Malinvern (Monte) da Isola 2000 e i Laghi di Terre Rouge

Tutto asciutto nonostante una leggera spolverata sulle vette circostanti. Tanti bolli rossi impossibile sbagliare
Bellissima salita con l'amica a quattro zampe panorama spettacolare


[visualizza gita completa]
Parcheggiata la macchina nei pressi dello Chalet Marano (palina segnaletica presente) conviene prendere il sentiero con indicazione ecole d'escalade, che evita perdite di quota e di risalire la pista da sci. Paline e tacche guidano fino alla panoramica Bassa del Druos, dopodiché il percorso è in comune con la normale dalle Terme di Valdieri.
Canalino e roccette finali divertenti, tacche rosse ed ometti sempre presenti.
Bella croce di vetta e panorama notevole.
Parecchia gente sia in punta che alla bassa del Druos.
Oggi con Domenico...


[visualizza gita completa con 4 foto]
note su accesso stradale :: Parcheggio limitato per via di lavori in corso.
Gita meritevole ad una cima di sicura soddisfazione con bellissimi panorami. Il primo colpo d'occhio con i casermoni di Isola2000 non è dei migliori, ma in breve si gira nel bel vallone delle Terre Rosse e si dimentica tutto. Come tempi dato che non avevo trovato quasi nulla nelle gite, sono partito alle 8.20 dal parcheggio ed alle 10 ero sulla cima SE, passando per la Bassa del Druos in circa un ora (andando con andatura sostenuta). Meritevole la crestina che porta alla cima cima NO ( croce in legno ed una più recente in metallo), che se percorsa sul filo offre qualche passaggio di piacevole arrampicata a tratti anche aerea, altrimenti si tiene la destra del filo seguendo alcuni bolli rossi (anche se il tratto più esposto è abbastanza obbligato), impiegando circa 15/20 minuti. Salendo incontrate 2-3 persone nonostante la stupenda giornata meteo, in discesa invece parecchia gente che saliva ai laghi.

[visualizza gita completa con 1 foto]
Ancora un po' di neve per salire alla bassa del Druos, sopra il lago grande, ma nessuna difficoltà. Bella salita, molto panoramica. Oggi ottima visibilità. Raccomandabile.

[visualizza gita completa con 4 foto]
Gran bella cima e superbo panorama, sentiero turistico fino alla Bassa del Drous, poi canalino e parte finale in arrampicata divertente e facile. Non poi così brutta la conca di Isola 2000. Con Maury, Marco, LU e Renè

[visualizza gita completa con 4 foto]
note su accesso stradale :: ottimo
Gran bella salita, relativamente breve ma varia e divertente. Oggi giornata un po' velata ma con vista stupenda dal Monte Rosa alla Provenza.
Facilissimo il canalino roccioso, appigliato e poco esposto. Ottime segnalazioni su tutto il percorso.Molta gente sui sentieri e in vetta.
Non c'è acqua, rifornirsi in basso.Probabilmente se ne può trovare lungo il percorso a inizio stagione.
Escursione altamente raccomandabile.
Con Federico


[visualizza gita completa]
molto panoramica ,è sempre bello sedersi sulla cima, guardare il panorama e cercare di riconoscere le cime che ti circondano, alcune fatte altre chissà magari un domani.

[visualizza gita completa con 2 foto]
Bella montagna sulla cresta del confine italo-francese che domina il Gesso della Valletta, la Tinée e la Stura di Demonte.
Percorso per tutti sino alla Bassa di Druos, poi un canalino che obbliga ad usare un pò le mani (EE) sino al piano detritico e la parte finale della cresta Sud che richiede un pò di attenzione. Il classico percorso dove l'escursionismo sconfina con l'alpinismo facile, ma niente di ché.
Sino alla Bassa del Druos con Rosanna poi una scappata in cima veloce da solo. Bella giornata e panorama da non perdere.
Al di là della diatriba croci sì, croci no sulle montagne, quella sul Malinvern è singolare e davvero bella!


[visualizza gita completa con 4 foto]
Nevai residui prima del Col de Drous ,non creano problemi,prudenza specie in discesa nel canalino
Il Malinvern è una di quelle cime che,come La Meja ,ad esempio, meritano di essere ripetute .Oggi eravamo un bel gruppo (29)alla gita sociale organizzata dal Cai Mondovi'.In 24 abbiamo raggiunto la cima.Giornata bella con qualche nuvola all'orizzonte,ma con temperature piuttosto elevate anche in quota,per fortuna il venticello ,ha reso piu' piacevole ,la permanenza in cima ,dove abbiamo pranzato.Panorama un po' compromesso dalla foschia .Parecchi escursionisti sul percorso e in cima .Un saluto a tutto il gruppo e ai capigita Germano e Domenico.


[visualizza gita completa con 3 foto]
note su accesso stradale :: ok
gita sociale del CAI mondovì,oltre 30 partecipanti,tempo bello al mattino,dal tardo mattino cumuli innoqui specie nel versante italiano,si attraversa ancora qualche nevaio,nei pressi della bassa del drous uno di questi ci costringe ad uscire dal sentiero per alcuni metri
dal colle alla cima ancora un paio di nevai che si possono schivare
ciao a tutti


[visualizza gita completa con 5 foto]
Poche lingue di neve facili d'attraversare.
Prima gita in ricordo di Paolo.
Con me oggi, Luca e Andrea anch'essi amici suoi.
Dopo 2 mesi d'inattività ho finalmente riprovato la gioia ed il gusto
della montagna vera. L'emozione che ho provato arrivando in cima è stata
grandissima e dolorosa allo stesso tempo. Non è ancora facile per me accettare,
che d'ora innanzi, dovrò vivere questi momenti di gioia senza la sua presenza.
Un grande grazie ad Andrea e Luca per il sostegno e la bella compagnia!



[visualizza gita completa con 4 foto]
Bellissima gita; oltre alla Cima SE, ho salito anche la cima NO della Testa del Malinvern seguendo dei bolli rossi che portano, attraverso una quota intermedia ed una breve cresta (difficoltà F con ottima roccia), ad una croce in legno posta su un enorme cippo di pietre.

[visualizza gita completa con 2 foto]
Volendo fare meno strada e dislivello e non essendo mai passato da questo versante, abbiamo optato per la comoda risalita dal lato francese alla vetta del Malinvern.
Una volta lasciati gli impianti di Isola 2000 l'ambiente diventa davvero bello, con i laghi di terre Rouge ad impreziosire il tutto.
Sentiero sempre comodo e ben segnalato.
Doppia via di salita nel tratto alpinistico invece dalla bassa del Drous alla cima.
Noi siamo saliti e scesi dalla variante di dx, che mi pare decisamente migliore.
Giornata ancora una volta spaziale, con bella vista sui sottostanti laghi di Valle Scura e sull'Argentera, ma al tempo stesso freddina (come quasi tutte quelle di quest'estate anomala).
Con mia moglie Enrica, che si è tolta, nel suo piccolo, una bella soddisfazione.


[visualizza gita completa con 6 foto]
Partiti da Isola alle 10 in vetta alle 12,40
sole splendido, caldo il giusto, roccia bella, mai franosa con buon grip nessuna difficoltà tecnica in caso di bel tempo
i Geki dalla Liguria

[visualizza gita completa con 2 foto]
Effettuato giro ad anello da Col della Lombarda, Cima Lombarda, Passo del Lupo, Laghi de Terre Rouge, Bassa del Druos e ascensione al Malinvern. Rientro attraverso Isola 2000 e la traccia del GTA che risale le piste da sci. Neve presente solo in pochi punti dietro al passo del lupo. Occhio a testarne la compattezza: una signora francese prima di noi è sprofondata su un camminamento coperto di neve, tagliandosi una gamba con una roccia (poverina!). Sentiero ben segnato, forse l'unico punto di incertezza è stato al ritorno: giunti all'arrivo in alto della seggiovia, prendere la stradina pianeggiante a sinistra e poi in fondo cercare sulle rocce a destra il segnavia della GTA (rosso-bianco). in tutto 8-9 ore compresa 1 ora e 1/2 di pause varie.
Gran bel giro che doveva essere allenamento come prima uscita e invece è già stata una bella sfacchinata con Elisa e Matteo. Sole e vento forte tutto il giorno a brasarci la faccia. Sotto i laghi di Terre Rouge nel tardo pomeriggio un bel branco di 6-7 camosci con 3 piccoli e un rapace di piccole dimensioni (gheppio?) a fare lo "spirito santo" sui prati.


[visualizza gita completa]
Breve e panoramicamente soddisfacente gita in una giornata non eccessivamente calda, e con poche persone incontrate sia dal versante francese che su quello italiano. Anche il ripido pendio dopo il traverso dopo la Bassa del Drous è facilmente riconoscibile per le tacche rosse.
Giuliana e Leon


[visualizza gita completa]
Partiti da Isola 2000 con meteo splendido, il quale ci ha permesso di godere dalla cima, della spettacolarità offerta dalla Valle Gesso nella zona di Valscura.
Fino alla Bassa del Drus una camminata su sentiero ben segnalato, per poi affrontare il canalino che non richiede particolari attenzioni, tranne il solito buon senso.
Da lì in poi si cammina su massi e tracce di sentiero fino agli ulitimi 60-70 metri in cui ci si deve aiutare un pò con le mani, anche qui non sono necessarie doti alpinistiche particolari. Vetta con la Colomba al posto della solita croce, successivi festeggiamenti vari, tranne il delicato e toccante momento regalatoci da Cristina, con il suo ricordo verso chi le vette ormai le vede solo più dall'alto.Discesa tranquilla, fino a quando a cira 400 mt da Isola si è scatenato un susseguirsi di lampi e tuoni, fortunamtamente il peggio si è scatenato sul versante italiano (la strada al colle delle Lombarda per un buon tratto era ricoperta da almeno 5 cm di grandine per un paio di km e anche i prati attorno).
Gra gita e gran compagnia oggi i Buzzi erano veramente al gran completo....o quasi !!!!!
Saluti a Luciano, Mauro, Cristina, Alexandra, Maurizio, Denis e Patrick.


[visualizza gita completa con 6 foto]
Giornata meteo spettacolare fresca al mattino addirittura calda nel pomeriggio.
Ci siamo tolti un altro piccolo sassolino su una montagna che da un po’ volevamo salire
Totale assenza di neve e ghiaccio sulla punta e in tutta la zona (Corborant, Meja, Colle della Lombarda) ad e eccezione di qualche chiazza sull’Argentera.
Dal tornante in questione ci sono tre strade, voi prendete quella alla vostra sx, quella più a monte.
Ad essere precisi e “picabale” ed anche per uniformarsi con la salita da Valdieri
?modulo=itinerari&template=dettaglio&id_gita=9052
la difficoltà dovrebbe essere F (sicuramente non un EEA senza polemica :-), perché, o sarebbe una ferrata, o si tratterebbe di attraversare dei nevai con picca e ramponi) a nostro avviso una EE/F-: di fatto il canalino di salita è molto breve ed elementare, anche se obbliga all’uso delle mani, ulteriormente abbiamo ancora percorso ancora una variante:
- dopo il canalino e la pietraia seguente abbiamo piegato verso la depressione della cresta sud e da lì per canalino insidioso (molto sporco di pietre grandi mobili.., meglio aggirarlo sul versante est) abbiamo preso il filo di cresta sud ( difficoltà F I / -II max., molto facile, attenzione solo alla discreta esposizione dal versante ovest… – vedi comunque foto), che con poco più di un centinaio di metri ci ha portato direttamente in vetta. Variante brevissima, ma molto divertente e panoramica (consigliata).

Personalmente se si conosce già la Valle Gesso trovo questo itinerario descritto migliore, più diretto e logico, di quello da Terme, anche perché evita tutto il pianoro del Valasco… invece salendo dal lato francese si apprezza meglio la differenza dei due versanti, è vero che lo scempio di Isola 2000 disturba un po’…, ma a de esser sinceri, molto meno di alcuni nostri veri obbrobri italiani..
Invece salite interamente consigliabili dal versante Italianoin questa zona, a nostro avviso, potrebbero essere più appetibili il Tablasses e la Testa sud Bresses che hanno percorso più suggestivo.



[visualizza gita completa con 1 foto]
poco segnalato il sentiero che parte dal colle della lombarda e si dirige verso i laghi.
gita sociale della 3A di altare, in 16 + malù (che ha lasciato le unghie sulle rocce) sulla cima, meteo spaziale in tutti sensi, bello come si spera sempre, dire EE è un pò riduttivo, certo facile ma un EEA era forse meglio, proprio x il superamento del muretto di rocce prima del pianoro finale, specie in discesa. quindi dire EE potrebbe mettere in difficoltà coloro che, credendo di trovare un EE, si trovano poi a dover metter le mani per terra e aggrapparsi.
in compagnia di: momo, malù, aioo, sigis mauro, sara, robi + 2 loro amici di cui nn ricordo il nome e mi scuso, ilaria, roberto, fabio, adri, stefano, egidio, daniela, boniek



[visualizza gita completa]
Veloce e remunerativa salita su una cima bellissima. Interessante il canale, che rende più accattivante il percorso.
Con Papà e Giacomo D.


[visualizza gita completa]
gran bella cima con ampi panorami. folta compagnia tra cui orny,max,silvano...giornata spettacolare

[visualizza gita completa]
Giornata stupenda per questa gita sociale del Cai Vigone. Lunga sosta in vetta sotto un bel sole caldo, che ci ha fatto scordare per un po' le bizzarrie meteo di agosto.

[visualizza gita completa con 1 foto]
Noi non siamo scesi fino a Isola 2000 ma abbiamo imboccato un sentiero a mezzacosta che dagli ultimi tornanti sotto il colle della Lombarda tiene la quota dei 2200 m circa. In realtà poi il sentiero, inizialmente ben segnato, si perde quando incontra le piste sotto gli impianti, quindi lo sconsiglio. Per il resto tutto tranquillo, bella gita, bella vetta (con qualche passaggio dal sapore alpinistico), visti molti animali. Vista al brevità del percorso siamo saliti anche alla più impegnativa Testa del Claus.

[visualizza gita completa]
Itinerario completamente escursionistico a eccezione del breve canalino incontrato poco dopo la Bassa del Druos da superare con divertente e facile arrampicata. Partenza da Isola 2000 per arrivare al bel Lac de Terre Rouge sotto l'enorme forma piramidale del Malinvern. Giunti alla Bassa del Druos e scesi per breve tratto nel Vallone di Valscura (bellissimi i laghi) abbiamo superato il canalino menzionato sopra e qui ci troviamo in ampia conca che ci porta all'ultimo tratto di cresta verso la cima. Vista splendida su Matto, Argentera e Aste.
Itinerario molto bello anche se consiglio di effettuarlo dal vallone dalle Terme di Valdieri (Valasco e Valscura) in quanto molto più bello che da Isola 2000 (parere personale). Noi abbiamo scelto la seconda per comodità in quanto eravamo in quei giorni al Colle della Lombarda e abbiamo approfittato della vicinanza della cima (bello comunque!).
Buone escursioni a tutti!!!!!!
Silvio, Kevin, Gabriele (Buvez), Eleonora ed Elisa


[visualizza gita completa con 7 foto]

Ci sono anche stati ...

  • 03/08/13 - giada
  • Caratteristica itinerario

    difficoltà: EE/F :: [scala difficoltà]
    esposizione prevalente: Sud-Ovest
    quota partenza (m): 2000
    quota vetta/quota massima (m): 2939
    dislivello salita totale (m): 940

    Ultime gite di escursionismo

    19/02/20 - Lunelle (Punta e colle) da Traves, anello - rolly52
    Confermo l’ottima valutazione di questa gita, tutta su sentieri piacevoli e ben tracciati.Peccato per il momentaneo annuvolamento appena giunti in vetta. Lunghetta nel complesso ma poco faticosa.
    19/02/20 - Santa Cristina (Monte) da Bracchiello per el Senté dla Scalinà - parinott
    Diversi alberi caduti sul sentiero 261, il Cai di Lanzo ha previsto a Marzo l'intervento di pulizia, comunque ben segnalato da bolli B/R. e cartelli ai bivi. Molto meglio dai Monti di Voragno a S.Cristina.
    19/02/20 - Croce dell'Ubacco (Monte) da Moiola - klaus58
    Fatto il solito giretto mattutino salendo per la strada asfaltata, prima il monte Croce dell'Ubacco, poi punta Il Bric e il boscoso Saret Alto, scendendo dai tetti Masuè per il tracciato MBK con un s [...]
    18/02/20 - Frassati (Poggio), da Graglia per il Tracciolino e traversata a Oropa - brunello 56
    Gran gitona, all’arrivo ad Oropa erano 30 km con un 1500 m di dislivello, con 8h abbondanti di cammino. Ma ne valeva la pena. Non conoscevo il Tracciolino e volevo percorrerlo, anche sapendo che sa [...]
    18/02/20 - Artondù (Cima) da Tetti Gallina per il Bric della Ciarma, anello per Meschie - lonely_troll
    Una passeggiata alle pendici della Besimauda con salita per un percorso dimenticato e attualmente riportato solo da OpenStreetMap. Pochi brevi tratti di neve dura ma non scivolosa che non danno fastidio.
    16/02/20 - Corte Lorenzo (Cima) da Bracchio - chit.scarson
    Le poche chiazzette di neve residua dove non batte il sole i cresta non infastidiscono. Tutto il catename è in ordine.
    16/02/20 - Scopel (Bivacco) da San Liberale - lancillotto
    Sentiero dalla Croce dei Lebi e poi al bivacco con tratti ghiacciati, coperti da qualche cm di neve recente. Utili i ramponcini sopratutto la mattina. Salita in nebbia totale fino quasi al valico del [...]