Argentera (Cima Nord) Canale della Forcella

osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: nulla
quota neve m. :: 2000
Condizioni buone il canale e pieno al punto giusto... gran bella sciata con Diego.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto cadere valanghe a pera
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: park Tetti Gaina
quota neve m. :: 900
canale non imballato di neve ma in buone condi, cascata di 3m, sosta ben visibile sulla destra.
discesa: si calza comodi alla forcella con i piedi al sole, primi 10m in trasformer dura, con expo abb. panoramica, poi bella farina compressa stando più vicini al diedrone sulla sinistra, fino al nevaio mediano.
qui mix di croste, poi nella parte inferiore beton durissimo con fondo irregolare fino a poco sopra la sosta, é stata la parte più impegnativa, zero grip.
con Luca, in occasione di un'apertura straordinaria del Bozano estivo, comfort estremo fra stufa, birrette e pastasciutte..
grazie a Marco il gestore!
ambiente fotonico.

video: ?v=25xjB75Vujk&list=UUV4Ob7LD90Vw8FwThdrYY-w




[visualizza gita completa]
Dopo aver consumato libidinosamente tutte le relazioni possibili, finalmente abbiamo buttato il naso su questa forcella.
Partenza da Tetti Gaina. Dopo circa un chilometro iniziano le prime lingue di neve, ma si calzano gli sci solo in prossimità del Cappello di Napoleone, per capirci. Da qui in poi l'innevamento è costante, fatta eccezione per un breve tratto di strada poco prima delle terme; eterno poi arrivare al Bozano.
L'innevamento del canale è da calendario pornografico: il ghiaccio della cascata affiora per 3 metri metri o poco più, quindi una linea continua fino all'intaglio tra le cime Nord e Sud dell'Argentera.
Il tratto iniziale della discesa (in pieno Ovest) è in crosta fastidiosa, ma appena si gira a Nord la neve torna onesta, per rimanere tale fino al conoide.
Rimanendo alti si supera la dorsale sotto il Gelas di Lourousa e si ritorna al Bozano senza spingere un metro.
Firn da urla beluine fino al bosco dove la neve inizia a mollare, rimanendo comunque più che accettabile; infine sci dritti sulla stradina.

Il locale invernale è un gioiello, come sempre un mito il gestore del Bozano Marco Quaglia!
Un saluto a Thibaud e ai due soci francesi incontrati al rifugio, i quali, precedendoci sugli orari di partenza, ieri hanno tracciato fino al Bozano, continuando oggi per tutto il canale.

Con Eraldo, Paolino e Bac... sostenitori della curva freeride anche nei canali!





[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
Partenza nel pomeriggio di sabato a Tetti Gaina. Dormito al Bivacco Bozano, comodo e vicino;
8 posti letto, sgabelli assassini e spaccaschiena, ma locale invernale grande e non freddo (7 gradi).
Partenza alle 6, si traversa all'attacco salendo rapidamente il conoide. Sci a spalle, la cascata è circa 5 metri, non difficile ma servono due picche. Aggiunto un chiodo alla sosta appena all'uscita sulle rocce a sx (per calate 15 m circa), poco più in alto ce n'è un'altra buona (doppia 25 m circa).
Salita buona alternandoci in battitura, rapidamente al colletto, io e Endrius saliamo ancora alla cima Nord con gli sci a spalle per tentare il colpaccio ma poi li calzeremo al colletto.
Le nubi accorrenti ci fanno scendere rapidi, neve molto buona e grippante con alcune zone dure. Gli sci si tolgono per una strettoia e poi naturalmente per la cascata.
Nel canale la neve era buona: era, perchè nella strettoie si sono creati gradini alti fino a 50 cm, quindi fossi un ripetitore che cerca la neve perfetta aspetterei la prossima nevicata.
Dopo la cascata si riesce a traversare e scendere di nuovo al Bozano senza risalire troppo.
Breve pausa per ricaricarci alla discesa, passiamo tra le balze rocciose in un passaggio togliendo gli sci per 5 metri, poi riusciamo a scendere fino al bivio Bozano-Remondino con gli sci ai piedi. Da lì con circa 6 brevi gava e buta si arriva alle Terme, poi sci a spalle fino alla sbarra ed alla macchina.
Grande compagnia inedita,
i Locals CriBot "fromagerie" e Dario "Tofu" Taricco che ripete per la seconda volta l'itinerario;
Feis "pantaloncinicorti"
e Endrius "enervit", che mi illumina la via per il Bozano (torcia lasciata a Monaco).
Ottima idea spezzare la gita, contare 7-9 ore di sola salita se si parte in giornata!

No foto, la macchina è morta (riposi in pace)


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: partiti da Tetti Gaina
Partiti da Tetti Gaina con l'incertezza della situazione neve e e prospettiva di vetta la cima del Souffi per il canale o il pendio lato Bozano, dal Gias delle Mosche, poi Gias Mesdì', salendo verso il Bozano vediamo il conoide della Forcella in buone condizioni e proseguiamo superando alla strettoia la classica cascata di ghiaccio. Partiti in sci direttamente dalla Forcella con vista sul lato Chiotas, bella discesa a tratti su farina e a tratti su neve più dura e ventata. Delicate in discesa le strettoie ripide ed esposte di avvicinamento alla cascata, scesa togliendo gli sci 3-4 metri e disarrampicando come per la salita. Neve fantastique giù dinuovo al Gias delle Mosche e trasferimento a Terme e Tetti Gaina. Precisazione: a volte in aprile la cascata può riempirsi di neve, ma in caso di nevicate è meglio attendere un nuovo assestamento del manto nevoso poichè la Forcella non è un canale lineare, nella parte alta essa curva verso sinistra in contropendenza verso la cima nord dell'Argentera e nelle diverse sezioni varia la consistenza del manto nevoso. Balcone stupendo è il nevaio centrale, illuminato dal sole e con vista sul rifugio Bozano, giù in basso. Gita con Diego Fiorito .

[visualizza gita completa con 11 foto]
quota neve m. :: 1800
Bel canale, lungo e vario.
Da non perdere.
Si calzano comodamente gli sci dalla forcella.neve farinosa eccetto alcuni tratti dove esce fuori il fondo duro.
Si tolgono gli sci 2 volte( strettoia di 4 m nella parte alta e goulottina di 10 m nella parte bassa).
Dalla fine del canale viene il bello:firn da paura fino ai 1900...

[visualizza gita completa]

Ci sono anche stati ...

  • 04/03/12 - sborderzena
  • Caratteristica itinerario

    tipo itinerario: canale
    difficoltà: IV :: 5.3 :: E4 :: [scala difficoltà]
    esposizione preval. in discesa: Nord
    quota partenza (m): 2400
    quota vetta/quota massima (m): 3240
    dislivello totale (m): 840

    Ultime gite di sci ripido

    08/03/20 - Antoroto (Monte) canale NE - ceceme
    I primi metri sono molto ripidi e purtroppo solo apparentemente ben innevati. Infatti per circa 10 /15 mt si scende praticamente sull'erba nascosta da 20 cm di neve nuova. Superato questo primo tratto [...]
    08/03/20 - Piure (Punta) Canale Nord - vik
    Saliti fino alla biforcazione sci ai piedi, poi preso il ramo di sinistra tutto intonso (8 persone nel ramo dx). Proseguito a piedi faticosamente (tanta neve) fino ad uscire al pianoro. Discesa fino a [...]
    08/03/20 - Vallette (Cima delle) Parete Est - ecooski9
    Tutto intonso... Fighissima... Slavine di superficie ma nel complesso ben sicura!!
    08/03/20 - Vallette (Cima delle) Parete Est - teo
    Bellissimo, tutto intonso!! Un attimo di riflessione e poi giù, neve ben compattata. Partiti dal frais, alla fine del canale ripellato 150 m fino al colle. Scesi poi dalla comba scura. Cult.
    08/03/20 - Quattro Sorelle (Punta) Imbuto N - giole
    Saliti da lato Poggio Tre Croci su ottima traccia (grazie!!) che saliva al colle Pissat con una bella trincea. Entrati nella conca svoltiamo a sx iniziando a tracciare l’interminabile conoide su 25 [...]
    07/03/20 - Viraysse (monte) Canale NE - Mine Vaganti - jonny_bravo
    Bella idea dei soci, io questa linea non l'avevo proprio vista, ritornati poi di nuovo in cima e scesi il canale proposto da Fiorito Garnero per recuperare il bastoncino perso da un componente del gruppo, ottime condizioni in entrambi i canali.
    07/03/20 - Bussaia (Monte) da Palanfrè e discesa su Roaschia dal canale Nord - sales93
    Era da tempo che vedendo tutti i giorni da casa queste montagna sognavamo di sciarle..canale nord del bussaia con neve a tratti ventata non il massimo poi discesa del Servantun e del Balur su ottima neve. Ambiente spettacolare compagnia top!