Capanna Mautino (Rifugio) al Lago Nero da Bousson per i Laghi Clot Foiron

Anello Colle Bercia: in discesa per Sagna Longa e Itinerario 3.
Percorso frequentato, in buona parte su strada a tratti battuta dalla motoslitta; l'ho fatto con i ramponcini, molti con le racchette.
Giornata limpida, bei panorami


Pianoro presso la Sagna Longa
Sagna Longa
Capanna Mautino
Sopra la Capanna Mautino
Chaberton
Pic de Roquebrune
Colle Bercia

[visualizza gita completa con 10 foto]
Gita a metà tra escursionismo e ciaspole.
Fino a 1800 neve evitabilissima, le ciaspole si possono calzare cercando neve dai 1700; la strada è sempre ben battuta e quindi si saliva senza problemi con i soli scarponcini.
Arrivati a goderci il panorama al col Bousson e poi ridiscesi a capanna Mautino.
Qualche ski-alp, qualche fondista e un pò di escursionisti che salivano a mangiare al rifugio.
Con Luisa e oggi senza cani

[visualizza gita completa]
Bella passeggiata in questo magnifico novembre allietata da colori ancora caldi e pastosi. Effettuato l'anello come da itinerario con un'ulteriore deviazione al pittoresco Lago di Fontana Fredda. Temperature miti e poca gente in giro.
Con Donatella , Vittoria e lo scatenato Rocky


[visualizza gita completa]
uso questo itinerario non essendocene altri. Eravamo alla ricerca di una gita facile con il porte-enfant e così dal rifugio ci siamo diretti al colle bousson, che ci ha ripagati con un bellissimo panorama . Gita corta , ma consigliato

[visualizza gita completa]
Non è proprio la collocazione corretta, ma vista la poca neve e l'uso superfluo delle ciaspole, direi che non sbaglio di molto.
Sia il sentiero che la strada sono intervallate da lingue di ghiaccio quindi un minimo di attenzione va posta. Per il resto è una piacevole passeggiata e solo superata la Capanna M. potrebbero essere indossate le ciaspole, giusto per non lasciarle attaccate allo zaino.
aaaahh. le pere cotte del rifugio che buone!!!
Oggi con noi si sono uniti anche il tenace Andrea e suo padre Davide (detto Pesce rosso)

[visualizza gita completa con 2 foto]
note su accesso stradale :: niente da segnalare
non essendoci relazioni recenti di sci alpinismo siamo partiti con le ciaspole (mai messe)la strada e strabattuta ritorneremo con gli sci al più presto complimente al cuoco del rifugio

[visualizza gita completa con 2 foto]
note su accesso stradale :: da Torino A32 per Bardonecchia uscita Oulx est
Autostrada Torino-Bardonecchia (A 32) dopo la barriera di Salbertrand prendere l’uscita Oulx circonvallazione (Sauze Gap Sestriere)
Imboccata la statale per il Monginevro proseguire fino a Cesana. Si supera il paese e sempre seguendo la stessa strada si giunge alla frazione di Bousson di Cesana.
Al primo ponte dove si trova l’indicazione per Case Lapidi – Lago nero si svolta sulla destra e poco dopo ci trova in uno slargo dove conviene lasciare le auto.
Dal paese di Bousson seguire la strada forestale in direzione Lago Nero.
Si segue la carrozzabile tagliando là dove è possibile per i prati.
Quasi in prossimità del lago Nero, in corrispondenza del cartello indicatore , sulla destra si incrocia un bel sentiero che salendo a destra attraversa una piccola area acquitrinosa, per inoltrarsi tra gli alberi; seguire i segnavia rossi prima posti sui sassi e su un crocevia e poi su un moncone di tronco d’albero (qui occhio a non smarrire la traccia, piuttosto esile). Ad un successivo incrocio di sentieri, dove il cartello indicatore in legno è caduto a terra, seguire verso destra direzione Capanna Mautino; il sentiero riporta sulla carrozzabile a pochi minuti dal rifugio (circa 2 ore di cammino da dove abbiamo lasciato l'auto. Disvillo complessivo circa 700 m, sviluppo complessivo, seguendo l'intera mulattiera circa 7Km.)
Bello il panorama verso il Gran Pic de Rochebrune, visibile oltre la cresta di confine.

ESCURSIONI DAL RIFUGIO
Segnalo un paio di escursioni adatte a tutti, nel caso si desiderasse sfruttare il pomeriggio facendo quattro passi ad esplorare i dintorni:

Lago dei Sette Colori mt 2329 (dislivello circa 350 mt, h1,15)

Dal rifugio imboccare la carrozzabile a sinistra, in direzione del Col Saurel; dopo un paio di curve si incontra un cartello indicatore che segnala “Col Bousson”: imboccarlo a sinistra. Dopo circa 100 mt si arriva in prossimità del capanno-osservatorio della Brigata Alpina Taurinense; al cui lato destro corre il sentiero che si inerpica velocemente verso i prati sovrastanti; si lambisce un piccolo stagno (con i girini!), salendo sempre in vista del colle. Arrivati alla sommità un cartello metallico segnala che stiamo valicando il confine francese. Il Lago dei Sette Colori è a vista, un centinaio di metri più in basso, in uno scenario aspro, forte e affascinante.

Il pianoro del lago di Fontana Fredda verso Col Bousson

Breve passeggiata nell’ampio pianoro su cui è adagiato il lago: dal rifugio imboccare a destra la strada bianca antistante l’ingresso, che dopo qualche centinaio di metri si trasforma in un sentiero che corre a destra, parallelamente alla zona acquitrinosa sottostante, lambisce il lago e termina al colle: Qui ci si potrà fermare a giocare oppure piegare a sinistra per visitare ciò che resta della postazione militare detta “Poggio dei carabinieri”, e fare quindi ritorno al rifugio percorrendo questa volta la sponda sinistra del lago.

C.A.I UGET di Torino Alpinismo Giovanile.
Ringrazio il giovane e devo dire ben allenato Enrico Mensio per avermi tenuto compagnia lungo quasi tutto il sentiero.
Giornata splendida, per fortuna un pò ventilata, verso sera rannuvolamenti


[visualizza gita completa]

Ci sono anche stati ...

  • 15/08/19 - gieffe
  • 05/07/15 - nicozona
  • 15/06/12 - rudolph
  • Caratteristica itinerario

    difficoltà: E :: [scala difficoltà]
    esposizione prevalente: Varie
    quota partenza (m): 1440
    quota vetta/quota massima (m): 2150
    dislivello salita totale (m): 750

    Ultime gite di escursionismo

    26/02/20 - Lera (Monte) da Givoletto per il Monte Castello e Madonna della Neve, possibile anello - madox
    Vento impetuoso e aria fredda. Superbi panorami sulla pianura e su Torino. Pista forestale lunga e poco varia, molto allenante la ripida salita a Madonna della Neve. Sempre ottima traccia a parte ne [...]
    26/02/20 - Grigna Settentrionale o Grignone da Colle di Balisio, anello per la Bocchetta del Nevaio - robyberg
    Salita al Grignone quasi solitaria, effetto virus, solo 7 persone salite in cima. Neve da poco sotto i Comolli, da qui ramponi indispensabili, neve dura senza remollo. Sole poi velature, nuvole e poi [...]
    26/02/20 - Martin (Punta) e Monte Penello da Acquasanta, anello - anna1092
    Partita con il sole e arrivata in vetta con nubi nere, tuoni e granelli di neve e tanto vento, Punta Martin non delude mai! Completato il giro ad anello.
    25/02/20 - Paglie (Bric), da Graglia per il Col S. Carlo e traversata a Borgofranco - brunello 56
    Giornata peggiore non potevo scegliere. Le previste ed attese schiarite non ci sono state, tutta la gita all’insegna della scarsa (o nulla) visibilità. Di inquadramento neanche a parlarne, si saliv [...]
    24/02/20 - Lunelle (Punta e colle) da Traves, anello - laura59
    Caldo intenso.Sentieri puliti e ben segnati.Arietta fresca solo in vetta.
    24/02/20 - Sapei (Monte) da Comba, anello per il Colle Arponetto e Rocca Sella - mario-mont
    Sentieri ormai completamente sgombri da neve. Tutto il percorso ribollinato di recente, a parte il tratto Arponetto-Sapei, senza segnaletica.
    23/02/20 - Pian Spigo (Punta) da Vonzo - andrea.paiola
    Saliti più o meno fino alla cresta, c'è ancora un sacco di neve nelle zone in piano e il caldo l'ha resa liquida, quindi si sprofondava fino all'inguine dopo le 11... un calvario tornare al Santuari [...]