sentiero estivo arrivando su bella neve fino al rifugio Cirie'. In questa ultima parte sono presenti diverse piccole valanghe da distacco sul prato, forse qualcosa si puo' staccare ancora, conviene passare velocemente. Comunque gita consigliabile.

[visualizza gita completa con 2 foto]
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti all'alpe rulè dalle grange della mussa. Portage di 10 min sulla strada per il piano poi neve continua. Salita dalle grange con sci a spalla poi neve stupenda fino in cima. Discesa su neve perfetta che ci ha fatto allungare fino a pian ciamarella e quindi al Ciriè, ritorno ovviamente lungo fino all'auto ma ci sta. Giornata top con Andrea.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Strada chiusa a Balme
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Dopo una settimana di sole, una bella nevicata..! Nonostante sia il Primo Aprile, stavolta non è stato uno scherzo..però non tutti i mali vengono per nuocere, siamo arrivati in punta, abbiamo usufruito di una parziale schiarita (anche se non con cielo azzurro ovviamente) e la neve era davvero molto bella (mezza spanna di fresca su fondo duro).Tutto ciò fino ai canali sopra Bricco. Dopo è stato un po' ravanage, la prima parte direi che è ormai praticamente agli sgoccioli, le zone prative (salvo nevicate che però non penso potranno aggiustare più di tanto la situazione) sono ormai estese.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Questa volta metto 5 *. Condizioni perfette: sci ai piedi praticamente dalla macchina, ottimo rigelo, sole caldo e primaverile molto bella (scendendo verso le 11). Direi la migliore (e forse ultima?) Punta Rossa di quest'anno. Consigliabile ancora per qualche giorno, poi bisognera' portare gli sci per qualche pezzo. Per ora si sale (e scende) anche dietro a Bricco sempre con sci ai piedi.
Un saluto a Gianni, Giorgio e Mario.

[visualizza gita completa con 2 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Vetta scialpinistica della Punta Rossa di Sea, 2764m da Balme, 1325m di dislivello.
Bella gita inedita approfittando dell'SA1 della Scuola Ribaldone, circa 27 partecipanti tra allievi e istruttori.
Innevamento sufficiente per salire dal pendio soprastante le Grange della Mussa, in discesa tagliato a dx verso l'Alpe Ciamarella, con qualche piccolo ravanamento sopra il Rif. Cirie' senza togliere gli sci.
Neve primaverile come piace a me a tratti sfondosa, le velature non hanno compromesso la visibilita', coltelli talvolta utili.
Sosta merendera al Bar Maronero di Ala di Stura.
Grazie al compagno di gita Giovanni Marzona, autore di meta' delle foto, ed al gruppetto degli aggregati con cui ho condiviso salita e discesa!

[visualizza gita completa con 12 foto]
attrezzatura :: scialpinistica
Bella gita come ben descritto da "bagee" aggiungo solo che è stata raggiunta la cima sciistica quota 2764. Di soddisfazione la sciata per gran parte del percorso. Con gli amici della Ribaldone

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Itinerario classico che personalmente non avevo mai percorso, molto panoramico e rilassante...bella sciata!!Per la qualità della neve confermo quanto riportato da precedente relazione e aggiungo che sotto i 2250 per circa 200 fino all'imbocco dei canali più ripidi, bisognava fare molta attenzione agli improvvisi cambi di consistenza della neve, da dura compatta a sfondosa stile sabbie mobili con chiari problemi di sicurezza nella sciata!!

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Ok
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti alle 7,30 da Balme sotto un cielo grigio e rigelo sufficiente; saliti dietro Bricco tra qualche macchia d' erba che sta venendo fuori, ma si passa, coltelli utili ma non indispensabili; da quota 2100 neve continua anche se, sopratutto in alto, spuntano più pietre di 3 settimane fa; l' ultima neve non è ancora completamente trasformata, alterna zone di buona tenuta a zone piene d' aria ove si sfonda facilmente; tutti in cima alle 11,30; in discesa, sino attorno ai 2250 m., scegliendo bene le esposizioni, va meglio del previsto, più in basso neve più difficile; una parte è scesa al piano sull' itinerario di salita, altri su Pian Ciamarella, ma, al momento, non è un' idea brillante, sul pendio dietro il rifugio Ciriè sci in spalla sino al piano.

150 m. sotto la cima abbiamo incrociato delle orme di lupo....
Uscita del Corso di scialpinismo SA1 della Scuola G. Ribaldone
Un grazie ed un saluto a tutti, Istruttori ed allievi


[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Non si tolgono mai gli sci. Salito da dietro Bricco. Non sono arrivato in cima. A quota 2600 fermato e sceso. Partito troppo tardi da Balme.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti dietro Bricco su residui di valanga e neve dura che comincia a lasciare scoperte chiazze di erba, ma con un po' di ricerca si rimonta la parte ripida ancora facilmente; dai 2100 m. neve continua quasi completamente trasformata; utili i coltelli; iniziato discesa verso le 12,30, neve rinvenuta al punto giusto, 5 stelle sino all' inizio dei pini, poi muovendosi con attenzione, si riesce ad avere continuità di discesa sino al piano ma le stelline si riducono a 4; con queste temperature la parte bassa è destinata a deteriorarsi rapidamente.

Giornata molto meno fredda del previsto, sole caldo ed aria fresca in alto;
con Denis, Massimo, Enrico, Paola e Pietro il palista.


[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Strada chiusa a Balme
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Sci ai piedi da Balme, grazie alla stradina ben battuta. Salito con ramponi dietro Bricco su neve durissima. In alto un po' di crosta ma scendendo non presto si trovano subito i pendii ripidi trasformati non troppo duri. La discesa nella parte bassa un po' da artisti, tra valanghe e grumi di neve. Comunque divertente e oggi giornata spaziale con discesa in maglietta. Stranamente nessuno in giro.

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: LIBERA FINO A BALME
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Partito da Balme seguendo la mulattiera fino al pian della mussa poi risalito i pendii a destra visto che le valanghe che potevano staccarsi dai due valloni si erano già staccate
Bella gita come sempre peccato per la velatura che non ha fatto si che la neve mollasse ed infatti consiglio i coltelli per risalire.
la neve è già trasformata su tutto il percorso in alto x me che peso quasi 100 kg e con gli sci corti è stata dura non affondare ma qualcuno piu leggero si sarebbe divertito!
Visto numerose tracce precedenti e incontrato diversi skialp in zona che facevano gite un po su tutti i versanti dal pian della mussa ed anche nel vallone dei cornetti da Balme.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
punta rossa in condizioni perfette. buon rigelo che grazie a qualche nuvola non ha mollato. saliti dietro a bricco, poca neve ma si passa senza togliere gli sci (per poco). scesi da pian ciamarella su divertente toboga sul torrente. tolgo una stella perche' ho dovuto togliere gli per 10 m sopra il cirie'. con giorgio sempre in forma e chiara, oggi meno in forma...

[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: parcheggiata l'auto un pò prima del ponte settecentesco di Bogone
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Attraversato il ponte a piedi e messi gli sci subito dopo saliti al piano e poi diretti nel vallone alle spalle delle grange della Mussa, sci a spalle, giunti all'alpe Roulé ci siamo tenuti alla destra del promontorio sbucando sul pianoro a quota 2200 in direzione della cima sci-alpinistica, raggiunto la cima su neve eccezionale, gelata ma ammorbidita dal sole di una splendida giornata, iniziata la discesa alle 11.30, tutto bello, talmente bello che, nel canale che da Pian Ciamarella scende al piano, dietro il rifugio Città di Ciriè, invece di uscire sulla spalla erbosa togliere gli sci e farne un pezzetto a piedi ci siamo infilati nel canale sino in fondo per poi scoprire che non si passava e quindi tolti gli sci siamo risaliti per 100 mt e scesi a piedi sino al rifugio.
Dal piano neve collosa. Di quest'anno senz'altro la sciata migliore, considerando l'affollamento del vallone dei Frè per Autour e Chiavesso e le descrizione della neve, abbiamo scelto il versante migliore.
Saliti e superati da altro ski alp solitario poi in vetta visto altri tre sulla punta alpinistica e altri due provenire dal vallone del Ghicet di Sea e diretti anche loro alla punta alpinistica.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: Ok fino a Balme
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Al mattino la pista da fondo e la stradina sul versante opposto del torrente non erano battute: crosta sfondosa demoralizzante con neve profonda sotto.. Siamo saliti direttamente dalle Grande della Mussa: sui pendii ben esposti al sole la neve era in via di trasformazione, nei punti più pianeggianti o non molto soleggiati crosta non portante. A circa 2200 m abbiamo bucato la coltre di nuvole e nebbia e siamo riusciti a vedere l'eclissi. La dorsale per raggiungere la cima era ben innevata: la prima breve pala sotto la cima, esposta a est, era in neve molto molle, poi una seria di croste più o meno portanti fin sotto la cima sciistica; neve via via più trasformata scendendo di quota. La pista da fondo era appena stata battuta, evitandoci di dover ripellare per raggiungere la macchina.
Con Silvio.


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: buono fino a Balme
attrezzatura :: scialpinistica
Salito direttamente da Bricco con "portage" a tratti fino all'alpe Rulè da dove l'innevamento è continuo. Forse preferibile l'accesso "lungo" attraverso il colle Battaglia e pian Ciamarella.
Le tre stelle possono essere una valutazione abbondante ma oggi in alcuni tratti la temperatura aveva reso il pendio "ghiacciato" abbastanza gradevole dal punto di vista sciistico.....

- 23 -

[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: buono fino a Balme
attrezzatura :: scialpinistica
Salito direttamente da Bricco con "portage" a tratti fino all'alpe Rulè da dove l'innevamento è continuo. Forse preferibile l'accesso "lungo" attraverso il colle Battaglia e pian Ciamarella.
Forse le tre stelle sono una valutazione abbondante ma oggi in alcuni tratti la temperatura aveva reso il pendio "ghiacciato" abbastanza gradevole dal punto di vista sciistico.....

- 23 -

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti da Bricco: fin sotto all'alpe Rulè su lingue di neve da l'in su fino al colletto che svalica all'alpeggio della Rossa sci in spalle (circa 20 minuti). Buonissimo rigelo notturno, scesi alle 12 trovando neve perfetta che aveva mollato il giusto...puro piacere fino al rifugio Ciriè (un gava e buta poco sopra il rifugio se no neve continua).
Stradina scorrevole...Rossa in condizioni spettacolari oggi: vale il portage. Se si passa dal rif Ciriè neve continua tranne un pezzetto.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: buono
quota neve m :: 1300
attrezzatura :: scialpinistica
Salito direttamente dietro a "Bricco" con neve che comincia a scarseggiare nei tratti più ripidi ed esposti al sole...
Innevamento eccellente nei pendii superiori!!
La miglior discesa della settimana pur essendo partito tardi da Balme (9.30..) e sceso oltre il mezzogiorno!!

- 119 -

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: strada chiusa a Balme
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Salito dal canale dietro Bricco, c'e' poca neve ed e' sicuro (si puo' anche risalire a piedi). Neve primaverile molto bella, un po' marcia in basso (alle 11). Scesi direttamente nel canalone sotto la vetta estiva. Foto su La Fioca Ven Mola.
Un saluto ai soci (FFTG) che mi han fatto scoprire un nuovo itinerario di discesa!

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: Ok sino a Balme
attrezzatura :: scialpinistica
Per le condizioni meteo le stelle sarebbero molte, ma per la neve due stelle bastano e avanzano.
Necessari i coltelli. Discesa su crosta portante ma con tracce vecchie molto gelate. Tante pietre che si possono evitare con un po' di attenzione
Siamo scesi alle 11 forse un po' dopo le condizioni sarebbero state migliori .
Con Livio di Bertesseno.

[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1300
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti dalle Grange della Mussa verso l'Alpe Rulè per ripida traccia (coltelli). In discesa, per lo stesso itinerario, buona neve per lo più portante nella parte alta, poi via via trasformata. Parte bassa sfondosa ma nei tratti di canale svalangati ancora belle curve. Tre stelle tendenti alle quattro.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: strada pulita
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Bella. Neve ventata solo nei (pochi) tratti in piano o con pendenza modesta. Per il resto, neve primaverile, molto divertente in alto, un po' meno in basso, dove alle 13 era già sfondosa (e siamo a dicembre!!). Copertura nevosa ancora buona, nonostante l'alta pendenza dei pendii e l'esposizione sud piena. Divertente anche la pista di fondo per il rientro, fresata perfettamente dal gatto (grazie!).
Sconsiglio vivamente, invece, tutte le nord della zona (verso l'Autur, per intenderci): sono spelacchiatissime.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: buono
quota neve m :: 1100
attrezzatura :: scialpinistica
Salito alla punta sciistica...In solitaria battendo da "Bricco" in poi...(tracciatura piuttosto diretta..). Giornata molto bella con temperature gradevoli.
Prima parte di discesa da 4 stelle ma nella parte bassa (comunque prima del pian della Mussa) si sfonda parecchio e poi si passa ad una crosta da rigelo (sono sceso verso le 15..) abbastanza sgradevole. - 12 -

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
Ottime condizioni per questa gita panoramicissima, con pendii divertenti ed ampi. Si portano gli sci per una decina di minuti diedro il Rifugio Ciriè. Incontrate solo due persone.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Ok fino al parcheggio sotto il Rufugio Città di Ciriè
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
Portato gli sci in salita fino a Pian Ciamarella, di li in su neve perfetta fino in cima con rampant. Giornata spaziale. Sceso alle 9; risalito fino al colle Battaglia ed anche qui neve ottima, un pò più mollata; al fondo attraversato portando gli sci qualche minuto sul lato Rocca Venoni dove si arriva sci ai piedi.(grazie Garbo)

[visualizza gita completa con 18 foto]
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: aperto fino a pian della Mussa
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Non abbiamo fatto l'itinerario classico ma abbiamo preso a dx in fondo a pian della Mussa, subito superata una valanga e poi saliti fino al colletto superiore. Da lì siamo scesi attraversando una seconda valanga ed abbiamo preso il canale del torrente Ciamarella fino ad arrivare al molto ripido pendio finale. Al fondo del canale ci si tiene a dx e si sale sulla dorsale per poi portarsi alla cima scialpinistica. La discesa è stata veramente favolosa, nel canale del rio Ciamarella la neve era fantastica e la pendenza adeguata al giusto divertimento, compreso lo sci ripido iniziale. E' obbligatorio avere i coltelli per la salita. Se si vule percorrere l'itinerario classico direi di evitare di andare a questa punta, c'è troppo da portare fino a pian Ciamarella.

[visualizza gita completa con 4 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
neve da pian Ciamarella
Se si scende da colle battaglia occorre andare a prendere la neve verso rocca venoni con un traverso sci in mano
in questo modo si arriva sci ai piedi a rocca Venoni
Ultimo W/E per questa gita
Neve marmorea coltelli indispensabili !!
bel giro con Dario Gigi Ludovico e amico Valsusino


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
itinerario molto bello, sia per il lungo e regolare pendio finale, a tratti sostenuto e sciisticamente perfetto, sia per l'ambiente e l'ampio panorama a 360 gradi.

[visualizza gita completa con 13 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: in auto sino al parcheggio sotto al rif. Ciriè
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Stupenda gita accompagnata da una altrettanto bella giornata primaverile. Occorre partire presto e iniziare la discesa non più tardi delle 10,30. Salendo, portage di circa 15 min dopo il rif. Città di Ciriè per imboccare il canale (da qui innevamento continuo) che porta al Pian Ciamarella.Utili i coltelli su tutto il percorso.Dalla vetta sciistica scesi su ottima neve trasformata (super 5 stelle !!)nuovamente al Pian Ciamarella, ripellato alla volta del Col Battaglia.Ottima discesa sul Pian della Mussa su un dito di neve morbida su fondo duro. Valanghe cadute tutte evitabili senza fatica. Di qui con gli sci ai piedi sino al parcheggio.
con Marvi


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Partenza dal Rif. Ciriè alle 7. Otrtimo rigelo e neve che si è mantenuta compatta fino alle 11 passate. Gran giornnata. Raggiunta prima la quota sciistica e poi un' anticima quotata 2849 m. sull' IGM, la più alta fattibile con sci ai piedi, in 15 minuti circa.Con Andrea e il giovane Luca, incontrato alla partenza. Gran folla di turisti attorno lungo la strada e al rifugio: si sente già l'aria quasi estiva.

[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
gita molto bella, aggiungo solo il video della discesa
?v=O1mx-JwBWX8

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Ottima gita. Noi siamo saliti dal Bricco scegliendo di mettere gli sci a spalle per un pò.Molto bella la discesa;firn bellissimo fino al Pian della Ciamarella dopo neve continua ma pesante fino a Balme. Oggi alla Rossa eravamo una ventina.

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti facendo il giro dietro al Cirie si tolgono gli sci solo x un 20 di metri. Rigelo notturno buono . Scesi verso le 12 su neve perfetta fino al Pian di ciamarella , dove comincia a mollare , risaliti fino al col battaglia e sfruttando i versanti esposti ad ovest si arriva su neve bella fino quasi al rifugio . Poi inizia il patimento che toglie la stellina . Neve pesante di tutto il piano . Scendendo dal sentiero estivo neve molle ma fondò duro ci si diverte . Insomma na bella gita con una giornata senza vento e sole caldo . Ambiente eccezionale con ciamarella che scarica di continuo
Con Gigi Cucut . In cima molti skialper


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
attrezzatura :: scialpinistica
Rossa fantastica. Saliti da pian Ciamarella si tolgono gli sci per 4, 5 metri. C' è chi è salito da bricco portandoli un po'.
Discesa fantastica verso mezzogiorno su firn bellissimo. Le quatto stelle solo perchè la neve a pian Ciamarella in piano era lenta e la discesa sul Ciriè con neve pesante. Strada del piano poco scorrevole. Consigliata. Oggi solo in tre.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Ottime condizioni, neve dura ma non troppo. Salito fin quasi in vetta alla vera cima, poi sceso per il valloncello del Ghicet di Sea fino a pian ciamarella. Risalito alla Rocca Ciarva e sceso da lì fino al Pian della Mussa. Condizioni di gran soddisfazione

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Buon rigelo notturno che ha permesso una salita su un fondo perfetto; i coltelli possono essere utili ma non indispensabili; neve ormai scarsa dietro il Rif. Ciriè e fino all' ingresso nel canalino che porta al Pian Ciamarella, canalino che nella parte superiore è ancora perfettamente sciabile;
in cima a mezzogiorno, inizio discesa verso la mezza su un firn da favola sino al termine del Pian Ciamarella; unica piccola stonatura qualche cumulo di calore che ha un po' disturbato la visibilità nella parte alta;

Un saluto ai vari amici coi quali ho condiviso la salita ed un bravo al compagno Mario che, nonostante i buoni propositi di fermarsi a metà strada è riuscito ad arrivare quasi sino in cima!


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Scesi alle 12 e 30 su splendido firn primaverile. Sarebbe stata da 5 stelle ma una nube dispettosa in discesa ci ha tolto un po' di visibilità nella parte alta. Pista al pian della Mussa scorrevole. Temperature alta e assenza di vento.
oggi una decina di persone in cima. Passati da pian Ciamerella
Straconsigliata.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
quota neve m :: 1200
attrezzatura :: scialpinistica
Condizioni veramente buone.
Neve portante (utili i coltelli) sia in salita che in discesa che non ha mai mollato.
Abbiamo iniziato a scendere verso le 11 e 30 trovando un "firn" stupendo che ci ha permesso una sciata entusiasmante.
Panorama sempre eccezionale.
Con la sempre super Patrizia.


[visualizza gita completa con 12 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: aperta fino a Balme
quota neve m :: 1200
attrezzatura :: scialpinistica
Pasqua con azzeccata scelta di gita in condizioni splendide. Fuggiti dalla Val Susa per forte "gonfia" sperando nelle riparate Valli di Lanzo e così è stato.
La perturba si è limitata alla zona Col d'Arnas-Bessanese, lasciando tutto il resto tranquillo e valorizzato da un cielo blu cobalto.
Eccettuato l'ultimo tratto verso la vetta, il quale tendeva a cedere un pò, tutto il resto ci ha offerto un manto omogeneo di moquette meravigliosa. Valore aggiunto: solo noi sull'itinerario; incontrato a Pian Ciamarella un gruppo verso il Ghicet. Scorrevolissima e ben battutala pista nel pianoro, la quale è stata attraversata speditamente senza fatica.
Nella zona grande tranquillità, qualche ciaspolatore, poche tracce eccettuati due verso il canalone d'Arnas ed il gruppetto di Giacomo al Tovetto.

[visualizza gita completa con 14 foto]
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Le stelle sarebbero state quattro se la neve avesse mollato anche solo un pochino. Invece, il timido sole di gennaio, unito alle prime irruzioni di aria fredda in quota, hanno mantenuto la neve marmorea su quasi tutto il percorso. Peccato, perchè l'innevamento è buono, tranne che sulla cresta finale, dove occorre fare uno zig-zag stretto tra i massi. Mi sono fermato su una anti-cima a 2.750 metri, perchè procedere oltre con gli sci sarebbe stato accanimento sciistico. La stradina-sentiero che da Balme va al Pian della Mussa è mantenuto in condizioni perfette dal personale della pista da fondo (di fatto è stato il tratto più divertente in discesa)... quasi mi sono pentito di non avergli lasciato un contributo.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: ok fino a Balme
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Gita di gran fascino ed impegnativa ma ne valeva la pena iniziare la salita con la frontale poco prima dell'alba sulla pista battuta...poi dalla cappella inzia la vera gita su canalini e pendii sempre sostenuti - utili i coltelli specialmente al mattino presto - buona la traccia di salita...qualche passaggio delicato ma si vaaaa!!!! Superbo l'ambiente dopo il piano della Ciamarella!!! In vetta alle 10...colori mattutini magici..solo un camoscio in lontananza....il tempo di una breve sosta e via a scendere su buona neve, tratti di primaverile, ventata dura, ma non tradisce mai sapendo trovare le giuste esposizioni!!! Più complicata la discesa nel canalino che porta al Pian della Mussa...neve più sfondosa alle 11.00 e molto lavorata dai vari passaggi obbligati....poi la veloce pista di rientro a Balme..morbida come il velluto per riposare le gambe!!!! Carpe diem...come si dice!!!!! E poi...presto a casa a festeggiare la Befanaaa!!!!

[visualizza gita completa con 8 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: altro
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
In realtà le stelle sono almeno 3 e mezzo, ma è meglio non esagerare. Partenza da Balme con battuto fino al Pian della Mussa; in piano per breve tratto; si sale subito dopo la chiesetta della Madonna del Carmine. Si incontrano varie tracce di passaggio, ma ognuno può farsi la sua strada. Si sale con buone condizioni di neve anche se a fianco ci sono prati o zone non innevate. Si sale comunque sempre bene. Verso i 2500 incontriamo GianMaria e 3 suoi amici che stanno già scendendo. Noi continuiamo fino alla cima sciistica a 2750 m. Chi volesse proseguire verso la cima principale deve ingaggiarsi tra pietre e sastrugi. Panorama splendido, con i "giganti" delle Graie meridionali a portata di mano. Discesa bellissima su primaverile dalla cima fino a 1900, poi 150 m di neve sfondoso-marcia, ancora un tratto di bella neve e poi come in pista dal Pian della Mussa fino alla pista di pattinaggio di Balme.
Pericoli pressochè inesistenti; coltelli utili tra i 1900 e i piani della Ciamarella a 2150.
In compagnia di Nicolò e di Tea al suo rientro dalla Giordania.


[visualizza gita completa]
attrezzatura :: scialpinistica
Ovviamente partenza da Balme... Condizioni migliori delle aspettative. Neve abbastanza variabile ma tutto sommato sciabile ed a tratti divertente! Un pò scarsa nella parte alta ma siamo riusciti a tenere gli sci ai piedi dalla "punta sciistica" al pattinaggio di Balme!!

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
attrezzatura :: scialpinistica
Le condizioni sono cambiate, purtroppo in peggio, rispetto alle precedenti relazioni.Si trovano tutti i tipi di neve, tranne quella bella da sciare...nella parte alta sono rimaste ancora poche zone di farina compressa, nel canale mediano nei pressi dell'Alpe Rulè c'è un mix di trasformata e crosta non portante, nel canale "del Bricco" quella che era farina pesante è diventata una crosta rigelata.

[visualizza gita completa]
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti per fare una gita di fine anno breve al Col Battaglia, mi sono ritrovato dopo appena quattro giorni nuovamente alla Rossa di Sea... Non nascondo che il cambiamento di programma avvenuto all'ultimo(la decisione è stata presa nei pressi dell'imbocco del canalino dietro al Bricco) per me è stato motivo di piacere perchè oltre ai bei pendii,sia l'ambiente e sia il panorama sono fantastici. Nulla da aggiungere alle ottime relazioni odierne.
Oggi con Gabriele, Roberto ed Ermes.
Un saluto al "gruppone" che ci ha preceduto e che ha fatto venire voglia ad Ermes di cambiare meta! Un saluto particolare e un grazie ad Enzo incontrato alla partenza a Balme.


[visualizza gita completa con 3 foto]
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Nulla da aggiungere a quanto descritto dall'amico Fabio "Giacca".
I tratti più belli li abbiamo trovati dove il vento ha depositato la neve farinosa, nelle placche di neve compressa e in basso nel canale dove era già trasformata. Nel complesso è risultata una gita divertente e di soddisfazione, peccato per il forte vento che ci ha accompagnato durante quasi tutta la salita.
Oggi cumpa di grande qualità e simpatia con Davide "Bas", Lorenzo "Feis", Enzo "Guru", Fabio "Giacca" e Enzo "Le Roy".
Finale superlativo in piola ad Ala di Stura con lunga carrellata di antipasti, brasato con polenta, accompagnati da ottima e abbondante barbera...alla fine eravamo tutti visibilmente soddisfatti!!!


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: ok fino a balme
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Sostanzialmente le condizioni non sono cambiate rispetto a ieri.
Da sottolineare che le parti con farina riportata dal vento, quelle più divertenti da sciare, sono facilmente raccontabili, quindi la discesa risulta decisamente divertente.
Sopra il Bricco neve trasformata nelle esposizioni di pieno sud, mentre nei larici nelle contropendenze che prendono meno sole farina vecchia ancora leggera.
Anche oggi molto vento a raffiche senza una direzione precisa, talvolta da nord altre da sud.
Gran groppone: Davide Bas, Feis, Enzo Guru, Enzo Le Roi, Luciano Sien.


[visualizza gita completa con 7 foto]
attrezzatura :: scialpinistica
Gita sempre ariosa e di soddisfazione anche con nevi varie, come è il caso di oggi.
In basso saliti e scesi dal pistone per ciaspolari sulla dx orografica : ottime condizioni, occhio in discesa perchè è frequentatissimo da pedoni.
Dal piano siamo saliti dal canale già svalangato "prima del Bricco". Lo sconsiglierei salvo agli appassionati delle gucie strette sul ripido con fondo duro... Meglio usare, come al solito, la dorsale a sinistra oppure il canale dietro a Bricco.
Nella parte alta si alternano neve dura e farina, poca, supercompressa. Lo spessore non è mai oltre la soglia della preoccupazione ma è meglio avere le antenne sintonizzate sulla ricerca di accumuli. Scesi abbastanza bene sin nei pressi di Pian Ciamarella e poi nel canale Bricco usando l'entrata "bassa" e spostandoci poi a sinistra, dopo le baite. In sostanza non ci fidavamo degli eventuali accumuli sotto-cresta nell'entrata "alta".
Il canale si scende bene con neve dignitosa.
Riassumendo : nevi varie ma non malvagie, comunque da intepretare nel prosieguo della discesa.
Se ne può parlare.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: strada chiusa appena sopra balme
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti e scesi dal canale dietro a Bricco.Tornati utili i rampanti. Peccato per le raffiche di vento.Discesa su neve molto dura in alto che ha messo in risalto i miei difetti in fase di discesa;scendendo di quota la situazione migliora.
Concordo con Guidolin nel dire che se molla il vento diventa una gita consigliabile.
Oggi in sette siamo saliti alla Rossa di Sea.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: strada chiusa a Balme
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Poca neve sui versanti a sud. Si sale bene nel canale dietro a Bricco dove sono cadute le valanghe. Neve quasi primaverile e un po' ventata. Mi sono fermato un 200 metri sotto la punta per il vento molto forte. Consigliabile se molla il vento e gela la notte (ma portarsi i ramponi per il canale).

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: strada chiusa a Balme
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Salito e disceso dal canalino dietro le Grange del Pian della Mussa.Confermo quanto scritto nella relazione di ieri.Oggi solo in cinque persone siamo saliti alla Rossa di Sea.Bella gita in una classica delle Valli di Lanzo.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: strada chiusa a Balme
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Passato, al solito, per i canali dietro Bricco. Nella parte bassa di neve ce n'e' proprio poca, ma sfruttando i canali si scende senza togliere gli sci. Nella parte intermedia neve ottima, mentre in alto ancora non completamente trasformata.
Qualcuno e' andato all'inverso, ma mi sembra che le condizioni siano peggiori.

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: si arriva bene al Pian della Mussa con sbarramento a Balme.......
attrezzatura :: scialpinistica
Si portano gli sci dal rif. Ciriè fino al canale, neve appena sufficiente per poche decine di metri verso quota 2400. Tre dita di neve fresca in basso, quasi dieci cm. in alto. Sciata davvero gratificante su tutto il percorso. Con Ernesto e Francesco.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: si arriva a Balme
attrezzatura :: scialpinistica
Poco sole oggi, nubi alte ma abbiamo scampato la perturbazione. Discesa iniziata verso le 11...il sole era un po' latitante così la neve, soprattutto nella parte più alta non era cotta a puntino, era un po' duretta e faceva vibrar gli sci...più in basso aveva già mollato un po'. Comunque belle curve da sciata grintosa. Saliti da pian Ciamarella: la neve è continua da dietro il rifugio Ciriè a salire...per scendere si devono togliere gli sci una volta per pochi metri. Coltelli utili.
Poche persone: noi due e altri tre sciatori sul percorso. Ieri penso buona affluenza a giudicar dalle tracce di discesa.
Con Marco.

[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Si parte da Balme quindi il dislivello diventa di 1300mt. Saliti dal secondo canale senza andar fino al Cirie'su ottima neve trasformata,molto utili i coltelli. Giunti in cima scesi dal versante piu sud est gia' ammorbiditi dal sole x 500mt, poi risaliti fino a 100mt dalla cima, a questo punto scesi direzione piano di ciamarella su ottima primaverile mollata il giusto, risaliti al col battaglia per scendere su neve un po' piu' molle ma sempre sciabile fino al cirie'. Di li si spinge per tornar verso la macchina(questo toglie una stellina)
Oggi gruppo numeroso ben in nove, Steo, Cucut,Giselle, Dario,Livio,Mario,Silvano e Arduino. Tra una salita e una discesa barzellette e risate ci han fatto trascorrere piacevolissime ore


[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: strada chiusa a Balme
quota neve m :: 1300
attrezzatura :: scialpinistica
Finalmente in condizioni perfette. Salito e sceso da canale di Bricco dove in discesa bisogna un po' cercarla, ma ancora per qualche giorno e' fattibile, poi bisognera' passare da Pian Ciamarella o togliere gli sci. In compagnia di 8 scialpinisti quasi locali, che saluto.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
quota neve m :: 1500
Salito dal canale dietro ristorante Bricco. Buona salita fino alla cima scialpinistica (circa 2750). Trovata neve di tutti i tipi ed inclassificabile. Da belle placche dure in alto, a neve ventosa, crostosa e in basso marcia, visto il caldo. Comunque bella gita.

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
partiti da balme per la pista di fondo (a sn del torrente salendo) scorrevole e tutta innevata
(finalmente una gita con partenza all'ora giusta)
dalla cima sciistica (2768 m) bella discesa su neve trasformata ( s-so)
arrivati al pian ciamarella (2140 m) siamo risaliti 170 m, un po' più a sn del colle battaglia
in questo modo la discesa (dalla parte opposta so-s) ha offerto 500 m di pendii meravigliosi, completamente innevati e ben assestati, fino al pian della mussa
una bella pattinata ci ha portati sull'ultima veloce discesa
il disl della gita risulta 1500 m circa



[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
Partiti da Balme (tardi). Giornata calda. Poca neve in alto ma ottima sciata fino a Pian Ciamarella quindi neve molto "trasformata".

[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: attraversa pendii ripidi
difficoltà: BS :: [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Sud-Ovest
quota partenza (m): 1432
quota vetta/quota massima (m): 2764
dislivello totale (m): 1332