Croce o Brun (Monte) da Saint Jacques

osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: Crosta da rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: Crosta da rigelo non portante
note su accesso stradale :: ok sino a Saint Jacques
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Bella salita in vallone selvaggio con un po' di spostamento nella parte iniziale (stradina + pianori) comunque piacevole visto l'ambiente. Siamo poi saliti diretti sui pendii sopra all'alpeggio di Nannaz sino all'evidente colletto.
La cresta finale non era percorribile sci a piedi (rocce sul versante a nord) siamo comunque saliti facilmente senza ramponi. Ciò considerato, con calma ci abbiamo impiegato circa 4 h.
Scesi diretti sul pendio ripido esposto a sud (ok, la neve aveva leggermente mollato verso le 13) con condizioni sciabili e divertenti. Parte bassa un po' di crosta non portante poi stradina sino alla macchina.

con Luca, Filippo e Damiano.


[visualizza gita completa]
attrezzatura :: snowboard
Bellissima gita che si snoda in ambiente notevole.
Salito e sceso per l itinerario più diretto e ottimamente tracciati.
Giornata spettacolare e panorama maestoso dalla vetta.
Discesa: le 4 stelle son forse tanteva causa del pendio sotto la vetta, molto tracciato e con neve un po ventata. Ma da tre quarti di gita in giù discesa spettacolare su farina e crosticina remollata dal sole. Una figata! Poi per prati non troppo tracciati e infine divertente stradina pistata.
Oggi poche persone in giro. Ancora ampi spazi sul percorso più diretto: al mattino quando si sale sembra ci sia un po di crosta ma poi il sole fa il suo lavoro. Tutto questo vale per il surf, credo anche con ski larghi.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: Bagnata
neve (parte inferiore gita) :: Farinosa
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
Sostanzialmente vale quanto giá riportato da chi ha scritto ieri ma nei pendii soleggiati della parte alta, la neve è piuttosto scaldata dal sole, poi bella farina nel vallone fino alla strada dove si può sciare come in pista.

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Farinosa ventata
neve (parte inferiore gita) :: Farinosa
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
La mia prima volta al Monte Croce. Gita di grande ambiente in vallone selvaggio. Spostamento notevole Condizioni ottime e bella traccia passando dal rifugio. Pendio finale ventato. Per il resto bella farina.
Ero da solo ma un gruppetto di Pavia/Piacenza (se ho capito bene) che saluto mi ha fatto compagnia. Gita dedicata a Valeria, Federico Anna e Elena


[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Farinosa pesante
neve (parte inferiore gita) :: Farinosa
note su accesso stradale :: Nessun problema
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Bella gita nel gran ambiente del Vallone di Nana, in una giornata fantastica, in cima caldo da mese di marzo. Farina pesante e gessosa in alto dove scaldata dal sole, con scorrimento minimo, quindi bisogna seguire la traccia di salita, poi all'ombra 15-20 cm di farina ben sciabile fino alla stradina, ben sciabole pure lei. Nel complesso bella gita senza neve cartonata! Con Bruno e Giovanni. Buon anno e buone gite.

[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: Farinosa ventata
neve (parte inferiore gita) :: Farinosa
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti da S.Jacques -8°, seguito la mulattiera AV1 buon innevamento , 2 dita di fresca in basso che aumentano salendo man mano che si sale nel vallone di Nana circa 20 -25 cm. Ritracciato tutto l'itinerario , passati per il rifugio Tournalin, poi Colle Croce. Da qui seguito tutta la cresta ovest con gli sci su neve dura ventata ma senza problemi sino alla vetta , un po' di aria fastidiosa solo dal colle alla cima. Ridiscesi sino al laghetto e risaliti al colletto di Nana dove intanto 3 ski alp dietro di noi avevano tracciato. Discesa diretta molta bella a nord-est su ripidi pendii polvere un po' ventata ma bella nella prima parte poi farina sino alla macchina.

[visualizza gita completa con 4 foto]
neve (parte superiore gita) :: Crosta da vento/Sastrugi
neve (parte inferiore gita) :: Crosta da vento/Sastrugi
quota neve m :: 1100
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti passando dal rifugio Tournalin e fermati su un panettone a quota 2730 circa. Non fatto il traverso e il ripido pendio che porta al colle Croce non tracciato e apparentemente carico dopo la giornata precedente di forte vento.
Discesa su neve varia ma prevalentemente su crosta da vento.
Altri 5 skialp oggi tutti fermati al rifugio.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: Buono
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Gita al momento sconsigliabile,in basso non c'è neve e quella poca non ha fondo.In alto ne ha buttati giù dai 30 ai 50 cm,è molto pesante e sfondosa. Per mia fortuna ha battuto la traccia un signore francese,davanti a me, sino al rifugio dove ci siamo fermati.




[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: ottimo
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Partendo da S.Jacques conviene seguire la strada che va verso il vallone delle Cime Bianche e poi si si svolta a sn. verso il Rif. Tournalin. Dall' Alpe di Nana in su la copertura di neve é totale e si può lasciare la strada.Salita in bellissimo ambiente dominato dalla Bec di Nana, B.Trecare, Petit e Gr. Tournalin. Dal colle per raggiungere la cima del M. Croce o Brun è necessario calzare i rampant o i ramponi.
Con 10 amici del Cai di Asti in gita Sociale ridotta che ringrazio per la compagnia e l' assistenza


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: altro
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti dalla piazza di Saint Jacques e seguito il sentiero che si inerpica fra alcune case, alcuni tratti sono ghiacciati, fino a raggiungere la strada che abbiamo seguito fino alle baite (deviazione per rif. Tournalin), proseguito su pendii più ripidi con neve mai dura ma a tratti cedevole, dopo il pianoro abbiamo puntato al colle che si raggiunge senza problemi. Dal colle a parer mio obbligatori i rampant o i ramponi se si sale a piedi. Veloce salto alla vera vetta e poi discesa: il pendio sotto alla vetta è ottimo, crostone portante, poi la neve diventa varia, a tratti bella a tratti sfondo sa con pericolo di cadere in qualche buco. Ancora qualche pendio e poi strada di rientro fino alla sua fine. Di qui dieci minuti a piedi fino alla piazza. Molto caldo lungo tutto il percorso.
In gita sociale con il CAI di Pianezza che ringrazio, ottima conduzione da parte dei capigita.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: polverosa
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Bella giornata oggi in valle d'ayas, no vento temperature miti.
Poca neve in partenza ma comunque bella , tuttavia conviene seguire la strada. Da Nannaz Damon fatto traccia passando a fianco del pallon de nannaz poi raggiunto il colle proseguito in vetta con gli sci. Neve di tutti i tipi , forse il tratto più impegnativo è stato dalla cima un po' di crosta portante e non poi tratti di farina, neve quasi primaverile nei pendii ripidi ed infine in fondo al vallone ancora polvere con attenzione alle pietre nascoste.
Nel complesso una buona gita.
Con Gigi solo altre 2 persone incontrate in vetta.


[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
Seconda uscita del Corso SA1 della Scuola SUCAI. 117 partecipanti, quasi tutti son arrivati al Colle dove ci siamo fermati per il vento forte e perché il pendio finale era duro come una lastra di marmo.
Discreta discesa su pendii intonsi anche se poco ripidi.
In basso poca neve ma la strada toglie dagli impicci.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: ok,
attrezzatura :: scialpinistica
10 cm di neve fresca, ogni tanto si tocca; peccato visibilità un po lattiginosa. Dal rifugio in su, vento forte a tratti. sentito un paio di asssestamenti e visto qualche frattura nel manto.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: polverosa
note su accesso stradale :: Ok
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Mah, speravo che ci fosse neve sufficiente sulla stradina fino all'alpe nana, invece no, perché l'hanno pulita.. Vabbe', una mezz'ora di portage. Poi neve bella e subito tanta. Ho fatto la scorciatoia non passando dal rifugio, ma tagliando appena possibile a destra. Si passa bene e si risparmia tempo e forze.. L'idea era di andare verso il Roisetta, ma dopo aver messo il naso per. 10 min dall'altra parte del Colle, ho capito subito che "non era cosa" : neve brutta, ventata, potenzialmente ancora pericolosa.. Son salito invece sulla Croce, brutta neve (sastrugi, croste non portanti) dal colle in su. Discesa : molto mista, si alternano tratti ancora molto belli e polverosi a tratti di crosta non portante. Comunque, nem complesso non male, la più bella e' la parte mediana.

[visualizza gita completa]
attrezzatura :: scialpinistica
Neve dall'alpeggio di Nana inf.
Quattro dita di fresca in basso. All'altezza del rifugio c'è tanta neve leggermente toccata dal vento. I pendii in pieno sud oggi hanno scaldato parecchio. La neve qui era diventata marcetta con conseguente zoccolo in salita. In alto, alle expo nord, si trova ancora farina rimaneggiata dal vento. Ho sentito diversi woom nel pianoro sopra il rifugio.

[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: provocato fratture al manto
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: si arriva fino poco sopra Blanchard
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Visto il gran caldo dei giorni precedenti, abbiamo optato per una gita con esposizione Sud sperando di trovare neve trasformata, e in effetti la gita scelta è in buone condizioni. Con l’auto si arriva poco sopra alla frazione Blanchard (quota 1.750 m circa) verso le 8,45 con temperatura già calda; l’innevamento in zona non è sicuramente abbondante, ma si mettono subito gli sci, anche se sulla stradina ci sono alcuni brevi tratti scoperti (50 metri ciascuno), che però abbiamo passato senza togliere gli sci. Ci sono poi altri 2 tratti poco innevati, il primo sopra l’alpeggio di Nannaz (2.193 m) e il secondo appena sotto il colle, ma entrambi si superano agevolmente con un paio di passi sull’erba. Per la dorsale finale possono essere utili i coltelli poiché è poco innevata e quindi abbastanza stretta. Gran caldo lungo tutta la salita, siamo arrivati in vetta verso le 12,25…panorama grandioso sul Cervino e il gruppo del Rosa, i cui ghiacciai tuttavia appaiono molto magri e con parecchio ghiaccio.
Discesa iniziata alle 13; il ripido pendio sotto la cima è semplicemente fantastico, abbastanza ripido ma con neve primaverile ammorbidita al punto giusto e praticamente perfetta!!! Arrivati al lago, invece che scendere lungo il percorso di salita, ci siamo fatti tentare dal pendio est, e siamo quindi risaliti brevemente al colletto tra il Monte Croce e il Palon de Nana (50 metri, meno di 10 minuti di salita)… la discesa è stata da dimenticare; neve pessima, pesante e sfondosa, e a tratti anche poco sicura…per fortuna non c’è tanta neve, ma la sensazione di veder partire la neve sotto gli sci non è mai piacevole!!! SCELTA ASSOLUTAMENTE DA EVITARE…molto meglio scendere lungo il percorso di salita, i 4 del gruppo che l’hanno fatto hanno trovato neve ancora buona fino agli alpeggi, poi in basso conviene comunque seguire la stradina.
Giudizio fortemente condizionato dalla discesa di cui sopra, seguendo la “normale” probabilmente sarebbe stata una gita da 4 stelle…peccato perché la gita è molto bella per ambiente e panorama…specie se calano le temperature la consiglio ancora per qualche giorno.
Solito bel gruppetto del CAI Pianezza, stavolta eravamo in 15. Giornata molto calda, bellissimo la mattina, poi nel pomeriggio si è un po’ velato.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: in auto fino alla frazione Blanchard
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
saliti per gli alpeggi Nanaz inferiore e superiore. Un po' di prudenza sui brevi tratti ripidi, ma nel complesso i pendii sono abbastanza stabili. Pochissima neve sula cresta sommitale, moltio sassi.
Sempre per prudenza abbiamo rinunciato sia alla discesa diretta dalla cima per il versante sud, che alla bella discesa del versante est dal colletto tra Monte Croce e Palon di Nana (consigliabile con neve sicura).
Dunque siamo scesi per l'itinerario della salita.
L'ininerario che passa per il rifugio Tournalin ci sembra troppo lungo e discontinuo.

uscita infrasettimanale del [email protected]


[visualizza gita completa]
osservazioni :: provocato fratture al manto
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: pulita
attrezzatura :: scialpinistica
20-30 cm di neve fresca di ieri apppoggiata su crosta portante (suppongo da rigelo, vista l'esposizione), temperatura al mattina freschina ma salendo si pativa caldo (anche perché battere sul ripido neve fresca che scivola su quella dura sotto alza subito la temperatura degli scialpinisti).
Al colle piccola colata, apparentemente il cedimento di una cornice, e così pure in mezzo al pendio sud-est.
Spalla dal colle alla punta spazzata dal vento, un insieme di placche, sastrugi e pietre sporgenti, comunque praticabile. Viste le placche ho messo i rampant che non facevano schifo...
Dalla punta si capiva che scendere per il pendio sud-est con la pendenza iniziale significava tirarsi dietro la neve fresca appoggiata su crosta dura, per cui abbiamo iniziato a scendere per la spalla facendo acrobazie fra croste e sastrugi.
Quando mi sembrava che il pendio fosse meno ripido ho avuto la brillante idea scendere da lì invece di disfare gli sci sulle pietre della cresta, ma sulla neve fresca c'era un paio di cm di crosta da vento che si è immediatamente frantumata in zolle che mi hanno trascinato per una ventina di metri. Adesso il pendio è sicuro, ma ve lo sconsiglio, pietre ovunque!
Neve bella per la maggior parte della discesa, con qualche tratto umidificato in pieno sud e poca crosta qua e là. Una ventina di persone oggi (più 3 gipeti, ma senza sci).

[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: visto cadere valanghe a lastroni
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: Ok
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
Siamo partiti con il cielo che lasciava sperare qualcosa di meglio, poi alle 10 si chiude tutto e inizia a nevicare...Neve e scarsa visibilità ci portano a un colletto 100m più alti del colle croce. Scendiamo nel vallone che porta al Roisetta fino al lago Verde e da li saliamo in vetta ora con un bel sole. Prima parte di discesa si tocca qualche pietra, poi ci vuole attenzione massima, poi neve umida effetto colla e arriva il vento forte e la neve... Comunque si è visto di peggio...
In compagnia della Fede e del Koba.


[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: no problem
quota neve m :: 1300
attrezzatura :: scialpinistica
gita stupenda, finalmente con paesaggi invernali comme il faut a gennaio. Battuto traccia abbastanza faticosamente fino a 2600, poi dietrofront causa fortissimi assestamenti che ci hanno sconsigliato di andare a sollecitare il pendio finale. Bellissima polvere fino in paese.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: Nulla
quota neve m :: 500
attrezzatura :: scialpinistica
Neve farinosa e fresca su tutto il percorso. 25 cm alla partenza, 40 cm dai 2500. Gita non conclusa x la pericolosità dell'ultimo tratto, inoltre abbiamo sentito forti assestamenti. Saliti con il percorso largo, dal rifugio gran Tournalin, scesi per il percorso più breve dove abbiamo goduto ottime curve in discesa.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: libero
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Seguito in salita il sentiero.In discesa con la forestale,solo 100 metri a piedi.
Fabrizio e Franco


[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: buono
attrezzatura :: scialpinistica
come già detto da Giovil, gita in prevalenza esposizione a sud con neve non molto bella ci eravamo abituati alla polvere
oggi era un'altra cosa.Panorami stupendi e bellissimo il vallone sotto la Nana, a favore nessuno in giro con gli sci
e sulla parte alta solo noi.In compagnia di Giordano e Enrico

[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: libero
quota neve m :: 1000
attrezzatura :: scialpinistica
Oggi forse era meglio una gita esposta a N dove la neve si mantiene polverosa, tuttavia avevo un conto in sospeso con il Monte Croce e visto il consolidamento della neve negli ultimi giorni oggi poteva essere la volta buona per i pendii superiori. E in effetti tutti i pendii a Sud erano già completamente trasformati inclusi quelli ripidi superiori. Per prudenza, forse eccessiva, abbiamo fatto in salita e in discesa il giro largo dal rifugio, perdendo qualche bella curva. Tempo soleggiato, limpido e molto caldo. La spalla finale sciabile anche se occorre fare attenzione alle pietre. Bel panorama, bella compagnia di Enri e Angelo con cui ci siamo alternati nella tracciatura. In giro solo due ciaspolatori fermi al rifugio per il resto solo noi.

[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: Nessun problemq
attrezzatura :: scialpinistica
Ci siamo fermati poco sopra il rif. Tournalin giudicando troppo carichi i pendii superiori. Discesa diretta verso il fondo del vallone e di qui alla strada, su bei terreni e ottima farina, (avendo cura di cercare i pendii esposti a N.) che ha riscattato una salita alquanto monotona.
Inaspettata schiarita e belle luci sul Rosa.
Ottima e divertente la compagnia.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: strada pulita fino a St. Jacques
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti fino a quota 2700 dopo il rifugio Gran Tournalin e sotto il Palon di Nana. Pendii superiori sotto il colletto d' accesso alla dorsale carichi di neve fresca e lievemente inumidita dal sole. Discesa effettuata in ottima farina con brevi tratti in crosta leggera.
Alberto Cucatto, Luca Righini, Pierfrancesco Brignolo, Giovanni De Rosa e il giovine Giulio.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: da St Jacques fraz. Blanchard 1720 m
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
saliti per il lunghissimo vallone di Nana, impossibile attaccare direttamente i pendii sud (salita diretta al lago Croce) causa mancanza di neve.
Da quota 2600: traverso poco piacevole verso la base del Monte Croce.
Discesa diretta del versante sud (primi 100 m a 40°) in buone condizioni, poi siamo risaliti al colle tra Palon e Croce, e quindi scesi per i ripidi pendii esposti a est (35° e oltre), dove la neve era rovinata dal vento. A tratti lastre da vento.
Questo versante è ripido e la discesa andrebbe osservata durante la salita, per individuare i passaggi migliori.
uscita del club Avalco [email protected]


[visualizza gita completa]
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti passando per il rifugio del Turnalin.Traverso delicato prima del colletto, poi si arriva fino in punta con sci ai piedi.Chiuso l'anello scendendo direttamente senza piu passare dal rifugio.In alto leggera crosticina sciabile poi bei pendii trasformati sciegliendo le giuste esposizioni.Un saluto a Sabrina e Dino con i quali ho condiviso la gita.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: Libero fino a Saint Jaques
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
La neve era buona, presentandosi più compatta e dura lungo la pista forestale (poco sciabile), mentre compatta e ben assestata nella parte alta della gita (dopo le baite). Solo in taluni punti era presente una crosta non portante non molto fastidiosa. Nel complesso sicura, anche se ovviamente occorre sempre un occhio attento, trattandosi di sci-alpinismo.

Siamo partiti (Elena ed io) tardi, sapendo che la neve non ci avrebbe tradito.
Abbiamo salito la prima parte dell'itinerario nel bosco, ma il manto nevoso è ivi discontinuo e quindi è consigliabile procedere sulla strada, sebbene si allunghi un po' la salita.
Dove la strada termina la neve era ottima e non richiedeva, complice il sole bello caldo, l'uso di rampant o simili.
Nei pressi della vetta abbiamo incontrato diversi sci-alpinisti già in discesa e siamo stati raggiunti da un solitario gitante con cui abbiamo raggiunto la vetta.
Discesa divertente su neve dura, salvo qualche punto di crosta. La strada indurita e gelata dai passaggi costringeva a spazzaneve e derapate, intervallate qua e là da fugaci serpentine.
Finalmente dopo parecchio tempo riprendiamo ad andare per monti, ma è solo una boccata "d'aria sottile", perché gli impegni ci bloccheranno ancora per un po'. Nonostante il nullo allenamento siamo saliti e scesi senza problemi e questo ci ha rincuorati.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
Freddo intenso alla partenza(-10) e traccia ghiacciata ma percorribile senza rampant,in alto la temperatura saliva ma solo leggermente mantenendo la neve con crosta portante e non in alto ,tratto intermedio il migliore (da 4 stelle) in media 3 considerando che in basso la poderale molto ghiacciata non permetteva di sciare decentemente,da fare quasi tutta con spazzaneve e derapate.
Dopo un mese di assenza forzata dalla valle ,prima uscita con gli sci in compagnia degli infaticabili Lauretta,Giovanni e Massi,loro hanno raggiunto la vetta ,io mi sono fermato sul lungo traverso prima dell'ultima rampa per stanchezza e crampi dovuti alla mancanza di allenamento,comunque tutti soddisfatti nonostante la condizione della neve non proprio ideale.
Bella gita in una zona che non conoscevo,da ripetere quando avro' ripreso la forma fisica...


[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Splendida giornata blù cobalto,qualche sporadica folata di vento,piuttosto fredda -13°alla partenza.I bellissimi
pendii esposti a sud sono stati subito innondati dal sole,
ma questo non è bastato perchè la bella primaverile,dato
le basse temperature,cuocesse al punto giusto.Comunque
discesa di grande soddisfazione.Dagli alpeggi di Nanaz
Inferiore strada interpoderale fino Saint Jacques,scorrevole
e ben battuta.Montagna panoramicissima,in cima vis a vis
col Cervino il gruppo del Rosa,il Tournalin....

Con Skiappa ...lunga trasferta per noi gente di mare
malata di montagna.


[visualizza gita completa con 18 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Inizio con comunicazioni ai naviganti:
Mombarone da San Giacomo senza neve in partenza (la giornata l'abbiamo iniziata lì)
Muanda pelata in basso, Bonze pure.
Visto ciò abbiamo optato per il Croce e abbiamo fatto benissimo.
Innanzitutto giornata bellissima, anche quando da noi pioveva.
Neve dall'auto, strada interpoderale battuta da motoslitta, 5-6 metri pelati e basta. Dall'Alpe Nana Alta saliti direttamente su neve trasformata tenendosi al centro vallone fino al lago Croce per vedere le condizioni. Tutto firn. Sopra il lago abbiamo ripreso la traccia proveniente dal rifugio ma non conviene, meglio ribatterla a centro valle. Scesi direttamente dalla punta alle 13 su neve cotta al punto giusto, rifacendo il pendio sotto il lago provato salendo: tutto 5 stelle fino all'interpoderale, poi pista battuta fino alla macchina. Per strada nevicava, pioveva, grandine ai lati alla galleria sotto Andrate...

[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
attrezzatura :: scialpinistica
Ottimo innevamento e traccia buona anche se rovinata un po' dalle ciaspole. Sul versante di salita la neve non è ancora trasformata, se non in parte. Noi siamo scesi dal versante opposto, ma la neve era forse anche peggio. Per ora è sconsigliabile.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ottimo fino a Saint Jacques
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
partita -3 ottimo rigelo fatto sentiero estivo fino a quota 1800 poi neve continua, 30 MInuti di portage, ma ne vale la pena, oramai si passa daL Rifugio,raggiunto quota 2700,bellissima neve primaverile,con sciata molto omogenea,scesa h.11,30,in discesa conviene scendere da quota 1800 su strada innevata,fino a quota 1700,poi riprendere il sentiero n°1 fino alla piazzetta

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Meteo sbagliato. Piove già in valle. In partenza c'è ancora visibilità ma poi si mette a nevicare. Per una serie di concause perdiamo l'ultima occasione per prendere la poderale che aggira a sinistra il primo bastione e immette nel vallone; illusi da uno sprazzo di sole, andiamo diretti sul ripido, per quella che può essere la discesa a E della cima (ha già scaricato da tempo...). Dopo un po' si chiude tutto e a 2200 si decide per la ritirata. Con un po' di fantasia, le lingue di neve si riescono a seguire fino a Saint Jacques (dove piove) senza togliere gli sci. Le *** fanno media fra una neve e pendii divertenti e un meteo da dimenticare.
Un'aquila e due stambecchi ;-)


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Neve trasformata, scendendo alle 12,30 era tutta buona.
In salita conviene usare la strada interpoderale, noi abbiamo provato a salire per il bosco ma c'è solo da ravanare. Al primo tratto senza neve vicino alle baite però non conviene rimettere gli sci fino al secondo tratto poco dopo il tornante. Ancora buono per poco, in basso comincia a mancare la neve ed anche nella strada ci sono già 3 punti senza.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
quota neve m :: 1300
attrezzatura :: scialpinistica
Bellissima gita con tempo splendido (riferisco solo oggi x chè su Gulliver non si trova la gita di scialp: se si digita monte croce bisogna digitare croce (monte) .... boh misteri dell'informatica).Salita in neve quasi sempre ottima stando ben lontani dal Palon di Nanaz (girati verso nord ben oltre alpe Nanaz superiore) ove vi erano numerose valanghe a pera cadute. Passati a lato sx del lago sotto il monte Croce, anche nel traverso prima del colletto attraversato una grossa valanga a pera. Cresta in buone condizioni. Discesa con neve quasi ottima e senza pericoli. Nel bosco e sulla strada ultima neve....ma farinosa!
Con Pier, che deve cambiare attrezzatura ! (e si è fermato a prendere il sole a 2640m!). Incontrato solo 2 ragazze ciaspolatrici piemontesi nonostante fosse sabato!


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
attrezzatura :: scialpinistica
Giornata fredda ma dai panorami suggestivi, la neve caduta nei giorni scorsi è rimasta immobile sugli alberi, un vero spettacolo! Siamo partiti da prima di Saint Jacques, dal piazzale appena dopo il trenino del Frachey. Sono 100m di dislivello in più in salita, ma anche un bel pendio di farina in più in discesa :)
Abbiamo praticamente battuto traccia fino in cima, anche se ci precedevano 3 ski alper non abbiamo fatto proprio lo stesso percorso, noi siamo saliti dal vallone prima del rifugio Tournalin visto che le condizioni erano buone. anche il traverso prima del colletto è in condizioni, ci sono 25 cm circa di neve fresca su fondo ben assestato. La dorsale finale per arrivare in punta è in parte spelacchiata e in parte c'è un dito di neve fresca su fondo duro che fa ravanare abbastanza.
Siamo scesi direttamente dai ripidi pendii sotto la punta, la neve è fresca ma non ce n'è molta e soprattutto non c'è fondo, per cui in questo tratto qualche pietra si rischia di toccarla. Laddove i pendii si abbattono si è sicuri di trovare farina, mentre nei pendii un po' più ripidi e più esposti a sud c'è già un po' di crosticina ma cmq più che sciabile. il boschetto finale è uno spettacolo.
Una bellissima gita nella "nostra" valle e come sempre in ottima compagnia, con Nicola, Sandro, Oriana e Erik.


[visualizza gita completa]
attrezzatura :: scialpinistica
Noi eravamo tra i ritardatari. Anche noi abbiamo seguito la traccia che passa vicino al rifugio perchè più sicura.
Le condizioni della neve sono quelle riportate da Luposolitario.
Per noi comunque la soddisfazione di aver visitato un angolo nuovo.
Con Fede, Andrea e Franco


[visualizza gita completa]
osservazioni :: provocato fratture al manto
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: Buono
attrezzatura :: scialpinistica
Giornata quasi da dimenticare.... Partenza da S.Jaques alle 8,15 con -11°C, un freddo becco. Per fortuna il vento forte incontrato alla partenza da casa a Fenis non si è palesato. Traccia da battere per tutto il percorso cercando qua e la tra quello che rimaneva della vecchia. Noi abbiamo fatto il giro dal Rifugio Tournalin. Una volta alzatosi il sole però il caldo si fa sempre più fastidioso e alcuni tratti cominciano ad impensierirci visti gli accumuli e le placche formati dal vento, credo nella nottata. Inoltre il socio deve lavorare il pomeriggio, per cui a circa un centinaio di metri di dislivello dalla vetta decidiamo per il rientro. Intanto alcuni scialpinisti, circa una decina, da lontano si vedono chi per la nostra traccia, chi battendola. Ci chiediamo se non sia un po' troppo tardi, sono le 12,30 e fa veramente caldo... La discesa inizia e incontramo un po' tutti i tipi di neve, più o meno sciabile: crosta, farina, ecc... Ma subito constatiamo che sta scaldando parecchio e il manto si sta appesantendo. Arrivati al pendio sotto il palon di Nana decidiamo di seguire la traccia "alternativa" di salita ma qui passando di pocco sotto la stessa, su una placca da vento si stacca un fronte valanghivo di circa 200 metri formato da lastroni soffici. Per fortuna non mi faccio sorprendere e riesco a uscire non perdendo la sciata, trovandomi all'estremità sinistra della valanga. Un bello spavento!! Poi sotto, un po' nel bosco e un po' sulla poderale, con sciata tutto sommato soddisfacente, arriviamo a S.Jaques. Ma le mie sfortune non dovevano finire qui e così una volta arrivato a Chatillon, mi accorgo di aver perso le chiavi dell'auto.... Dopo svariati improperi grazie all'amico Tommaso recupero la copia e finalmente posso rientrare a casa.

Con l'amico Rudy che non si è fatto impressionare dal "botto".....

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
attrezzatura :: scialpinistica
Seguito il percorso che passa dal rifugio Grand Tournalin...
Battuto traccia con circa 30 cm di neve recente. La crestina finale è stata completamente ripulita dal vento della neve recente... La sciabilità nella parte superiore è anche da 4 stelle. Tutto sommato gradevole il "trasferimento" nella parte inferiore.

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: altro
attrezzatura :: scialpinistica
Giornata molto calda, neve ben assestata ed a tratti perfino trasformata. Discesa bellissima nel tratto superiore, con neve dura, crosta portante, firn, marcetto fino a trovare neve molle sopra l'a. Tournalin inferiore Nella parte bassa il bosco non è praticabile per la ramaglia caduta per il vento, meglio usare la strada. Tratti crostosi sciabili.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: Invernali utili
quota neve m :: 1200
Viste le condizioni, abbiamo optato per questa tranquilla gita ( scegliendo l'itinerario giusto...). Dai laghetti la neve si assestava notevolmente e per questo siamo saliti su facili pendioi fino ad un cocuzzolo a sinistra,a quota 2810, evitando la ripida salita al colle croce...un altro gruppo è salito senza problemi ma noi non ci siamo fidati... La salita alla vetta non è a mio avviso fattibile: enorme cornice e pendio esposto al vento pelato, si dovrebbe scendere su un lenzuolo largo 10 metri e anche carico.
In discesa la neve era in veloce umidificazione, noi ci siamo ancora divertiti, scendendo in direzione del Rif. Tourmalin, ma domani temo che sarà un crostone unico. Da quota 2000 si segue la poderale che riporta all'auto senza problemi...ma anche senza divertimento.
Giornata stupenda e calda al mattino, ritornati all'auto era decisamente coperto. Con Cristina, Leonardo e "il dutur"

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: molto bagnata
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: nn
quota neve m :: 1700
Vedi FERVADO e OTANER
Mi sono fermato con Mirella, visto l'ora ed il tipo di neve, un pò prima dell'alpe superiore Toirnalin, sulla stradina a quota 2500 circa. Sentite le descrizioni degli amici,ci siamo risparmiata una faticaccia.


[visualizza gita completa]
Condivido pienamente le osservazioni di fervado, la bella giornata, il panorama, la compagnia meritavano 5 stelle, per la neve un stella è fin troppa!! Discesa da dimenticare, almeno per il sottoscritto.

[visualizza gita completa con 3 foto]
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
13 Evergreen + un fuori quota si sono diretti verso il Monte Croce.8 sono giunti in vetta,4 con gli sci salendo i ripidi pendii a destra del colle Croce (sud),4 a piedi su per la dorsale.Giornata stupenda senza una nube e senza un filo di vento.Discesa da dimenticare,eccezione per i 4 saliti con gli sci che hanno fatto una discreta sciata dalla vetta fino al piano sottostante.Qui iniziava un vero calvario con gli sci che si infilavano sotto la neve marcia e non ne volevano più sapere di venire fuori.Un incubo fino alla strada che poi ci riportava abbastanza agevolmente fino a San Jacques.Noi siamo scesi dopo l'una,una discesa effettuata fra le 10 e le 11 sicuramente sarebbe stata un'altra cosa.Buone gite a tutti.

[visualizza gita completa con 11 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
A dire il vero di neve ce nè di tutti i tipi ma comunque sempre sciabile. tratto della cresta finale spellacchiato.
Leggero venticello in vetta, unica pecca di una giornata perfetta. Con Claudio ennesima ascensione assieme.


[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: pulita
quota neve m :: 1600
-11 alla partenza ma poi la temperatura si è addolcita. Il primo tratto dopo il colle nel versante nord è senza neve e allora mi sono fermato al colle. Neve dura variabile, in pieno sud discretamente sciabile specialmente nella parte bassa dove cedeva leggermente.

[visualizza gita completa con 1 foto]
Oggi solo io con gli sci (partito alle 11.30) o forse erano già scesi!! Nel complesso consigliabile cercando i pendii si trova neve quasi "primaverile". Panorama mozzafiato con assenza di vento. Con sky.


[visualizza gita completa]
Giornata ..."spaziale"..., e bella gita con condizioni di neve discrete o forse anche buone soprattutto in relazione all'attuale periodo "ascitto"... Confermo il commento gulliveriano di "rocciaclimb", incontrato sul percorso e sulla cima senza però riconoscerlo e lo risaluto in questa circostanza. Aggiungo che la crosta portante, va comunque "interpretata" perchè ogni tanto (in qualche posto, in relazione anche al tipo di sciata, ecc...) era (o perlomeno io l'ho trovata) un pochino cedevole. Sono ancora "in rodaggio" e così ho preferito ridiscendere al colletto per poi proseguire la discesa sempre sull'itinerario della salita nei pressi del Palon di Nanaz, che oggi è stato quello più praticato, visto le condizioni sicure sul percorso. Gita soddisfacente con il fuoriclasse Franco F..

[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
Si parte sci ai piedi,sole molto caldo nonostante ci fossero -14 alla partenza alle 10.30..scesi intorno le 14 sperando che mollasse un po' la neve ma così non è stato.Discesa diretta dalla cima su ottima crosta portante e liscia non troppo dura e "marmorea",canali ripidi a sud stessa neve.Ritornati sulla strada neve farinosa fredda e leggera crosta da vento morbida in alcuni tratti(a tal proposito non si potrebbero rimettere le valutazioni dei tipi di neve che c'erano prima??quelle attuali non servono a un bel niente visto che sovente la neve trovata non è nell'elenco..)fino all'auto.Speriamo nevichi!!!!

[visualizza gita completa]
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo portante
Giornata soleggiata per fortuna, perchè alla partenza alle ore 10,30 il termometro segnava -13°. Gita che, passando dal rifugio Grand Tournalin diventa molto lunga.Per maggior sicurezza, abbiamo optato di salire verso il Grand Torunalin e fermarci a quota 2850mt dove con il sole e l'assenza di vento si stava benissimo (vedi foto). La discesa non è stata molto divertente per le condizioni della neve che cambiava in modo repentino da farina improvvisamente dura e a tratti sfondava. Saluti a tutti.
CALE'

[visualizza gita completa con 4 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m :: 1900
Bella giornata e neve parzialmetne trasformata che ha consentito una buona sciata. Gli sci si mettono sulla strada per il rifugio a quota 1900. Il ripido pendio finale che porta al colletto non mi è sembrato completamente scaricato dopo le forti nevicate in settimana e ho preferito fermarmi a quota 1810 su un dosso sulla sinistra raggiungibile con percorso sicuro.

[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: Parcheggio di Pejo - in sci dall'auto
quota neve m :: 1000
Dal colletto alla cima, il vento si è portato via la neve. In partenza - 6°; in cima + 10° e giornata stupenda. Apparentemente, traversi sicuri e già scaricati. Usati i coltelli sotto il colletto. Alle 12 la neve aveva mollato il giusto; in basso, qualcosa di più del giusto. Comunque sempre sciabile e con grande soddisfazione. In basso, il suggerimento è di stare al sole, per evitare la crosta. Salvo 1 km di stradina completamente lavorata da pedoni e ciaspole, è stata una splendida gita, assolutamente consigliabile.

[visualizza gita completa con 1 foto]
attrezzatura :: scialpinistica
Gita sofferta causa precarie condizioni di salute che, complice l'affaticamento mi han prodotto un calo degli zuccheri. Malgrado cio' la gita e stata portata a compimento lo stesso. Con Michele, Antonio e Massimo.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: recente leggera/asciutta
cima panoramica, poi con la giornata che c'era ieri.... neve tanta e buona - fondo duro coperto da parecchia soffice - sviluppo notevole rispetto al dislivello. un grazie allo scialpinista dell'altro gruppo in vetta che ha pistato per buona parte del percorso, noi li abbiamo raggiunti appena sotto il colle.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: accumuli o lastroni
neve (parte inferiore gita) :: recente leggera/asciutta
quota neve m :: 1700
Buona sera a tutti.
Bella giornata soleggiata ma rigida. fortunatamente io il freddo non lo sento. Ambiente tipico montano con tanta neve tutta riportata dal vento quindi molto pericolosa. Discesa con pochi tratti piacevoli, neve gessosa. Gita che consiglio piu' avanti nel tempo. Buone gite.

[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: sentito assestamenti
Una stella perchè sono bravo.Allora..2 cm di neve alla partenza,seguita completamente la strada fino al rif Tournalin in quanto fino a quota 2200 circa è impossibile uscire fuori causa mancanza fondo e numerose pietre...poi i pendii in salita ci sono parsi con molti accumuli.Niente vento,solo unaleggera brezza,temperature tra i -9 e -12 anche al sole.Sotto al rif. ogni passo era un'assestamento (letteralmente) ma vista la conformazione del percorso abbiamo proseguito fino al primo colletto poco oltre.Scendere è stato un piacere: neve in prevalenza gessosa con tratti duri e accumuli da paura,anche qui numerosi assestamenti anche nei tratti in piano,quindi seguita tutta la traccia di salita su strada pure in discesa..l'ultimo tratto simpatico in mezzo le pietre.Gita come posso definire..lascio a voi il modo.. attualmente vivamente sconsigliata.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta da vento dura
neve (parte inferiore gita) :: recente leggera/asciutta
oggi altra sciata alla faccia delle previsioni meteo; ottimo innevamento su tutto il tracciato (si parte e arriva sci ai piedi); due stelle in meno dovute alla "crostaccia" dal rif. tournalin all'alpe di nana inf.; per il resto neve farinosa; oggi in punta solo noi! (quindi battuta traccia da poco sopra il rifugio). utili i rampant sul pendio sotto al colle; Complimenti ad Alessandra.
il pendio finale dal colletto si sale a piedi per mancanza di neve

[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo portante
note su accesso stradale :: normale
quota neve m :: 1800
bisogna portare gli sci per alcuni tratti nel bosco
nel complesso buona gita perchè a sud trasforma rapidamente
nei tratti in ombra si tova ancora la farina
la cresta è pelata ma volendo sciabile

ancora una bella uscita con il cai di Arenzano Giangi e Oliver davanti a tutti...


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto cadere valanghe a lastroni
neve (parte superiore gita) :: crosta da vento morbida
neve (parte inferiore gita) :: recente leggera/asciutta
quota neve m :: 1700
gita di ripiego gli impianti del crest erano chiusi, siamo saliti sulla strada che era in buone condizioni 5-10 cm di neve recente abbiamo provato un pezzo di bosco ma pessimo alle 12.00 il tempo è peggiorato e ci siamo fermati alla punta sulla destra orografica quotata 2650 m sulla carta CNS Gressoney discesa discreta su 10 cm di neve recente con fondo duro fino alla strada q. 2275 e poi sulla strada fino in paese si staccano gli sci un paio di volte

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: accumuli o lastroni
neve (parte inferiore gita) :: crosta da vento morbida
Gita di splendido ambiente...accontentiamoci! Saliti dal rifugio e scesi nel vallone sotto la cima per ricongiungersi con l'itinerario di salita. Saliti senza sci (ovviamente) dal colle alla cima.In discesa antenne tesissime per crosta cedevole su farina poggiante direttamente sulle pietre aguzze (come dissero)..per cui, siccome ci tenevo alle solette, ho curvato tranquillo per 5-6 volte. Parte bassa: fortunatamente stradina battuta dai passaggi. Nota positiva (essendo io un altruista):fondo da rifare. Nota positiva (essendo io un egoista) 2 piste a sbaffo sul monterosaski.
Saluti Dax. P.s. e se ci dessimo al curling?

[visualizza gita completa con 1 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
Salendo pensavo di fare una discesa discreta almeno fino a Nana superiore invece a parte qualche breve tratto a sud tutta crosta non portante. Fermato al colle del lago Verde la cresta finale è una pietraia unica. La strada fino a Saint Jacques è una lastra con ciaspole scolpite.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: recente umida/pesante
quota neve m :: 1800
ski club torino - giornata da cartolina illustrata - fino ai 2200 neve favolosa anche dopo le 12 ed in pieno sole - fino ai 2000 neve pesante, ma sciabile - sotto i 2000, benedetta stradina. 150 metri a piedi - possibile ancora per qualche giorno, poi ai 2200 ci sarà una pelata.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: recente umida/pesante
neve (parte inferiore gita) :: recente umida/pesante
note su accesso stradale :: Strade pulite
quota neve m :: 1300
Buon giorno a tutti. gita bella varia bei pendii e panoramici dal sopra mozzafiato. Neve molto pesante e poco sciabile ma comunque divertente. Saluto Paola di rivarolo che si è dimostrata brava nonostante la sua paura. Saluto tutti gli amici che erano in vetta con noi ed erano proprio tanti. Buone gite a tutti. P.S. Chi vuole fare questa gita parta molto presto.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: recente umida/pesante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
Partito alle 07.30 con temperatura già piuttosto mite. Sotto al colle del lago verde una grossa valanga scesa dalla cima ha lasciato poca neve ma si riesce comunque a scendere. La cresta ha neve ancora fredda percui si toccano parecchie pietre. Discesa oggi molto bella con una spanna di neve pesante su fondo duro poi su primaverile marcetta al punto giusto. giornata veramente calda.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta rigelo non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo non portante
Le tre stelle sono per la gita nel complesso, poichè nonostante il tempo grigio in valle, in quota splendeva il sole e ci siamo potuti godere un panorama sul Monte Rosa da urlo!!!
La neve, però, non merita più di una stellina, giusto per il fatto che l'abbiamo trovata!?!
Ogni settimana mi ripeto che una crosta più brutta di così non la possiamo più incontrare ed, invece, la gita dopo è ancora peggio...
Percorso sconsigliato con queste condizioni, almeno finchè la neve non si trasforma.
Un ringraziamento ai miei compagni di gita del CAI di Asti, grazie ai quali sono arrivata in vetta anche questa volta sebbene la stanchezza da lavoro dei giorni precedenti, mi aveva quasi costretto a mollare.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: crosta rigelo non portante
neve (parte inferiore gita) :: recente leggera/asciutta
gita effettuata 3 giorni fa.Splendido tempo e ambiente. Si segue la stradina + sentiero battuto da precedenti e numerosi passaggi con ciaspole..in discesa (vista la neve totalmente priva di fondo) conviene non fare troppo i furbi! Sopra al rifugio le numrose pietre minano il percorso e le solette..mi sono fermato poco oltre al lago croce ..ci sono accumuli da vento pare che la neve incominci leeentamente a tresformarsi. In giro le condizioni sono pessime:il palon di resy e pelato per 2/3; dal pian di verra in su pietre su pietre (uscire dalla stradina è mooolto azzardato. Mah ..speruma nelle nevicate! dax

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: recente leggera/asciutta
Si parte da St. Jacques sci ai piedi su 20 cm di neve inconsistente che tali rimangono fino al rifugio Tournalin(2600m), subito sopra 60-70 cm, sentito assestamenti. Ci siamo fermati 50 m sopra il rifugio. Si prendono pietre ovunque, necessariamente scesi lungo la strada. Non in condizione.

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): recente leggera/asciutta
i cm. di neve farinosa sono diventati una cinquantina; nonostante la giornata stupenda, la neve è rimasta polverosa fino al pomeriggio, tanto che abbiamo rimesso le pelli per tre volte!!
13/4/04 risaliti al Colle Sarezza lungo le piste nel primo giorno di chiusura; la fortuna ci ha assistito con due dita di neve fresca caduta nella notte.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): recente leggera/asciutta
dall'alpe di Nana Inf. sotto una fittissima nevicata abbiamo risalito il bosco e i ripidi pendii a nord fino alle pendici del Monte Facciabella; 30 cm. di neve farinosa come fosse gennaio!!!

[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): crosta rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): crosta rigelo portante
Non esiste nella legenda un tipo di neve che descriva quella che ho trovato. Io la chiamo burro visto che non bisognava far altro che lasciar scorrere gli sci!! Per la gioia di DAX e NAKA i miei due fedelissimi cagnoni la neve portava su tutto l'itinerario.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): crosta rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): primaverile/firn
Bellissima giornata di sole, scesi direttamente dai pendii sotto la punta su una bella neve, i pendii più bassi invece erano un pò più pesanti, comunque sciabili, conviene tenersi sulle esposizioni più a sud, le altre erano ventate con crosta non portante. La parte bassa, sulla strada, confermo il passaggio di qualche centinaio di ciaspolai, che hanno reso il percorso alla Camel Tropy.

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: osservazioni: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): crosta da vento dura
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): primaverile/firn
Salito in vetta spinto dal vento. Vorrei sapere chi è che ha pensato di togliere il piccolo bivacco che si trovava in cima!! Discesa su neve alquanto dura per i miei gusti. Dall'alpe di nana inf troppo segnata. Credo di aver incrociato un pulman di "ciaspolanti". Ambiente sempre eccezzionale.

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): crosta da vento dura
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): recente leggera/asciutta
Non passati dal rifugio saliti direttamente dalle baite. Non salito l'ultimo pendio ripido causa troppa neve riportata dal vento e temperature alte.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): crosta da vento morbida
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): crosta da vento morbida
Giornata fredda e ventosa. Non raggiunto la cima 2° tentativo fallito nel mese di gennaio anche se forse tardando il vento pare essersi calmato.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): recente leggera/asciutta
Essendo solo ho preferito non affrontare il traverso che conduce al colle del lago verde. Nel complesso la gita è stata divertente vista anche la bella giornata e la temperatura gradevole.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: sentito assestamenti
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: libera
quota neve m :: 1500
attrezzatura :: scialpinistica
Prima parte tutta su strada da battere , poi fino al rifugio su lastroni duri che a volte "urlano" Ripiegato velocemente sui nostri passi. Io e Claudio. Giornata tersa.

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: Sicura
neve (parte superiore gita) :: Trasformata
Si calzano gli sci già dalla macchina.Per il tratto terminale utili i coltelli. Giornata grandiosa di sole e caldo.Non scendere tardi.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: sicura
neve (parte superiore gita) :: trasformata / marcia
A mio parere questa gita prevede un pò troppo spostamento: si parte praticamente sotto la scarpata che porta direttamente alla punta, ma per arrivarci si fa un giro interminabile. La consiglio agli sci-escursionisti più che agli amanti dello sci vero e proprio. La discesa è comunque piacevole. Molti tratti della stradina iniziale sono ormai privi di neve.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: 2/5
neve (parte superiore gita) :: quasi completamente trasformata
bell'itinerario, bel paesaggio,poca gente, buona neve sci sino alla macchina con la strada che risolve i 300 metri finali dove la neve sarebbe più scarsa e marciotta.
E' possibile scendere direttamente il pendio terminale (bello e ottimo)

[visualizza gita completa]
osservazioni :: 2
neve (parte superiore gita) :: farina ventata su marcia-crosta portante
Saliti e scesi per il giro largo da Alpe Tournalin inferiore e rifugio Tournalin. Tanti sottili ma estesi accumuli da vento (sentiti un paio di vum) ci hanno sconsigliato di salire il pendio sotto il colle (un po' carico): siamo andati al primo colletto (ben pulito) verso il Gran Tournalin e a piedi a destra alla quota 2946 m IGC. Discesa su ottima crosta portante in alto, poi farina ventata sopra neve marcia, infida.

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: 2/5
neve (parte superiore gita) :: primaverile/marcia
partiti per salire sul roisetta ma le condizioni del tempo sono peggiorate.neve discreta in alto mentre nella parte mediana troppo molle.necessita di qualche giorno di freddo.un saluto a marco ed uno a sergioenrico.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: discrete
neve (parte superiore gita) :: molto pesante
Diciamolo subito: orfani delle Sue Curve cerchiamo in tutti i modi di far finta di niente ma il pensiero va sempre e Lei e quella che poteva essere una bella giornata si trasforma in un mare di tristezza e di rimpianti! L'agguerrito quintetto pianta la bandierina del G.A.S. (Gruppo Aspiranti Scialpinisti) al colle posto sotto il monte (bellissima vista sul Cervino). Scendiamo su neve sufficientemente marcia ma anche in discesa è soprattutto il pensiero di Lei, così lontana, a rovinare tutto!!!

[visualizza gita completa]
osservazioni :: totale
neve (parte superiore gita) :: farina a tratti crosta sciabile altrove
In compagnia di DAX (bovaro bernese di sei mesi) e di NACA (montagna dei pirenei adulto) salito al colle in 2.30 ore circa seguendo la traccia fino agli alpeggi di nana inferiore poi su neve compatta risalito i pendii a sud che portano sopra al rifugio Turnalin. Fermato al colle. Si potrebbe raggingere la vetta a piedi.Ambiente eccezionale con vista mozzafiato sul Cervino.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: 3/5
neve (parte superiore gita) :: varia
sliti fino a quota 2950 oltre punta croce. La discesa su neve variabile a piccole chiazze fra farina e crostaccia è stata molto "istruttiva".

[visualizza gita completa]
osservazioni :: 4/5
neve (parte superiore gita) :: crostosa / ventata
neve dalle auto, in basso dura con un po di polvere sopra. in alto crostosa con brutte placche da vento.
invece di andare al colle (pericoloso per placche da vento) andati sulla sinistra verso il Torunalin sino a circa 2.800

[visualizza gita completa]
osservazioni :: 2
neve (parte superiore gita) :: crostosa in alto - farina in basso
Salita dall'itinerario classico e discesa x il vallone del rif. tournalin - visibilità pessima

[visualizza gita completa]
osservazioni :: 3/5
neve (parte superiore gita) :: farina
Fino alle baite pistato, fino in vetta da battere (da solo...). Discesa molto bella ! Neve in basso scarsa (erba e sassi) ma stava nevicando.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: grado 1
neve (parte superiore gita) :: trasformata
Purtroppo i pendii esposti in pieno sud, come il traverso che precede il colle Croce, cominciano a presentare ampie zone prive di neve, mentre abbondante rimane la copertura nei valloni.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: buone
neve (parte superiore gita) :: trasformata con 2 dita di fresca
L'innevamento nella parte centrale comincia a scarseggiare. Piu' su neve sciabile e divertente

[visualizza gita completa]
osservazioni :: Sicura
neve (parte superiore gita) :: Trasformata
Neve trasformata fino al Colle Croce.
L'ultimo tratto (100 metri) esposto a Nord presenta neve crostosa.
Tassativo partire molto presto.

[visualizza gita completa]

Ci sono anche stati ...

  • 30/12/19 - luigi57