Rouges de Triolet (Monts) II Punta Centrale - Profumo proibito

note su accesso stradale :: Ok
Straordinaria scalata su granito mozzafiato e difficoltà medio-basse.
Persevero nel revival e, anche in questo caso, era dall’anno dell’aperura o giù di lì che non salivo al Dalmazzi.
Non a caso e complice la scarsissima visibilità, ho completamente sbagliato attacco alla cengia per arrivare alla parete.
Poco vento ma fresco e zero solo: fantastico comunque.
Per quanto si sia noi dei boccioni veri, le protezioni presenti in loco sono sufficienti.
Con il leggendario Quantum, di ritorno dal Pamir e lo stolido Ema “Fozzainda”Piccoli.
Il tenore della giornata lo si può facilmente intuire; è chiaro che i muli non diventano cavalli....


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: In auto fino a Lavachey, poi a piedi o con navetta fino ad Arp Nouvaz
Via veramente bella e divertente.
Non abbiamo trovato neve all'attacco. Fare comunque attenzione perché subito sopra c'è ancora un nevaio "a ponte" piuttosto grande, che scarica bei blocchi di neve che finiscono direttamente all'attacco. La zona è spesso bersagliata anche da cadute di sassi.
Divertenti soprattutto L1, L3 (fisica!) e soprattutto L6 con un'ultima parte molto bella tra lame rovesce ed un estetico spuntone. Da S5 non farsi confondere dagli spit di Cristallina, che si dirigono verso dx, ma attraversare la cengia e dirigersi leggermente verso sx.
L2 di placca delicata: stare a dx sullo spigolo per poi traversare a sx sotto il tettino; tettino decisamente ostico ma ben protetto (spit subito prima) e, vista la presenza di un cordone, anche azzerabile.
Spittatura "ariosa", abbiamo utilizzato friend BD dallo 0.3 al 2 per integrare in alcuni punti.
Scesi in doppia lungo la via S7->S6->S5->S3->S2->S1->terra.

Bella e lunga giornata (soprattutto il rientro alla macchina, eterno).
Un ringraziamento ai ragazzi del cai Chivasso per il passaggio che ci ha evitato i 4 km abbondanti di strada asfaltata per raggiungere la macchina.
Con Eugenia.


[visualizza gita completa]
Veramente bella, in ambiente superbo. Esigente per chi è fermo da un po', la chiodatura Motto- prima volta per me- : mette a dura prova i nervi: fortuna che esistono i friend(dallo 0.3 al 2)!
con i soci ame, fede e fabri.


[visualizza gita completa]
roccia strepitosa da una tenenza incredibile, un susseguirsi di lame ben ammanigliate, fessure buone da tenere, tacche ottime per mani e piedi: via unica nel suo genere per bellezza e piacere di scalata. Chiodatura alla motto, volendo si può integrare quasi ovunque anche se avevamo solo rinvii. Saliti nello zoccolo sulla via Vento polare con variante degli allievi, anche se dall'ultimo spit alla sosta passano 20 metri non è proprio fatta per gli allievi. Comunque lo zoccolo tutto a sinistra è ben segnato da ometti e ha una corda fissa nel primo canalino più ripido, sicuramente più veloce che non fare la via a fianco. Non fatto l'ultimo tiro per esaurimento pile della socia che comunque se l'è cavata egregiamente. Brava Anto

[visualizza gita completa]
Roccia stupenda, arrampicata continua sul quinto grado ad eccezione del secondo tiro un poco più duro (ma un cordone agevola chi è timoroso). Discesa velocissima su Cristallina (non saltare nessuna sosta).

Grazie Pino, un tuffo all'indietro di 20 anni....


[visualizza gita completa]
Roccia perfetta, difficoltà abbordabili e chiodatura ineccepibile. Le doppie sono sulla via, tutte comodissime ( o su quella a fianco, cristallina, bellissima anche quella): noi non abbiamo avuto problemi ( il che è tutto dire ...).
In questa stagione sole all'attacco poco dopo le 10, non freddo comunque anche all'ombra. Volendo integrare portate qualche friend bd non oltre al 2, o anche più piccoli, ma comunque non indispensabili.
Decisamente consigliabile: in questo genere di difficoltà è difficile trovare roccia migliore.
L'attacco è un poco a sx di un diedro con lame varie nella parte più bassa della parete.

[visualizza gita completa con 2 foto]
Prima volta in zona Dalmazzi e di certo non l'ultima. Una via che credevamo da integrare con friends ma la chiodatura intelligente non l'ha reso necessario. Fatte 5 doppie: prime due sulla via e ultime tre sulla vicina Cristallina. Avvicinamento non troppo lungo dal rifugio ma non abbastanza corto da farla in giornata rilassandosi. Con gli onnipresenti Alessio e Sara

[visualizza gita completa]
bella e continua , ancora 2 nevai presenti sullo zoccolo che richiedono i ramponi visto il rigelo notturno,

[visualizza gita completa]
Bellissima via sul granito de monte bianco qui molto lavorato e articolato, da antologia il terzo tiro. La spittatura è tendenzilmente lunga anche se ben posizionata, consiglio qualche friend medio piccolo eventulmente da piazzare.
Non immediato reperire l'attacco della via: dopo il diedrino, adesso attrezzato con una fissa, seguire bene gli ometti che tracciano un sentiero fra sassi e cenge che obbliga ad un ampio aggiramento a destra di placche per poi riconfluire a sinistra fin sotto la parete. Attenzione gli ometti a un certo punto del tracciato non ci sono più, continuate verso destra per ritrovare gli ometti e il tracciato non vi avventurate per placche.
Con Walter


[visualizza gita completa]
Per l'avvicinamento abbiamo optato per la Via senza nome (6b max, 6a obbl, 150m) alle Placche della contea 2: ben spittai il primo, secondo e quarto tiro; da proteggere il terzo.
Via in ordine. A parte qualche tratto in placca, è possibile proteggersi completamente con protezioni veloci. Segnalo solo che, durante le doppie, è partito il nevaio basso che ha interessato parte della discesa a piedi! Quello alto è ancora al suo posto, ma il pericolo c'è.


[visualizza gita completa]
Bellissima via molto omogenea su roccia stupenda. Siamo usciti facendo gli ultimi due tiri di Cristallina. Fatta in giornata partiti alle 8 da Arnouva , c'è ancora neve all'attacco della via per cui è meglio andarci con gli scarponi, picozza e ramponi comunque non servono. L'ambiante è bellissimo ed il Rifugio Dalmazzi è molto accogliente e gestito in modo impeccabile, da consigliare. Ci sono molte vie, oltre ovviamente alle classiche, anche nei dintorni del Rifugio, di ogni difficoltà e lunghezza, per cui vale veramente la pena farci un giro. Con Andrea sempre in forma.

[visualizza gita completa]
La via è ottimamente spittata e, a mio giudizio, non richiede integrazioni anche perché la roccia è sempre 'gripposissima' e ben appigliata: nei tiri chiave la distanza degli spit è adeguata. La relazione di Motto che si trova al rifugio, è sintetica ma molto precisa e la via si approccia facilmente. Tuttavia abbiamo rimesso in auge bel pò di ometti lungo il sentiero di salita nella sua parte superiore. Sempre dalla pietraia superiore è possibile individuare uno speroncino sopra al rifugio, dal quale è possibile scendere in doppia e risparmiarsi un pò di strada di rientro: "A-loba loba" oppure "Indicazioni obbligatorie". Panorama stupendo su Nord-Greuvetta e le varie aiguilles.
Capita che due tubisti di mia conoscenza debbano fare un intervento in un rifugio di alta montagna e che casualmente questo rifugio sia il Dalmazzi in Val Ferret...quale occasione più ghiotta per me per aggregarmi. Il piano originale prevedeva di pernottare al rifugio 'post-interventum' e di lanciarsi su "Kermesse folk" il giorno seguente...ma un pò la lunghezza della via ed un pò il fatto che le previsioni non risultavano così favorevoli, optiamo per "Profumo proibito".
Quindi sveglia 'potabile' e...sorpresa, un cielo stupendo, da cartolina. E in effetti qualcuno più mattiniero di noi, avvedendosi delle condizioni favorevoli, si è lanciato su kermesse...buon per lui. Noi non cambiamo programma e ci dirigiamo su Profumo, con un meteo che raramente quest'anno si è visto da queste parti. La via comincia con un bel tiro di 5c lungoooo...ma Chicco si destreggia come mi sono destreggiato io a tavola la sera precedente. Poi tocca a Bibì farsi strada sul tiro di 6a...e un bravo pure a lui che padroneggiando l'ars arrampicatoria ci libera la strada verso l'alto. Da qui in avanti è arrampicata plaisir, esposta ma piacevole con il sole che scalda la parete ed una leggera brezzolina...che paesaggio ragazzi!
In discesa il tempo comincia a cambiare e poco prima di rientrare al rifugio inizia a piovere...peccato! Quindi discesa all'Arp-nouva sotto l'acqua!
Giornata super in compagnia di Chicco Tubista e Bibì..suo degno compare, grande sui tiri chiave!
E un caro saluto a Spartacozzo e fidanzata ed ai gestori del rifugio...impeccabili!


[visualizza gita completa con 10 foto]
Bellissima sita in ambiente magnifico, la roccia è davvero spettacolare: lame e fessure soprattutto, ma non manca la placca (secondo tiro). Ottima la chiodatura in perfetto stile Motto, sempre nel posto giusto. Qualche friend medio può servire se si vuole integrare lungo le numerose lame e fessure. Avvicinamento un po' laborioso ma comunque ben evidente (dopo il diedro/canale di accesso sono presenti numerosi ometti fino alla base). Occhio alle doppie (a noi la seconda si è incastrata), meglio farle sulla vicina Cristallina.
Con Pieter, super in forma. La nostra ormai consueta 2giorni al Dalmazzi non delude mai. Alè!!


[visualizza gita completa]
circa l'arrampicata bellissima via, protetta bene nei tratti di 6a+ e comunque anche nei tiri più facili buone protezioni in loco, anche se più distanziate e sempre la possibilità di integrare nelle molteplici fessure e lame presenti.
Per l'avvicinamento occorre attenzione su terreno un pò infido ed in certi tratti esposto.
Avvicinamento fattibile con scarpe da trekking leggere.
in ottima compagnia di antonella e mauro che si è tirato tutta la via


[visualizza gita completa]
Concordo sul commento di Rocciaclimb sulle difficoltà generali e in particolare del secondo tiro, la placca è delicata e non azzerabile. Avvicinamento: noi siamo arrivati da Vento Polare ma credo i commenti qui si possano applicare anche all'avvicinamento dal basso. Ometti poco evidenti, appena giunti in vista della struttura (spigolo dove si sviluppa il primo tiro di Profumo, e placca immensa dove invece c'è Cristallina) non bisogna arrivare allo spigolo d'attacco dal basso ma alzarsi su cenge e qualche sfasciume ben prima del canalone nevoso, per poi scendere leggermente fino al primo spit con cordone rosso che indica la partenza. La via è all'estrema sinistra della bellissima placca liscia che contiene molto netta la fessura del secondo tiro di Cristallina. Al momento non c'è neve da attraversare ma si passa proprio sotto il limite inferiore di un grosso nevaio, attenzione a ruscello di fusione e caduta sassi vari. Portarsi il prima possibile allo spit in quanto al riparo.
Via fantastica dal primo all'ultimo tiro. Con Fabio, velocissimo.


[visualizza gita completa]
Apena oltre il rifugio salire decisamente, non fate come noi che ci siamo andati a intubare su un misto schifoso con relative partenze del secondo di cordata perchè la corda era finita e soste possibili manco a parlarne Con Tatu e ottima compagnia, nuovi gestori ben gentili. Un angolo di Bianco decisamente da riscoprire.

[visualizza gita completa]
Gran bella via su granito magnifico,splendide fessure sempre tecniche mai di forza.Se si padroneggia bene il grado servono solo i rinvii altrimenti meglio avere una serie di friend medio-piccoli.Tutti tiri si proteggono egregiamente tranne la placca del 2° dove occorre avere un buon 6a x poter passare in quanto nn azzerabile.Per l'avvicinamento consigliati bastoncini o picca per il nevaio con tubo dell'acqua appena oltre il rifugio se affrontato al mattino presto.Zoccolo completamente senza neve.
Con Chiara e Gian.

[visualizza gita completa]
Molto bella, consigliabile per estetica e roccia. Per l'avvicinamento contare intorno alle tre ore, grossomodo (non c'è bisogno di ramponi ecc al momento).
Consiglio di scegliersi con cura il punto dove imbragarsi sotto la partenza perchè quel canalone scarica abbastanza.
La spittatura richiede decisione se si è al limite (in particolare sul 2° e 3° tiro,quest'ultimo una bellissima fessura). Per il resto tutto in regola.
L'unica pecca è che non esce in punta, ma pazienza.
Con Marco Forestero.

[visualizza gita completa]
bellissima, divertente e su roccia da favola! facile ma non banale. abbiamo usato un paio di friend, misure medio-piccole. l'attacco è su uno spigolo, cordino arancione sul primo spit.
partiti alle 7 da Arpnouva, giornata per fortuna stabile, con venticello fresco ma non fastidioso.
con daniele e gian

[visualizza gita completa con 4 foto]
Via abbastanza facile ma bella, bella. Il terzo tiro vale l'avvicinamento. Ha ragione Motto che nelle sue "note" dice "roccia eccezionale..." e così è. L'ambiente è addomesticato dalla spittatura, molto buona direi (me li aspettavo più lunghi), i friends possono essere utili ma di certo non indispensabili (ne ho messi due su tutta la salita), portatavi 10 rinvii e solo 0,5; 0,75, 1 BD se proprio volete.
L'avvicinamento invece dal Dalmazzi può essere un po' laborioso se mancassero gli ometti (inizio stagione?).
Accoglienza al Dalmazzi fantastica, alle 9.00 tappa thé + torta poi alle 15.30 pasta + torta. Tutto molto buono, prezzi onesti. Grazie!
Con Luca


[visualizza gita completa con 1 foto]
Gran bella via! Una piccola perla; difficile pretendere di più con queste difficoltà; dal rifugio Dalmazzi la traccia è abbastanza evidente, si seguono gli ometti; l'attacco della via è posto decisamente sullo spigolo, cordino rosso alla base. Spittatura alla Motto, volendo si può integrare con friend fino al 2 BD. Scesi in doppia con 4 calate da 60m (occhio alla corde): S7-S5-S3-base.
Giornata spaziale con Esmeralda, Gegè e Riccardo. Ottimo il servizio al Dalmazzi.


[visualizza gita completa]
arrampicare al dalmazzi è sempre una soddisfazione, roccia fantastica e ambiente suggestivo.
la via è molto divertente e ben attrezzata.
con luca subito a suo agio in alta montagna...all'esordio!

[visualizza gita completa]
Bella arrampicata in ambiente. La via attacca proprio alla base del risalto (non fatevi ingannare dal diedro alla cui dx parte Cristallina...profumo proibito attacca a sx di quest'ultimo). Chiodata molto bene (gli spit sono dove servono) con possibilita' di integrare facilmente se si volesse. In questo caso utili friend (0.5 - 2 BD). Ultimi due tiri un po' discontinui, ma a parte questo via sicuramente bella con roccia da urlo.
Un saluto al compagno d'avventura Daniele che anche ieri ha dato il meglio di se.


[visualizza gita completa]
Bella via, facile ma non banale.
Avevamo con noi 5 friend, dallo 0.4 al 2 BD, ma non ne abbiamo usati. La chiodatura è lunga, ma sufficiente se uno si sente tranquillo per queste difficoltà, altrimenti si può sempre facilmente integrare tra uno spit e l'altro. Sul passo duro del secondo tiro c'è un cordino. Il secondo ed il terzo tiro forse sono i più belli. Noi ci siamo calati in doppia su Cristallina per evitare che le corde si incastrassero sui vari spuntoni e fessure che ci sono sulla via. con 6 doppie si arriva alla base.
Volevamo concatenare la via con A Loba a Loba, ma le placche erano molto bagnate per il temporale della notte.
Abbiamo rischiato la vita per dei sassi smossi da uno stambecco sopra l'attacco, per poco non ci hanno preso in pieno!
Questa via mi ricorda Visite Obligatoire alla Dibona, anche se quest'ultima è più bella oltre che lunga il doppio.
Grande Massimo che ritorna dopo tanto tempo a fare vie lunghe in montagna!


[visualizza gita completa]
D'accordo con Lorenz, via veramente bella. Roccia super. Per tenersi sul tranquillo direi però che scalare in scioltezza sul 6a è utile per divertirsi su Profumo... Poi gli spit a 3 metri io non ne ho visti, tranne che nel tratto più duro del secondo tiro. Sugli altri tiri direi che gli spit sono a 5, 6... 7 m... Noi non abbiamo aggiunto nulla, ma non avevamo il patema dello spit lontano, per chi soffre in po' questo aspetto comunque è ottimamente integrabile.

[visualizza gita completa]
Arrampicata fantastica con una roccia da urlo, straconsigliata.
Per divertirsi occorre scalare in tranquillità sul 5c e non patire troppo la distanza delle protezioni, comunque si può integrare facilmente.
Molto freddo al mattino sui primi due tiri.

[visualizza gita completa]
Difficoltà mai eccessive sempre sul 5c con un solo passo su placca nel secondo tiro sul quale mi sono fermato a "riflettere". Continua, quasi sempre sul verticale, bellissimi passaggi in fessure esposte, buone meniglie, roccia ottima (in 2 punti soli ho trovato qualcosa di mobile) e qualche sosta di effetto su cui si rimane appesi nel vuoto. Per le temperature calde i ramponi non sono serviti per risalire il nevaio dal sentiero. Attacco della via pulito, le altre vie hanno invece neve (attacco di we are the champions anche pulito).
Ambiente magnifico, per ma la prima volta.
Al rifugio siamo stati accolti davvero molto bene, il gestiore (davide gonella) e il socio mauro ci hanno preparato delle colazioni e una cena squisite, inoltre hanno a disposizione tutte le relazioni delle salite. In compagni di Daniela, Sandro, Oriana, Oscar e Manuela, gran bella salita. Ritorno sotto acquazzone e grandine.


[visualizza gita completa]
Via stupenda, arrampicata varia su roccia superba. Lo spettacolo che si gode durante la salita e entusiasmante! Via da non perdere assolutamente!!! Se non sei abituato alle protezioni un po lunghe portati i friends........buona scalata!!
Un ritorno doveroso per me ed il maestro Edo, siamo saliti soprattutto per salutare e riabbracciare il nostro grande compagno di scalate ed amico Davide, purtroppo ora non ha molto tempo per scalare, il rifugio impegna parecchio, ma speriamo di recuperarlo quanto prima!! Per ora ci siamo dedicati ad un'altro sport anch'esso da noi preferito le "gustose cene in ottima compagnia" Un Grazie a Davide per l'ospitalità e per i due giorni passati in compagnia................A presto un abbraccioooooooooooooo



[visualizza gita completa]
I really enjoyed the route and it offers some very nice climbing. The crux for the route is at the exit of the second pitch, a very nice sequence!

There is no need for crampons or axes to get to the start. Maybe an axe for Cristallina if you want more security, but you can get around the snowfield at the lower part as an alternative.

Many thanks for the hospitality "il gestore del Dalmazzi" after coming back after our first try going down in quite bad weather.

[visualizza gita completa con 1 foto]
Salita piacevole ed in ambiente fantastico. Il bianco della neve caduta in quota, contrastava con il grigio delle parti più basse dei ghiacciai che hanno patito il caldo dell'estate. Sull'Aiguille Savoie c'è una spruzzata di neve, mentre le vie sul Mont Rouge sono fattibili senza problemi.
Il rifugio chiude Domenica 10-9-2006.
La via è spittata ogni 3-4 m nei punti più facili, mentre dove le difficoltà crescono la distanza fra gli spit scende ad un paio di metri. Il tiro di 6a è di placca, e pur non essendo azzerabile è evitabile, passando un paio di metri sulla sinistra, avendo però con se materiale per proteggersi.

[visualizza gita completa]
bella via, mai difficile con una buona chiodatura....i primi due tiri fatti con i guanti, un freddo impensabile!!! (la notte prima un po' di nevischio al rifugio)..
salita con Simona

[visualizza gita completa con 1 foto]
Gita effettuata con AlbertoC; partire cmq presto dal rifugio, soprattutto se si deve prendere la navetta per Courmayeur

[visualizza gita completa]
Arampicata di grande soddisfazione in ambiente straordinario. Otima accoglienza al rifugio Dalmazzi. L'avvicinamento alla via richiede piede sicuro e l'oretta indicata dalla relazione sembra francamante un po' strettina, calcolare almeno mezz'ora in più. Un grandissimo grazie al giovine Giac che si é assunto l'onere di tirare su due vecchioni!

[visualizza gita completa]
combinazione con "indicazione obbligatoria"

[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

difficoltà: 6a :: 5c obbl ::
esposizione arrampicata: Est
quota base arrampicata (m): 3000
sviluppo arrampicata (m): 270
dislivello avvicinamento (m): 400

Ultime gite di arrampicata

23/02/19 - San Valeriano (Placche di) Valerian Mello - popeantonio
L2 ed L3 si posso unire (55 m). In uscita dall'ultimo tiro spostarsi sulla sosta di sn (la sosta sull'albero ha solo i vecchi cordoni). Qualche rovo su S1.
23/02/19 - San Valeriano (Placche di) La Carica dei 108 - popeantonio
Via libera da rovi. Per le calate andare a S2 di Valerian Mello e di qui alla base (50, 55 m).
23/02/19 - San Valeriano (Placche di) Caio e il Doc - popeantonio
Accesso fattibile ora anche proseguendo lungo il greto asciutto del torrente. Qualche rovo alla partenza del terzo tiro, portate cesoie. Per le calate del settore il modo più veloce è dalla sosta i [...]
21/02/19 - Visioni (Rocca delle) 626 el culto a la vida - cecco81
Noi abbiamo seguito le accesso B,meglio conoscerlo un po',altrimenti star sul filo di cresta fino alla croce,da lì per bolli rossi all uscita delle vie e discendere il canalone a dx faccia a valle( o [...]
21/02/19 - Visioni (Rocca delle) Oktoberfest - popeantonio
A parte il secondo tiro fuori misura, la via mantiene un grado costante 5c/6a. Più continua e ingaggiosa di 626, vale comunque la pena abbinarle per una giornata di plaisir totale su ottima roccia e [...]
21/02/19 - Visioni (Rocca delle) 626 el culto a la vida - popeantonio
Abbiamo seguito l'avvicinamento B, veloce e ben segnalato. Via divertente e varia, su ottima roccia a parte del lichene sul primo tiro, abbondantemente chiodata a Fixe. Al termine di L10 rapida disc [...]
19/02/19 - Visconte (Rocca del) Cresta dell'Uranio - Teddy
Terza volta su questa bella cresta e non sarà l'ultima visto che si presta benissimo per portare uno alle prime armi. Stavolta con elisafree che sui primi tiri sembrava attanaglia dall'ansia poi si [...]